martedì 28 febbraio 2017

Recensione: LA RAGAZZA NELL'OMBRA (Le Sette Sorelle, #3) di Lucinda Riley



Un romanzo dalla trama appassionante e originale, una scrittura intensa e capace di emozionare, un contesto storico accurato, personaggi (soprattutto femminili) forti e coraggiosi, un mix tra realtà e fantasia affascinante: anche il terzo libro della saga “Le Sette Sorelle” si rivela ricco di sorprese e svolte che tengono il lettore incollato dalla prima all’ultima pagina.

1. Le Sette Sorelle. Maia (The Seven Sisters)
2. Ally nella tempesta (The Storm Sister)
3. La ragazza nell'ombra (The Shadow Sister)
4. The Pearl Sister 


LA RAGAZZA NELL'OMBRA
(Le Sette Sorelle, #3)
di Lucinda Riley


Ed. Giunti
trad. L. Taiuti
655 pp
14.90 euro
Gennaio 2017
Star, una libreria e il suo proprietario

Star (Asterope D’Aplièse) è la terza delle sette figlie adottive dell’enigmatico Pa’ Salt, che ha preso ciascuna di loro da diverse parti del mondo quando erano piccolissime, crescendole nel mondo dorato e accogliente di Atlantis, la bella dimora in Svizzera, sotto le ali protettive di Ma’.

Star è forse la più solitaria e silenziosa tra le sette, sempre all’ombra della sorella CeCe, con cui da piccola condivide un rapporto simbiotico, fin troppo stretto; infatti le due sono indivisibili, ma chiunque le guarda da fuori si accorge che tra loro la dominante è CeCe, la più risoluta ed esuberante, che adesso ha deciso di acquistare un bell’appartamento a Londra per andare a viverci insieme a Star.

Quest’ultima è abituata ad assecondare CeCe, ad andare incontro ai suoi capricci, perché l’affetto che le lega è molto grande: sin da bambine, le due sorelle hanno sempre comunicato con un linguaggio segreto tutto loro, proprio per andare incontro alla timidezza e alla difficoltà di parlare di Star.

Ma il rapporto viscerale ed intimo tra le due sta per subire un brutto colpo.


La morte di Pa’ Salt sta cambiando la vita di tutte e sette, come già ha stravolto quelle di Maia ed Ally, che – ripercorrendo il passato, alla ricerca delle proprie origini – hanno posto importanti mattoncini per costruire il proprio futuro.

Adesso che si ritrovano sole nella nuova casa, sulle rive del Tamigi, dopo anni trascorsi a viaggiare per il mondo, CeCe e Star potrebbero iniziare una nuova vita. Ma è ciò che entrambe vogliono?
CeCe sta portando avanti i propri studi artistici, e Star?

Dieci anni prima ha rinunciato ad andare a Cambridge per non abbandonare la sorella; e adesso cosa le rimane? È appassionata di cucina e letteratura, ma non ha idea di cosa voglia fare nella vita.

Tra le mani, per ora, ha soltanto i tre indizi lasciati dal padre e che dovrebbero aiutarla a cercare informazioni su di sé, sulla propria storia personale: una statuetta rappresentante un gatto nero; il nome di una donna (Flora MacNichol) e il nome di una libreria londinese, la Arthur Morston Books.

Dove la condurranno questi indizi?

Emozionata e incerta, Star si fa coraggio e va a visitare la libreria, scoprendo un mondo incantevole che le è congeniale, amante, com’è lei, della letteratura: la libreria gestita dal suo strambo proprietario, Orlando Forbes, è un “piccolo mondo antico”, il regno dei libri antichi, di copie introvabili di grandi classici, il luogo perfetto in cui perdersi tra le pagine di grandi autori, ma per Star diventerà anche il punto di partenza per conoscere meglio se stessa e quel passato ignoto di cui è alla ricerca.

Orlando è un uomo chiacchierone, stravagante, un topo da biblioteca innamorato dei suoi libri, e tutta la sua vita è lì tra le vecchie e impolverate mura della sua amata libreria; con molta curiosità e fanciullesco entusiasmo accoglie questa singolare e riservata visitatrice e l’aiuterà pian piano a scoprire cosa c’entra quel posto con lei.

Tra i due scatta una certa affinità – anche in virtù del comune amore per i libri – tanto che Orlando l’assume come assistente personale. Non solo, ma lascerà entrare Star nella propria famiglia, portandola nella bella e bucolica tenuta di High Weald, appartenente ai propri avi.

Qui Star conosce il fratello di Orlando, Mouse, un tipo brusco, burbero e scontroso, che però sembra
sapere qualcosa di utile su Flora MacNichol.

Attraverso la lettura dei diari personali di questa donna, vissuta nella prima metà del ‘900, Star viene immersa totalmente nella storia di una giovane e della sua famiglia, alla quale lei è evidentemente legata, anche se ancora non sa come.

Flora

Dal 2007 (il tempo presente) veniamo quindi catapultati nel 1909, quando Flora MacNichol ha 19 anni, vive con la sua famiglia nel Lakeland, insieme ai genitori e alla sorella minore Aurelia.

Flora è una ragazza piena di vita ed energie, ama la natura e gli animali; trascorre il suo tempo interessandosi di piante e fiori, disegnandoli, ed è convinta che proprio la natura le dia tutto ciò di cui ha bisogno; il suo modello di vita è rappresentato dalla scrittrice e illustratrice Beatrix Potter, una donna intelligente, colta, che vive da sola, circondata dalla natura, dalla compagnia dei suoi fedeli animali, impegnata a coltivare le proprie passioni e i propri talenti nella pace più assoluta.

Ma davvero Flora non contempla l’amore nella propria vita?

Certo è che la sua stessa madre sembra non aver intenzione di presentare la figlia maggiore nell’alta società, anzi ogni suo sforzo ed interesse son rivolti verso la minore, Aurelia, bella e incantevole come una bambola di porcellana.
Ma il destino ci mette lo zampino e Flora si ritrova ben presto innamorata dell’unico uomo che le sarebbe proibito amare, perché è lo stesso amato da Aurelia e tutti, in famiglia, si aspettano che ne diventi anche lo sposo: Archie Vaughan.

Archie è un giovanotto bello ed estroverso, anch’egli amante della natura e della botanica, che sfortunatamente si è innamorato di Flora, pur sentendosi obbligato dalla famiglia a chiedere in sposa la sorella di lei.

Questo triangolo amoroso avrà inevitabilmente le sue conseguenze, rendendo infelici tutti , cosa inevitabile quando si fanno delle scelte per dovere e non per amore.

Nella vita di Flora fanno man mano il loro ingresso altre persone, in particolare l'affascinante e benestante Alice Keppel, che l'accoglie in casa facendole credere inizialmente di volerla assumere come istitutrice delle figlie, Violet e Sonia.

Alice è una donna dal carattere deciso, è anticonformista, gentile ma ferma, che non bada alle tantissime dicerie che circolano sul suo conto, presa com’è dalla propria clandestina (ma neanche tanto) relazione con un personaggio tutt’altro che comune, nell’Inghilterra di quegli anni: un certo “Bertie”, che anche Flora avrà modo di conoscere, al quale la sua vita è profondamente legata (ma lei lo saprà quando sarà troppo tardi).

Molti eventi si susseguono a complicare la vita di Flora, che scoprirà di essere solo una mera pedina nelle mani di persone decide a raggiiungere i propri obiettivi a qualsiasi costo, e si ritroverà sola ad affrontare il proprio futuro, ma ne uscirà più forte, costruendosi faticosamente quell’esistenza solitaria ma serena e pacifica (nonostante le due guerre mondiali) cui ha sempre anelato.

Ma l’assenza dell’amore rischia di renderla arida e vuota: c’è ancora spazio per lei per una vita piena di felicità, in compagnia di un uomo che la ami e le dia conforto e sicurezza?

La vita come toglie, così dà e per Flora ci sono tante sorprese liete dietro l’angolo.
A darle coraggio intanto c’è la cara amica Beatrix Potter…

Considerazioni.

