domenica 15 settembre 2019

Frammenti di letture (settembre 2019)



Citazioni tratte da AMATISSIMA

"Certe cose passano e se ne vanno. altre restano. Pensavo che era colpa della mia memoria. Lo sai, no, ci sono delle cose che si dimenticano e altre che non si dimenticano mai. Ma non è così. I posti, i posti sono sempre lì. Se il fuoco brucia una casa, la casa sparisce, non c'è più, però il posto - l'immagine del posto - rimane".

"C'è una solitudine che può essere cullata. Le braccia incrociate, le ginocchia avvicinate. Continua, continua questo movimento che, a differenza di quello di una nave, rende calmi e contiene in sé colui che culla. È una cosa interna - tesa come la pelle. Poi c'è una solitudine che vaga. Neanche cullandola la si può tener ferma.  È viva, per conto suo. 
Una cosa secca, che si allarga, e fa risuonare i passi 
di chi cammina come se venissero da un posto lontano".





Citazioni tratte da POMODORI VERDI FRITTI:

"...non versò mai una sola lacrima. Era troppo addolorata per piangere. 
Sa, un cuore si può spezzare, ma continua lo stesso a battere".

"Ci sono persone magnifiche su questa terra, 
che se ne vanno in giro travestite da persone normali".

"Finché una persona non viene messa alla prova, 
non si può mai sapere che cos'ha in cuore".

venerdì 13 settembre 2019

Recensione: AMATISSIMA di Toni Morrison



"Amatissima" è la drammatica e straordinaria storia di una donna di colore, il suo tragico e tormentato viaggio per spezzare le catene della schiavitù e conquistare la libertà, e il suo profondo amore per i propri figli.


AMATISSIMA
di Toni Morrison



Ed. Frassinelli
trad. G. Natale
398 pp
Siamo nel 1873, la guerra di secessione è finita da pochi anni e la protagonista, Sethe, una donna di colore forte e determinata, vive a Cincinnati (Ohio), insieme alla figlia adolescente Denver.

Le due donne vivono in  Bluestone Road 124, nella casa appartenuta a Baby Suggs, un'anziana signora molto rispettata in città, nonché suocera di Sethe, che ha sposato suo figlio Halle.
Baby Suggs ha vissuto con loro fino alla sua morte, avvenuta otto anni prima, e poco prima che l'anziana donna lasciasse questo mondo, i due figli di Sethe, Howard e Buglar, sono scappati di casa, non riuscendo più a vivere tra quelle mura.
Come mai?
Sethe è convinta che essi siano fuggiti a causa della presenza malevola di un fantasma violento, che perseguita gli abitanti del 124, dando loro il tormento da anni.
Alla giovanissima Denver - considerata da tutti eccessivamente chiusa, taciturna, e quindi "un po' strana" - il fantasma non dà fastidio, anzi, gli è quasi affezionata, forse perché anche lei è convinta che si tratti dello spirito di sua sorella (maggiore) morta, da lei mai conosciuta ma ricordata e pianta dalla madre, che ha innalzato in sua memoria una lapide, con su scritto solo una parola: "Amata".
Sethe è arrivata da Nonna Baby dopo essere miracolosamente fuggita (ed era incinta proprio di Denver) da coloro che la tenevano schiava, e soprattutto dopo aver  subito azioni turpi e disumane a danno della propria persona.

Diciotto anni dopo quella fuga rocambolesca, Sethe è ormai un'ex-schiava, che ha un lavoro presso un ristorantino e vive sola con l'unica figlia rimastale; tutto procede come sempre - fantasma fastidioso compreso - finché non arriva, direttamente dal passato, una vecchia conoscenza: Paul D (un nero che Sethe non vede da quando hanno lavorato insieme nella piantagione "Dolce Casa" di Mr Garner nel Kentucky circa venti anni prima) si ferma al 124 per far visita alla donna, che non ha mai dimenticato da allora.
Il suo arrivo spiazza Sethe e Denver, seppur per ragioni diverse; se la ragazza vede un intruso in Paul D, una figura maschile di cui lei non sente alcuna necessità ma che, anzi, potrebbe rubarle le attenzioni materne, la madre vede l'uomo come colui che, con la propria presenza, la costringerà a rivivere  ricordi dolorosissimi, da anni sepolti nella propria mente, per cercare di continuare a vivere dopo le bruttissime esperienze vissute.

Dall'arrivo di Paul D, la storia si dipana lungo due piani temporali: il presente a Cincinnati e tutta una serie di eventi avvenuti circa venti anni prima, principalmente nel Kentucky, e che ci lasciano entrare nell'ambiente della piantagione della "Dolce Casa", così da conoscere, attraverso questi flashback frammentati dei personaggi principali, cosa hanno vissuto gli schiavi neri per mano dei loro, troppo spesso crudeli e inumani, padroni bianchi.

Schiavi messi in catene, torturati, o costretti, ogni mattina, a saziare i maledetti appetiti di chi sorvegliava con spietatezza il loro lavoro; donne frustate a sangue, la cui povera schiena conserverà per sempre le tristi cicatrici di una tale atrocità; figli che si sacrificano a lavorare qualche anno in più pur di riscattare la propria madre; madri disperate, che vedono nella fuga la loro unica àncora di salvezza da una vita che vita non è e che, se mai fosse possibile, vorrebbero fosse risparmiata ai propri figli.

Si tratta di un viaggio che dal presente conduce al passato, ed è costellato di ricordi penosi, in cui emerge il dramma della schiavitù, le sue tragiche conseguenze non soltanto a livello sociale, ma anche famigliare e, ancor di più, psicologico.

Sethe ci appare nel presente come una donna decisa, sufficientemente serena, che di proposito ha chiuso in un angolino del cuore e della mente quel passato ingombrante, custode di un segreto indicibile per una madre, e lo ha fatto per non soccombere ai sensi di colpa, alla necessità di un perdono che non arriverà mai; è una donna consapevole della propria libertà, che non vuole sia intaccata dalla presenza di un uomo, quale Paul D, che alla fine si intrufola al 124, cominciando a convivere con Sethe e Denver.
Tramite i salti temporali avanti e indietro nel tempo, conosciamo una Sethe che la vita ha messo a dura prova e che, quando decide di spezzare l'ingiusta catena della schiavitù, lo fa principalmente per mettere in salvo le proprie creature.

Cosa è disposta a fare una madre disperata pur di "salvare dal male" il frutto del proprio grembo? E se l'incubo di non potercela fare diventasse orrendamente concreto, quali devastanti conseguenze potrebbero verificarsi nella mente di una povera donna sola?

Quello di Paul D non è l'unico arrivo che porterà scompiglio nel quotidiano di Sethe e Denver; ad esso, infatti, ad un certo punto si affianca l'entrata in scena di una ragazza, che appare all'improvviso e senza dare alcuna informazione su di sé, se non che si fa chiamare Amata.

Chi è questa giovanetta sola, enigmatica, che sa cose che non le possono essere state raccontate, e che piano piano, in modo subdolo, riuscirà ad entrare nelle vite delle due donne, sconvolgendo in particolare Sethe?

Attorno al personaggio di Amata l'Autrice tesse un'atmosfera piena di mistero e suggestione, facendoci capire chi possa essere e immergendoci quindi, ulteriormente, in quel realismo magico che caratterizza il romanzo; in esso, infatti, sono presenti elementi propri della cultura afroamericana - il sovrannaturale, le superstizioni, credenze folkloristiche circa i morti e le anime di chi ancora si sente legato alla dimensione terrena, finendo così per "infastidire" i vivi, il peccato che ci ritrova e chiede di essere, in qualche modo, "espiato".

