lunedì 20 gennaio 2020

Recensione: PO 210 (Polonio) di Mauro Valente



Una foto in bianco e nero che ritrae un orologio di una piccola città rumena, un anziano professore alla ricerca del proprio fratello gemello scomparso senza lasciar tracce e un avvocato pugliese alle prese con un'intricata indagine piena di misteri e colpi di scena.


PO 210 (Polonio)
di Mauro Valente




368 pp
13 euro
Mauro Valente vive a San Severo, in provincia di Foggia, ed è un avvocato.
Un giorno nel suo studio riceve la visita di un suo professore delle superiori, Lorenzo Di Iorio, insegnante di Chimica ormai in pensione.
L'anziano, in compagnia del suo cagnolino Drago, è lì per fare al suo ex-alunno una confessione personale, diventata per lui un grosso peso sul cuore; un peso di cui, giunto alla sua veneranda età (va verso i novant'anni), vorrebbe potersi alleggerire.
Mauro è curiosissimo, tanto più che vede Lorenzo molto agitato, emotivamente provato, commosso: cosa può volere da lui?

Il vecchietto tira fuori una foto e gli racconta la storia della propria vita, il tipo di famiglia in cui è cresciuto, la sofferta assenza della madre morta troppo presto, i rapporti con il fratello gemello Umberto, la rigidissima educazione ricevuta dal padre Girolamo, maresciallo dell'Esercito, la sua passione per la Chimica, la carriera militare del fratello all'Accademia di Modena. Ma il punto cruciale del racconto converge in un giorno in particolare che ha stravolto la vita dei Di Iorio: il 5 dicembre 1949 il maresciallo Girolamo viene ritrovato morto in casa sua, con un coltello piantato nella schiena.
Quello stesso giorno il figlio Umberto scompare, fa perdere le sue tracce per sempre e dell'omicidio viene accusato Lorenzo, anche se, grazie ad alcune importanti testimonianze, verrà assolto un paio di anni dopo.
Il motivo per cui il vecchio insegnante s'è recato dall'avvocato è questo: ritrovare il fratello scomparso da settant'anni, cercare di ottenere notizie su di lui.
Ma perché si sta rivolgendo proprio a me?, si chiede Mauro, e la risposta sta nella foto in bianco e nero che Lorenzo gli mostra e nella quale è ritratto un orologio, ma non uno qualunque, bensì quello che si trova in piazza Traiano a Braila, una città della Romania.
Ebbene, proprio la foto di quell'orologio è comparsa di recente su un giornale locale, associata ad un articolo che parlava di Mauro.
E infatti l'avvocato è stato a Braila  tempo prima, avendo accompagnato un suo amico sacerdote in missione presso una casa famiglia gestita da suore.
L'esperienza fatta in mezzo ai bambini e ai ragazzi ospiti della struttura è stata molto forte per Mauro, lo ha cambiato interiormente e questo emerge in modo chiaro nei frammenti del "diario di bordo" che si alternano alla storia narrata.
L'avvocato viene, quindi, coinvolto da Lorenzo in una ricerca che si rivelerà avventurosa: che cosa è successo ad Umberto? Ha ucciso davvero lui il padre, e se sì, perché?
Lorenzo, nel raccontare tutto ciò che sa della propria famiglia, dice a Mauro che il fratello e il padre avevano avuto motivi di litigio in quanto il giovane si era innamorato di una ragazza e l'aveva messa incinta, cosa che il maresciallo padre trovava indecorosa e aveva perciò ordinato al figlio di far abortire la ragazza.
Ma quanto di vero c'è in questi ricordi e in ciò che lo stesso Umberto raccontava al gemello?

Mauro non perde tempo e, coinvolgendo anche la frizzante moglie Laura in questa "indagine", comincia a raccogliere informazioni, a ragionare sui dettagli, a fare ipotesi.
Arriva a Modena, alla ricerca di notizie in merito alla presenza di Umberto all'Accademia militare e scopre, con grande sgomento, che del suo nominativo non c'è traccia negli archivi.
Eppure, cercando bene tra vecchie foto, Umberto c'è..., quindi ha fatto parte dell'Accademia, e a testimonianza di questo incontrerà alcune persone che hanno conosciuto personalmente Umberto Di Iorio e che sanno cose importanti e segrete della sua vita, di "affari" in cui era coinvolto e che non conviene all'avvocato Valente conoscere perché potrebbero venirne fuori brutte conseguenze.

Chi era realmente Umberto? Quali sono questi affari misteriosi e pericolosi in cui era invischiato?  E come mai non ha mai contattato il fratello gemello, fatta eccezione per quella foto in bianco e nero risalente al 1969 in cui è ritratto l'orologio di Braila?
Che significato si cela dietro quella fotografia? Forse ci sono particolari cui fare attenzione e che possono nascondere un messaggio in codice che Umberto desiderava far arrivare al gemello?

Inoltre, spesso e volentieri, nel corso delle personalissime e accurate indagini condotte dall'avvocato sanseverese, emerge un elemento chimico che deve necessariamente aver avuto un ruolo nelle vicende che hanno portato alla sparizione di Umberto Di Iorio: il polonio...

Le domande sono tante e via via si infittiscono sempre più, portando Mauro non solo in giro per l'Italia - arriverà fino a Trieste, alla ricerca di un uomo che è stato un grande amico di Umberto, e lì farà una importantissima scoperta - ma fino in Romania, nuovamente a Braila, proprio dove ha conosciuto gli splendidi bimbi della casa-famiglia (i cui sorrisi gli sono rimasti scolpiti nel cuore) e che adesso torna a visitare per fare progressi nelle sue ricerche; e proprio lì, in questa cittadina rumena sulle rive del Danubio, attraversando vicende storiche e politiche che hanno segnato il XX secolo, Mauro proseguirà nella sua "missione" di trovare Umberto e restituirlo al povero Lorenzo, le cui lacrime e il cui dolore toccano profondamente l'avvocato, dandogli la motivazione per andare avanti anche quando spesso gli sembrerà di essere in un vicolo cieco...

L'Autore ha costruito una storia davvero molto ben articolata, un giallo avvincente, ben scritto, dal ritmo sempre vivace, con uno sviluppo delle vicende interessante, coerente, ricco di colpi di scena che alzano di volta in volta il picco di curiosità nel lettore, il quale procede nella lettura lasciandosi coinvolgere, partecipando all'entusiasmo del protagonista e narratore, desiderando anch'egli di mettere in ordine tutte le tessere del complicato puzzle, per arrivare alla fine a comprendere cosa sia successo ai personaggi coinvolti nel "giallo di Umberto".
Oltre ad aver apprezzato moltissimo com'è strutturata la trama, le sue diramazioni fatte di misteri che si infittiscono, mi ha colpito molto il "diario di bordo" relativo al viaggio del protagonista a Braila, quando ha incontrato per la prima volta i ragazzini dell'istituto diretto da suore dedite interamente alla propria missione, perché quelle poche righe sono un concentrato di sensibilità e di presa di coscienza nei confronti di una realtà lontana e diversa dalla propria che, una volta conosciuta, è impossibile non amare e non lasciarsi cambiare da essa.
Ho trovato simpaticissimi, e mi hanno fatto sorridere tanto, i dialoghi tra Mauro e sua moglie Laura, che si stuzzicano e si prendono amabilmente in giro, per poi però far tesoro l'uno dei consigli dell'altra; interessante anche lo sfondo storico relativo alla Romania e ai suoi rapporti con l'Unione Sovietica, che aiuta a contestualizzare alcuni aspetti rilevanti delle vicissitudini narrate.
Inutile dire che non posso non gradire il fatto che l'Autore (di cui ho già letto e recensito APPUNTAMENTO IN OBITORIO) decida di collocare le storie che scrive nella propria città, che è anche la mia, e sono felice di poter consigliare il romanzo di un mio concittadino, perché, a mio modesto avviso, merita di essere letto!

domenica 19 gennaio 2020

Recensione: "Guglielmina di Barbone-Pudel di Baviera" di Annarella Asuncion Morejon



Anche oggi, lettori, ho una segnalazione per voi: si tratta di un bellissimo libro per bambini!

