lunedì 24 aprile 2017

Recensione film: LA BATTAGLIA DI HACKSAW RIDGE



La storia vera, drammatica e toccante di un giovane cristiano che, mosso da una grande fede, decise, durante il secondo conflitto mondiale, di arruolarsi per portare il proprio contributo alla nazione americana senza mai imbracciare le armi.


LA BATTAGLIA DI HACKSAW RIDGE


2016
Presentato Fuori Concorso al Festival di Venezia 2016. Candidato a 6 Premi Oscar 2017.

GENERE: Drammatico, Guerra
REGIA: Mel Gibson
ATTORI: Andrew Garfield, Teresa Palmer,Sam EliminaWorthington, Vince Vaughn, Luke Bracey, Hugo Weaving, Rachel Griffiths, Richard Roxburgh.



Il film prende inizio con una citazione tratta dalle Sacre Scritture: 




"Non lo sai tu? Non l'hai mai udito?
Il SIGNORE è Dio eterno,
il creatore degli estremi confini della terra;
egli non si affatica e non si stanca;
la sua intelligenza è imperscrutabile.
Egli dà forza allo stanco
e accresce il vigore a colui che è spossato.
 I giovani si affaticano e si stancano;
i più forti vacillano e cadono;
 ma quelli che sperano nel SIGNORE acquistano nuove forze,
si alzano a volo come aquile,
corrono e non si stancano,
camminano e non si affaticano."

(Libro del profeta Isaia, cap. 41:28-31)


Desmond Doss vive nel Virginia con padre, madre e il fratello Hal.
Il papà è un tipo violento e purtroppo sta tirando su i figli lasciando che sfoghino la propria aggressività liberamente, anche facendosi del male; ed infatti, un giorno, mentre Hal e Desmond "giocano a picchiarsi", il primo arriva quasi ad ammazzare l'altro (accidentalmente).
Il padre è di quelli che alzano le mani su tutti, moglie compresa, e presto comprendiamo la ragione di questo comportamento deprecabile: è un veterano di guerra, tanti suoi amici non sono più tornati dalla Prima Guerra Mondiale, e quella esperienza l'ha traumatizzato tanto da segnarlo nel profondo, rendendolo il fantasma di se stesso.
Quando viene a sapere che entrambi i figli desiderano arruolarsi, va su ttte le furie, perchè sa bene cosa voglia dire andare in guerra.

Così, dopo Hal, anche Desmond prende la decione di servire il proprio Paese, nonostante nel frattempo si sia innamorato - ricambiato - della bella infermiera Dorothy, che il giovane chiede in sposa.

La famiglia Doss è di fede avventista, l'ubbidienza ai comandamenti di Dio - riportati nella Bibbia - è per loro fondamentale e Desmond, in particolare, è particolarmente fervente; infatti, il suo obiettivo è andare sì in guerra ma per salvare vite - come medico - non per ucciderne; lui è convinto di poter servire gli USA senza imbracciare le armi ma in qualità di obiettore (anzi, cooperatore) di coscienza.

La fase dell'addestramento è molto dura e a tratti umiliante, perchè nè i commilitoni nè i superiori riescono ad accettare e a compredere le ragioni che possono spingere un ragazzo ad andare volontariamente al fronte senza prendere un'arma in mano.
Tutti sono contro il povero Desmond, che viene "invitato" (tutt'altro che cortesemente) ad andarsene, perchè questo suo atteggiamento ostinato - di non voler uccidere il nemico - è stupido oltre che pericoloso, tanto per lui stesso quanto per i suoi colleghi, visto che non sarebbe disposto ad ammazzare un "muso giallo" per difendere un amico sul campo di battaglia.

Desmond viene preso in giro, malmenato, umiliato, portato davanti alla Corte Marziale.., ma non demorde perchè lui è convinto di ciò che vuol fare, così ottiene ufficialmente, dopo tante difficoltà,  di essere designato come soccorritore nella cruenta battaglia di Okinawa.

