sabato 29 aprile 2017

Recensione: LA CICALA DELL'OTTAVO GIORNO di Mitsuyo Kakuta (RC2017)



Un bellissimo romanzo che narra di fragilità e forza, di amore e odio, di opportunità rubate e perdute, di generosità e meschinità, di ricerca della felicità; tutto attraverso la penna sensibile e lucida di un'Autrice che sa scavare nel profondo dei suoi personaggi, mostrandocene gli abissi dell'anima.


LA CICALA DELL'OTTAVO GIORNO
di Mitsuyo Kakuta



"...la vita per quella cicala sarebbe stata molto triste, perché avrebbe visto tutte le altre morire, al settimo giorno. E io ero d’accordo con te, solo che adesso non ne sono più tanto convinta. Perché quella cicala dell’ottavo giorno avrebbe la possibilità di vedere cose che tutte le altre non hanno potuto vedere. Certo, forse alcune di quelle cose avrebbe preferito non vederle mai, ma altre, non così orribili, potranno darle almeno un po’ di gioia."


La storia narrata è divisa in due parti, entrambe affidate alle due donne protagoniste: nella prima (che ha inizio nel 1985) conosciamo Nonomiya Kiwako, che ci racconta di sè, del suo passato e del suo presente e la vediamo nell'atto di compiere un gesto folle e terribile che di certo le cambierà la vita: si è introdotta furtivamente in casa di una coppia e mentre i due coniugi sono assenti, si avvicina ad una culla in cui giace una bellissima bambina e... la rapisce!
Nella seconda parte, a raccontarci di sè e della propria vita è proprio la bambina rapita, che ormai è cresciuta ed è una bella ragazza di 20 anni.

Ma procediamo con ordine e torniamo per un attimo agli anni '80.
Abbiamo lasciato Kiwako mentre prende in braccio la piccola e scappa via, convinta di poter crescere la bimba come se fosse sua, lontano da tutto e tutti.
Perchè la donna compie questo crimine? E' forse matta? Si sta vendicando di qualcuno?

Nel corso della narrazione è la stessa voce di Kiwako a raccontarci ogni cosa e veniamo a sapere quali fatti hanno portato la donna a un tale stato di disperazione e infelicità, sfociati poi nel gesto estremo del rapimento.

Kiwako è un’attraente ragazza, laureata e intelligente, quando viene assegnata dalla K, una grande industria di abbigliamento intimo, alle Pubbliche relazioni; un errore grossolano a lavoro innesca delle dinamiche che la porteranno ad uscire a cena con un collega appena arrivato a Tokyo, Akiyama Takehiro.
I due escono insieme e tra loro scatta la passione, diventano amanti, Kiwako si innamora e si convince di poter essere felice insieme a Takehiro.
Ma l'uomo, col suo egoismo immaturo e le sue indecisioni da uomo che vuol stare con due piedi in una scarpa, prosegue il proprio matrimonio con la moglie Etsuko, impiegata part-time presso la K di Nagano, e non esita a ricorrere a menzogne, sotterfugi e false promesse per tenersi buona l'amante, illudendola di voler al più presto lasciare la moglie per poter vivere con Kiwako, che purtroppo gli crede.
Ma le cose si complicano perchè Kiwako resta incinta, ma l'amante le dice di abortire perchè non è ancora giunto il loro momento, lui non può lasciare ora la moglie, quindi per adesso il loro futuro insieme è rimandato.
La donna, seppur con rammarico, interrompe la gravidanza, ma l'aborto avrà la sue tristi conseguenze perchè la renderà sterile.

A questo dolore personale se ne aggiunge un altro: altro che prossimi al divorzio, Takehiro ed Etsuko hanno messo al mondo una bambina!
Sgomenta nell'apprendere della nascita della loro figlioletta, Kiwako rapisce la piccola Erina, di sei mesi.
Inizia così la fuga per vivere con questa splendida bambina - che lei chiama Karou - sempre col terrore che qualcuno la possa scoprire e prenderle quel fagottino così dolce, che quando sorride le fa aprire il cuore!

Certo, Kiwako non ha figli e non sa cosa fare quando la bimba piange e strilla, ha paura che si ammali..., ma riesce in qualche modo a cavarsela, perchè sul suo cammino incontra persone che le danno una mano: dall'amica Yasue ad una anziana donna burbera che le offre ospitalità, fino a quando non si imbatte in una organizzazione strana e un tantino inquietante che però si rivela essere, nel suo stato di ricercata, la più valida alternativa di salvezza.