L’Autrice alterna con maestria i due piani temporali, così seguiamo parallelamente le vicende di Flora e quelle attuali di Star, che giorno per giorno assume un ruolo importante per la famiglia di Orlando, diventando un punto di riferimento per lui, per il suo ombroso fratello Mouse – che non le è indifferente, anche se Star non lo ammetterà mai – e per la loro cugina allegra e solare, Marguerite, che ha un bambino dolcissimo, Rory, che è sordo e col quale la sensibile Star stabilirà un rapporto tenero, di fiducia e complicità.

Nonostante il suo carattere schivo e la sua presenza tutt’altro che invadente, Star entra nella vita di queste persone, riuscendo a dar loro l’aiuto di cui hanno bisogno per trovare stabilità.
Ma la stessa protagonista ne verrà arricchita, trovando le risposte che cerca e quella serenità che sembrava non voler arrivare, e con esse, chissà, forse anche l’amore…

Certo, a risentirne sarà il suo rapporto con CeCe, da cui inevitabilmente si allontanerà.

Che dire se non che questo romanzo è me-ra-vi-glio-so?

Scritto magistralmente, gli intrecci creati dalla Riley sono avvincenti, pensati con cura, rivelati al momento giusto, solleticando via via la curiosità del lettore, che sa che lo aspettano diversi colpi di scena e fino alla fine c’è sempre qualche sorpresa da scoprire.

Le donne protagoniste dei suoi romanzi sono sempre dei bellissimi personaggi, che conosciamo a tutto tondo e apprezziamo per la loro “onestà”: non sono donne perfette, fanno errori e scelte discutibili ma ci colpiscono per la loro forza d’animo, per la capacità di prendere in mano la propria vita nonostante i brutti scherzi che essa purtroppo non di rado riserva.

Mi affascinano e catturano totalmente i riferimenti storici reali, ai personaggi realmente esistiti che entrano nell’intreccio in modo naturale, mescolandosi a ciò che è immaginario.

Amo Lucinda Riley, crea storie, ambientazioni, personaggi indimenticabili, che ti coinvolgono, fanno sognare, emozionare; mi è piaciuto tutto di questo romanzo, a partire dal ruolo non marginale che hanno i libri e la letteratura, e ancora il presentarci donne che con la loro tenacia hanno vissuto andando al di là dei pregiudizi (sociali, sessuali…), le ambientazioni piene di fascino e così ben descritte che ci sembra di essere lì, la base di partenza "mitologica", e infine l’amore e il concetto che la vita di ogni persona dev’essere sempre guidata da esso perché abbia davvero senso.

Come potrei non consigliarvi questo libro, o meglio questa saga?

Aspetto con ansia “The Pearl Sister", che ci permetterà di conoscere in profondità CeCe, che finora ci è apparsa dura e fredda, ma che di certo ci riserva tante emozioni.

Novità editoriali Porto Seguro Edizioni



Cari amici, oggi desidero segnalarvi due pubblicazioni Porto Seguro: un thriller e una raccolta di racconti.


È uscito il nuovo romanzo di Nicola Ronchi, autore fiorentino giunto alla quarta pubblicazione. Edito da Porto Seguro (la casa editrice capitanata da Paolo Cammilli, qui in veste di editore ma già autore dei best seller "Maledetta primavera" e "Io non sarò come voi", il libro è stato presentato insieme alle altre nuove uscite stagionali e presto sarà protagonista di alcuni appuntamenti a Firenze e dintorni. 
Un intreccio costruito con precisione e mestiere, messo a punto da uno degli autori più interessanti della scena thriller contemporanea.

LA STRADA DELLA FOLLIA
di Nicola Ronchi


genere: thriller psicologico
pagg.: 324
costo: € 14,90

Disponibile in tutte le librerie e nei maggiori store online

Sinossi

Una tragedia lontana nel tempo. E l'incubo che ricompare trent'anni dopo... 

Roberto Ventura è un quarantacinquenne introverso che si ritrova di colpo senza una donna, senza un lavoro, senza prospettive. Ad alimentare la crescente depressione ci si mettono anche due figure misteriose, una ragazza e un bambino che compaiono spesso davanti ai suoi occhi. Realtà o immaginazione?
Sembra riprendersi dall'angoscia solo quando, durante una passeggiata al parco, incontra un amico d'infanzia e, coincidenza incredibile, anche un secondo. 
Due tipi molto diversi fra loro, ma che danno a Roberto un'ottimistica spinta emotiva. Sembra l'inizio di una nuova vita, ma si tratta soltanto di un incubo ancora più terribile... 

L'autore.
Nicola Ronchi, è uno scrittore fiorentino. Ha esordito nel 2013 con "C'ERA UNA VOLTA LA STRAFAMIGLIA" (Pagnini editore), divenuto in breve tempo un vero e proprio cult fra i ragazzi delle scuole elementari di Firenze. Con Porto Seguro Editore ha pubblicato i thriller psicologici L'AMICA e IL SEGRETO DI ELENA, IL GIURAMENTO DI IPPOCRATE, LA STRADA DELLA FOLLIA. Alcuni
suoi racconti compaiono nelle antologie VISTA DA NOI e PEZZO SU PEZZO. Dal 2016 fa parte del Gruppo Scrittori Firenze.




“A casa per Natale e racconti per tutto l'anno” è l'esordio nella narrativa di Claudia Muscolino. Un libro diviso in due parti, in cui la prima segue il filo conduttore di quanti cercano di riunire le famiglie, gli amori e altro per Natale.

A CASA PER NATALE e racconti per tutto l'anno
di Claudia Muscolino


genere: racconti
pagg.: 113
costo: € 12,90
Disponibile in tutte le librerie e nei maggiori store online

Dodici racconti uniti dal filo conduttore del Natale e dei mesi. Nulla di rassicurante o scontato in questa narrazione, dove l'autrice scolpisce con insolite sfaccettature argomenti quali sesso, amore, morte e relazioni interpersonali. Il lettore viene accompagnato in un mondo talvolta crudo e impietoso, talvolta fiabesco dove tutto quello che appare agli occhi di chi legge è solo la punta di un iceberg emotivo.

Il libro è tra i vincitori - per le opere di narrativa - del premio letterario "Città di Murex 2016";  Claudia Muscolino, funzionario della pubblica amministrazione non per scelta ma per necessità, ha esordito come poetessa con "Il Drago e le Nuvole" (ed. Rupe Mutevole 2012), altri suoi componimenti sono presenti nell'antologia "Poesia impura" (ed. Divinafollia 2013). Il suo primo racconto è stato pubblicato nella raccolta "Tagli" curata da Marco Vichi (ed. Felici 2014). Recentemente è entrata a far parte del Gruppo Scrittori Firenze.


Le parole dell'autrice:

“Non so dire da dove mi è arrivata questa idea; forse la mia insofferenza verso le festività, forse l'idea di raccontarmi e raccontare qualcosa che avesse un aspetto rassicurante ma, poi, nascondesse altri segreti nello scrigno.
La seconda parte, invece, è ispirata da esperimenti letterari, ricordi, impressioni legata a vari mesi o periodi dell'anno. Può far commuovere, stupire o riflettere: non lo so. Anche le novelle della nonna Marcucci scritte da Emma Parodi nascondevano molte sfaccettature: forse non è più il tempo delle favole ma sono convinta che tutti noi, io per prima, celiamo un'ombra dietro una fonte luminosa e non voglio che il lettore scopra subito cosa portano le figure che abitano le mie pagine.

I temi delle sorelle – che amo molto – delle figlie, della morte, del sesso, e dell'amore staranno accanto a chi intraprende questa lettura e magari finirà per affezionarsi a qualche personaggio e ne sentirà la mancanza quando l'ultima pagina sarà girata.”







lunedì 27 febbraio 2017

Stasera in tv: Montalbano su Rai Uno, "12 anni schiavo" su Canale 5



Ci sono sere in cui in tv non danno assolutamente nulla, ed altre in cui vengo messa davanti a delle scelte :-O

Ad es., stasera sono combattuta tra il mio commissario Montalbano e il film "12 anni schiavo", che credo sia molto bello.