E' in libreria "Guglielmina di Barbone-Pudel di Baviera", una storiella divertente, illustrata da disegni pastello molto efficaci, che stimolano la fantasia del bambino e lo aiutano a immergersi nel racconto.


Guglielmina di Barbone-Pudel di Baviera
di Annarella Asuncion Morejon

Ed. Terre Sommerse
ill. Nada Salari
25 pp (digit.)
In questo breve e simpaticissimo racconto conosciamo un'elegante e raffinata barboncina di nome Gugliemina, la cui padrona è nientemeno che una regina; del resto, il titolo altisonante con cui è chiamata già ci fa presagire che tipo di protagonista del mondo animale ci apprestiamo a conoscere!

La cagnetta è abituata a vivere nel lusso e nel decoro, ma un mattino decide di respirare un po' d'aria fresca e si fa condurre in carrozza per una passeggiata in campagna.
Il sole, i fiori, l'aria densa di profumi e cinguettii le suggeriscono un'idea che a lei sembra straordinaria: organizzare un pranzo ed invitare la fauna che vive attorno alla dimora reale in cui lei vive.
Così, giusto per fare nuove amicizie, diverse da quelle pettinate e chic alle quali è abituata.

E così, tutti incravattati e agghindati, gli animali invitati arrivano tutti allegri al pantagruelico banchetto: gatti, galline, pappagalli, volpe..., che si ritrovano nei piatti succulenti pietanze che però essi, essendo creaturine rustiche e poco avvezze al bon ton dei ricchi, non sanno neppure come mangiare...

Cosa succederà a tavola, secondo voi? Gli invitati sapranno cavarsela egregiamente e fare una bella figura o ne verrà fuori qualcosa di imprevedibile?

Il libro di Annarella Asuncion Morejon è molto piacevole, un carinissimo racconto narrato in versi con rima, il che contribuisce a rendere la lettura scorrevolissima, musicale e adatta ai piccoli lettori, che verranno sicuramente rapiti tanto dalla storia in sé quanto dalle incantevoli illustrazioni, colorate e in perfetta sintonia con la vicenda raccontata.
Essa è una esilarante metafora della società di ogni tempo che mette su due livelli contrapposti ricchezza e miseria, personaggi eleganti rispetto ad altri sempliciotti e buffi, come buffo e strampalato si rivelerà il pranzo di benvenuto offerto da un'inconsapevole Guglielmina, che - desiderosa di mescolarsi alla "fauna plebea" senza in realtà sapere come ci si debba comportare con i nuovi amici - finirà per vivere suo malgrado un'indimenticabile avventura, che susciterà il riso e il divertimento di grandi e piccini.


Note biografiche sull'Autrice:
Annarella Asuncion Morejon ha avuto fin da piccola la passione
per le fiabe e ricorda ancora quando sua nonna gliele raccontava a lume di candela. Nel corso dell’infanzia adorava leggere e creare piccole narrazioni su tutto ciò che c’era intorno a lei. In modo particolare le piaceva cantare le sue storie al vento, sussurrare i suoi racconti agli animaletti del cortile, creare giochi divertenti con gli amici e ogni tanto provare a vivere la storia di qualche personaggio dei libri. Già all’età di 10 anni decise di scrivere delle fiabe, con l’intento di raccontarle al suo fratellino venuto al mondo da poco. La curiosità e l’entusiasmo che provava l’hanno portata a comprendere nel tempo che solo nella scrittura avrebbe trovato appagamento. La scrittura le ha permesso, soprattutto, di ascoltare il mondo che la circonda, di sentire con l’anima e comprendere col cuore. Diventata mamma, ha iniziato ad inventare fiabe per invogliare sua figlia a mangiare. Così sono nati i suoi primi racconti. 

Note biografiche sull'illustratrice
Nada Salari è nata 50 anni fa a Foligno (PG). Fin da bambina il suo amore più grande è stato il mondo dei colori e dei pennelli. Anche se la vita l’ha portata a lavorare in altri settori, non ha mai abbandonato la sua vera passione. Negli anni ha sempre sperimentato nuove forme espressive, passando da una tecnica all’altra, dalle tele alle carte decorative, dal legno agli stucchi e ai tessuti. Con i tessuti realizza magliette per bambini e ragazze, giocando con immagini di fantasia. Crea inoltre animali e bambole di pezza con faccine buffe, musetti divertenti e vestitini personalizzati. Attualmente si è immersa nel mondo delle favole, dove ritorna bambina insieme ai personaggi che crea. Così immaginando,  giocherellando nascono delle bellissime immagini che provengono dal cuore e dalla creatività.


venerdì 17 gennaio 2020

Recensione: VELOCE LA VITA di Sylvie Schenk



Un romanzo breve ma che, grazie ad una scrittura che bilancia sapientemente leggerezza e malinconia, conduce il lettore nella vita di una ragazza francese degli Anni Cinquanta, narrandoci la sua infanzia, la sua giovinezza e, con esse, i suoi pensieri più profondi, le paure, le illusioni, le luci e le ombre che segnano la sua esistenza.



VELOCE LA VITA
di Sylvie Schenk


"...la vita intera è un gioco cattivo e talvolta divertente di maschere e ombre, la vita è una mescolanza arlecchinesca di dramma e commedia degli equivoci"


Louise è una giovane studentessa che ha lasciato le Alpi francesi e un ambiente famigliare oppressivo e piccolo borghese, per andare a studiare a Lione.
Siamo negli anni Cinquanta, la seconda guerra mondiale è un ricordo doloroso e fin troppo recente, e nessuno ha ancora dimenticato i drammi dell'occupazione ad opera dei tedeschi, anche se si cerca comunque di andare avanti e guardare al futuro.

La vita di questa ragazza ci scorre sotto gli occhi velocemente, come una sequenza di istantanee, e la stessa essenziale divisione in capitoli ci permette di conoscerla inquadrandola in precisi tempi e spazi: la sua infanzia, il rapporto coi genitori - questo padre poco affettuoso, la madre, tranquilla casalinga dalle "origini incerte" (è stata adottata) - e con la famiglia paterna, l'educazione ricevuta, i luoghi in cui è nata e cresciuta, le letture negli anni della scuola, fino ad arrivare all'altra vita, quella a Lione.

Qui tutto è nuovo: la vita di una grande città, le avventure, l'amore.
Conosce Francine, bella ed esuberante, e in un pub le vengono presentati anche Claudie, Ahmend, Soon, Johann e Henri, con i quali stringe amicizia, sentendosi pian pano parte di un gruppo.

In particolare, a colpirla è il misterioso e affascinante pianista jazz Henri Lagarde, un giovanotto pieno di talento che però ha un'ombra costante a incupirgli lo sguardo e il cuore: il ricordo di ciò che è successo ai propri genitori è ancora molto fresco e lui proprio non riesce a dimenticarlo, a farsene una ragione.