Nessuno dei militari che gli sono attorno pensa che potrà farcela, piuttosto sono persuasi che Doss sarà per loro soltanto un fardello, ma... dovranno ricredersi!

Senza mai imbracciare un arma, Doss - chiamato con disprezzo "Fusto di mais" da un superiore, per la sua costituzione mingherlina - dimostrerà a tutti di essere un grandissimo eroe salvando la vita a 75 uomini e diventando il primo obiettore insignito della Medaglia d’Onore del Congresso, la più alta onorificenza militare Americana.

Sapendo che è una storia vera, il coinvolgimento emotivo per me è venuto ancora più facilmente, e mentre guardavo il film non potevo non restare stupita della grandissima fede di questo ragazzo, che non si lascia intimorire dalle minacce di colleghi e superiori, che lo vorrebbero fuori dall'esercito.

"Lascia che questa guerra la vincano i coraggiosi": gli dice qualcuno, e Desmond dimostrerà quanto lui sia coraggioso, anche se in modo differente!

Desmond combatte anch'egli affianco ai commilitoni, ma non con le armi, o meglio lo fa con  le "proprie armi speciali": la fiducia in Dio, la preghiera, la forza che trae leggendo la Bibbia (una piccola edizione regalatagli dall'amata Dorothy, e che lui tiene fedelmente sempre nel taschino, vicino al cuore), e con le proprie mani, l'intelligenza, la forza di volontà, la tenacia... con le quali riuscirà ad aiutare i propri compagni feriti e in pericolo.

"Ti prego, Signore, fammene trovare un altro..." prega mentre va alla ricerca - rischiando la vita, solo in compagnia dei tantissimi cadaveri maciullati attorno a sè, tremando di paura al pensiero dei giapponesi in agguato - di quanti più soldati possibili.

Quello che farà sarà giudicato eroico, inimmaginabile e lascerà stupefatti ed ammirati tutti, in primis coloro che l'avrebbero voluto fuori, all'inizio, ritenendolo un vile, un debole.

E' un film molto bello, a mio modesto avviso fatto bene, efficace nel presentarci la storia di questo eroe di guerra; certo, è molto cruento, brutale, feroce (ma è la guerra ad esselo...!), c'è sangue dappertutto (nella seconda parte del film, in cui veniamo "buttati" nel pieno della battaglia di Hacksaw Ridge), corpi straziati, maciullati in modo orribile..., in pieno stile Mel Gibson, che quando ci si mette d'impegno, non lesina scene forti, spietate, per quanto sono drammaticamente realistiche.

"In pace i figli piangono i padri;in guerra i padri piangono i figli".

La guerra è una tale grande tragedia umana... da lasciarci senza parole, e personalmente in diversi momenti non ho potuto non avere le lacrime agli occhi, riflettendo su quanto male e odio essa produca, sul fatto che tante giovani vite vengono recise senza pietà sui campi di battaglia.
Non ho potuto non pensare a quale trauma vivono i soldati, che notte e giorno devono stare sempre attenti e svegli per individuare il nemico e attaccarlo, con fucili e bombe a mano, prima che lui attacchi loro; e quanto dev'essere tremendo vedere i propri compagni cadere accanto a sè, vedere il loro corpo mitragliato e ridotto letteralmente a brandelli.

Mi è venuto spontaneo pensare alla meravigliosa e profonda poesia di Ungaretti, "Veglia":

Un’intera nottata
buttato vicino
a un compagno
massacrato
con la sua bocca
digrignata
volta al plenilunio
con la congestione
delle sue mani
penetrata
nel mio silenzio
ho scritto
lettere piene d’amore

Non sono mai stato tanto
attaccato alla vita
Mel Gibson non ha diretto finora chissà quanti film, ma quando lo fa, i suoi film non sono banali e non passano inosservati.
A me questo è piaciuto moltissimo, mi ha commossa e fatto riflettere su tante cose - che sia la guerra o la forza della fede... - e merita di essere visto; certo, magari chi è estremamente sensibile potrebbe restare un po' troppo toccato dalle scene di guerra, però a parte questo, è davvero un bel film!!


news.avventisti.it/hacksaw-ridge-la-storia-un-eroe-vero/desmonddoss.com/bio/
https://desmonddoss.com/bio/bio-real.php

Gioco letterario con i titoli dei libri



Rieccomi con un giochetto con i titoli dei libri che ho in libreria... ^_^


Casa HowardNella terra della nuvola bianca.