Interessante anche l'evoluzione del personaggio di Denver, che da ragazzetta silenziosa e riservata, affettivamente dipendente prima solo dalla madre e poi anche da Amata, riesce, con la forza della propria volontà e con la consapevolezza di ciò che accade attorno a lei, a "riscattarsi", a provare a guardare al domani per costruirsi un futuro.

La storia narrata dalla Morrison non è sempre di agevole lettura, proprio a motivo di questi ripetuti balzi tra ieri e oggi, che fanno sì che si crei un intreccio non lineare delle vicende, narrate di volta in volta da prospettive diverse, così che ogni narrazione di un evento aggiunge qualche elemento in più circa le precedenti, avendo, giunti alla fine, un quadro completo di tutto.
Questa frammentarietà, però, lungi dall'essere fastidiosa, assume una propria forza evocativa, magica, che rapisce e ammalia il lettore.

Amatissima ci offre uno spaccato genuino e semplice, tenero e lacerante della schiavitù  e del suo impatto durissimo e a lungo termine sulle persone che ne sono state vittime. La narrazione è intensa, ipnotica, commovente, procede con un tono triste e di attesa, attraverso verità sospese, segreti nascosti; i dialoghi si alternano a lunghi monologhi, la realtà si mescola alla magia e le componenti ultraterrene vengono accettate dai personaggi come dati di fatto.

Un romanzo che va letto con calma e attenzione, che chiede al lettore di lasciarsi coinvolgere dal suggestivo flusso di ricordi, anche quando sente di essere solo in parte consapevole di tutte le sfumature del loro peso sulla vita dei personaggi.

martedì 10 settembre 2019

Letture romantiche - novità




Per chi non è mai sazio di romanticismo...:


LA RINASCITA DEL MARINE
di Silvia Carbone & Michela Marrucci

.


Quixote Edizioni

AMBIENTAZIONE: San Diego
COVER ARTIST: Rocchia Design
SERIE: Destini Intrecciati #4
GENERE: Contemporaneo/Military
FORMATO: E-book (Mobi, Epub, Pdf) e cartaceo
PAGINE: 180
PREZZO: €3,99 (e-book) 
DATA DI USCITA: 23 agosto 2019


Una profonda cicatrice sulla guancia è il ricordo indelebile che i rapitori colombiani hanno lasciato sul corpo di Bree. 
Nel suo cuore alberga ancora la paura, ma la tenacia non le manca e ora che è di nuovo in pericolo ha una certezza in più: sa che può contare – ancora una volta – su Afsling. O meglio, Travis O'Connely. 
Sopravvissuto a un tragico incidente, il misterioso Marine, diventato un Navy SEAL e comandante dello squadrone Renegade, ha ormai una sola missione: proteggere Breanna e mantenere il proprio cuore e la propria anima nera al riparo dai ricordi di un passato che ancora lo tormenta.
Ma l'amore è più forte di tutto. E chi ama protegge. E proteggere è la più bella voce del verbo amare.


UNEXPECTED
di Allyson Taylor




481 pp
USCITA: Giugno 2019
A volte bisogna avere coraggio e compiere scelte difficili… 
E questo è ciò che fa Fanny Reyes quando decide di lasciare Miami e tutte le sue certezze per trasferirsi a Sacramento. 
Cominciare una nuova vita non è semplice, ma lei ci riesce: vive in un piccolo e vecchio appartamento e lavora in una pasticceria. 
Tutto sembra perfetto, almeno fino al momento in cui incontra Zach in drammatiche circostanze. 
Da quel giorno, la vita di Fanny cambia completamente per la seconda volta e l'unica persona che la può aiutare è proprio Zach.

lunedì 9 settembre 2019

IL TULIPANO PARLA D'AMORE



Oggi, lettori, vi parlerò di un fiore che amo molto: il tulipano!


CURIOSITA'


Il suo nome deriva dal turco "tulband", cioè turbante, probabilmente perché la sua forma ricorda questo copricapo.

Il tulipano è un fiore originario della Turchia, infatti le sultane turche della stirpe di Osman erano solite sigillare lettere e messaggi con un contrassegno a forma di tulipano.

Da sempre, in tutti i giardini d'Oriente sono presenti i tulipani. A Costantinopoli, durante il mese di aprile, si celebra la festa del tulipano.

Il sultano delle Mille e una notte utilizzava questo fiore per far capire alle donne del proprie harem che le aveva scelte.

Ma esistono anche leggende che sostengono, al contrario, che fossero le odalische a lanciarli oltre le sbarre dell'harem per mandare messaggi al fidanzato perduto. 

Qualunque sia la verità, una cosa è certa: in tutto il mondo il tulipano ha sempre parlato d'amore.

La leggenda più antica è ancora una volta di origine mediorientale (persiana) e sostiene che un giovane di nome Shirin partì in cerca di fortuna lasciando la sua amata Ferhad. La ragazza attese per lungo tempo il suo ritorno, poi, disperata, partì a sua volta alla ricerca dell'innamorato. Vagò per molto tempo e soffrì la fame, il freddo, la sete, finché un giorno non cadde su pietre aguzze e pianse con la consapevolezza che sarebbe morta senza rivedere Shirin. Le lacrime si mescolarono al sangue e cadendo in terra si trasformarono in fiori rossi: i tulipani.

Questo bellissimo fiore introdotto in Europa nel 1500 dall'ambasciatore austriaco ad Istanbul e riscosse notevole successo presso le corti europee, tanto che presso le classi borghesi i bulbi costituirono la dote di alcune ragazze in età da marito.
Ma fu in Olanda che si creò ben presto un vero e proprio culto del tulipano; fu addirittura creata
un'unità di misura che serviva appositamente per stimare la qualità dei bulbi, il "persit", ed inoltre, sempre i bulbi furono oggetto di quotazioni in borsa.

Il tulipano selvatico simboleggia il primo amore, mentre nell'arte e nella poesia questo fiore ha rappresentato spesso l'onestà, l'incostanza, l'amore perfetto, la mancanza di discernimento. L'apparente contraddizione dei significati attribuiti al tulipano forse va attribuita ai molteplici e contrastanti stati d'animo vissuti durante un amore.



IL TULIPANO NEI LIBRI


Il tulipano nero di A. Dumas

Ed. Newton Compton
La Tulipe noire viene pubblicato da Alexandre Dumas nel 1850, sei anni dopo l’enorme successo dei I tre Moschettieri e de Il Conte di Montecristo, quando lo scrittore è ormai divenuto un beniamino del grande pubblico francese.
Ambientato negli anni della cosiddetta “bolla dei tulipani”, nella laboriosa Olanda repubblicana del Seicento che vide l’ascesa di quella prospera e raffinata borghesia tramandataci dai dipinti di Rembrandt e di Vermeer, il romanzo narra un vero e proprio caso di spionaggio industriale e al tempo stesso una delicata, insolita storia d’amore. Intorno al favoloso “tulipano nero”, il fiore perfetto e impossibile, ruota una folla di personaggi sia storici che fantastici, che l’autore riesce a rendere vivi e veri con la consueta abilità. Un Dumas insolito, quasi con cadenze di fiaba, che rinuncia, per una volta, ai grandi colpi di scena e ai superuomini del feuilleton.