Essi, infatti, hanno avuto una brutta sorte: durante la guerra sono stati uccisi dai nazisti perchè membri di un movimento di resistenza contro l'occupazione tedesca, e adesso il ragazzo vive in un'antica casa con una biblioteca ormai vuota in quanto depredata dai nazisti.
La tragedia famigliare che si porta dietro è un macigno pesante per Henri, che gli impedisce di vivere serenamente e lo porta a covare dentro di sé un profondo odio e un rancore quanto mai vivo verso i tedeschi.

La bella francesina lo ascolta, cerca di comprendere il dolore e la rabbia che occupano il cuore di questo ragazzo tanto bello quanto sfuggente, sente una forte attrazione verso di lui ed infatti i due avranno un breve flirt, che però - a motivo dell'atteggiamento di Henri, restio ad avere relazioni durature e impegnative - non pare avere futuro, così Louise accetta la corte del tedesco Johann (studia Chimica, parla francese e viene da una famiglia stimata e colta), caratterialmente agli antipodi dal suo "rivale in amore".

Con lui la ragazza si trova bene, c'è complicità e per amore deciderà di lasciare la Francia per seguire il fidanzato nel suo paese, vicino Francoforte; opponendosi alla propria famiglia, sposerà Johann e farà della Germania la propria nuova casa, trovando tra l'altro una buona e calorosa accoglienza da parte dei suoceri (un po' meno da parte della sorella minore di Johann, un'adolescente ribelle).

Seguiamo quindi la protagonista in questo nuovo Paese, la vediamo impegnata a imparare la lingua del posto, a intrattenere nuove relazioni.
La vita matrimoniale scorre placida e gradualmente comincia a essere contrassegnata dalla quotidianità di gesti e parole che perdono freschezza, genuinità ed entusiasmo per far posto all'abitudinarietà e al rischio di un'esistenza piatta e poco interessante.

Intanto passano gli anni, eppure il pensiero del primo amore, Henri, non svanisce mai del tutto...
Johann non ne è del tutto ignaro ma non parla, non chiede, non cerca di capire cosa provi e senta la sua dolce mogliettina; forse perché si fida di lei o più probabilmente perché è un po' codardo, restio alle discussioni e ai litigi, incapace di esprimere con chiarezza il proprio pensiero ed affrontare a muso duro verità anche scomode?

Ma soprattutto, a insinuarsi nella mente di Louise è il dubbio su ciò che Henri le ha svelato nel corso di una confidenza condivisa prima della sua partenza: la famiglia del marito ha avuto rapporti coi nazisti. 
Quella famiglia nella quale sta per entrare, per farne parte, forse non è così innocente ed estranea ai fatti accaduti durante la guerra, ma anzi, in una certa misura, tali persone responsabili (fosse anche solo moralmente) di ciò che è accaduto ai genitori dello stesso Henri.

Louise si rende conto della gravità di una tale situazione o a lei questo aspetto della sua famiglia acquisita è indifferente?

La giovane prova a non pensarci, convinta che nella vita si debba andare avanti, senza restare ossessivamente ancorati al passato (tanto più se è cupo e triste, come quello di Henri), e oltretutto Johann non ha alcuna colpa per gli eventuali (e tutti da dimostrare, tra l'altro) errori dei suoi genitori...!

Benché la sua vita proceda tra impegni fuori e dentro casa, tra le mille preoccupazioni che vengono da ogni parte, i rapporti famigliari non sempre idilliaci, col passare dei giorni Louise sente che, benché non le manchi oggettivamente nulla, allo stesso tempo, le manca qualcosa.

Louise è una donna intelligente, colta, attenta, sensibile, riflessiva, e dentro di lei vive uno spirito indipendente, è consapevole dei propri sogni e capacità (ama scrivere e disegnare), è determinata nelle scelte che fa, e alla fine di questa storia, in seguito ad una sconvolgente scoperta, giunge a importanti consapevolezze.

Veloce la vita ci racconta proprio la storia di una donna, della sua forza, delle sue scelte e dell'amore, dei libri letti, dei desideri, di ciò che unisce e divide popoli e lingue differenti, delle ombre e delle colpe che ci portiamo dietro - a volte anche quelle di cui non siamo responsabili -, della drammatica velocità con cui passa il tempo e con cui anche la vita più piena, alla fine, si consuma. 
È la storia di una vita spesa e sospesa tra Germania e Francia, del riavvicinamento amichevole tra queste due nazioni nonostante la memoria delle atrocità della seconda guerra mondiale sia ancora viva e presente.

La Schenk ha scritto un romanzo breve come breve è la vita che ci scorre come sabbia tra le dita, fugge senza che riusciamo a trattenerla, e ha scelto, come prospettiva di narrazione, un meccanismo insolito che personalmente mi è piaciuto e mi ha convinto: la seconda persona singolare. 
Dall'inizio alla fine, leggiamo le vicende personali e famigliari della protagonista come se un interlocutore esterno si rivolgesse direttamente a lei, una sorta di alter ego che parla a Louise, come per sostenerla e aiutarla a guardare alla propria esistenza dal di fuori, esaminandola attentamente, ponendo domande, dubbi, rivelando emozioni, sentimenti, pensieri, paure, sogni.

Questa tecnica narrativa, un po' interna e un po' esterna, ha reso la lettura, per quanto mi riguarda, comunque coinvolgente, inducendomi ad adottare sì il punto di vista della protagonista ma, allo stesso tempo, facendo in modo di vederla affianco agli altri personaggi e, al pari loro, travolta dalle vicissitudini esistenziali che il vivere quotidiano porta con sé, e davanti alle quali viene fuori il carattere di ognuno.

Non ho mai letto, prima di oggi, una pubblicazione Keller Editore e devo dire che ha un catalogo molto interessante, come è questo libro, che ho trovato davvero bello, scritto in modo incantevole, calibrando in modo intelligente la leggerezza, l'entusiasmo e la fame di vivere di questa ragazza con lo struggimento che proviene dal considerare come la vita sia fuggevole, precaria e imprevedibile.

Un gioiellino da non lasciarsi sfuggire!

giovedì 16 gennaio 2020

Casa Editrice Kimerik - segnalazioni editoriali (saggistica, libri per bambini, narrativa)



Cari lettori, oggi condivido con voi alcune novità pubblicate da Kimerik Edizioni (nonché mie prossime letture), appartenenti a differenti generi letterari:


LIBRARIA di Giulia Reale (150 pp, 14 euro) 
,


Esiste un mondo speciale. Un mondo che è nato con il primo libro stampato e continua a esistere solo grazie alla fantasia e alla dedizione degli scrittori e dei lettori.
Questi ultimi non hanno la minima idea di come sia tale mondo, né tanto meno sanno che i libri che si accingono a leggere sono suggeriti dalle così dette fatine Libriscenti che vivono nei libri situati sulla Terra e nel loro magico mondo a forma di libro.



Separazione e divorzio nella prospettiva dell'uomo violento di Elda Panniello (€ 19, 196 pp).

Quando si verifica una crisi in un contesto familiare, le conseguenze sul piano affettivo, psicologico e sociale sono notevoli, non solo nel rapporto tra marito e moglie, ma anche tra genitori e figli.
Se da un lato la giurisprudenza italiana, dai tempi in cui è stata approvata la legge sul divorzio, si è orientata sempre più verso una risoluzione consensuale delle separazioni, dall’altro lato vi sono ancora dei vuoti normativi per quanto riguarda, ad esempio, convivenze di fatto e unioni civili.
A partire da una disamina delle normative vigenti in materia di separazione e divorzio, si mette in rilievo come per una donna vittima di un coniuge o compagno violento, la separazione, già di per sé un evento traumatico, sia un vero e proprio atto di coraggio.