Comunque, diamo un'occhiata alle proposte tv di stasera che, STRANAMENTE!!!, sono tante e per tutti i gusti. Addirittura Rai 2, che dà sempre serie tv o documentari, si è deciso a dare un film (bello o brutto che sia, ma almeno è qualcosa di diverso dal solito)!


Rai Uno: Il commissario Montalbano in un nuovo caso, "Un covo di vipere".

Una mattina l'imprenditore sessantenne Cosimo Barletta viene trovato morto nella sua casa al mare. È stato ucciso con un colpo di arma da fuoco alla nuca, mentre era tranquillamente seduto in cucina a bersi un caffè. Non ci sono segni di effrazione, quindi a ucciderlo è stato qualcuno che lo conosceva, che lui stesso può avere fatto entrare, o addirittura una donna che può avere passato la notte lì con lui. Il caso assume presto tinte assai fosche, perché Montalbano scopre, anche grazie alla testimonianza dei figli dell’assassinato, che Barletta era tutt'altro che una persona specchiata.


Come risponde Piersilvio all'amato Montalbano/Zingaretti?

Con un film da Oscar: 12 anni schiavo, su Canale 5.

Adattamento dell'omonimo romanzo autobiografico di Solomon Northup.

Regia di Steve McQueen (I)
Con Chiwetel Ejiofor, Michael Fassbender, Brad Pitt, Benedict Cumberbatch, Paul Dano.

New York, 1841. Solomon Northup (Chiwetel Ejiofor), giovane afroamericano, viene avvicinato da due uomini che si fingono promotori di un circo interessati alle sue abilità da violinista. Dopo essere stato condotto con l'inganno fino a Washington, picchiato e drogato, Solomon viene venduto come schiavo da impiegare nelle piantagioni di cotone in Louisiana. Da quel momento il suo calvario durerà 12 anni, durante i quali passerà di padrone in padrone. Dalla tenuta del buon William Ford (Benedict Cumberbatch) a quella dell'aggressivo, cinico e alcolizzato Edwin Epps (Michael Fassbender), Solomon conoscerà un mondo di violenze, stenti, duro lavoro, umiliazioni


JARHEAD


Su IRIS - h 21:00

Regia di Sam Mendes
Con Jake Gyllenhaal, Peter Sarsgaard, Scott MacDonald, Jamie Foxx


Swofford, detto Swoff, si è arruolato come suo padre e suo nonno prima di lui. Quando scoppia la prima Guerra del Golfo, si ritrova a far parte dell'operazione Desert Storm. Con in spalla un fucile da cecchino e uno zaino da 45 chili, attraversa i torridi deserti mediorientali con l'incubo dei soldati iracheni, che si dice siano appostati ovunque...


MY LIFE. QUESTA MIA VITA


TV 2000 - h 21:05


Regia di Bruce Joel Rubin
Con Michael Keaton, Nicole Kidman, Bradley Whitford

Jones (Keaton) è un giovane uomo d'affari, sposo e futuro padre felice. Un giorno scopre però di essere affetto da un male incurabile. Si sottopone a una serie di analisi e di cure, tra le quali alcune sedute di terapia orientale. Nel frattempo, si filma con una videocamera nella quale racconta se stesso e dà alcuni consigli di vita al figlio, che nascerà quando probabilmente lui sarà già morto.


LADY JANE


La7d - h 21:20
Con Helena Bonham Carter, Cary Elwes, John Wood, Michael Hordern, Jill Bennett
La morte di re Enrico VIII lascia nel caos l'intera Inghilterra a causa della mancanza di un degno successore al trono. Il giovane figlio Edoardo è troppo debole per assumere il potere - morirà a pochi giorni di distanza dal padre - e i protestanti, intimoriti dalla possibilità della presa di potere da parte delle famiglie cattoliche, spingono la sua promessa fidanzata, la sedicenne Lady Jane, a sposare Guilford Dundley, futuro duca di Suffolk, in modo da avere pieno controllo sulle loro attività nel momento in cui lei diverrà regina. Come prefigurato, alla morte di Edoardo, Lady Jane prende il potere...


IL DOPPIO VOLTO DELLA FOLLIA



RAI PREMIUM - h 21:20

Con Lacey Chabert, Ethan Embry, Amanda Schull, Paul Sorvino, Jacob Young, Marc McClure.

Emma è una bella e talentuosa artista sposata con Brad, un noto psichiatra. All'apparenza, il loro è un matrimonio felice ma da qualche tempo Emma sta avendo alcuni problemi di natura psicologica, rivedendosi in Brittany, l'amica di infanzia immaginaria che l'ha aiutata da piccola a superare le violenze del padre. Quando le visioni diventano più frequenti, Brad realizza che l'unico modo per tenerle sotto controllo è quello di prescrivere un farmaco alla moglie.

Intramontabile Vacanze romane su Paramount Channel.

Nicholas Cage è su Mediaset Italia 2 con Outcast. L'ultimo templare.

Su Rai 2, c'è un film d'azione di e con Stallone: I mercenari. The Expendables; mentre su Italia 1 c'è X-Men.

Un western su Rai Movie: Dove la terra scotta.

Non mancano le commedie...: Jenny's wedding su La5Fuga dal Natale su Tv8; Patto con il diavolo su Cielo.

Trame e info prese da Filmtv.

Novità Atmosphere Edizioni: SHANGHAI di Yokomitsu Riichi



Per gli amanti delle storie provenienti dall'Oriente, oggi vi propongo  un autore che «nel suo periodo di massimo splendore, negli anni 1920 e 1930, è stato indicato "un dio della letteratura".



SHANGHAI
di Yokomitsu Riichi 


Atmosphere Edizioni
Collana ASIASPHERE 
ISBN: 9788865642207
prezzo: EUR 16


Shanghai, 1925. Figure inquiete si aggirano per la città. Tra queste, due giovani giapponesi: Sanki lavora in banca, coprendo le losche operazioni finanziarie del suo direttore; Kōya è un uomo d’affari d’assalto, privo di scrupoli ma vivace e dinamico.

Attorno a loro la Shanghai d’inizio secolo, metropoli dinamica che preannuncia quella del nostro presente: le nebbie del porto sul lungofiume, i vicoli scuri e affollati, le fabbriche in rivolta, i canali sporchi e maleodoranti, i locali gremiti di clienti provenienti da tutte le parti del mondo. 
L’azione si svolge in buona parte nel quartiere in cui si riuniscono le rappresentanze dei paesi occidentali, la zona degli affari e dei night club in cui si balla al ritmo delle canzoni all’ultima moda. 
I protagonisti si muovono anche per i vicoli della città cinese, abitati da una popolazione dolente e misera dedita alle più varie attività: coolies, portatori di risciò, mendicanti… e i postriboli, affollati di prostitute giapponesi, cinesi e perfino russe, residui dell’aristocrazia sfuggita alla Rivoluzione d’Ottobre. 
Altri personaggi si aggirano nel calderone della città, agitata dai grandi rivolgimenti storici del tempo, tra scioperi nelle fabbriche, uomini d’affari di tutto il mondo in cerca di opportunità e movimenti panasiatici e nazionalisti, appoggiati da gran parte dei protagonisti, che coltivano idee di ribellione contro la dominazione occidentale.