Tulip Fever. La tentazione dei tulipani di Deborah Moggach

Amsterdam, 1636. Mentre il commercio prospera e le arti fioriscono,
Ed. Sperling&Kupfer
Cornelis Sandvoort, ricco mercante, e la sua giovanissima consorte, Sophia, stanno posando per il ritratto che li renderà immortali. 
Insieme a loro, nel dipinto, un vaso di tulipani: i fiori che, secondi soltanto alla sua bellissima moglie, sono la più grande passione di Cornelis. 
Così come di tutta l'Olanda, che sembra preda di una follia collettiva: i bulbi di tulipano valgono una fortuna, e c'è chi è disposto a ricorrere a ogni mezzo, lecito o illecito, pur di possedere quelli più pregiati. 
È Jan van Loos, uno degli artisti più promettenti del momento, a fissare su tela quella scena, che dovrà trasmettere per sempre magnificenza e armonia. Ma il suo occhio, attento ai minimi dettagli, sa penetrare l'apparenza e cogliere l'essenza più profonda. Il fuoco sotto la cenere, l'irrequietezza dietro l'obbedienza. 
Giorno dopo giorno, tra il pittore e la sposa del mercante si instaura un dialogo muto, fatto di sorrisi furtivi e occhiate rubate. E mentre il ritratto prende forma, fuori dalla cornice prende vita una passione bruciante.


IL TULIPANO... IN MUSICA!




domenica 8 settembre 2019

Dobbiamo imparare dai bambini





Dobbiamo imparare dai bambini.

Amano senza dubitare.
Abbracciano senza avvisare.
Ridono senza pensarci.
Scrivono cose colorate sulle pareti.
Credono ad almeno 10 sogni impossibili.
Non arrivano al cassetto più alto, ma toccano il cielo con la punta delle dita.
E quando vengono affidati al sonno
 è come se il mondo avesse perso un po’ del suo splendore.

(Fabrizio Caramagna)


fonte

venerdì 6 settembre 2019

Recensione: VERSO UN FORSE di Stefano Di Ubaldo



"Verso un forse" è una raccolta di poesie che, pur essendo in versi, in realtà sono più simili a delle piccole narrazioni, le quali, nel trattare vari temi, confluiscono tutte verso la ricerca di una meta in questo viaggio che chiamiamo vita.


VERSO UN FORSE
di Stefano Di Ubaldo



Casa Editrice: Antipodes
Anno: 2018
Pagine: 82
"Se possiamo raccontare,
siamo sogni da nutrire." 

Questa raccolta comprende componimenti attraverso i quali l'Autore - e, con lui, il lettore - volge l'attenzione su ciò che lo/ci circonda quotidianamente.
A cominciare dai tipi di persone che incontriamo, ed emblematiche, in questo senso, sono le tre poesie sui "posti riservati", in cui emergono in modo simpatico e arguto tante tipologie di personalità e per ciascuna è previsto uno spazio ad hoc e proprio in base alle loro caratteristiche.

E ancora ci si concentra sull'amore che riempie le nostre vite ma davanti al quale spesso ci sentiamo impreparati, costringendoci al silenzio; sulla difficoltà di relazionarsi l'uno all'altro, a causa della mancanza di comprensione, dello spettro dell'abitudinarietà nei rapporti.

Ne viene fuori il variegato ritratto di un'umanità che popola il nostro mondo e che ogni giorno deve fare i conti con la propria solitudine e fragilità, con la consapevolezza di se stessi e la fatica del cambiamento.

"provo a inventarequello spazio di incontrotra un’idea e le avversarie,tra il già detto e l’ascolto,tra l’ascolto e un’ideadi quell’altro in me stesso."

È un viaggio dentro se stessi, costellato di riflessioni su passato, presente e futuro, di un certo disincanto nei confronti della realtà, che è altro non è che "un mare d'inganni", ma nel quale comunque ricerchiamo ciascuno il proprio posto e scopo, senza mai, forse, trovarlo definitivamente. Del resto, è l'esistenza stessa ad essere imprevedibile, spesso burlona e acquisire certezze non è poi così automatico e semplice.

"Il mio posto è verso un forse."

Non è possibile intraprendere questo percorso senza una buona dose di ironia e tra questi versi ce n'è tanta, insieme a situazioni buffe e surrealistiche, come nella poesia in cui l'Autore immagina l'interrogatorio di un povero uovo, con la sua scorza fragile e il suo albume di ricordi.

Il linguaggio è ovviamente ricco di metafore e similitudini; per la maggior parte si tratta di versi liberi, che non di rado hanno un ritmo tipico delle filastrocche; ciò che rende accattivante la lettura di questa raccolta, insieme alla presenza di giochi di parole, allitterazioni, riferimenti a opere letterarie e a film celebri (come Pulp fiction e Funny games), è la vivacità, la prontezza di spirito dell'Autore nel guardare dentro e fuori l'essere umano, sorridendo delle nostre tante incertezze, della complessità e unicità di cui ognuno di noi è portatore.

Consigliato a chi ha voglia di leggere poesie diverse dal solito, appassionate, spontanee e attraversate da un piacevole umorismo e da uno sguardo intelligente e attento sulla realtà circostante.

giovedì 5 settembre 2019

Azione e romanticismo con i libri del collettivo Mary Fisher!




Cari lettori, anche oggi torno sul blog per farvi conoscere i libri di Mary Fisher.
Chi è Mary Fisher? Non si tratta di una sola scrittrice, bensì di un collettivo di autrici LGBT che si sono riunite per sviluppare insieme nuove, entusiasmanti storie scritte a più mani per intrattenere con azione, erotismo e tanto romanticismo i propri lettori.

Partiamo da una storia che gira attorno a due uomini, un diamante e un mistero: Il ladro.
link acquisto
Alexis Solkas, miliardario americano di origini greche, diventa il principale bersaglio del ladro internazionale Milord che intende appropriarsi del prezioso diamante Black Eye, una pietra di inestimabile valore, la sera in cui l’uomo festeggerà i suoi quarant’anni insieme all’élite degli Hamptons.
E mentre l’agente Kelly Torres dell’FBI si impegna per impedire che avvenga il furto, anche Alexis decide di muoversi per conto proprio e scoprire chi è il fantomatico Milord proprio nel momento in cui il bel Martin McKenna entra nella sua vita scombussolando le sue certezze.
Come andranno le cose?
Per scoprirlo, non vi resta che leggere “Il ladro”!


Continuiamo con il nuovo romantico racconto del collettivo: Capodanno a New York!
link acquisto
Randy è nato e cresciuto in Montana ma sogna da sempre di visitare la città dei suoi sogni, la magica New York, dove spera di incontrare l’uomo della sua vita.
Finalmente, su invito di sua cugina Candice, riesce a realizzare il suo desiderio e proprio la notte di Capodanno conosce l’uomo perfetto.
Matt Morton è bello, sensuale, intelligente e condivide come lui una grande passione per gli animali.
Ma dopo una notte di passione, Randy dovrà fare i conti con la realtà...


E infine... una serie ricca di avventura e azione:

Il gatto e il topo - UN GIOCO RISCHIOSO vol.1

link acquisto
Dylan Sidle è un agente del NCIS di San Francisco dal passato difficile, impegnato in una missione sotto copertura nella quale sta giocando il tutto e per tutto mettendo a repentaglio la sua vita.
Joel Harmon, primo agente del Dipartimento di Sicurezza degli Stati Uniti, è un eroe pluridecorato e un sogno irraggiungibile per Dylan.
Questo fino a quando, complice una serie di eventi che li vedrà coinvolti, le loro strade finiranno per incrociarsi.
E per entrambi niente sarà più come prima.