Durante il Sogno di una notte di mezza estate,
Il Conte di Montecristo riceve la visita de La ladra di sangue,
che entrando con L'eleganza del riccio,
riesce a rubare La chiave di Sarah
e ad aprire un cassetto, 

Leggendo, scopre che
Frankenstein non esiste....,
Il mago di Oz? Neanche!

Delusa, e con I morsi del buio che la attanagliano, decide di
intraprendere Il pellegrinaggio del cristiano:
prende così avvio la sua Espiazione


Si ringraziano per la tacita collaborazione i seguenti autori:
E. M. Forster, S. Lark, W. Shakespeare, A.Dumas (padre), C. Priest, M. Barbery, Tatiana De Rosnay, Juliet Grey, M. Shelley, L. F. Baum, K. Giebel, J. Bunyan, I. McEwan.

domenica 23 aprile 2017

Book Tag: 25 domande sui libri



Oggi, lettori del mio corazòn, vi propongo un booktag con 25 domande che ruotano attorno alla nostra adorabile passione per i libri e la lettura!

Ringrazio Ariel (sul suo blog L'angolo di Ariel, c'è il post dove potete leggere le sue risposte) per il tag; vi riporto le regole, ma ne infrangerò una, cioè la prima: sentitevi tutti taggati e, se e quando vi va, rispondete alle domande, che sia nei commenti o con un vostro eventuale post  ^_-


1- Nomina almeno 5 blog a cui fare le domande.
2- Cita sempre chi ha creato il Book Tag: Racconti dal passato.
3- Nomina e ringrazia il logo che ti ha nominato: Ariel.
4- Usa come immagine quella in cima a questo post.



.


1. Come scegli i libri da leggere?

Fermo restando che mi deve piacere quantomeno la trama, vado molto per genere letterari e anche considerando gli autori che già conosco e che mi piacciono; ciò non toglie che spesso mi lascio conquistare anche da un consiglio o recensione; ehm... a volte anche dalla copertina!


2. Dove compri i libri: in libreria o online?

Entrambe le cose; adoro passare in mezzo a file di libri per sfogliare, annusare, toccare, e mi lascio conquistare..., ma per comodità e per risparmiare cedo anche al fascino degli store online.


3. Aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta?

La scorta non potrebbe mai mancare, ci mancherebbe (vuoi che muorooo?), ma se mi va, un libro lo compro comunque e sempre, tanto male non fa ^^


4. Di solito quando leggi?

Preferisco la calma post pranzo e la sera, al posto di guardare la tv (tanto non danno granchè di interessante).


5. Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?

Mmm, si e no, nel senso che leggo un libro indifferentemente dalle pagine, però amo i libri grossi, quindi più è cicciotto, più un libro mi attira; uno di meno di 120 pp, ad es., mi attira meno ed è difficile che lo compri....


6. Genere preferito?

Narrativa, storici, classici, thriller/noir/gialli, anche romance (storici, comedy...).


7. Hai un autore preferito?

Più di uno, certo: le sorelle Bronte, Jane Austen, Donato Carrisi, Margaret Mazzantini, Kate Morton, Lucinda Riley, Luca Bianchini, Jennifer Donnelly....


8. Quando è iniziata la tua passione per la lettura?

Dalle scuole elementari, credo, e si è accresciuta durante le medie grazie alla materia "Antologia".


9. Presti libri?

Sì, più che altro perchè mi vengono esplicitamente richiesti da amiche che conoscono la mia passione, e dire no mi sembra poco educato.


10. Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?

Rigorosamente minimo un paio (un cartaceo e uno o due ebook).