«Yokomitsu Riichi ha occupato una posizione centrale nel mondo letterario giapponese nel corso degli anni ‘20 e ‘30, e forse è l’unica vera controparte nella narrativa giapponese moderna allo stile sperimentale e “modernista” esistente in Europa durante e dopo la Prima Guerra Mondiale». Dennis Keene, University of Oxford

L'autore.
Yokomitsu Riichi (1898-1947) è uno degli autori giapponesi più importanti della sua epoca. Ottenne inizialmente fama con uno stile influenzato dalle avanguardie letterarie europee del periodo. Nella seconda metà degli anni ‘20 fondò lui stesso, con alcuni colleghi, tra cui l’amico Kawabata Yasunari (premio Nobel per la letteratura nel 1968), un gruppo di sperimentazione letteraria noto come Shinkankakuha (Neopercezionisti). Tra le sue opere più note di quegli anni, due racconti, ambedue tradotti in italiano: Nichirin (L’astro solare) e Haru wa basha ni notte (La primavera arriva su una carrozza). Il romanzo Shanghai ha rappresentato uno dei suoi tentativi più noti di mettere in pratica lo stile sperimentale da lui teorizzato, pur mantenendolo accessibile al pubblico. Shanghai è stato tradotto in lingua inglese e pubblicato negli Stati Uniti nel 2001.

domenica 26 febbraio 2017

Oscar Book Tag



Cari amici, per augurarvi una serena domenica pomeriggio ricorro a un bel tag Oscar-libroso!!
L'ho letto sul bel blog "Bookish Brains" - QUI c'è il loro post, correte a leggerlo e a rispondere ^^ - e non posso non proporvelo!

Aspetto le vostre risposte!!


Migliore Attore: Il tuo protagonista maschile preferito

Scegliere è difficile, ma il mio cuore batte per lui:
Edmond Dantès, protagonista del bellissimo classico di Dumas, Il conte di Montecristo.
Ciò che di lui mi piace sono l'intelligenza, la fame di conoscenza e la forza di volontà.


Migliore attrice: La tua protagonista preferita

Ho ammirato l'evoluzione caratteriale di Tris, protagonista di Divergent
da ragazzina timida e imbranata a coraggiosa combattente!


Miglior Fotografia: Il colpo di scena che ti ha lasciata senza fiato

Un thriller interessante, il cui finale spiazza, è sicuramente
una povera anziana assassinata brutalmente; 
per gli investigatori sarà arduo scoprire il colpevole e il movente, e quando la verità emergerà stupirà tutti.


Migliori Costumi: Miglior cover


La trovo deliziosamente fiabesca e sognante! *_*


Miglior Attore e Attrice non protagonista: I migliori personaggi di contorno

Allora, tra  i personaggi femminili non protagonisti, ho amato il personaggio di
Zuzana, amica del cuore di Karou (La chimera di Praga), e a lei è dedicato anche
lo spin-off "Notte di marionette e torte".

Per quanto concerne "l'attore" non protagonista,una menzione speciale va a don Cossu, l'esuberante parroco di La teologia del cinghiale.


Migliore sceneggiatura originale: La trama o il mondo più particolare

Mi è piaciuto molto La casa dei bambini Miss Peregrine di R. Riggs, ho trovato 
l'espediente delle foto antiche, originale e intrigante, come pure personaggi e ambientazione.


Migliore sceneggiatura non originale: Migliore adattamento cinematografico

Sono tanti i film  tratti dai libri che personalmente ho apprezzato,
anche quando non sono necessariamente fedelissimi.
Ne cito uno, fedele e commovente anche un po' più del libro:
Noi siamo infinito di Chbosky.


Miglior Film d’animazione: Un libro che diventerebbe un perfetto film d’animazione

Non sono molto esperta in materia,
però mi viene in mente un fantasy molto carino con un'ambientazione affascinante,
L'ANELLO DEI FAITOREN  di E. Croy Barker.


Migliori effetti speciali: Un libro con le scene d’azioni migliori

Lo cito spesso questo libro (che fa parte di una serie),
perchè è avventuroso e avvincente, e se fosse un film sarebbe ricco di effetti soecuali: Aegyptiaca, un romanzo epico/mitologico molto bello.


Migliore Colonna Sonora: Migliore colonna sonora di un adattamento cinematografico

Vi dico la prima risposta che m'è venuta in mente:
Via col vento, ha una colonna sonora bellissima e l'ascolto sempre volentieri, come pure il motivo musicale
di Schindler's list.



Miglior cortometraggio: Migliore novella

L'AZZURRO DELL'AMICIZIA di Imma Pontecorvo:
un racconto letto recentemente che tratta un argomento molto attuale,
il bullismo. Non se ne parlerà mai abbastanza!



.
Miglior film: Migliore stand alone

Il miglio libro in assoluto?
Non è semplice eleggerlo, ma dopo molte indecisioni dico...
VENUTO AL MONDO di M. Mazzantini, 
che però se  l'è giocata all'ultimo sangue
con Cime tempestose.

sabato 25 febbraio 2017

Gialli da leggere (novità Frilli Editore - goWare Ed.)



Per chi non si stanca mai di lettere un bel giallo/noir!


Vi propongo anzitutto il nuovo romanzo noir “DALLA MORTE IN POI. DELIRIO E FOLLIA A BOLOGNA” di Roberto Carboni (Fratelli Frilli Editori).


LUNEDI’ 27 FEBBRAIO ore 18,00 presso la LIBRERIA FELTRINELLI di P.zza Ravegnana (Bologna), l’autore Roberto Carboni presenterà il suo romanzo giallo-thriller e per l’occasione sarà intervistato dalla blogger Giusy Giulianini e dall’Avv. Francesco Vitali.


Bologna. La vita dell’imprenditore Oscar Torri sembrerebbe filare a meraviglia, famiglia, lavoro, figli. Qualcosa però turba profondamente l’animo di Oscar, ansie, attacchi di panico, insicurezze minano la tranquillità quotidiana sino a sfociare in veri e propri deliri e follie omicide.



DALLA MORTE IN POI. DELIRIO E FOLLIA A BOLOGNA
di Roberto Carboni



Frilli Ed.
Pagg. 216
coll. I Tascabili Noir
€10,90
“Non cerco comprensione né compassione. Non mi pento. Rifarei ogni cosa, anche più crudelmente se potessi. Le trincee che il tempo mi ha scavato attorno agli occhi, racconterebbero una per una i dettagli delle mie degenerazioni, se solo qualcuno le volesse comprendere e non si accontentasse di inorridire per i crimini che ho commesso. E di cui – lo ripeto – non mi pento. Sono giunto fin qua nel tentativo di capirmi, e ho scelto di vivere. Dalla morte in poi, almeno. Ma non chiamatemi assassino, sarebbe riduttivo. Sono un uomo che ha fatto l’errore di domandarsi fin dove potesse arrivare. E ha trovato il coraggio di rispondersi. Oscar Torri, imprenditore bolognese, soffre di attacchi di panico. È un insicuro cronico, una vittima. O almeno così crede. Fino a quando dentro di lui non emerge il suo inconscio primordiale. Prende atto di essere un predatore, e che le sue ansie… i controlli… servivano solo a soggiogarlo. E incomincia la sua vera vita. Commette i più efferati crimini ma al contempo ritorna ad essere il miglior marito, padre di famiglia e datore premuroso nei confronti dei propri dipendenti. Affina la propria folle filosofia. Io e tutte le persone che ero stato nel tentativo di nascondermi, stavamo per stringere la mano al demonio che ero in realtà. Fino a quando…


L'autore.

Roberto Carboni, classe 1968, è nato a Bologna e vive sulle colline di Sasso Marconi. Tassista per diciassette anni, attualmente autore e docente di scrittura creativa a tempo pieno. Nel 2015 è stato premiato con il Nettuno d’oro, il più autorevole riconoscimento a un artista bolognese. E nel 2016 con il premio speciale Fondazione Marconi Radio Days.

È al suo nono romanzo edito. Con le sue storie Noir, tutte ambientate a Bologna, indaga l’animo umano nei suoi abissi più disperati, scuri e corrotti. Per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato Bologna destinazione notte (2013), Il dentista (2014), L’Ammiratore (2015) e Agenzia Bonetti & Bruno (2016).


Il secondo romanzo è ambientato a Milano durante il Carnevale del 1976.