L'enigma di Dylan è il secondo racconto della serie “Un gioco rischioso”
link acquisto
e si narra di come Dylan abbia finalmente trovato il suo equilibrio, al fianco di Joel.
La loro vita trascorre su binari tranquilli fino a quando dalla Francia giunge una vecchia conoscenza di Joel, lo Sciacallo: un uomo senza scrupoli, desideroso di vendetta e disposto a tutto per ottenere ciò che vuole.
Riusciranno Dylan e Joel a cavarsela, riuscirà il loro amore a sopravvivere?


link acquisto
Tutto o niente (UN GIOCO RISCHIOSO vol.3)

Ora che Dylan è sceso a patti con il passato e sta cercando di ricostruire una nuova vita insieme al suo compagno Joel, un’altra minaccia sconvolgerà la sua vita.
Si tratta del Marsigliese, un individuo crudele che gli sottrarrà quanto ha di più prezioso: Joel.
Ma questa volta Dylan deciderà di giocare senza esclusione di colpi.
Sarà tutto o niente, nell’ultimo racconto della serie “Un gioco rischioso”.

mercoledì 4 settembre 2019

Segnalazione romance/Y.A. || "Arrivò i primi di gennaio" di Livin Derevel.



Buongiorno lettori!!

Oggi vi presento il  nuovo romanzo di un'autrice di cui ho già avuto il piacere di leggere e recensire un precedente libro (IL CARNEVALE A VENEZIA):  Arrivò i primi di gennaio di Livin Derevel.

Serie: Teenage Dreams #1 
Genere: Young adult, coming of age, LGBT, romantico 
588 pp 
Data di uscita: 2 ottobre 2019 

Edizioni: formato digitale (in tutti gli store on-line),
 formato cartaceo (solo su Amazon). 



Trama

Tra i corridoi della Franklin Gooding Junior High School, Vermont, c’è sempre un gran daffare. Suze ha appena scoperto di essere incinta del fidanzato già bello che partito per New York, all'inseguimento di un sogno che sembra non gli lasci nemmeno il tempo di guardarsi indietro.
Ash è il playboy della scuola, la borsa di studio in tasca e un futuro pieno di aspettative, nonché di un piccolo segreto che sa che non potrà tenere proprio per sempre.
E un freddo giorno di gennaio ecco arrivare Lian, con l’abbronzatura di Los Angeles e gli occhi turchesi, eccentrico, brillante, linguacciuto e bellissimo, pronto a creare scompiglio e farsi perdonare scoccando incantevoli sorrisi. Senza dimenticare Gloria, Neil, Jamie, Cody, Chris, Lauren e una girandola di compagni vecchi e nuovi, deliziose infatuazioni arcobaleno, insegnanti fuori dagli schemi, suggestive escursioni sulle Green Mountains, baci rubati sotto fiocchi di neve e vere amicizie che sfidano il tempo e le distanze.
D'altronde, se non è movimentata, che adolescenza è?

 Per aggiornamenti sul blog dell’autrice: QUI
 Per leggere in anteprima i primi TRE capitoli del romanzo: QUI 

martedì 3 settembre 2019

Draghi, dèi e la camelia giapponese



Il fiore di oggi è la camelia.
Ne parliamo attraverso una leggenda giapponese.


Un'antica leggenda, racchiusa in un libro giapponese, racconta le gesta di Susanowo, dio del vento, della pioggia e dell’uragano, che a causa di una punizione fu costretto a vivere nel regno di un orribile serpente a otto teste, che ogni anno pretendeva il sacrificio della più bella fanciulla.
Stanco di lasciare che il paese fosse tenuto sotto scacco dal mostro, Susanowo scese nel regno dei morti e in una fucina incantata forgiò una spada imprigionandovi un raggio di luce.

fonte
Con la magica spada Susanowo si recò all’ingresso della grotta del mostro e attese pazientemente. 
Intanto un lungo corteo attraversava la valle accompagnando al sacrifico la dolce principessa "Campo di riso".
Alla prima luce del giorno il drago apparve dalle profondità della caverna, terrificante come sempre.
L'impavido Susanowo gli si lanciò addosso ingaggiando con lui una terribile lotta ma alla fine vinse e abbatté il drago. 

Susanowo si avvicinò quindi alla meravigliosa principessa "Campo di riso" per chiederla in sposa e appoggiò sull’erba la spada affilata e insanguinata: come per magia i verdi steli si tinsero di rosso e apparve un grande arbusto dal lucido fogliame e dai bellissimi fiori bianchi chiazzati di porpora.
I fiori vennero chiamati "Tsubaki" o "rose del Giappone" e la loro caratteristica di non sfogliarsi, ma di cadere interi dalla pianta, venne assunta a simbolo di sacrificio di ogni giovane vita umana, a ricordo delle dolci principesse vittime della crudeltà del terribile drago.


Fonte consultata:

domenica 1 settembre 2019

Bilancio delle mie letture di agosto 2019



Ed eccomi con le mie letture del mese più caldo dell'anno ^_^




  • TRE PIANI di E. Nevo. Tre storie differenti, tre gruppi di persone che abitano in tre diversi piani di un palazzo a Tel Aviv,  si conoscono, si incrociano per pochi attimi ma le loro esistenze scorrono parallelamente le une alle altre, ognuna chiusa dietro le porte dei loro appartamento, a consumare tradimenti, a crogiolarsi nella propria solitudine, nel proprio dolore... e chissà, anche a sognare giorni migliori.
  • L'ISOLA DELLE ANIME di P. Pulixi. Un bellissimo noir che, attraverso intrecci avvincenti, che sanno sorprendere e coinvolgere il lettore, sullo sfondo di una terra aspra e affascinante insieme, svela i lati più ambigui, tormentati e imprevedibili dell'essere umano.
  • TRADITI E CONSEGNATI ALLA MORTE di E. Anzanello. Le vicende avventurose e drammatiche di un gruppo di soldati tedeschi appartenenti alla 3. SSPanzer Division Totenkopf che, alla fine della seconda guerra mondiale, si sono visti traditi dagli americani e consegnati alle truppe sovietiche, andando così incontro ad un tristissimo destino dal quale in pochi usciranno vivi.
  • PIANO CONCERTO SCHUMANN di P. M. Liotta. Tra queste pagine, intrise della magia che solo la musica sa creare, conosciamo l’intrigante storia di una talentuosa pianista di fama internazionale, la cui esistenza verrà sconvolta da una particolare proposta di lavoro e da un prestigioso regalo la cui provenienza è avvolta nel mistero.
  • IL CUORE NERO DI PARIS TROUT di P. Dexter. Pete Dexter ci racconta una storia drammatica in cui il crimine non è che il triste e cinico riflesso di una società malata, che sembra non dare alcuna importanza alla distinzione tra ciò che è giusto e ciò che non lo è, tra il bene e il male.
  • BACIO FEROCE di R. Saviano. Ritroviamo la Paranza dei Bambini (recensione libro), questi ragazzi nati in una terra di assassini e assassinati, derubati dell'infanzia e dell'adolescenza, destinati a fare i conti con un mondo che non regala niente, anzi, toglie molto. Forti di fame. Forti di rabbia. Pronti a dare e ricevere baci che lasciano un sapore di sangue, perché "Se la strada del bene non c’ha portato niente, forse la strada del male porterà qualcosa."
  • NOVE MINUTI di B. Flynn. La storia drammatica e movimentata di una ragazza che, a soli 15 anni, viene rapita da una banda di motociclisti, divenendo la compagna del capo.
  • DIARIO SEMITRAGICO DI UN CASALINGO DISPERATO di Ariel. È possibile fare delle proprie piccole “tragedie” quotidiane un punto di forza per non cedere alla disperazione e, magari, trasformarle in un’occasione per trovare la propria strada e il proprio posto nel mondo? È ciò che succede al casalingo, aspirante scrittore, di questo romanzo.
  • POMODORI VERDI FRITTI AL CAFFÈ DI WHISTLE STOP di F. Flagg: sedete al bancone di un vecchio caffè dell'Alabama degli anni Trenta e, tra una colazione sostanziosa e un barbecue delizioso, fermatevi ad ascoltare storie di personaggi indimenticabili.