E' la Casa degli Angeli, una specie di sette pseudoreligiosa che dà ospitalità a donne in difficoltà, più specificatamente a donne che hanno perso un bambino o che sono sterili, o a donne con figlie femmine che non hanno nessuno ad aiutarle (lasciate dai mariti, ad esempio).
In questa casa non sono ammessi uomini e ci sono rigide regole di convivenza da osservare, una su tutte: chi vi entra per chiedere aiuto e un tetto, deve rinunciare alla sua vita passata, al suo nome, ai legami affettivi, quello che ha vissuto all'esterno della casa non dev'essere più nominato e più di tutto deve dare ogni bene materiale ed economico all'organizzazione.

Insomma, non sembra proprio un'associazione umanitaria e senza scopi di lucro, e Kiwako non può fare a meno di avvertire che c'è un che di sinistro in queste donne fredde e rigide che sembrano mosse da ideologie ben strane.

Però restare lì il più tempo possibile - avendo saputo con certezza che la sua faccia è su tutti i giornali e che l’intero commissariato di polizia di Hino, a Tokyo, la sta cercando per il crimine commesso - è la cosa migliore che può fare nell'immediato, per garantire a sè e alla sua piccola Karou un futuro insieme.
In fondo, nessuno le vieta, un domani, di scappare anche da lì...

Il rapporto tra Kiwako e Karou si rafforza di giorno in giorno e la piccola vive i primi anni della propria infanzia chiamando "mamma" questa donna che è in realtà un'estranea e che l'ha rapita alla sua vera famiglia.
Kiwako è dolce e materna con la "sua piccola", immagina - seppur tremando di paura all'idea di essere scoperta - di crescerla felice e serena, e cerca di darle tutto quello che le serve, prendendo di volta in volta decisioni difficili e rischiose pur di restare con lei, perchè la ama come se fosse sua.

Kiwako, nel suo fuggire di qua e di là, riesce anche a ritagliarsi un periodo sereno e senza nubi, in cui lei e Karou vivono come due mamma e figlia normalissime. visitando santuari, facendo passeggiate lungo viali alberati accompagnati dall'insistente e traquillizzante frinire delle cicale.

Le cicale..., questi insetti di cui Kiwako ha sentito dire che trascorrono sette anni nel terreno e, sette giorni giorni dopo essere venuti alla luce, muoiono. Ma ci sono anche quelle che sopravvivono, no?
Kiwako e Karou potranno essere la cicala dell'ottavo giorno, colei che affronta difficoltà, le supera e riesce a sopravvivere?

Nella seconda parte, come dicevo, ambientata venti anni dopo, ritroviamo Karou - anzi, Erina - ormai grande.
Com'è stata la sua vita? Chi l'ha cresciuta? Ha ricevuto l'amore che ogni bambino merita di ricevere, quel calore umano in cui ha il diritto di crescere?

Non voglio aggiungere altro perchè vi svelerei troppo, vi dico soltanto che il passato non si cancella e da esso non si può fuggire.

Erina sembra sicura di sè, determinata, poco incline ai sentimentalismi, ma comprendiamo subito che ha un enorme vuoto dentro di sè, ha vistose carenze affettive ed emotive che la rendono "mutilata" emotivamente.
Erina è convinta che non ripeterà gli errori degli adulti che l'hanno tirata su, non potrebbe mai essere così stupida..., ma la vita spesse volte è beffarda e la ragazza dovrà, suo malgrado, imparare ad affrontare proprio quelle situazioni dalle quali credeva di poter stare lontana, e tirar fuori tutta la forza che è racchiusa in se stessa.

Erina non ha mai smesso di essere anche la piccola Karou, rapita a sei mesi da un'estranea, e per liberarsi dei fantasmi di un passato che lei non comprende e non accetta fino in fondo, dovrà conoscerlo, immaginarsi nei panni delle persone coinvolte in quel rapimento...: solo così potrà sopprimere odio, rancore, disprezzo, risentimento... e dare a se stessa la possibilità di essere quella cicala che, invece di morire, apre gli occhi all'alba dell'ottavo giorno e prova a vivere pienamente quello che la vita le riserva, senza più paure e catene nè nella mente nè nel cuore.