Il ritrovamento del cadavere di una donna e un misterioso filobus fantasma danno il via alle indagini dei due protagonisti, Mala & Fernet, già conosciuti nei precedenti tre romanzi (Operazione Madonnina, Operazione Rischiatutto e Il colosso di corso Lodi). Ben presto altre vittime verranno uccise in modi alquanto bizzarri e il Carnevale diverrà lo sfondo di una Milano macabra tra maschere, sparizioni, morti, malaffari e mostruosità di ogni genere.

Il Trio del Giallo all’italiana torna a raccontare l’Italia degli anni ‘70, suspense, indagine e divertimento sono gli ingredienti della loro ricetta che renderanno piacevole la lettura di questo nuovo romanzo.



MILANO FA PAURA LA 90. Il delitto di via Botticelli
di Riccardo Besola, Andrea Ferrari e Francesco Gallone



Frilli Editore
Pagg. 192
coll. I Tascabili Noir 
€10,90  

Milano, Carnevale 1976. Un filobus fantasma scorrazza liberamente per la circonvallazione, lasciandosi appresso il cadavere della povera Guendalina Falci, di professione bidella all’istituto Rizzoli, trovata riversa e dissanguata in viale Molise con due strani segni sul collo. 
Per lo scettico commissario Benito Malaspina, però, non è opera di un vampiro. 
È un omicidio, non una mascherata. Mentre sua moglie si prende cura del figlio in fasce della Falci, il Mala, aiutato dal suo romanissimo attendente Venditti e dal fedele giornalista Dino Lazzati, detto Fernet, dovrà percorrere ancora una volta le strade e i luoghi più remoti della sua città, lungo una scia di cadaveri uccisi in modi alquanto bizzarri. 
E Carnevale diventa una danza macabra, tra licantropi e cariche della Celere, misteriose sparizioni e vedove visionarie, feste, mummie, mostri, maschere, morti, miserie e malaffari. E c'è pure qualcuno, alla Notte, che manipola gli articoli di Fernet... 
Mala & Fernet daranno fondo a tutte le loro doti di investigatori e a tutta la loro umanità, indecisi se facciano più paura i mostri, gli uomini, i cambiamenti sociali, o la stupidità. 

Gli autori.
Besola-Ferrari-Gallone è il Trio del Giallo all'Italiana: per Fratelli Frilli Editori hanno pubblicato Operazione Madonnina – Milano 1973 (2013), Operazione Rischiatutto – Milano 1974 (2014) e Il colosso di Corso Lodi (2015). Loro racconti sono apparsi in diverse antologie, e il loro commissario Santambrogio ha gestito un paio d'indagini per altri tipi. Scrivono anche da soli, ciascuno per sé: ma quelle, sono altre storie...


In una Roma di metà inverno, l'investigatore Alvaro Landini affronta il caso della morte della professoressa Montessini. Tra false coperture, riciclaggio di denaro e interessi occulti, tre mesi di investigazioni raccontati giorno per giorno nel nuovo romanzo di Fabio Mariani.


COINCIDENZA IMPERFETTA
di Fabio Marani



goWare,
2017
 pp. 340
Edizione digitale € 6,99
Edizione a stampa € 14,99
Roma, dicembre 2012. Alvaro Landini, ex dirigente di una multinazionale farmaceutica, è titolare della Elefante srl, una start up a conduzione familiare che si occupa di investigazioni. Quando la società di assicurazioni Fidelitas gli propone l’incarico di indagare sull’omicidio della professoressa Montessini, ex preside del liceo Visconti, Landini capisce che si tratta di un caso delicato.

In una Roma di metà inverno, fredda e piovosa come gli animi dei personaggi coinvolti nella vicenda, le indagini di Landini prenderanno presto una piega inaspettata: false coperture, riciclaggio di denaro, interessi occulti.

Il nuovo romanzo di Fabio Mariani, Coincidenza imperfetta, edito da goWare, racconta giorno per giorno, ora per ora, tre mesi di investigazioni, tra i foschi quadri di una città malata, caotica ma quasi deserta, dove anche il papa sembra non riuscire a resistere.

L'AUTORE
Fabio Mariani è stato dirigente di una multinazionale del turismo, per cui ha lavorato all’estero e in Italia. Ora è volontario presso un’associazione che opera nell’Africa subsahariana. Nel 2013 è stato pubblicato il suo primo romanzo, Il nobile massaio.

Cinema: film in sala questa settimana e prossimamente




Cosa c'è al cinema in questi giorni?


MOONLIGHT


DATA USCITA: 16 febbraio 2017
GENERE: Drammatico
ANNO: 2016
REGIA: Barry Jenkins
ATTORI: Mahershala Ali, Naomie Harris, Janelle Monáe, Trevante Rhodes,


Moonlight racconta l'infanzia, l'adolescenza e l'età adulta di Chiron, un ragazzo di colore cresciuto nei sobborghi difficili di Miami, che cerca faticosamente di trovare il suo posto del mondo. 
Un film intimo e poetico sull'identità, la famiglia, l'amicizia e l'amore.



MANCHESTER BY THE SEA 




DATA USCITA: 16 febbraio 2017
GENERE: Drammatico
ANNO: 2016
REGIA: Kenneth Lonergan
ATTORI: Casey Affleck, Michelle Williams, Kyle Chandler, Matthew Broderick, Gretchen Mol, Kara Hayward.


Il film racconta la storia dei Chandler, una famiglia di modesti lavoratori del Massachusetts. Dopo la morte improvvisa del fratello maggiore Joe, Lee viene nominato tutore legale del nipote. Lee è ancora tormentato dal proprio tragico passato, che lo ha allontanato dalla moglie Randi e dalla comunità in cui è nato e cresciuto.

BARRIERE


DATA USCITA: 23 febbraio 2017
GENERE: Drammatico
ANNO: 2016
REGIA: Denzel Washington
ATTORI: Denzel Washington, Viola Davis, Mykelti Williamson, Saniyya Sidney, Russell Hornsby, Jovan Adepo, Stephen Henderson

Barriere è la storia di una ex promessa del baseball che lavora come netturbino a Pittsburgh e della sua complicata relazione con la moglie, il figlio e gli amici.



BEATA IGNORANZA


.
DATA USCITA: 23 febbraio 2017
GENERE: Commedia
ANNO: 2017
REGIA: Massimiliano Bruno
ATTORI: Alessandro Gassmann, Marco Giallini, Valeria Bilello, Carolina Crescentini, Teresa Romagnoli, Guglielmo Poggi


La commedia racconta le vicende i due nemici/amici, insegnanti di liceo, che si sfidano in una divertente commedia su una problematica attualissima: è giusta o no questa dipendenza dai social network? 
E' vera comunicazione o solo condivisione di superficialità? 
Diverse le idee dei protagonisti del film: se Gassmann è assolutamente integrato nella modernità, Giallini è un uomo all'antica sostenitore dei "vecchi tempi". 




E la settimana prossima...?


GOD'S NOT DEAD 2


DATA USCITA: 02 marzo 2017
GENERE: Drammatico
ANNO: 2016
REGIA: Harold Cronk
ATTORI: Melissa Joan Hart, Jesse Metcalfe, Ray Whise, Pat Boone, Robin Givens,


L'ambientazione si sposta dal college del primo God's not dead all'aula di un tribunale, dove un'insegnante di liceo, Grace Wesley (Melissa Joan Hart), viene chiamata in giudizio per aver fatto proselitismo in classe, rispondendo alla domanda di una studentessa sulla figura storica di Cristo. Per l'accusa, rappresentata da uno dei più prestigiosi avvocati americani (Ray Whise) tale accadimento dovrà servire a creare un precedente finalizzato alla rimozione di ogni argomentazione di fede dai luoghi pubblici. La difesa, affidata ad un giovane avvocato di ufficio (Jesse Metcalfe), con poca esperienza ma di grande determinazione, riserverà numerosi colpi di scena.



FALCHI



DATA USCITA: 02 marzo 2017
GENERE: Poliziesco
ANNO: 2017
REGIA: Toni D'Angelo (II)
ATTORI: Fortunato Cerlino, Michele Riondino, Pippo Delbono, Stefania Sandrelli.