Ho avuto modo di leggere libri interessanti in agosto, in particolare sul podio vanno senza ombra di dubbio L'ISOLA DELLE ANIME, un libro pieno di fascino, per la storia, l'ambientazione e la scrittura stessa dell'autore; ho apprezzato IL CUORE NERO DI PARIS TROUT, che mostra il lato più torbido e malsano di un uomo e, in generale, dell'ipocrita società cui appartiene; POMODORI VERDI FRITTI, per essere stata una lettura-coccola, deliziosa e malinconica.

Attualmente ho in lettura:

AMATISSIMA di Toni Morrison;
LA CURA SCHOPENHAUER di Irvin Yalom.

venerdì 30 agosto 2019

DODICI ROSE A SETTEMBRE di Maurizio De Giovanni - dal 13 settembre in libreria




Il 13 settembre arriva in libreria il nuovo romanzo di Maurizio De Giovanni, con una nuova detective: Mina Settembre. L'assistente sociale che indaga nei Quartieri Spagnoli di Napoli affronterà il misterioso Assassino delle Rose.


DODICI ROSE A SETTEMBRE

Sellerio Editore
288 pp
14 €
Dal 13 SETTEMBRE 


«Mi chiamo Flor, ho undici anni, e sono qui perché penso che mio padre ammazzerà mia madre».

Gelsomina Settembre detta Mina, assistente sociale di un consultorio sottofinanziato nei Quartieri Spagnoli di Napoli, è costretta a occuparsi di casi senza giustizia.
La affiancano alcuni tipi caratteristici con cui forma un improvvisato, e un po’ buffo, gruppo di intervento in ambienti dominati da regole diverse dall’ordine ufficiale. Domenico Gammardella «chiamami Mimmo», bello come Robert Redford, con un fascino del tutto involontario e una buona volontà spesso frustrata; «Rudy» Trapanese, il portiere dello stabile che si sente irresistibile e quando parla sembra rivolgersi con lo sguardo solo alle belle forme di Mina; e, più di lato, il magistrato De Carolis, antipatico presuntuoso ma quello che alla fine prova a conciliare le leggi con la giustizia.
Vengono trascinati in due corse contro il tempo più o meno parallele. Ma di una sola di esse sono consapevoli. Mentre Mina, a cui non mancano i problemi personali, si dedica a una rischiosa avventura per salvare due vite, un vendicatore, che segue uno schema incomprensibile, stringe intorno a lei una spirale di sangue. La causa è qualcosa di sepolto nel passato remoto.
Il magistrato De Carolis deve capire tutto prima che arrivi l’ultima delle dodici rose rosse che, un giorno dopo l’altro, uno sconosciuto invia.
Mina Settembre e gli altri sono figure che Maurizio de Giovanni ha già messo alla prova in un paio di racconti. In Dodici rose a Settembre compaiono per la prima volta in un romanzo. Sono maschere farsesche sullo sfondo chiassoso di una città amara e stanca di tragedie.
Un mondo di fatica del vivere che de Giovanni riesce a far immaginare, oltre all’intreccio delle storie, già solo con il linguaggio parlato dai vari personaggi di ogni strato sociale: ironico, idiomatico, paradossale, immaginoso.

giovedì 29 agosto 2019

Recensione: POMODORI VERDI FRITTI al Caffè di Whistle Stop di Fannie Flagg



Fannie Flagg ci invita, con la schiettezza e la dolce ironia che la contraddistinguono, a sederci al bancone di un caffè di una cittadina sconosciuta dell’Alabama, e, mentre ci concediamo (seppur soltanto col pensiero!) colazioni sostanziose e barbecue deliziosi, proviamo a chiudere gli occhi e lasciamoci trasportare nell’America degli Anni Trenta: conosceremo persone indimenticabili.


POMODORI VERDI FRITTI al Caffè di Whistle Stop 
di Fannie Flagg


Nell’inverno 1985 la signora Evelyn Couch, in visita dalla suocera (ospite di una casa di riposo) conosce un’anziana, anch’ella ricoverata nel medesimo istituto: Virginia Threagoode,  detta Ninny, 86enne vispa e allegra che, con la sua positività, la sua serena fede in Dio e i suoi racconti di fatti accaduti più di quarant’anni prima, cambierà la sua vita.
In meglio.
Sì perché Evelyn è una dolce e mite signora tra i 45 e i 50 anni che sta vivendo un periodo di frustrazione, depressione e tristezza; il suo cruccio maggiore è costituito dal peso: è decisamente in carne e questa consapevolezza la fa star male, la fa sentire brutta e inadeguata, ma allo stesso tempo non riesce a smettere di mangiare alimenti zuccherini e calorici.
Anzi, diciamo pure che sono il suo rifugio contro l’insoddisfazione e l’infelicità.
Quando fa conoscenza con Ninny, scopre che alla vecchina piace chiacchierare di tutto e di più e così, tra una chiacchiera e l’altra e tra un biscottino e una coca, le due donne imparano a conoscersi e a volersi bene.

Ninny ha una memoria di ferro (beh, giusto con qualche “svista” dovuta all’età) e quando si tratta di raccontare episodi che hanno coinvolto lei o le persone con le quali ha trascorso gran parte dell’esistenza, gli occhi le brillano e parte a parlare diIdgie Threagoode, di Ruth Jamison, del loro amato Caffè e di tutti quegli aneddoti che hanno fatto un po’ la storia di Whistle Stop.

E il lettore, insieme ad una stupita e interessata Evelyn, si siede anch’egli ad ascoltare questi racconti di un’America che sembra davvero tanto lontana, di questa località pacifica e conosciuta, a quel tempo, per lo scalo ferroviario, delle vicende dei Threagoode, del rapporto tra la comunità dei bianchi e quella dei neri, e della difficile integrazione di questi ultimi.
Contemporaneamente - e in sintonia - con la narrazione degli Anni ’80 ad opera di Virginia, seguiamo quella degli Anni ‘30 e oltre, attraverso i bollettini settimanali di Whistle Stop, con cui veniamo aggiornati dalla signora Weems di tutte le novità che accadono via via in paese, belle e brutte.

Il filone principale ruota attorno proprio alla famiglia Threagoode, in particolare attorno a Idgie, che sin da ragazzina ha mostrato un temperamento ribelle, un carattere deciso, mascolino, una personalità granitica dietro cui si nascondono un cuore di panna, una generosità spontanea e una capacità d’amare senza limiti.
È solo una ragazzetta secca e cocciuta quando si innamora di una sua coetanea, la bella e dolce Ruth, ma crescendo questo sentimento deve fare i conti con la realtà, e cioè che Ruth si fidanza con un certo Frank, e nonostante la ragazza ricambi l’amore di Idgie, sposa l’uomo e cerca in tutti i modi di essere una moglie buona e devota; eppure nel corso della lettura, ci rendiamo conto di come a un certo punto le due donne si siano ritrovate a vivere insieme, gestendo (a partire dal 1929) il famoso e frequentato Caffè di Whistle Stop.
Come mai Ruth è tornata da Idgie e le due vivono insieme? Cosa è accaduto al marito di Ruth, Frank, un giovanotto tanto bello quanto arrogante e dalla condotta non proprio integerrima?

Il Caffè di Idgie e Ruth è un posticino accogliente in cui si respirano odorini invitanti e si mangiano piatti ottimi per pochi spiccioli, è un punto di ritrovo per gli abitanti della cittadina, neri compresi.