La Contessa del Regno di Goldon  di Giovanna Mangone (€ 13, 84 pp).

I bambini sono il nostro futuro. Il nostro compito è non perdere la speranza di insegnare loro che un mondo migliore è davvero possibile.
Il loro compito è insegnarci che forse, davvero, non tutto è perduto.
Tolleranza, solidarietà, comprensione, empatia: quanto sono difficili, quanto sono oscure queste parole alle orecchie dei più piccoli, invaghiti e ingannati da oggetti fuorvianti, inviti lampeggianti e attrattivi, ma illusori e tremendamente fallaci, lucidi e colorati come la mela rossa della strega di Biancaneve, ma spaventosamente insidiosi e bugiardi come il Mangiafuoco che rinchiude Pinocchio nel carro dei burattini, promettendogli una (contraffatta) gallina dalle uova d’oro.




Un cielo di papaveri rosso fuoco di Enzo Longobardi (€ 16, 164 pp).

Non esiste un amore perfetto come quello che c'era tra Adamo ed Eva prima che venissero cacciati dall'Eden, o come il sentimento che univa Dante e Beatrice o Laura e Petrarca, privo di gelosie, problemi sessuali, malattie veneree, Aids, noia, un amore che ti renda pari a Don Giovanni.
Non esiste un'amicizia perfetta come quella che esisteva tra Gesù Cristo e Giuda prima del suo tradimento, senza invidie, divergenze, odi e rancori, capace di renderti simile a San Francesco.
Non esiste un lavoro perfetto come quello che fu fatto per la creazione del mondo in sette giorni, senza morti bianche, lavoratori in nero e prodotti inquinanti, come auspica un vero comunista.
Esiste però un momento perfetto.



Le Giovanneidi - Giovanni e la terra delle sei pietre di Gandolfo Quercia  (€ 14, 136 pp)

Le Giovanneidi è un romanzo storico-fantastico.
Le vicende narrate mirano a esaltare innanzitutto il valore dell’amicizia; il valore dell’ospitalità e dell’accoglienza; i valori della tolleranza e dell’accettazione di culture diverse e l’amore per la propria patria che si estende a tutte le terre attraversate, dove l’eroe vuole portare (o riportare) i valori della libertà e della fratellanza fra i popoli.



LA DONNA DENTRO MIA MADRE di Anna Santolisier (14 eero, 180 pp)

Un romanzo autobiografico, in cui l’autrice racconta la propria infanzia e l’intimo rapporto con i genitori, in modo particolare con la madre, vittima inconsapevole e improvvisa di un male misterioso chiamato epilessia.
La sofferenza dell’autrice si evince ed è tangibile nella sua scrittura, evocativa e lineare.
La vicenda narrata è coinvolgente e sincera, scevra da sentimentalismi e pregna di pathos.
Cromie e profumi attraversano la vicenda, quasi lasciando trapelare le percezioni provate dall’autrice nella propria infanzia, in un’osmosi sensoriale.
Termini dialettali si intrecciano a pieno con la lingua italiana all’interno di un testo coeso e coerente, ricco di preziosismi linguistici e mai banale.

mercoledì 15 gennaio 2020

Imparare leggendo (#12)



Il bello dell'amare la lettura è che si ha l'opportunità di arricchire, tra le altre cose, il lessico.

Ecco qualche parolina di cui ignoravo il significato e/o l'etimologia.

.
STRAORZARE: v. intr. e tr. Nel linguaggio marin., di nave che viene bruscamente all’orza, cioè che accosta nella direzione del vento. Come trans., condurre la prua della nave bruscamente fuori rotta, per effetto di grosso mare in poppa o di mal governo del timoniere.



SCISTO In petrografia, nome generico (anche roccia scistosa) di una roccia metamorfica caratterizzata da una disposizione regolare, in piani grossolanamente paralleli, dei componenti minerali lamellari o fibrosi, che le conferisce una più o meno facile divisibilità secondo tali piani, detti perciò piani di scistosità.

martedì 14 gennaio 2020

Recensione: WEST di Carys Davies



West è un'epopea in miniatura affascinante e senza tempo, una parabola inquietante della frontiera americana, una triste vicenda di ricerca di opportunità, illusioni e delusioni narrata come una storia semplice di uomini e di sogni, spesso infranti.



WEST
di Carys Davies



Ed. Bompiani
160 pp
15 euro

Cyrus Bellman è un allevatore di muli, ha una piccola fattoria in Pennsylvaia e vive con la sua unica figlia di dieci anni, Bess; la moglie Elsie è morta e l'uomo non è intenzionato a risposarsi.

Sono altri i suoi sogni: un giorno legge sul giornale che in una palude del Kentucky sono stati ritrovati resti giganteschi appartenenti a un animale non meglio identificato.
Il sognatore irrequieto che vive dentro di lui si sveglia e l'uomo decide di lasciare casa, muli e figlia e di andare a verificare coi suoi occhi se davvero nelle piane selvagge ed inesplorate del West, oltre il fiume Mississippi, pascolano indisturbate ancora enormi creature leggendarie.
Armato di mappe, di una scatola di latta piena di cianfrusaglie da scambiare con gli eventuali "selvaggi" (i nativi americani) che potrebbe incontrare lungo il cammino, di un cavallo nero e di tutta la propria ostinazione, una mattina Bellman, dopo aver promesso alla figlia di scriverle con costanza e di tornare entro due anni, la lascia, affidandola alle cure sbrigative della propria sorella, la secca, taciturna ed ossuta Julie, che per prima dubita della salute mentale dello sciagurato fratello.

Padre e figlia sono entrambi romantici e sognatori, che però viaggiano in due direzioni opposte.

Bess, rintanata nella biblioteca del piccolo villaggio, prova a seguire l’itinerario del padre consultando libri e fantasticando sulle sue avventure, e intanto sogna ad occhi aperti il ritorno di Cyrus, un ritorno che lei si augura sia ogni giorno più vicino e concreto.

Lui, in viaggio sul suo cavallo, pronto a macinare migliaia di chilometri alla ricerca di una chimera, immagina di trovare le creature incredibili e mostruose di cui si vocifera, e per portare a compimento la propria missione sa di doversi allontanare sempre più da casa, dalla sua Bess, andando verso l'Ovest.
Il cammino è difficoltoso, costellato di ostacoli, a motivo di un paesaggio naturale impervio, aspro, che può diventare un vero e proprio nemico soprattutto in inverno, quando cadono la neve e il gelo, trovare di che sfamarsi è complicato e Cy rischia di morire assiderato e affamato.

Fortuna vuole che, all'inizio dell'avventura, un'anima pia (scettica in merito allo strambo progetto dell'allevatore di muli, ma comunque gentile) gli proponga la compagnia di un nativo, lo shawnee Donna Vecchia Vista Da Lontano, un giovane smilzo, dagli occhietti piccoli, le treccine nere e lo sguardo quasi sempre torvo.

Il loro è un viaggio fatto di lunghi silenzi e poche parole, anche perché non conoscono l'uno la lingua dell'altro e quelle rare volte che il bianco alto e dalla barba rossa prova a comunicare con l'indiano minuto e scontroso, gli equivoci sono dietro l'angolo e rischiano di mandare all'aria la già fragile alleanza.