Ad aiutarla in questo processo di crescita e maturazione, una ragazza - poco più grande di lei - sbucata anch'essa da quel comune passato nella Casa degli Angeli....

Considerazioni.

Davvero un romanzo molto bello, per tematiche, personaggi, per stile...: l'Autrice affronta con leggerezza e profondità insieme argomenti delicati, come i rapporti di coppia, i triangoli amorosi e tutte le implicazioni connesse, il rapporto genitori-figli, la maternità desiderata e negata, la difficoltà nel superare traumi infantili che poi si ripercuotono nella vita adulta, l'inganno di certe sette pseudoreligiose, la fragilità di donne come Kiwako che gestiscono dolori e delusioni attraverso azioni eticamente (non solo, anche per la legge) deprecabili, il senso di inadeguatezza verso un mondo esterno che sembra non volerci, non capirci, la sensazione di non saper amare...

E' quindi un romanzo davvero pieno di spunti importanti, eppure ha quella levità che credo si riscontri spesso e volentieri nei libri di autori orientali; molto belle le brevi descrizioni degli ambienti, che si sposano di volta in volta con gli stati d'animo delle protagoniste, soprattutto il riferimento alle cicale.
E' una storia in cui ritroviamo tutta la gamma di sentimenti ed emozioni racchiuse nel cuore delle donne, in particolare delle due protagoniste ma in realtà anche i personaggi secondari sono impeccabili e danno il loro ricco contributo all'evoluzione delle vicende.

Drammatico, malinconico, nostalgico, triste eppure mai opprimente; il destino ha le sue vie, i suoi modi spesso contorti per adempiersi, non di rado pare prendersi gioco di noi..., ma alla fine, in un modo che non sempre sappiamo spiegarci, tutti i tasselli vanno al posto loro, il cerchio si chiude... ma non la vita, che va avanti, e le persone coinvolte in questa storia devono accettare ciò che è stato per costruire, giorno per giorno, nel presente, un futuro che contempli un cielo azzurro sulle loro teste, foglie verdi splendenti, fiori profumati e colorati ed un sole caldo a ridare speranza.

Assolutamente consigliato, la lettura procede spedita perchè l'Autrice crea momenti di suspense, di tensione emotiva, coinvolgendo il lettore, scuotendo le sue emozioni e facendolo riflettere su diversi argomenti significativi.


Obiettivo n.7 - Un libro con un animale nel titolo


giovedì 27 aprile 2017

Recensione: SETA di Alessandro Baricco (RC2017)



Un libro breve ma in grado di trasportare il lettore in una piccola storia effimera ed improbabile, in cui ciò che conta e colpisce non è tanto la storia in sè, quando l'atmosfera creata dalla penna poetica, ammaliante e musicale di Alessandro Baricco.


SETA
di Alessandro Baricco


.
"Hervè Joncour era uno di quegli uomini che amano assistere alla propria vita, ritenendo impropria qualsiasi ambizioso a viverla".

Siamo nel 1861 e a Lavilledieu (Francia) vive Hervè Joncour, che ha fatto la sua fortuna comprando e vendendo bachi da seta, attività alla quale lo ha avviato Baldabiou, che per primo ebbe l'idea di coltivare la seta.
Tutto va a gonfie vele, l'uomo è felice con la sua adorata moglie dalla voce bellissima - Helene - finchè una malattia colpisce i bachi, il che richiede la necessità di andarseli a procurare all'estero; così, dietro esortazione del baldanzoso Baldabiou, Hervè Joncour accetta di partire e di recarsi fino "alla fine del mondo", cioè in Giappone, questo Paese e che pare da sempre vivere separato da tutto e tutti.

Hervè Joncour si reca dunque in Giappone per prendere bachi da seta, da un certo Hara Kei, un uomo di poche parole ed enigmatico (come del resto tutti i personaggi presenti); ma a colpire lo sguardo e l'attenzione di un "placidamente stupito" Hervè Joncour, è una ragazza sempre in compagnia di Hara Kei: una giovane donna con occhi non dal taglio orientale, col volto di una ragazzina e dalle movenze lente, misteriose, ipnotiche, che seduce in qualche modo il povero commerciante, che da quel momento tornerà più di una volta in Giappone, attratto ormai non soltanto dai bachi...