Sono anni in cui la gente di colore non ha diritti, viene sfacciatamente trattata con disprezzo dalla maggior parte dei bianchi (soprattutto quelli benestanti) e non può liberamente frequentare i luoghi in cui ci sono loro; la stessa Idgie si ritrova a dover affrontare a muso duro alcuni uomini tracotanti e razzisti che pretendono che lei non dia cibo ai neri.
Ma ovviamente Idgie Threagoode non solo dà da mangiare a chi vuole, ma lo dona pure gratis a chi ne ha bisogno: ed infatti, per il Caffè passeranno, negli anni, persone di tutti i tipi, come il buon Smokey, e chiunque riceverà un piatto caldo dalle due proprietarie.

Attorno a questa coppia straordinaria e singolare ruotano altri personaggi, e di volta in volta la Flagg ci introduce con discrezione nelle loro vite, nei loro problemi quotidiani, così che incontriamo i tipi umani più diversi e improbabili: stravaganti sognatori, banditi dal cuore d’oro (che tolgono al Governo per dare ai poveri, in perfetto stile Robin Hood), pastori battisti pieni di ardore, vittime della Grande Depressione, ragazzini che riescono ad essere dei vincenti nonostante una disabilità, uomini di colore alle prese con le ingiustizie e gli insulti da parte di bianchi boriosi che si credono superiori.
E c’è anche un omicidio, che verrà “risolto” venticinque anni dopo in un modo bizzarro ma che soddisfa il lettore perché questo spiacevole episodio coinvolge le due donne, la temeraria e pratica Idgie e la riservata Ruth, e la tenacia che dimostrano in questo caso e, in generale, nello sconfiggere le avversità , ci colpiscono e ci spingono a fare il tifo per loro.

La stessa ascoltatrice Evelyn viene rapita dalle vicende della coppia, e questo le reca un gran bene: lei, una donna fragile, sensibile, che ha sempre vissuto nell’ombra, senza ambizioni e passioni, con una scarsa autostima (che con ben poco viene demolita del tutto), attraverso il racconto di tutte le traversie che hanno affrontato le due donne, unito alla preziosa amicizia con la sua ineguagliabile narratrice - Ninny - riesce, inaspettatamente, ad acquistare la fiducia e la forza necessarie per guardarsi dentro, per imparare ad amarsi e a superare, nel modo giusto, i propri limiti.

E anche questo romanzo di Fannie Flagg (come già IN PIEDI SULL’ARCOBALENO) mi ha conquistata, per le vicende umane in esso narrate, in cui emergono le mille e complicate sfaccettature proprie dell’animo umano, le pieghe più imprevedibili che può prendere la vita e che ci spingono di volta in volta ad attrezzarci per sostenerle (sovente, tra queste pagine, la fede in Dio è un’àncora imprescindibile per  andare incontro alla tempesta); incontriamo personaggi memorabili, caratterizzati in maniera accattivante, e si arriva all’ultima pagina travolti da tante emozioni, ci si commuove e si prova una grande malinconia a dover lasciare Whistle Stop, a rimirarne ciò che ne resta, e quasi scappa un sospiro di nostalgia perché sarebbe stato bello essere lì, in quegli anni, a conoscere la straordinaria e testarda Idgie, la cara Ruth e tutti gli altri cittadini di questo paesino che riflette un’epoca che non c’è più, ma che è bella da ricordare e da immaginare.

Mi è piaciuta l’evoluzione del personaggio di Evelyn, che trae forza dai racconti di avvenimenti accaduti ad altre donne come lei, e da cui impara a vivere con maggiore serenità, autostima e forza interiore.

Ho apprezzato il senso dell’umorismo dell’Autrice, la sua spontaneità - riflessa nelle sue storie e nei suoi protagonisti -, anche nel trattare argomenti delicati e, relativamente ai tempi cui ci si riferisce, “scomodi”, che si tratti di omosessualità, della discriminazione razziale, del ruolo della donna nella società.
È un romanzo al femminile e, per certi versi, femminista, ma lo è senza forzature, senza accenni polemici, bensì attraverso ritratti di donne forti, comuni e straordinarie insieme, piene di amore da donare e pronte a combattere per la propria felicità.
Leggere questo romanzo è un tuffo nel passato, in grado di divertire, intenerire e intrattenerci amabilmente come se davvero fossimo seduti al tavolino di un bar con una simpatica amica, a parlare di persone che, pur non avendo conosciuto personalmente, dai racconti prendono vita, divenendo familiari.

martedì 27 agosto 2019

Recensione: TRE PIANI di Eshkol Nevo



Tre storie differenti, tre gruppi di persone che abitano in tre diversi piani di un palazzo a Tel Aviv,  si conoscono, si incrociano per pochi attimi ma le loro esistenze scorrono parallelamente le une alle altre, chiuse dietro le porte dei loro appartamenti, a consumare tradimenti, a crogiolarsi nella propria solitudine, nel proprio dolore... e chissà, anche a sognare giorni migliori.


TRE PIANI 
di Eshkol Nevo


Ed. Neri Pozza
trad. O. Bannet e R. Scardi
253 pp
17 euro
"non si può mai sapere cosa succede dietro una porta blindata."

Siamo in Israele, nei pressi di Tel Aviv, in una tranquilla palazzina borghese di tre piani,  dove regnano la pace assoluta e l'ordine più perfetto.
Ma, come non di rado accade, è tutta apparenza.
Eh già, perché in realtà, dietro quelle porte blindate, la vita non è così perfettina e serena come sembra.

Conosciamo, nel corso dei tre capitoli, le persone che vivono ad ogni piano, a cominciare dalla coppia che abita al primo: Arnon e Ayelet, genitori di due bimbe, Ofri e Yaeli; se la piccola è la cocca di mamma, la prima è la cocca di papà.
Ofri è una bimba buona, taciturna, un po' con la testa fra le nuvole, con pochi amici, timida, e questo suo modo di essere chiuso ed eccessivamente mite pare irritare esageratamente la madre, una donna pratica, intelligente, sveglia, schietta (è avvocato), che alla prima occasione non manca di usare espressioni di scherno e parole pungenti verso la figlia maggiore, come se a malapena la sopportasse.
Arnon conosce questo difficile rapporto madre-figlia e, notando come la sensibile Ofri ne soffra, cerca di darle quelle attenzioni, quella tenerezza e quell'affetto di cui sua moglie è avara.

Quando la coppia ha esigenza di prendersi del tempo per sè, ha preso l'abitudine di portare Ofri dai vicini, una coppia anziana di origine tedesca e in pensione.
Ruth e Hermann sono persone educate e gentili, amano i bambini (hanno dei nipoti) e sono ben felici di fare da baby-sitter alla dolce Ofri e prendersi cura di lei.

Tutto sembra procedere piuttosto bene, fino a quando non accadono due fatti che danno uno scossone alla tranquilla esistenza borghese della coppia.
Un giorno Hermann - il caro e buon Hermann, il quale tiene Ofri sulle ginocchia e le chiede un bacino ogni volta che la vede -, che da un po' ha cominciato a mostrare i primi sintomi dell’Alzheimer (la ragazzina lo definisce "guasto", parlandone con i genitori) «rapisce» Ofri per un pomeriggio, gettando tutti nel panico e scatenando una furia incontenibile in Arnon, che matura la convinzione che dietro quel gesto, in apparenza dettato dalla malattia, si celi ben altro.
E se le attenzioni dell'anziano tedesco nascondessero qualcosa di torbido? Come si è comportato con Ofri in quelle ore in cui sono "scomparsi" e sono rimasti soli?
È una coincidenza che dopo quel maledetto pomeriggio, la piccola Ofri si sia chiusa in un preoccupante silenzio e in una serie di comportamenti strani?