Verso cosa sono diretti i due bizzarri compagni di viaggio?
A Donna Vecchia Vista Da Lontano non interessa un bel niente dei mostri mastodontici di cui va alla ricerca l'uomo dalla barba rossa; a lui interessa solo ricevere oggetti e ricompense per il proprio impegno ed aiuto.
Ma Cy? Lui ha solo una vaga idea di cosa stia cercando, si affanna a spiegare a chiunque incontri il suo proposito, riempie fogli di schizzi di improbabili animali, scrive tutti i giorni lettere sgrammaticate alla figlia lontana - sperando che qualcuno gliele faccia recapitare... - e intanto sogna, fantastica...
Spera.
Spera che quel suo pazzo viaggio non sia un enorme fallimento. Mentre va verso il West, si sta allontanando sempre più dalla sua piccola Bess.

"...con il trascorrere dei mesi da che aveva lasciato l’accampamento del commerciante di pellicce insieme al ragazzo indiano per proseguire verso il West, si sorprendeva a pensare sempre meno agli animali enormi e sempre più a Bess. Si sorprendeva a preoccuparsi che se si fosse spinto molto più avanti rischiava di non tornare a casa; si sorprendeva a domandarsi se la sua ricerca dei mostri svaniti non gli sarebbe costata un prezzo troppo alto."

Che ne è di lei, sola con la burbera zia Julie? La donna la sta trattando bene? La protegge e se ne prende davvero cura?

Nel frattempo, mentre suo padre viaggia per terra e per fiumi, sul cavallo o su una pagaia, in compagnia di un indiano silenzioso, Bess sta crescendo, sta diventando una signorina e i primi uomini cominciano a metterle gli occhi addosso.

E se dal viscido bibliotecario riesce a fuggire senza troppi problemi, dalle attenzioni del vicino di casa (nonché aiutante di Cy), Elmer Jackson, che frequenta quotidianamente la fattoria Bellman (ha promesso all'amico di aiutare la di lui sorella con i muli), è meno semplice sottrarsi.

Finché c'è la zia nei paraggi, la ragazzina si sente un po' più sicura, ma se dovesse restare sola in casa...? Non ci sarebbe nessuno a proteggerla dalle cattive intenzioni di un uomo come Elmer!

Sentiamo odore di tragedia su ambedue i fronti, sia ad est, per la povera Bess, sia ad ovest, dove c'è un sempre più stanco e demotivato Cyrus, l'esploratore improvvisato che, spinto dall'entusiasmo di essere il protagonista di una scoperta sensazionale, ha voltato le spalle alle proprie responsabilità di padre e s'è messo in cammino verso... il nulla. Verso qualcosa che non c'è. 

I personaggi di questo romanzo sono, in un certo senso, chiusi nel loro mondo, in una bolla che li isola dagli altri, e questa caratteristiche credo si esprima anche nella scelta stilistica della Daviesi non usare molti dialoghi, come se i pensieri e i sentimenti dei suoi personaggi fossero più interiorizzati che liberamente espressi; ad es., Cy e Donna Vecchia Vista Da Lontano non condividono un linguaggio comune e, oltre a questo, sono separati da mille sospetti e pregiudizi (l'indiano odia i bianchi per ciò che hanno fatto al suo popolo).
La stessa Bess si ritira nella solitudine delle proprie fantasticherie, come per tenere lontani gli altri, che non la capiscono: tutti coloro che le sono vicini, infatti, giudicano suo padre un folle, un visionario.
Cyrus è solo un uomo curioso, che compensa la mancanza di cultura e istruzione con la propria anima da sognatore, che spera contro speranza e ha fiducia nei propri sogni, e in fondo sua figlia è come lui, perché fino alla fine crede tenacemente nel ritorno del padre e nel successo della sua impresa.

Con una scrittura misurata e semplice, una narrazione ridotta all'essenziale ma non per questo povera o scarna (l'Autrice si sofferma, ad es., sulle caratteristiche della natura, così come appare a Bellman), la Davies ha costruito una storia che si lascia leggere e apprezzare per diversi aspetti e contenuti: il periodo storico in oggetto, legato alle prime esplorazioni nelle regioni di frontiera del West (non è indicato l'anno, ma sono citati gli esploratori Clark e Lewis, quindi intuiamo che ci aggiriamo negli anni successivi alle loro imprese, quindi dopo il 1810), per il riferimento alle popolazioni indigene che venivano cacciate dai loro antichi territori, fino a provocarne l'estinzione, per la giovane protagonista femminile, che sta vivendo il passaggio dall'infanzia innocente all'adolescenza e al mondo degli adulti da sola, senza nessuno che la guidi e la protegga, e non ultimo, perché accenna alle misteriose ed enormi ossa che erano state avvistate in una palude del Kentucky (articolo).

Un romanzo breve, che passa da un'iniziale atmosfera placida e tranquilla (la vita di Bess a casa, il viaggio solitario di Cy e l'indiano) per poi via via diventare più tesa, proprio per via delle evoluzioni che prendono i due opposti fronti (cosa accadrà al "pioniere sognatore"? E a Bess, sola contro uomini malintenzionati?); il finale mantiene questo doppio binario, contemplando un epilogo triste e uno più "lieto".



lunedì 13 gennaio 2020

Recensione: IL LADRO DI GIORNI di Guido Lombardi (libro)



Un viaggio on the road da Nord a Sud, un'occasione importante (forse l'unica?) perché l'undicenne Salvo e suo padre Vincenzo si ritrovino e imparino a conoscersi. Un'avventura punteggiata da incontri inaspettati, deviazioni fuori programma e dai ricordi di un’infanzia ancora candida e piena di domande, che culmina con l’arrivo del misterioso “ladro di giorni”, colui che anni prima ha rubato a un padre del tempo prezioso da trascorrere col proprio figlio .



IL LADRO DI GIORNI
di Guido Lombardi


Ed. Feltrinelli
288 pp
16 euro
Salvo ha cinque anni quando, mentre è col padre Vincenzo al mare a fare tuffi dagli scogli, arrivano due signori grandi e grossi... e si portano via il genitore.
Non lo vedrà più per sei anni.
Dopo quell'estate che ha gli ha rubato il suo papà, a Salvo resta la sua dolce mamma, che però un brutto giorno, a causa di uno stato depressivo, arriva a fare un gesto terribile ed estremo: si toglie la vita... e Salvo è di nuovo solo.
Fortunatamente a prendersi cura di lui ci sono zia Anna (sorella della madre) e zio Eugenio, che lo prendono in casa con loro.

Salvo è un bambino attento, riflessivo, che scruta tutto e tutti, dai coetanei - il cugino Emidio (che è un po' tontolone e, secondo Salvo, "cretino"), i compagni di scuola, le amichette che gli piacciono - agli adulti - la mamma ,sempre stanca, triste, la paziente maestra Silvia, gli zii, l'istruttore di tuffi.

E a proposito di tuffi, se c'è una cosa che il bambino non ha mai dimenticato sono proprio i momenti che ha passato col padre a fare tuffi; da allora non ha mai smesso di farne, anche senza di lui, diventando sempre più bravo, fino al giorno in cui qualcosa in Salvo s'è interrotto, ha avuto un blocco ed ora non riesce più a tuffarsi.