Duri, spregiudicati, spietati. Peppe e Francesco sono così, due falchi, agenti della sezione speciale della Squadra Mobile di Napoli, pattugliano la città incuneandosi nei sobborghi più loschi e criminali. 
Efficientissimi e dediti a 360 gradi alla loro missione, i due amici pagano però lo scotto di una vita sempre in tensione. 
Francesco è afflitto da una grave depressione e soffre di un'acuta e inconfessata claustrofobia, che riesce ad alleviare attraverso l'abuso di psicofarmaci e droghe. 
Peppe invece conduce una vita estremamente solitaria: vive sulla costa napoletana degradata e abbandonata, e quando non è in servizio si dedica alla sua unica altra passione: l'addestramento di cani da combattimento.



LA LEGGE DELLA NOTTE

.
DATA USCITA: 02 marzo 2017
GENERE: Drammatico, Azione, Avventura
ANNO: 2016
REGIA: Ben Affleck
Cast: Zoe Saldana, Elle Fanning, Brendan Gleeson, Chris Messina,Sienna Miller, Chris Cooper, Remo Girone.

Il film è ambientato nei ruggenti anni '20 quando il Proibizionismo non riesce a fermare il fiume d'alcool che invade gli speakeasy della mala. Chiunque con abbastanza ambizione e nervi saldi ha l'opportunità di ottenere rapidamente potere e denaro e così Joe Coughlin, il figlio di un commissario della Polizia di Boston, da tempo ha voltato le spalle alla sua rigida educazione per diventare un fuorilegge. Però perfino tra i criminali esistono delle regole e Joe infrange la più grande: incrocia il suo cammino con un potente boss, rubandogli soldi e donna. 



ROSSO ISTANBUL



DATA USCITA: 02 marzo 2017
GENERE: Drammatico
ANNO: 2017
REGIA: Ferzan Ozpetek
ATTORI: Tuba Büyüküstün, Halit Ergenç, Mehmet Gunsur, Nejat Isler


13 MAGGIO 2016. Orhan Sahin torna a Istanbul dopo 20 anni di assenza volontaria. Come editor deve aiutare Deniz Soysal, famoso regista cinematografico, a finire la scrittura del suo libro.
Ma Orhan rimane intrappolato in una città carica di ricordi rimossi. Si ritrova sempre più coinvolto nei legami con i famigliari e gli amici di Deniz che sono anche i protagonisti del libro che il regista avrebbe dovuto finire. 
Soprattutto Neval e Yusuf, la donna e l'uomo a cui Deniz è più legato, entrano prepotentemente anche nella vita di Orhan. Quasi prigioniero nella storia di un altro, Orhan però finisce per indagare soprattutto su se stesso, riscoprendo emozioni e sentimenti che credeva morti per sempre e che invece tornano a chiedergli il conto per poter riuscire a cambiare la sua vita.

Fonte: Coming Soon


Per conoscere gli altri film in uscita, tratti dai libri, consultare QUESTO POST.

venerdì 24 febbraio 2017

A marzo in libreria (14-16-21-23-28 marzo 2017)



Cari lettori, ecco alcune uscite di marzo che personalmente hanno catturato la mia attenzione.

Un'anziana donna che ricorda i tempi andati e, con essi, i segreti che si porta dentro; una scrittrice scomparsa e troppa gente sulle sue tracce; due donne, un amore, segreti mai confessati e bugie dette per amoreuna storia che indaga il legame tra arte, amore e storia, magnificamente narrato con un finale da togliere il fiato;  il brillante sequel di Deathdate, Birthdate, ha un ritmo mozzafiato e uno stile affilato, un romanzo dove anche la morte è un’avventura emozionante.



LE STANZE DEI RICORDI
di Jenny Eclair


Ed. Sperling & Kupfer
370 pagine
USCITA
14 marzo 2017
Londra, Kennington Road. 
Edwina Spinner, ex artista e illustratrice, ha deciso di lasciare la propria casa, ma prima di andarsene i ricordi affiorano e tornano a cinquant'anni prima, quando si era trasferita lì dopo le nozze, giovanissima, con il suo grande amore. 
Edwina pensa ai suoi bambini, gemelli scalmanati, e al figlio acquisito che l'ha sempre detestata. 
Man mano che la casa rivela i suoi segreti, Edwina è costretta a fare i conti con il passato, fino al ricordo di quella notte che ha travolto per sempre le sorti della sua famiglia. 
Ma quella di Edwina è solo una versione parziale. 
Per scoprire davvero tutta la verità, dovrà affrontare l'unica persona che non avrebbe voluto rivedere mai più







La donna che sparì con un libro
di Idra Novey


Ed. Garzanti
trad. L. Sacchini
USCITA
16 MARZO 2017

Una scrittrice in fuga
Una ricerca fino all’ultimo libro.

In un piccolo parco della periferia di Copacabana una donna con i capelli grigi ha una valigia in mano; sale su un ramo dell’albero e lentamente si inerpica fino in cima. 
Questa è l’ultima volta che Beatriz Yagoda, famosa scrittrice brasiliana, è stata vista. Di lei non c’è più traccia. 
Emma Neufeld però, la sua traduttrice americana, non è convinta. Beatriz è per lei una seconda madre, una maestra di vita. 
Non può essere semplicemente sparita. Deve trovarla, e l’unico modo è prendere il primo aereo per Rio de Janeiro e mettersi sulle sue tracce. 
Quando arriva in Brasile però Emma scopre di non essere sola. 
Alla disperata ricerca di Beatriz ci sono anche i suoi due figli, Raquel e Markus, e Rocha, il suo editore, deciso ad approfittare il più possibile dell’attenzione dei media. 
Ma cercare di decifrare le tracce che Beatriz ha disseminato nei suoi libri si rivela più pericoloso del previsto. 
Perché anche un pericoloso aguzzino sta cercando la famosa scrittrice per un debito di gioco. E trovarla potrebbe anche significare ucciderla… 

La donna che sparì con un libro è l’esordio sublime di una voce unica nel suo genere. Appena uscito negli Stati Uniti è stato celebrato come uno dei libri più originali e innovativi dalla critica più prestigios,a e il «New York Times» l’ha definito la scoperta dell’anno. Idra Novey, scrittrice e poetessa, sa regalarci un’avventura letteraria densa e originale che mescola magia e mistero con calibrate pennellate di stile. Un romanzo sui libri e chi ama scrivere, ma ancora di più per chi ama leggere.



L'AMORE ADDOSSO
di Sara Rattaro


Ed. Sperling&Kupfer
252 pp
16.90 euro
USCITA
21 MARZO 2017

«La verità è quasi sempre una storia raccontata a metà.»

Una giovane donna attende con ansia fuori da una stanza d'ospedale. È stata lei ad accompagnare lì d'urgenza l'uomo che ora è ricoverato in gravi condizioni. È stata lei a soccorrerlo in spiaggia, mentre passava per caso, dice. 
Non dice che invece erano insieme, che sono amanti. 
Lo stesso giorno, in un'altra ala dell'ospedale, una donna è in attesa di notizie sul marito, vittima di un incidente d'auto. 
Non era con lui al momento dell'impatto; e adesso, quando la informano che in macchina con il marito c'era una sconosciuta, non sembra affatto stupita.
La prima donna è Giulia. La seconda è ancora Giulia. 
E il destino, con la sua ironia, ha scelto proprio quel giorno per fare entrare in collisione le due metà della sua vita: da una parte, quella in cui è, o sembra, una moglie fortunata e una figlia devota; dall'altra, quella in cui vive di nascosto una passione assoluta e sfugge al perbenismo di sua madre – alle ipocrisie, ai non detti, a una verità inconfessabile. 
Una verità che perseguita Giulia come una spina sotto pelle; un segreto che fa di lei quell'essere così tormentato e unico, luminoso e buio; un vuoto d'amore che si porta addosso come una presenza ingombrante, un caos che può soltanto esplodere. Perché l'amore è una voce che non puoi zittire e una forza che non puoi arrestare. 
L'unica spinta che può riportarti a ciò che sei veramente.