Il secondo avvenimento che turba e mette in crisi l'impulsivo Arnon è costituito dalla presenza di una donna che, in poco tempo, stuzzica le fantasie dell'uomo e tutti quegli istinti e desideri repressi che, in un periodo di pressioni e stress, emergono senza freni...

Al secondo piano c'è Hani, giovane madre di due bambini e moglie di Assaf, costantemente all’estero per lavoro; la donna combatte la sua personale e silenziosa battaglia contro la solitudine e lo spettro della follia e ne seguiamo le elucubrazioni e le vicissitudini facendo i conti proprio con questa sua personalità fragile e complicata.
Sua madre è ricoverata in un ospedale psichiatrico e il pensiero che il seme della pazzia sia presente anche in lei la terrorizza.
A insinuarle dubbi sulla propria salute mentale interviene improvvisamente l'arrivo di una persona inaspettata: Eviatar, il cognato che non vede da dieci anni, bussa alla sua porta e le chiede di aiutarlo a nascondersi da creditori e malintenzionati con cui è finito nei guai e ai quali deve molti soldi.
Hani sa che i due fratelli si detestano e non hanno rapporti, eppure non esita a ospitarlo, aiutandolo, ma in verità è un modo per aiutare se stessa a non impazzire.
Hani vede in Eviatar ciò che vorrebbe ci fosse in Assaf: il cognato la comprende senza bisogno di troppe parole, è affettuoso coi nipoti, e soprattutto c'è qualcosa in lui che lo rende desiderabile, seducente...
Eppure, dopo che lui se n'è andato, il dubbio che l'arrivo di Eviatar sia frutto della propria immaginazione e dei desideri del suo Io, l'assale...
Come fare per toglierselo e chiarire a se stessa di non essere matta, ben sapendo che non è impossibile che lei abbia delle allucinazioni, a cominciare da quella dei barbagianni appollaiati sull'albero fuori dalla finestra di casa, che la guardano e le parlano...?

Terzo piano: Devora è una donna di sessant'anni, giudice in pensione e da poco vedova dell'amato marito Michael (anch'egli ex-giudice).
La scomparsa del coniuge, con cui ha condiviso una vita, gioie e dolori, soddisfazioni e amarezze, è troppo grande da sopportare, così, per non crollare del tutto sotto il peso della solitudine, ha un'idea: continuare a parlare con lui, e per farlo si serve di una vecchia segreteria telefonica appartenutagli. Nel racconto di ciò che pensa e fa durante il giorno, di come occupa la quotidianità, così piatta e priva di grosse novità, inevitabilmente Devora fa anche dei salti indietro nel tempo, così sappiamo che la coppia ha un figlio, Adar, con cui però ha smesso di avere relazioni quando questi era molto giovane.
Adar ha mostrato sin da piccolo una propensione alla ribellione e all'insofferenza alle regole, e questa inclinazione ha trovato, come è  facile immaginare, una netta opposizione da parte dei genitori, che per mestiere erano abituati a "valutare indizi e prove", a emettere sentenze e condanne, a dare giudizi, a punire, e questo modo di fare l'hanno portato anche tra le mura di casa, schiacciando il loro unico figlio col peso di un'educazione morale rigida, inflessibile, per quanto senza dubbio onesta e integerrima.
Questo rigore intransigente si manifesta in modo evidente quando Adar commette un'azione scellerata e si ribella con foga a questi genitori che non lo sostengono, ma anzi lo condannano senza mezzi termini, fino ad arrivare ad una rottura definitiva con loro.
Per non lasciarsi sopraffare dai ricordi, una mattina Devora esce di casa e, per una serie di circostanze, conosce un uomo suo coetaneo, Avner, il quale risveglia in lei pensieri e desideri che credeva fossero morti con Michael; inoltre, quest'uomo misterioso e sicuro di sè sembra conoscere piccoli particolari di lei e, a un certo punto, le fa una richiesta singolare...

Tutte e tre le storie hanno in comune il modo in cui l'Autore ha scelto che arrivassero a noi: sotto forma di confidenze, come degli sfoghi intimi, privati che i tre narratori (e principali protagonisti delle vicende) decidono di raccontare a una persona in particolare: Arnon, infatti, si sta sfogando con un amico scrittore, che lui sa essere molto comprensivo e con cui è in confidenza; Hani scrive una lunga lettera ad una cara amica con cui ha sempre avuto un legame fortissimo e con cui si sente libera di essere se stessa, senza inibizioni e timori; di Devora abbiamo già detto che si rivolge al marito defunto, registrando la propria voce su una segreteria telefonica.

I tre sentono il bisogno di raccontarsi e confidarsi con un interlocutore che non li giudichi, non li condanni; attraverso queste narrazioni libere e prive di interferenze, i tre protagonisti (un po' come se fossero distesi su un lettino dallo psicanalista) possono essere loro stessi, senza paura, ma solo con il sincero desiderio di "capirci qualcosa in più" di quello che hanno vissuto o che stanno vivendo, di quello che sono e pensano.
Per non impazzire.
Per non lasciarsi fagocitare dalla solitudine.
Per guardarsi dall'esterno e comprendersi.

Del resto,

"... se non c’è nessuno ad ascoltare, allora non c’è nemmeno la storia. Se non c’è uno cosí, a cui svelare segreti, con cui sciorinare ricordi e consolarsi, allora si parla con la segreteria telefonica (...). L’importante è parlare con qualcuno. Altrimenti, tutti soli, non sappiamo nemmeno a che piano ci troviamo, siamo condannati a brancolare disperati nel buio, nell’atrio, in cerca del pulsante della luce".

Eshkol Nevo ha preso in prestito i tre fondamentali concetti della psicoanalisi (le tre diverse istanze della personalità secondo Sigmund Freud: Es, Io, Super-Io) per addentrarsi nel nocciolo delle relazioni umane, entrando oltre quelle porte blindate per scoprire cosa si nasconde dietro di esse, e descrivendo la vita di tre famiglie, con le loro singole storie, i bisogni inconfessati, la paura di sbagliare e di non meritare l'amore dell'altro, il desiderio di essere amati, la seduzione del tradimento, il sospetto nei confronti di chi non conosciamo, il timore di lasciarsi andare.

"...al primo piano risiedono tutte le nostre pulsioni e istinti, l’Es. Al piano di mezzo abita l’Io, che cerca di conciliare i nostri desideri e la realtà. E al piano piú alto, il terzo, abita sua altezza il Super-Io, che ci richiama all’ordine con severità e ci impone di tenere conto dell’effetto delle nostre azioni sulla società."

"Tre piani" mi ha convinta per tanti aspetti: anzitutto lo stile, che è molto scorrevole, piacevolissimo, sa essere profondo, introspettivo pur conservando le sfumature di una leggera ironia; per le tematiche, che sono di quelle che, in un modo o in un altro, riguardano tutti noi (rapporti di coppia, genitori-figli, l'importanza data alla famiglia, alle regole morali...), e per come è strutturato: leggere ogni vicenda personale e famigliare è come entrare in tre cerchi separati che però, seppur di sfuggita e in un modo apparentemente insignificante, per qualche secondo si intersecano; dalla palazzina al singolo piano, dal piano all'appartamento, e una volta dentro casa, sbirciamo in cucina, in camera da letto, ovunque ci porti la voce narrante.
Eppure non mi sono sentita una "ladra", un'intrusa, perché in fondo le paure, le pulsioni, i timori, i pensieri inconfessabili e di cui ci si vergogna, i desideri ecc, di questo piccolo angolo di mondo sono comuni a quelli di tanti di noi, a prescindere dalle latitudini, dalla cultura, dall'età, dalla professione.
Mi è piaciuta la scelta che ogni racconto sia una "confessione" personale, perché così a chi parla/scrive di sè è data facoltà di andare "a ruota libera", avendo scelto come destinatario delle proprie confidenze qualcuno che non emetterà sentenze spicce e superficiali, ma che se ne starà buono semplicemente ad ascoltare.
Perché spesso è di questo che abbiamo urgente bisogno: di qualcuno che ci presti un po' d'attenzione e un paio di orecchie.