11. I tuoi amici/familiari leggono?

Mio marito legge libri di geopolitica/storia e letteratura cristiana; ho amiche virtuali che leggono tantissimo e sono infatti un pozzo da cui attingere per conoscere libri ed autori nuovi e stimolanti.


12. Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?

Eh dipende dal tempo, dalle pagine del libro e da quanto mi sta prendendo; minimo un paio di gg, al massimo un paio di settimane. Se me lo trascino oltre, vuol dire che c'è qualcosa che non va...  :-D


13. Quando vedi una persona che legge, ad esempio sui mezzi pubblici, ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?

E me lo chiedi? :-D
Ovvio che sì!!


14. Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvare uno soltanto quale sarebbe?

A parte la Bibbia, credo IL DIARIO DI ANNA FRANK o SE QUESTO E' UN UOMO.


15. Perchè ti piace leggere?

Semplicemente mi fa stare bene! E poi mi permette di viaggiare con la fantasia in altri mondi, epoche, di "vestire" i panni di personaggi diversi o affini a me; mi fa riflettere, commuovere, indignare, sognare, anche solo svagare.
Come potrei immaginare di non amare la lettura? *_*


16. Leggi libri in prestito (dagli amici o dalla biblioteca) o solo libri che possiedi?

Ahimè in biblioteca non vado mai...., comunque leggo essenzialmente libri miei, se qualcuno mi presta qualcosa ben venga ^_^


17. Qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?

Notre-Dame de Paris di Hugo. Un giorno lo farò, prometto...


18. Hai mai comprato un libro solo perché aveva una bella copertina, e cosa ti attrae in una copertina di un libro?

Mi è successo; beh mi attraggono i colori (tenui, sfumati), la presenza di fiori o di libri ed altri soggetti "umani"- tipo un visetto carino, occhi in primo piano -, cose inquietanti ecco..  :-D


19. C'è una casa editrice che ami particolarmente e perché?

Mmm, non è una discriminante importante, però ad es. mi piacciono le pubblicazioni Neri Pozza, m non solo eh!!


20. Porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li tieni al sicuro dentro casa?

Dappertutto davvero, non fosse altro che li ho al sicuro in borsa e li tiro fuori al momento opportuno (sempre!).


21. Qual è il libro che ti hanno regalato e che hai gradito maggiormente?

Quelli regalatimi da mia madre, e ce ne sono diversi: dal "Il diario di Anna Frank" a "La piccola Fadette" di George Sand, ma potrei continuare.


22. Come scegli un libro da regalare?

Se conosco i gusti del destinatario, mi baso su quelli; altrimenti, regalo un libro che ho adorato e che, in un certo senso, "dice qualcosa di me", che sento mio.


23. La tua libreria è ordinata secondo un criterio, o tieni i libri in ordine sparso?

Purtroppo attualmente in ordine sparso, perchè sto a casa dei miei ed è una sistemazione temporanea; comunque ho un angolino che segue il "criterio dei colori"  ^_^


24. Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?

Le leggo.


25. Leggi eventuali introduzioni, prefazioni o postfazioni del libro o le salti?

Le leggo alla fine ^_^

ORA TOCCA A VOI, LETTORI!
FATEMI CONOSCERE I VOSTRI GUSTI LIBROSI!! ^_-

Epigrafe - "Economia decente"



Nel libro "Economia decente" dei Francesco Maggio (trovate la recensione sul blog) è riportata una poesia molto bella di Jorge Luis Borges, che desidero condividere con voi:


I giusti

Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire.
Chi è contento che sulla terra esista la musica.
Chi scopre con piacere una etimologia.
Due impiegati che in un caffè del Sud giocano in silenzio agli scacchi.
Il ceramista che intuisce un colore e una forma.
Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace.
Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.
Chi accarezza un animale addormentato.
Chi giustifica o vuole giustificare un male che gli hanno fatto.
Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.
Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.
Tali persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo.


Ed ecco di seguito le citazioni riportate dall'Autore prima di trattare l'argomento.