Sara Rattaro torna con L'amore addosso, una storia potente e sincera, che parla di famiglia e amore, amicizia e desideri inafferrabili. Una storia che mette a nudo gli alibi dietro cui ci nascondiamo per paura di ferire o essere giudicati, le bugie che diciamo per amore ma che solo un amore vero potrà poi perdonare. L'amore addosso è un romanzo in cui è la nostra stessa vita a raccontarsi tra le pagine e le emozioni ci arrivano dritte al cuore.


LA RAGAZZA NEL DIPINTO
di Ellen Umansky



Newton Compton Editori
USCITA
23 marzo 2017
Tra passato e presente sulle tracce di un quadro che unisce i destini di due famiglie

Vienna, 1939.
Mentre lo spettro della guerra terrorizza l’Europa, i genitori di Rose Zimmer cercano disperatamente un modo per lasciare l’Austria. 
Non riuscendoci, decidono di salvare almeno la loro giovane figlia. Rose viene così affidata a degli sconosciuti e portata in Inghilterra.
Sei anni più tardi, quando la guerra è finalmente terminata, Rose tenta di ricostruire la propria vita devastata: si mette quindi alla ricerca di un quadro del pittore Soutine, appartenuto alla madre, e al quale la donna era legatissima. 
Sulle tracce di quel dipinto, diventato per lei quasi un’ossessione, Rose arriverà fino a Los Angeles e a Lizzie Goldstein, figlia di un famoso collezionista. 
Tra Lizzie e Rose nasce un’amicizia inaspettata, destinata però a interrompersi bruscamente quando le due donne si troveranno di fronte a una verità dolorosa: un segreto che ha a che fare con il quadro di Soutine e che è rimasto nascosto per tanti anni… 

Una prosa cristallina per una storia che parla di nostalgia, dolore, perdita e perdono.

L'autrice.
Ellen Umansky ha pubblicato sia racconti che saggi. Ha scritto per il «New York Times», «The Paris Review» e «Vanity Fair». La ragazza nel dipinto è il suo romanzo d’esordio.


BIRTHDATE
di Lance Rubin 



De Agostini 
trad. Ilaria Katerinov
USCITA
28 marzo 2017
Denton Little non è ancora morto! 
In un mondo in cui tutti conoscono la data della propria morte fin dalla nascita, Denton è l’unico ad aver superato indenne il giorno fatidico. Non sa perché proprio a lui sia capitato questo straordinario destino, sa solo che ora tutti lo cercano. 
La sua famiglia, il suo migliore amico Paolo, e Veronica, la ragazza che ha baciato poco prima di darsi alla fuga e che non riesce a togliersi dalla testa.
Persino la polizia lo sta cercando. Lui è la prova vivente che è possibile scampare alla propria data di morte, e ora tutti vogliono un pezzo di Denton Little. 
Questo è decisamente un problema, soprattutto perché il Governo preferirebbe ucciderlo piuttosto che ammettere l’anomalia del sistema. 
Come se non bastasse, mancano pochi giorni al decesso di Paolo. Proprio adesso che il poveretto si è reso conto di essere follemente, perdutamente innamorato di Millie, l’unica ragazza al mondo che non potrà mai ricambiare i suoi sentimenti. Tra fughe rocambolesche e amori impossibili, Denton cerca di salvare gli amici e smascherare i nemici. 
Ma come si comporterà ora che non conosce più la data della propria fine e la morte può incombere in ogni momento?

giovedì 23 febbraio 2017

Recensione: IL CARNEVALE A VENEZIA di Livin Derevel



Un romanzo stravagante, dallo stile ricco, raffinato, una storia che interseca sogno e realtà, sullo sfondo di una splendida e variopinta Venezia, che - proprio come un grande ed abbagliante fuoco d'artificio - ci ammalia con i suoi sgargianti colori e il suo allegro frastuono.


IL CARNEVALE A VENEZIA
di Livin Derevel


Ed. Milena
146 pp
8.90 euro
Gennaio 2017
"E'... pittoresco.
E' allucinante.
E' insensato. E' irragionevole.
E' Carnevale".


La nostra storia è ambientata a Venezia, nei dodici giorni in cui il magnifico Salotto d'Europa è animato dai festeggiamenti del Carnevale.
Due settimane circa in cui a tutti - a prescindere da ceto e classe sociale - è lecito divertirsi a più non posso, trasgredendo ogni pudore in nome del del divertimento più puro.

Ma proprio nel corso di questi giorni festaioli, accade l'imprevisto: lì dove dovebbe regnare la vita con tutto il suo carico di goliardia, ecco che fa il suo sgradito ingresso la Morte.

Due Maschere, Beppe Nappa e Gianduja, vengono trovate morte a pochi giorni di distanza, nonostante la costante presenza della gendarmeria e lo spirito di familiarità, gioco e gioia che predomina in un periodo felice come questo.

Chi li ha assassinati e perché? Cosa c'è dietro queste due morti? La mano assassina potrebbe colpire ancora durante i festeggiamenti, approfittando della confusione? Chi potrebbe essere la prossima vittima?

Ad indagare c'è Lorenzo, il disincantato Capitano della Gendarmeria, chiamato a snodarsi tra calli e piazze alla ricerca dei colpevoli, per sventare un losco piano che potrebbe vedere come possibile bersaglio Arlecchino, il Re del Carnevale.

A questo si aggiunge un furto strano e anch'esso inaspettato: qualcuno ha rubato la punta della lancia di San Giorgio.
Gli assassinii sono forse collegati a questo furto? E chi l'ha rubata cosa vorrà farci con l'antico oggetto?

Il capitano aguzza l'ingegno, va in giro a far domande, cerca di cogliere particolari che potrebbero aiutarlo a trovare i colpevoli, scambia quattro chiacchiere anche con l'erudito e intellettualoide Balanzone, l'ambasciatore del Re del Carnevale; ma tenere sotto controllo le Maschere, così volubili e capricciose, pensare di interrogarle e di carpir loro informazioni utili e sensate, è davvero un'ardua impresa.

"Le maschere non appartenevano alla sostanza del mondo, le Maschere erano i pilastri del Carnevale, anime di passaggio che facevano visite a Venezia e presenziavano agli sfoghi prima delle ceneri".

Eh sì perchè loro sono così: scaltre, un po' bugiarde, birbone, instabili, illogiche, farci un discorso serio è difficile e sperare di cavar loro confessioni e segreti lo è altrettanto.

A complicare le cose ci si mette lo stesso Arlecchino (che Lorenzo chiama Alichino, col suo nome più puro ma anche più proibito, da non pronunciare in pubblico), colui che è un po' l'essenza del Carnevale, che dissolve i confini tra terreno e ultraterreno.

Dov'è Alichino? Come farà Lorenzo a proteggerlo se non sa dov'è?
Lui è così sfuggente, inarrivabile, "troppo grandioso per essere trattenuto", intangibile, surreale eppure presente.

Ma se il nostro capitano - che vorrebbe soltanto metter fine a questa farsa e lasciarsi alle spalle l'aria festaiola di Carnevale, che lui proprio non sa amare - non riesce a trovare il Re, è il Re che va da lui e Lorenzo resta irrimediabilmente affascinato dal suo modo di fare incantevole, provocatore, carismatico, arguto e impertinente.

E' davvero in pericolo lo splendido Arlecchino? Qualcuno vuol farlo fuori e Lorenzo riuscirà a proteggerlo?
C'è da tener gli occhi ben aperti, soprattutto nell'ultimo giorno di festa...

Leggendo questo breve libro, si ha l'impressione di essere in un grande sogno, dai contorni labili, dove la realtà si intreccia con il surreale; è come una grande commedia in cui gli attori sono le Maschere, che magistralmente portano avanti una recita assurda, in cui Lorenzo "era stato relegato a figurante ignaro della trama che reggeva le fila".