Lui, il campione di tuffi con la paura di tuffarsi, ha capito alcune cose su come gira il mondo, nonostante sia poco più di un bimbo.
La prima è che gli adulti cercano sempre di fregarti, in un modo o nell'altro; fingono di sapere tutto (o comunque più dei bambini) ma quando Salvo fa domande che li mettono in difficoltà, promettono di rispondergli quando sarà più grande, solo che gli anni passano, lui è sei sempre troppo piccolo e le domande restano sospese e senza risposte.

"La verità è che ci sono un sacco di verità. Per questo non si capisce niente."

Anche suo padre Vincenzo ha fregato lui e la mamma: se n'è andato e non è più tornato. I grandi gli dicono che è in una scuola speciale dove ci sono un sacco di cose da imparare ma dalla quale non si può tornare a casa la sera. È solo un’altra bugia, dentro la quale galleggiano paroloni come “reato” e “processo”, che nessuno si premura di spiegargli, raccontando semplicemente la verità.

La vita tranquilla di questo ragazzino barese trapiantato al Nord viene sconvolta dall'arrivo improvviso del padre: Vincenzo è uscito di prigione, ha raggiunto il figlio dagli zii in Trentino e vuole che l’accompagni fino a Bari, dove ha una missione da compiere.

I due hanno a disposizione quattro giorni di tempo per attraversare l’Italia e imparare a conoscersi, provando a recuperare almeno una parte di quegli anni persi.

"Avevo detto: “Pa’ ”. Era da tanto tempo che non lo chiamavo più così. Un po’ è come con la parola “palafitta”, che non la usi perché non ti serve: io non potevo dire “papà” perché lui non c’era. Mi ci ero abituato e non ne avevo più bisogno, invece quella mi era uscita da sola".

Quattro giorni: un tempo enorme per Salvo, che non vuole partire su quella vecchia auto scassata con quell’uomo pieno di strani tatuaggi che fa cose di nascosto, come se avesse un segreto. Un uomo che è sì suo padre, ma che è cambiato moltissimo (a cominciare dall'aspetto fisico), diventando, in sei anni, un estraneo, e di lui ci sono ricordi che si perdono nel tempo e che al piccolo Salvo paiono appartenere quasi a un'altra vita.

Ma anche per Vincenzo suo figlio è un'incognita; tende, delle volte, a trattarlo come se avesse ancora cinque anni e quasi si meraviglia nel constatare come Salvo sia cresciuto tanto in sua assenza.
Entrambi devono sfruttare bene questi pochi giorni per trovare insieme il coraggio di tuffarsi nel vuoto e tornare a conoscersi e ad amarsi.

Non è facile per nessuno dei due: Salvo capisce che il padre vuole andare a Bari per sistemare una faccenda e lui capisce che non si tratta di una "buona faccenda", il che lo spaventa; ma è in particolare una la domanda che più martella nella testa del ragazzino: papà è tornato a prenderlo perché davvero gli vuole bene? Sul serio gli sono mancati lui e la mamma? Il dubbio che la propria presenza sia indispensabile solamente per tornargli utile nei suoi loschi affari, turba Salvo...

"Ma io non l’ho ancora capito se è tornato per stare con me veramente o per qualche altro motivo che sa solo lui. Vorrei qualcuno che mi vuole bene per come sono, pure se non faccio niente, giusto o sbagliato che sia. Com’era con mamma."

A sua volta, Vincenzo deve confrontarsi con l'ostilità di questo figlio che lo guarda con un'espressione perplessa, un po' delusa, e soprattutto piena di interrogativi, ai quali non sempre è facile rispondere, e lui è un maestro nel procrastinare, nel rimandare a dopo spiegazioni e decisioni.
Tutto è secondario ai suoi interessi personali.

Ritrovarsi di nuovo figlio di un padre che non vedeva ormai da 6 anni, che non è stato con lui quando ne ha avuto bisogno, non l'ha consolato nei momenti tristi e con cui non ha riso assieme quando era felice, confonde Salvo, che all'inizio fa logicamente fatica a riconoscere dentro di sé i giusti sentimenti verso il proprio genitore. Non solo, ma oltre all'atroce dubbio se il padre gli voglia o no sinceramente bene, si aggiunge la paura verso quest'uomo colorato come un pirata, che Salvo trova incattivito, più duro e nervoso, ed infatti cerca di non farlo arrabbiare per non buscarsi qualche ceffone, anche se poi, come capita ai ragazzini, è inevitabile che combini qualche marachella, generando malumori e sgridate da parte di Vincenzo.

Vincenzo, che da piccolo chiamavano - a ragione! - Vincenzino Passaguai, e di guai non ha mai smesso di combinarne, anzi crescendo s'è specializzato in attività criminali.
Vincenzo, che sa bene quanto la presenza di suo figlio accanto a sé costituisca una sorta di "lasciapassare", come se l'uomo diventasse, ad occhi estranei, meno pericoloso per il solo fatto di andarsene in giro con un undicenne.

"adesso vedevo tutto chiaro: avevi ragione, papà, hai fatto bene a portarti dietro tuo figlio, se c’è Salvo i poliziotti ti lasciano andare. E tu non devi sparare a nessuno. “Avevi ragione… sono meglio di una pistola.”

E questo undicenne, nel suo viaggio avventuroso col padre ladro e armato di una pistola vera, ne vedrà delle belle e si renderà conto, di volta in volta, di come questo suo genitore sia sempre il solito, pronto a prenderlo in giro e a mentire per i propri egoistici interessi.

Salvo è poco più che un bambino, legittimamente bisognoso di affetto, protezione, cura, eppure non di rado ci sembra il più maturo dei due, e tutte le volte che, riferendosi al padre, lo chiama Vincenzino, avvertiamo l'innocente tenerezza che prova verso quest'adulto scapestrato e incosciente - che raramente ride, regalando piuttosto mezzi sorrisi e, al massimo, mezze risate - cui sente comunque di voler bene.

L'Autore ha adottato in modo convincente il linguaggio, gli schemi mentali, gli stati d'animo del giovanissimo narratore e protagonista, così da prestare al lettore gli "occhiali" adatti per leggere le sue avventure attraverso i suoi stessi occhi, il suo punto di vista: quello di un figlio che la vita ha costretto a barcamenarsi in un mondo di adulti che fanno scelte al posto suo e pretendono di non dover dare spiegazioni, perché Salvo è solo un ragazzetto e deve obbedire ai "grandi" senza far troppe domande.

Ma Salvo è intelligente, sensibile, intuitivo, testardo, non si accontenta dei "perché è così e basta", "quando sarai grande te lo spiegherò", "tu sei un bambino e fai come dico io": Salvo cerca di mettere insieme i pezzi, fa domande spontanee e azzeccate che inchiodano gli adulti e ne affondano l'arroganza (del padre in primis), vuol sapere i come e i perché, vuol essere coinvolto in prima persona in tutto ciò che in effetti lo riguarda molto da vicino.

Le riflessioni che pullulano nella testolina del giovane protagonista sono un mix di saggezza preadolescenziale condite con un pizzico di ironia.

"I grandi fanno sempre così, ti mettono la mano davanti agli occhi durante i film di paura, sennò poi fai i brutti sogni. Non lo sanno che così è peggio, perché uno s’immagina le peggio cose. "
"Quando provo a descrivere quello che c’ho dentro, mi sembra sempre una cosa oscura e confusa e non trovo mai le parole adatte. È più facile disegnarla. Me l’immagino come un vortice di acqua nera, anzi tanti vortici, come le rapide di un fiume in piena, tipo quello seppellito sotto terra che ci stava per seppellire tutti. "

Tra inseguimenti a perdifiato, "piccoli furti", incontri con personaggi bizzarri, Salvo comprende pian piano chi sta cercando suo padre: l'uomo che ha rubato loro giorni, settimane e anni, facendo in modo che i due si separassero e si perdessero sei anni di vita insieme.
Vincenzo ha quindi intenzione di vendicarsi di chi gli ha fatto del male? E' ancora lo stesso delinquentello arrestato e incarcerato sei anni prima? Stare lontano dal figlio non lo ha cambiato per nulla?