"Il sudario non ha tasche"

papa Francesco


"Quando dissero a Mazzarò che era tempo di lasciare la sua roba,
per pensare all'anima, uscì nel cortile come un pazzo, barcollando,
e andava ammazzando a colpi di bastone le sue anitre
e i suoi tacchini e strillava: <Roba mia, vienitene con me!>

Giovanni Verga, La Roba, in Novelle rusticane



"Ognuno vive dentro i suoi egoismi vestiti di sofismi
e ognuno costruisce il suo sistema
di piccoli rancori irrazionali, di cosmi personali
scordando che poi infine tutti avremo due metri di terreno."

Francesco Guccini, Canzone di notte n.2


Risultati immagini per epigrafe chicchi pensieri
Il significato del termine epigrafe al quale mi rifaccio è quello dato dalla Treccani.it
"Iscrizione in fronte a un libro o scritto qualsiasi, per dedica o ricordo; più particolarm.,
citazione di un passo d’autore o di opera illustre che si pone in testa
a uno scritto per confermare con parole autorevoli quanto si sta per dire

sabato 22 aprile 2017

Gioco letterario con i titoli dei libri



Buon pomeriggio con un breve e surreale racconto formulato con titoli di libri letti.

Quelli per i quali non trovate il link li ho letti, ma prima che esistesse il blog e non li ho ancora mai recensiti :)




,


Un giorno LE STREGHE DI EAST END litigarono
si contendevano la SUITE FRANCESE
migliore de IL CASTELLO.

Per risolvere la disputa,
una gara: inoltrarsi
facendosi guidare solo dal sesto SENSO.

"Ma va VIA COL VENTO", ribattè la Chimera,
mi conviene chiedere rifugio presso LA LOCANDIERA,
prima che arrivino ANGELI E DEMONI".

Invece le streghe accettarono:
e in nome della LIBERTA'
iniziarono il loro viaggio
tra I SUSSURRI DELLA NOTTE.

Recensione: "ECONOMIA DECENTE. Come crescere senza umiliare le persone" di Francesco Maggio



Un breve trattato che pone al centro l'esortazione (oltre che la necessità urgente) a realizzare un'economia decente che, prima ancora di tendere (ossessivamente?) allo sviluppo, punti all'equilibro e alla crescita di una società anch'essa decente, che non preveda (come già purtroppo accade, abbondantemente e quotidianamente) l'umiliazione delle singole persone ma il loro rispetto e la loro crescita.


ECONOMIA DECENTE.
Come crescere senza umiliare le persone
di Francesco Maggio

Ed. GruppoAbele
155 pp
14 euro
2016
"Quanto vorrei vedere tutti con un lavoro decente! è una cosa essenziale per la dignità umana": a scrivere queste parole, semplici e significative insieme, è papa Francesco, su Twitter, nel 2014.
Ebbene, al centro di questo piccolo libro c'è proprio l'argomento di un'economia e di una società decenti.

Cosa vuol dire decente
Decente vuol dire "conforme al decoro, alla dignità, al pudore". 

Oggi più che mai c'è urgente bisogno di un'economia che abbia questa grande connotazione, che sia cioè 

"rispettosa della dignità umana (e per questo capace di contrastare la disoccupazione e il precariato), conforme al pudore (e, dunque, in grado di evitare le retribuzioni "spudorate" di alcuni top manager e l'arricchimento vertiginoso di una minoranza), decorosa nel suo funzionamento (cioè ancorata alla produzione industriale più che alla finanza speculativa)."

E' possibile realizzarla o resta solo un'utopia sognata da qualche idealista un po' ingenuo?
E di cosa e di chi c'è bisogno perchè essa possa assumere i tratti della concretezza e non dell'illusione?

Se ci guardiamo attorno, dobbiamo ammettere che le cose vanno di male in peggio: i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri, e la crisi mondiale che ci sta attanagliando da anni non ha fatto che rendere questo dato di fatto ancora più evidente.