Tra queste pagine ogni descrizione e ogni dialogo sono vivi e vivaci, e stimolano l'immaginazione di noi lettori, immergendoci completamente nelle vie della Serenissima, tanto da percepirne suoni, profumi e colori: il brusio in sottofondo, i canti e le musiche, le risate sguaiate, i profumi deliziosi e gli odori decisi del cibo, i baci rubati, le donne con i loro abiti voluminosi, piume e gemme, pacchianerie...

Ma Carnevale è così: è sinonimo di copiosità, esagerazioni, è pomposità, e tutto questo arriva a noi lettori attraverso il linguaggio barocco, molto ricercato, che rende appieno tutto il fasto, lo splendore, il divertimento sfrenato che caratterizza Venezia nei giorni di festa; una scrittura magnetica, consona ai suoi bislacchi personaggi mascherati, evanescenti, con vizi e debolezze tipiche degli umani.

Venezia è un'ambientazione ricca di fascino e mistero, il proscenio più adatto per accogliere questa commedia colorata e vivacissima, che dà al lettore l'impressione di essere a teatro e di assistere ad uno spettacolo divertente e ben recitato.

Ci fanno divertire le Maschere - Pantalone, Brighella, Colombina... - burlone e pronte a prendere in giro il serioso capitano, la cui melancolia sembra stridere di fronte al clima eccessivo e godereccio che imperversa attorno a lui, che  però, nonostante le proprie personali reticenze, davanti al fascino irresistibile della Maschera per eccellenza, potrebbe alla fine cedere ai sensi e lasciarsi andare...

Ringraziando la C.E Milena Edizioni per il gentile omaggio, vi lascio consigliandovi la lettura di questo romanzo breve ma ricco in tutti i sensi, sicuramente molto originale e particolare, e il suo stile così forbito, che richiede una lettura non superficiale, è forse l'aspetto che affascina di più, insieme a tutto il contesto e ai personaggi immaginari coinvolti.

Recensione: IL BUIO OLTRE LA SIEPE d Harper Lee



Un romanzo di formazione che va letto almeno una volta nella vita; tra le pagine di questo libro, il lettore trova tanti spunti di riflessione, sentendosi anch'egli un ragazzino che, come la sua protagonista - Scout -, ha bisogno e voglia di ricevere i preziosi insegnamenti di un uomo/padre saggio, buono e coraggioso come Atticus, un personaggio che si impara ad amare e rispettare.


IL BUIO OLTRE LA SIEPE
d Harper Lee



Ed. Feltrinelli
La vicenda si svolge nel 1935, a Maycomb, in una cittadina del "profondo" Sud degli Stati Uniti.
Qui vivono l'onesto avvocato Atticus Finch con i suoi due figli, il maggiore Jem e la figlioletta Scout.
Jem e Scout sono vivacissimi, un po' monelli, soprattutto la ragazzina, che parla e si comporta più come un maschiaccio che come una signorina; lei e il fratello giocano insieme e hanno una piccola "fissa": dar fastidio ad un vicino di casa, il signor Arthur (Boo) Radley, che non esce mai di casa, vivendo come un recluso, anzi come un fantasma.
Attorno a questo strano uomo circolano tante voci e pettegolezzi, che fanno parlare le comari curiose e stimolano la curiosità infantile dei ragazzini, che provano verso la casa di Radley curiosità mista a timore.

Ma il pensiero di Boo sta per passare in secondo piano, perchè l'interesse di Jem e di Scout verrà rapito completamente dalla storia di un negro, Tom Robinson.

Tom è un giovane uomo accusato di aver percosso e violentato una donna bianca, Mayella Ewell.
Gli Ewell sono noti in paese e non perchè siano particolarmente amati e rispettati, anzi, vivono piuttosto emarginati; eppure, quando Mayella e suo padre accusano veementemente il negro, Tom, della violenza carnale, sono tanti gli uomini che si schierano al loro fianco, pronti a sostenere la loro versione contro "l'uomo-cioccolato".

La parola di un bianco contro quella di un negro: è scontato che la prima abbia più peso e credito, no?

Ma Maycomb deve fare prima i conti con l'avvocato che difende "cioccolato": Atticus Finch.

A lui viene affidato l'incarico della difesa d'ufficio del povero Tom,  che se dovesse esere condannato, rischierebbe la sedia elettrica.

Riuscirà Atticus a dimostrarne l'innocenza e a salvare la pelle dell'accusato?

Una pelle che è di un colore differente da quella della donna che lo accusa, da quella della giuria che deciderà se condannare o assolvere l'uomo, da quella della massa che, urlante e nervosa, va ad assistere al processo...: quanto peseranno i pregiudizi, l'ignoranza, la stupidità... di una maggioranza che crede di essere superiore e migliore del prossimo sulla base de colore della pelle?

Tom Robinson, e gli altri "negri" come lui, avranno mai un processo onesto, giusto, imparziale?

La vicenda di questo processo è il punto centrale del romanzo e tutto ci viene narrato attraverso lo sguardo innocente di una bambina intelligente e sensibile, un simpatico ed irriverente Huckleberry in gonnella, che scandalizza le signore con un linguaggio colorito e poco adatto alle signorine, che fa arrabbiare la zia Alexandra - che la vorrebbe obbediente ed educata -, che prende a pugni anche i maschi, senza alcuna paura.

Scout segue l'incarico giudiziario del padre con attenzione e ansia, sperando che Atticus riesca a vincere e a far trionfare la giustizia.

"Atticus, lo vinceremo questo processo?No, tesoro" - rispose Atticus - Ci hanno sconfitto cent'anni prima che cominciassimo, ma questa non è una buna ragione per non insistere a tentare di vincere"

Lei e suo fratello si fidano tanto del loro papà, perchè lo conoscono, sanno chi è: Atticus è un tipo tranquillo, che sa essere tanto serio e severo quanto dolce e affabile; è un uomo sempre gentile, saggio, e tutti lo stimano perchè ha sempre una parola buona e anche quando assume un tono più duro, riesce a farsi rispettare ed apprezzare.

Il clima tra le strade della cittadina è agitato nei giorni che precedono il processo ed è attraversato da atteggiamenti e parole di violenza, ottusità, arroganza, prepotenza, che spaventeranno Scout ma al contempo costituiranno per lei un'esperienza che la farà crescere e imparare ad abbandonare pregiudizi e pensieri sbagliati. 

"Il buio oltre la siepe" è un romanzo davvero bello e ogni suo aspetto contribuisce a renderlo indimenticabile: il modo di scrivere dell'Autrice, così semplice, immediato; la giovanissima protagonista, con il suo sguardo puro, leggero e sensibile insieme, che ci fa sorridere per le sue marachelle e sperare in un'affollatissima aula di tribunale; l'ambientazione (una tranquilla cittadina, religiosa e chiusa nelle proprie convinzioni e tradizioni), la discriminazione razziale e l'ingiustizia inevitabile; e su tutti, per quanto mi riguarda, la figura meravigliosa di questo padre ed avvocato irreprensibile, combattivo: Atticus, la cui sensiblità e nobiltà d'animo ci colpisce profondamente e non possiamo non provare ammirazione per lui.

Sono tanti i passaggi che ci fanno riflettere, ci commuovono, ci fanno arrabbiare, in una parola: ci emozionano, e quando si arriva all'ultima pagina, si vorrebbe restare con Scout un altro po', perchè abbiamo bisogno anche noi, come lei e a prescindere da quanti anni abbiamo, di credere che non tutti gli uomini sono ingiusti, che non c'è da aver paura di qualcosa o qualcuno solo perchè non lo si conosce bene, che oltre il buio c'è sempre una luce di speranza che ci aspetta.

E' uno di quei libri che, una volta incominciato, proprio non puoi fermarti, ma devi terminarlo; è uno di quei libri che non ti stanchi di rileggere e che, a distanza di anni, non smette di emozionare. 
Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...