"Il ladro di giorni" è un romanzo di formazione che narra un'avventura on the road tenera, epica e coinvolgente, vista attraverso lo sguardo innocente e vispo di un ragazzino che scoprirà in sé il desiderio di riavere indietro quel padre che gli era stato tolto, e anche se spesso i ruoli di padre e figlio si invertono, i due avranno la preziosa opportunità di scoprirsi e apprezzarsi reciprocamente, imparando tanto l'uno dall'altro.

Mi è piaciuto per il ritmo vivace, la narrazione resa molto scorrevole dalla prospettiva fresca e ironica del ragazzino protagonista, che nel corso del suo viaggio ha modo di evolversi e crescere, raggiungendo importanti consapevolezze; ben caratterizzato anche il personaggio di Vincenzo.

Ora non mi resta che attendere il film, diretto sempre da Guido Lombardi, con Riccardo Scamarcio, Massimo Popolizio, Augusto Zazzaro; dal 6 febbraio al cinema.
Vi lascio il trailer:



domenica 12 gennaio 2020

Ultime entrate nella mia libreria (gennaio 2020)



Buongiorno, lettori carissimi.
Oggi vi presento due libri da poco entrati in casa e che conto di leggere presto ^_-


Dalla penna acuminata dell’autore di capolavori come Ultima fermata a Brooklyn e Requiem per un sogno, un altro grande affresco dell’America cancellata.


IL SALICE
di Hubert Selby Jr.




Fazi editore
trad. M. Pittoni
320 pp
15 euro
2006
Bobby è un giovane ragazzo di colore del Bronx. Poco più che adolescente, ha consumato velocemente i suoi anni sulle strade violente del ghetto. 
Lui e Maria, la sua giovanissima ragazza, hanno grandi piani per il futuro. 
Un giorno i due vengono aggrediti da una feroce gang ispanica: Bobby viene selvaggiamente picchiato mentre Maria ne esce col volto sfigurato dall’acido. 
Pochi giorni dopo la ragazza si uccide. Bobby, invece, viene tratto in salvo dall’anziano Werner Schultz, un ebreo sopravvissuto ai campi di sterminio nazisti. 
Moishe – così si fa chiamare – tiene il ragazzo con sé e lo cura finché non si rimette in forze. 
Tra i due si instaura una grande amicizia e Bobby sembra dimenticare l’accaduto. 
Un giorno però Bobby, facendo ritorno nel suo quartiere, viene a sapere della morte della ragazza e, infiammato dall’odio, inizia a preparare la sua vendetta, di fronte allo sguardo impotente di Moishe, che conosce fin troppo bene la forza distruttiva dell’odio. 

Narrato nello stile frammentato e schizofrenico che ha reso Selby celebre in tutto il mondo, ne Il Salice l’autore torna a raccontarci la realtà poetica degli emarginati, dei perdenti, dei diversi.

L'autore.
Hubert Selby Jr. cresce in una famiglia della buona borghesia di New York. All'età di quindici anni lascia la scuola e nel 1944 entra nella marina mercantile americana in Germania. In quell'ultimo anno di guerra, Selby Jr. contrae la tubercolosi. In seguito a un'operazione molto invasiva non si riprenderà mai completamente. Nel lungo periodo di ricovero in ospedale, in cui diventa dipendente da morfina (tanto che nel 1967 sarà costretto a disintossicarsi dopo un arresto per detenzione di eroina), inizia a scrivere le sue prime storie. Ultima fermata a Brooklyn è il romanzo che lo ha consegnato alla notorietà. Pubblicato nel 1964, sconvolse il panorama letterario dell'epoca per l'aspra violenza dei temi e per lo sperimentalismo stilistico: sei storie di solitudine ed emarginazione raccontate con straordinaria crudezza e legate insieme dal medesimo sfondo: Brooklyn, notturna o terribilmente assolata. Ultima fermata a Brooklyn divenne ben presto oggetto di culto per importanti esponenti della beat generation, da Allen Ginsberg a cantanti come Lou Reed. Da allora Hubert Selby Jr. è stato considerato un grande della letteratura americana, un poeta maledetto, alla stregua di Burroughs e Bukowski, e in Gran Bretagna, l'uscita del libro fu subito seguita da un processo per oscenità. Requiem per un sogno, il romanzo successivo di Selby Jr. - viaggio allucinato nella New York dei tossicomani, un classico della letteratura statunitense di fine anni Settanta divenne un film per la regia di Darren Aronofsky. Hubert Selby Jr. è morto il 26 aprile 2004, in seguito a una disfunzione polmonare cronica
.



Una storia d'amore profondo che lega due sorelle, sullo sfondo di una tragedia a noi ancora poco nota: quella delle "donne di conforto", ragazze rapite e trasformate in prostitute per i soldati dell'esercito imperiale giapponese prima e durante la Seconda guerra mondiale.


FIGLIE DEL MARE
di Mary Lynn Bracht

Longanesi Ed.
trad. K. Bagnoli
370 pp

Corea, 1943. Hana è una pescatrice di perle, una professione che si trasmette da madre a figlia, donne fiere e indipendenti. 
È cresciuta sotto il dominio giapponese, non conosce altro. Ed è felice quando nasce una sorellina, Emiko, perché con lei potrà condividere le acque del mare che bagnano l’isola di Jeju, la loro casa.
Ma i suoi sogni si infrangono il giorno in cui, per salvare Emiko da un destino atroce, viene catturata e deportata in Manciuria.
Lì, lontana dalla famiglia e da tutto ciò che conosceva, verrà imprigionata in una casa chiusa gestita dall’esercito giapponese. Ma una figlia del mare non può arrendersi senza lottare, e Hana sa che dovrà fare ricorso a tutte le sue forze per riconquistare la libertà e tornare a casa. 

Corea del Sud, 2011. Emiko ha trascorso gli ultimi sessant’anni della sua vita cercando di dimenticare il sacrificio di sua sorella, ma non potrà mai trovare la pace continuando a fuggire dal passato. 
I suoi figli e il suo Paese vivono ormai una vita serena... 
Ma lei riuscirà a superare le conseguenze della guerra e a perdonare se stessa?

L'autrice.
Mary Lynn Bracht è una scrittrice americana di origini coreane. Tramite la madre, cresce a stretto contatto con una comunità di donne emigrate dalla Corea del Sud. Nel 2002 visita il villaggio dove è nata sua madre e lì sente parlare per la prima volta delle comfort women. Quel toccante viaggio e le successive ricerche hanno ispirato il suo romanzo d’esordio, Figlie del mare (Longanesi 2018).

sabato 11 gennaio 2020

Segnalazione: "Non siamo solo cagnolini" di Maria Giovanna Farina



È in libreria Non siamo solo cagnolini (ed. Gilgamesh), il nuovo libro della filosofa Maria Giovanna Farina. Una scrittura autobiografica dove la voce narrante, la cagnolina Milly che vive con la filosofa da 9 anni da quando è uscita dal canile a pochi mesi, racconta il suo rapporto con gli umani.