Ne consegue un regime di disuguaglianza spaventoso, e nella pars destruens di questo trattato l'Autore ci fa soffermare proprio sui diversi errori in cui incorrono economisti (che hanno perso il contatto con la realtà finendo per fare solo tanta vuota teoria), industriali (poco concentrati sulla risoluzione concreta di problemi dovuti, ad es., all'evasione fiscale, alla disoccupazione, al lavoro nero, alle delocalizzazioni selvagge...), sistema finanziario/bancario (fragile, poco trasparente) e Terzo Settore ("sporcato" da retorica, banalizzazioni, buonismo sterile, mera autoreferenzialità, col rischio oltretutto di diventare miope ed incapace di scovare le mele marce al suo interno).

L'attuale economia è al collasso: è divenuta inadatta ad eliminare le disuguaglianze, anzi le accentua ingannando le persone e diffondendo la menzogna secondo cui le cose non sono poi così drammatiche e, in fin dei conti, la distinzione tra ricchi e poveri c'è sempre stata; non solo, ma essa - e la relativa diseguaglianza - sono fisiologiche alla crescita economica.
Come dire: c'è poco da lamentarsi ma solo da accettare questo status quo come immutabile.

Siamo di fronte ad una brutta copia dell'economia, che potrebbe essere bella se solo pensasse davvero alle persone piuttosto che ai numeri, se solo gli economisti si decidessero a svestire l'economia degli ingombranti caratteri di "scienza": essa è piuttosto una disciplina che deve trovare nell'interazione con altre discipline "sorelle" la sua forza, il suo arricchimento (storia, etica, psicologia, filosofia....)  per rimettere al centro di tutto l'Uomo e la sua dignità.

L'abbaglio principale di cui bisogna liberarsi è racchiuso nell'espressione homo oeconomicus, che parte dall'assunto che l'uomo sia un essere razionale che agisce solo per tornaconti ed interessi personali, ma questo non è esatto: l'uomo è capace di slanci di solidarietà e giustizia e nella pars construens di questo libro lo stesso Maggio ce lo dimostrerà.

In questo libro l'autore mette dunque a nudo l'inadeguatezza del modello economico dominante, troppo lontano dai reali problemi sociali; ma non si limita a demolire e a mostrarci le falle: in questo "mare nero, poco trasparente", confuso..., esiste una porzione di umanità coraggiosa che merita di essere menzionata.

Sono gli eroi per caso, uomini e donne che tra loro non si conoscono ma che con le loro azioni - straordinarie nella loro semplicità e spontaneità - contribuiscono a salvare il mondo e ci rammentano che c'è speranza e ciascuno di noi deve continuare a sperare e ad agire nella convinzione che è possibile cambiare le cose in meglio.
L'Autore ci ricorda alcune persone che si sono distinte negli ultimi anni per aver agito sulla base di principi etici - in nome della giustizia, del Bene, dell'uguaglianza... - e lo hanno fatto senza secondi fini.

Attraverso uno stile immediato, fluido, un linguaggio chiaro, preciso, tecnico senza scadere nel tecnicismo, ma anzi fruibile al lettore medio (a colui che magari generalmente non mastica argomenti di natura economica), Francesco Maggio ci porta a riflettere sull'urgenza da parte degli esperti di Economia affinchè si impegnino per recuperare l'aspetto umano di questa disciplina, così che la nostra società sia più decente, decorosa, rispettosa davvero per tutti.

È una strada percorribile, ma solo - come precisa la dedica - per "chi sa ravvedersi".

Un libro davvero molto illuminante e interessante; io personalmente ne sono venuta a conoscenza perchè ho assistito ad un incontro con l'Autore in una libreria del mio paese, e devo dire che Francesco Maggio è stato così chiaro e disponibile nel presentare il libro e nel dialogare con i presenti, da invogliare a saperne di più e quindi alla lettura. 
Spero di aver incuriosito anche voi!



venerdì 21 aprile 2017

Film tratti dai libri in uscita al cinema (20 - 27 aprile)



Quali film tratti dai libri ci sono in sala questa settimana?