Non ultimo, ho apprezzato il fatto che non necessariamente per i protagonisti ci sia una soluzione certa ai loro problemi, anzi aleggia un'atmosfera volutamente "sospesa", quasi di mistero, che avvolge le tre storie, come se quei cerchi non si chiudessero mai davvero e il lettore fosse libero di immaginarne la fine.
Stranamente, questa vaghezza non mi ha infastidito, al contrario, l'ho trovata stimolante. 

domenica 25 agosto 2019

Recensione: DIARIO SEMITRAGICO DI UN CASALINGO DISPERATO di Ariel



È possibile fare delle proprie piccole “tragedie” quotidiane un punto di forza per non cedere alla disperazione e, magari, trasformarle in un’occasione per trovare la propria strada e il proprio posto nel mondo? È ciò che succede al casalingo, aspirante scrittore, di questo romanzo.


DIARIO SEMITRAGICO DI UN CASALINGO DISPERATO 
di Ariel



106 pp
Max ha 35 anni, è sposato con la bellissima Katia, hanno due bambini, Lorenzo e Matteo, che in casa sono chiamati Attila e Nerone per il loro essere pestiferi e combinaguai.
Purtroppo Max è attualmente disoccupato e a incrementare il suo senso di disagio si aggiunge il fatto che a portare i soldi in casa è Katia, la quale a un certo punto, per motivi di lavoro, viene mandata in trasferta su un’isola sperduta nel Pacifico; dovrà mancare per otto lunghi mesi e ciò significa che per tutto questo tempo interminabile il maritino sarà costretto a fare il mammo e il casalingo.
Che tragedia per un tipo come lui, che è stato abituato, in casa dei propri genitori, ad essere vezzeggiato e riverito, soprattutto dalla mamma, che l’ha sempre trattato come il principino di casa, relegando a ruolo di Cenerentola la figlia femmina, Carmela!
E adesso che si ritrova a dover portare avanti la casa con tutti i bambini, a Max sembra cascare il cielo addosso: che ne sa, lui, di come gestisce la quotidianità una casalinga? Lui che non ha mai stirato, cucinato, fatto la spesa, vestito i bambini….: come farà a cavarsela e ad uscirne vivo?

Giorno per giorno, Max si rende conto di quanto lavoro ci sia dietro la gestione di una casa e ogni giorno deve fare i conti con tutte quelle incombenze che ha sempre snobbato; non c’è più tempo per uscire con gli amici, per fermarsi a guardare con serenità una partita di Champions in tv, o solamente per stravaccarsi sul divano per riposare!
Se non deve cucinare, deve stendere i panni;  quando ha finito di pulire casa, è già l’ora di prendere i due terminator (Attila e Nerone) all’asilo…: insomma, Max è stanco e afflitto, oltre che terribilmente demotivato perché non lavora.

Unica consolazione: tutte le proprie paturnie, preoccupazioni, amarezze ecc, le sfoga tra le pagine di un diario, anonimo e muto amico al quale raccontare la propria giornata, con annesso il turbinio di pensieri, desideri, rimbrotti, perplessità, che l’accompagnano.

Ogni tanto riesce a tirare un po’ il fiato grazie a una vicina di casa alla quale affidare per qualche ora le due pesti, ma dopo poco tempo questo aiuto esterno viene meno perché la baby-sitter improvvisata tenta di sedurlo con una proposta indecente che fa rizzare tutti i peli del corpo al povero Max, che avrà pure tanti difetti ma è sinceramente innamorato della moglie e non ha alcuna intenzione di tradirla!

In un susseguirsi di giorni sempre uguali e che lo vedono via via più stressato, Max riceve una folgorazione: e se provasse a trasformare le intime confessioni che scrive con costanza sul proprio diario in un romanzo?
Max sente di poter provare a buttarsi in questo progetto, la cui realizzazione, in fondo, è meno complicata di quanto sembri, visto che viviamo tempi in cui chiunque, attraverso il self-publishing, può togliersi lo sfizio di mettere in vendita online un proprio libro!
Certo, poi venderlo e diventare uno scrittore è tutta un’altra storia, ma si sa, chi non risica non rosicae Max si convince di non aver nulla da perdere: la sua verve, il suo modo di essere (e scrivere) brillante ed ironico, unito al contenuto - le avventure di un uomo che si ritrova a fare il mammo e il casalingo full time -, potrebbero rivelarsi due carte vincenti…, chi può dirlo?

Ed è così che nasce  il romanzo “Diario semitragico di un casalingo disperato”, che - a dispetto delle titubanze del suo autore esordiente - comincia a ricevere buone recensioni e a raggiungere in poco tempo picchi di vendite tutt’altro che irrilevanti.
Chi se lo sarebbe mai aspettato? E se la scrittura fosse la strada giusta da percorrere? Magari in Max si cela un promettente scrittore: perché non crederci e provarci?
Ma il mondo dell’editoria è complesso, bizzarro e imprevedibile, e anche l’umore e la motivazione di Max fanno su e giù come i consensi attorno al suo libro, che non sono proprio costanti e a un certo punto smettono di essere tutti positivi.
Hum… non sarà che Max aveva iniziato a gasarsi troppo in fretta? Ma dove sperava di andare con il suo diario? Credeva davvero di poter diventare una Kinsella versione maschile all’italiana?

Eppure, proprio quando la nube dello scoraggiamento si fa più grossa e scura su di lui, ecco sopraggiungere una inaspettata novità, che potrebbe regalargli un’occasione per continuare a scrivere: dopotutto, è o no Max convinto che ciò che desidera mettere su carta possa divertire e far sta bene chi lo legge, così come è stato utile per lui, per non abbattersi davanti alle mille difficoltà dovute al proprio nuovo ruolo di papà e uomo di casa a tempo pieno?

Qual è questa novità che sorprende Max? Gli permetterà di non abbandonare il sogno di scrivere? Riuscirà a barcamenarsi meglio tra le mansioni domestiche e i bambini da tenere a bada fino all’arrivo di Katia?
A volte, la vita sa essere meno avara di quanto ci aspettavamo e il vento sembra, ogni tanto, tirare a nostro favore: sta a noi alzare la vela, sfruttando il vento e cogliendo le occasioni che ci vengono offerte!

“Diario semitragico di un casalingo disperato”,  scritto sotto forma di diario personale, è un romanzo davvero molto divertente, con un protagonista-narratore simpatico e pasticcione dotato di uno spiccato senso dell’umorismo, che ci piace per il suo modo di raccontare le proprie disavventure con leggerezza, prendendosi un po’ in giro, intelligente e capace di cogliere le caratteristiche salienti delle persone attorno a lui e dandocene un ritratto spiritoso ed ironico; il fatto che sia il classico maschio che non alza uno spillo da terra se non è strettamente necessario, convinto che i lavori domestici siano appannaggio del sesso femminile, a raccontarci la propria avventura di casalingo per necessità e non per scelta, imbranato e spaesato davanti a una situazione nuova, risulta spassoso, regala sorrisi e fa di questo libro una lettura molto piacevole, allegra, di quelle che mettono il buonumore.

Faccio i miei più sinceri complimenti alla bookblogger e scrittrice Ariel (L’angolo di Ariel) e vi invito a leggere il suo romanzo, davvero molto carino, scritto bene e con scioltezza, che vi donerà momenti di svago! 

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...