Dalla IV di copertina:

 “Cosa pensa il nostro cane? Cosa direbbe se potesse parlare? Starà con noi per amore o per
interesse?"
Non siamo solo cagnolini è l'opportunità per scoprirlo. 
Maria Giovanna Farina, filosofa, consulente filosofico e analista della comunicazione, possiede una profonda conoscenza di come comunica il migliore amico dell'uomo e se ne fa interprete, mettendo in discussione anche sé stessa, in una maniera originale raccontando esperienze autobiografiche. 
È Milly, la sua cagnolina, la voce narrante capace di rivelarci il particolare rapporto con gli umani delineandone difetti e contraddizioni, ma riconoscendo anche i loro migliori pregi. 
La piccola si mette a tu per tu con noi e, regalandoci una riflessione a tratti profonda e ad altri ironica e leggera, si sofferma anche sulla fiducia, sulla perdita, sull'amicizia e sull'amore nelle sue diverse sfumature. 
Il tutto in una prospettiva etologica che indaga inevitabilmente sul significato dell'abbandono. 
Uno scritto, metafora del nostro vivere, che si legge in un soffio con divertimento ed emozione, pagine che rimangono ancorate al cuore: un libro per chi ama i cani e per chi, leggendolo, imparerà ad amarli.

Questo libro nasce da un'ispirazione, dalla volontà di sensibilizzare contro gli abusi e dal desiderio di raccontare con spontaneità cosa significa vivere con un cane che è condividere le giornate, e a volte le nottate, con un peloso a quattro zampe capace di strappare tanto amore dai nostri cuori. 
La pet-love-therapy, di cui la voce narrante, la cagnolina Milly, racconta, è cogliere attraverso un'esperienza di condivisione quotidiana il profondo senso dell'amare per salvarlo dalle brutture della vita. 
Con questo libro Maria Giovanna Farina ha voluto tradurre in linguaggio umano il pensiero del cane per rivendicarne anche il diritto ad una buona vita. 
Il loro amore è eterno, si uniscono a noi e mai più ci abbandonano. Il loro amore sa curare le nostre ferite, è capace di far ritornare il desiderio di amare nonostante le delusioni, i tradimenti e le prevaricazioni che alcuni umani ci hanno inferto. 
Anche se lo scritto è una finzione letteraria, i cani non possono scrivere e pensare come noi, in ciò che state per leggere vive il vero intimo sentire della piccola Milly, l'autrice ha solo tradotto ciò che ogni giorno lei le trasmette, ha interpretato attraverso parole umane, sorrette da una logica umana, ciò che direbbe se potesse parlare.

venerdì 10 gennaio 2020

Recensione: LA VILLA. IL MURATO VIVO di Maurizio Castellani



Torna Marco Vincenti con le sue scoppiettanti indagini, condotte insieme agli amici di sempre, Piero e Andrea; il trio è impegnato, questa volta, in un cold case che coinvolge un morto, uno scomparso e un furto di gioielli.


LA VILLA. Il murato vivo
di Maurizio Castellani


167 pp
13.50 euro
La location è ancora una volta Casciana Terme, in cui il nostro Marco gestisce un albergo, aiutato dalla compagna Grazia.
È la mattina del 21 marzo quando l'ex-geometra viene a conoscenza, grazie agli informatissimi Andrea e Piero, del ritrovamento del cadavere all'interno di una prestigiosa e antica villa, appartenuta a una famiglia nobile.
Questo inquietante ritrovamento si collega ad una serie di strani accadimenti risalenti al lontano 1958, quando, proprio nella suddetta villa, ci fu un furto di preziosi, unito alla scomparsa misteriosa e del capomastro (cui erano affidati lavori di ristrutturazione della dimora) e del figlio della marchesa, proprietaria della villa stessa.

Che il cadavere appartenga proprio al capomastro di cui si sono perse le tracce tanti anni prima? L'uomo era forse coinvolto nel famoso furto? E se sì, in che modo? Il fatto che da quel lontano marzo '58 anche il marchesino sia sparito anch'egli, come si collega con l'irreperibilità del capomastro e la rapina?
A tutte queste domande Marchino è intenzionato a rispondere, quindi le indagini partono immediatamente.
A supportarlo ci sono loro, i compagni d'avventura, allegri, chiacchieroni, eterni peter pan sempre spensierati, desiderosi di ridere e scherzare, pronti a sfottersi amichevolmente, e soprattutto ad aiutarsi quando ce n'è bisogno.

Il contributo dei due amici buontemponi viaggia sull'onda dell'entusiasmo e dell'euforia, mentre la razionalità è prerogativa soprattutto di Marco, che ha la lucidità per riflettere su ogni dettaglio delle informazioni raccolte, così da costruirsi gradualmente un quadro della situazione che tenga conto di tanti fattori e particolari.
Si scoprirà, ad es., che dal 1958 la famiglia del capomastro ha ricevuto costantemente un assegno mensile da un donatore anonimo...
E un alone di mistero aleggia anche sulla figura enigmatica della defunta nobildonna: e se fosse attivamente coinvolta anche lei nella sparizione dei gioielli?

Mentre le indagini personali di Marco & Co. vanno avanti, la vita sentimentale del primo affronta qualche attimo di confusione a motivo del nuovo comandante della stazione dei carabinieri, una bellissima donna veneta, Chiara Bressan, che sembra mostrare un certo interesse per Marco...
E se così dovesse essere e quella gelosona di Grazia lo dovesse scoprire, per il nostro albergatore sarebbero guai seri...
Menomale che a tenerla impegnata c'è il lavoro in albergo, che occupa tanto Grazia quanto Marco, il quale in questi giorni sta facendo la conoscenza di un prete, un buon uomo che è stato per anni in Africa in missione.
Intanto, per non perdere le buone abitudini, i tre amiconi approfittano di ogni occasione disponibile per fare colazione, prendere aperitivi o pranzare e cenare insieme, condividendo del cibo gustoso annaffiato dal buon vino, tutto rigorosamente toscano.

La ricerca della verità, a un certo punto, prende una strada più avventurosa, in quanto i tre compari saranno pronti a ispezionare la villa di notte per trovare degli indizi importanti che conducano alla soluzione del caso.

E tanta tenacia, tanto impegno e tutti i ragionamenti fatti, meritano l'unico premio desiderato: la verità.

Anche questo giallo "made in Toscana" di Maurizio Castellani costituisce una lettura molto piacevole di quelle che mettono il buon umore perchè ad ogni pagina si respira un'atmosfera gioviale, simpatica, piena di ironia, che ci fa sorridere in quanto i personaggi principali sono allegri, buontemponi, con la battuta spiritosa sempre pronta, si prendono in giro ma con affetto, sono spontanei nel loro essere curiosi e desiderosi di vestire i panni di investigatori in maniera chiassosa e spumeggiante. 
Leggere i libri di questo scrittore per me è come fare un piacevole ritorno in Toscana, in un luogo ormai familiare, soggiornare qualche giorno "da zia Maria" (l'albergo di Marco), rivedere il proprietario, la sua Grazia bella e vivace, e Andrea e Piero, sempre in vena di fare battute (meglio se con lo stomaco pieno) è un po' come sentire di aver ritrovato dei vecchi amici, la cui compagnia è ogni volta spassosa; l'elemento giallo è intrigante al punto giusto.

Ringrazio l'Autore, che gentilmente mi ha inviato una copia prima di Natale, e ne consiglio la lettura a quanti cercano libri spensierati e gradevoli.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...