Un libro letto che però non ho recensito è Accabadora di Michela Murgia, della quale apprezzai non solo la storia in sè, ma in particolare l'ambientazione e "l'atmosfera" creata dall'autrice; da ieri è al cinema la sua trasposizione.

L'ACCABADORA


DATA USCITA: 20 aprile 2017
GENERE: Drammatico
REGIA: Enrico Pau
ATTORI: Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Carolina Crescentini, Sara Serraiocco, Anita Kravos, Camilla Soru, Piero Marcialis.


Alla fine degli anni Trenta, la trentacinquenne Annetta, una donna solitaria e silenziosa sempre vestita di nero, vive in un piccolo centro nelle campagne sarde. Custodendo un terribile segreto del passato, passa le giornate nell'attesa di una chiamata e, quando ciò avviene, apre una vecchia sacca contenente una mazzuola di legno, un vecchio cuscino e uno specchietto spaccato. Da quel momento, qualcosa di imprevisto la porterà a Cagliari e le cambierà la vita, facendole scoprire di potersi staccare dal suo ruolo di accabadora, figura della tradizione sarda il cui compito è aiutare i morenti a trapassare.





WILSON


Wilson è è una trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo grafico di Daniel Clowes, autore anche della sceneggiatura.

DATA USCITA: 20 aprile 2017
REGIA: Craig Johnson
CAST: Woody Harrelson, Judy Greer.


Wilson, un uomo di mezza età, solitario ai limiti della misantropia, ossessivo e nevrotico ma anche onesto e divertente, scopre di avere una figlia, ormai teenager, di cui non conosceva l'esistenza. 
Nel suo modo bizzarro e un po' contorto, con l'aiuto della ex moglie (Laura Dern), cerca di trovare dei punti di contatto con lei.





Prossima settimana:

LA RAGAZZA DEI MIEI SOGNI



,
Tratto dal romanzo omonimo di Francesco Dimitri.

DATA USCITA: 27 aprile 2017
REGIA: Saverio Di Biagio
ATTORI: Primo Reggiani, Miriam Giovanelli, Nicolas Vaporidis, Chiara Gensini, Marco Rossetti, Remo Girone.


P. (Primo Reggiani) è un trentenne insoddisfatto, condizionato da molte situazioni che gli impediscono di vivere come vorrebbe: la morte dei genitori, l’asettica redazione giornalistica in cui lavora; Mario (Marco Rossetti), il suo coinquilino, tanto spigliato quanto superficiale; Margherita (Chiara Gensini), la ragazza di cui è invaghito e alla quale non riesce a dichiararsi.
Un giorno P. conosce Sofia (Miriam Giovanelli), bella e intrigante, somigliante alla ragazza che sogna tutte le notti; tra i due esplode un sentimento incontenibile ed egli sembra finalmente aver trovato la ragazza dei suoi sogni. Ma Alessandro (Nicolas Vaporidis), giovane dalla doppia vita e con la passione per l’occulto, un vecchio amico che P. rincontra dopo anni, finirà per metterlo in guardia dalla dolce Sofia della quale è ormai innamorato.
Attraverso un mondo pieno di retroscena misteriosi, P. scoprirà che incanto e magia possono avere molti significati mentre amare può voler dire morire.




THE CIRCLE



.
Tratto dal best seller internazionale "Il cerchio" di Dave Eggers edito in Italia da Mondadori.

DATA USCITA: 27 aprile 2017
REGIA: James Ponsoldt
ATTORI: Emma Watson, Tom Hanks, Karen Gillan, Bill Paxton, Patton Oswalt, John Boyega.


The Circle è un emozionante thriller psicologico.
Appena fa il suo ingresso nella più grande azienda di tecnologia e social media del mondo, The Circle, Mae (Emma Watson) è incoraggiata dal Fondatore della società Eamon Bailey (Tom Hanks) a rinunciare alla propria privacy e a vivere la sua vita in un regime di trasparenza assoluta.
Ma nessuno è veramente al sicuro quando tutti hanno la possibilità di guardare.






Film tratti dai libri in uscita nel 2017
scopri gli altri film
tratti dai libri
in uscita!
Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...