Non aggiungo altri particolari sulla trama perchè non avrebbe senso: "Seta" è davvero molto corto e si legge in pochissimo tempo, anche perchè scorre; i capitoli - se di capitoli veri e propri si può parlare... - sono brevi/brevissimi e da subito ci si rende conto di essere davanti a qualcosa che non è nè un racconto, nè un romanzo: la narrazione ha più i tratti di un sogno ad occhi aperti in cui si muovono pochi personaggi, aventi un che di "fiabesco", di ingenuo, di fanciullesco misto al malinconico.
Parlare dei libri di Baricco (beh, in effetti ne ho letti solo due, questo e "Oceano mare") mi dà l'idea di voler fermare qualcosa che in realtà è inafferrabile, poco incline ad essere ingabbiato in etichette, giudizi definiti; per dirla prendendo a prestito le sue parole, le sue storie sono come gli uccelli del cielo giapponese, che fanno sorridere Hervè Joncour: stupefatte, impazzite, un'esplosione pirotecnica di suoni colori, musica.

"Non sembrava vita: se c'era un nome per tutto quello, era: teatro".

Ed è così: "Seta" sembra un piccolo palcoscenico, in cui non ci si perde in fiumi di descrizioni e discorsi inutili, ma dove contano più i silenzi, gli sguardi intensi, languidi o sfuggenti, i momenti fatti di immobilità o di gesti lenti, accompagnati da una musicalità flemmatica ma insieme suggestiva.

Consigliato a quanti prediligono letture riflessive, dal ritmo decisamente placido, che non sono necessariamente alla ricerca di storie travolgenti e personaggi con i quali immedesimarsi; sono quelle letture quasi impalpabili, evanescenti, che ti lasciano una strana e leggera melancolia. 





Obiettivo n.32 - Un libro in cui la musica diventa romanzo

lunedì 24 aprile 2017

Recensione film: LA BATTAGLIA DI HACKSAW RIDGE di Mel Gibson



La storia vera, drammatica e toccante di un giovane cristiano che, mosso da una grande fede, decise, durante il secondo conflitto mondiale, di arruolarsi per portare il proprio contributo alla nazione americana senza mai imbracciare le armi.


LA BATTAGLIA DI HACKSAW RIDGE


2016
Presentato Fuori Concorso al Festival di Venezia 2016. Candidato a 6 Premi Oscar 2017.

GENERE: Drammatico, Guerra
REGIA: Mel Gibson
ATTORI: Andrew Garfield, Teresa Palmer,Sam EliminaWorthington, Vince Vaughn, Luke Bracey, Hugo Weaving, Rachel Griffiths, Richard Roxburgh.



Il film prende inizio con una citazione tratta dalle Sacre Scritture: 




"Non lo sai tu? Non l'hai mai udito?
Il SIGNORE è Dio eterno,
il creatore degli estremi confini della terra;
egli non si affatica e non si stanca;
la sua intelligenza è imperscrutabile.
Egli dà forza allo stanco
e accresce il vigore a colui che è spossato.
 I giovani si affaticano e si stancano;
i più forti vacillano e cadono;
 ma quelli che sperano nel SIGNORE acquistano nuove forze,
si alzano a volo come aquile,
corrono e non si stancano,
camminano e non si affaticano."

(Libro del profeta Isaia, cap. 41:28-31)


Desmond Doss vive nel Virginia con padre, madre e il fratello Hal.
Il papà è un tipo violento e purtroppo sta tirando su i figli lasciando che sfoghino la propria aggressività liberamente, anche facendosi del male; ed infatti, un giorno, mentre Desmond e il fratello Hal "giocano a picchiarsi", il primo arriva quasi ad ammazzare l'altro (accidentalmente).
Il padre è di quelli che alzano le mani su tutti, moglie compresa, e presto comprendiamo la ragione di questo comportamento deprecabile: è un veterano di guerra, tanti suoi amici non sono più tornati dalla Prima Guerra Mondiale, e quella esperienza l'ha traumatizzato tanto da segnarlo nel profondo, rendendolo il fantasma di se stesso.
Quando viene a sapere che entrambi i figli desiderano arruolarsi, va su ttte le furie, perchè sa bene cosa voglia dire andare in guerra.

Così, dopo Hal, anche Desmond prende la decione di servire il proprio Paese, nonostante nel frattempo si sia innamorato - ricambiato - della bella infermiera Dorothy, che il giovane chiede in sposa.

La famiglia Doss è di fede avventista, l'ubbidienza ai comandamenti di Dio - riportati nella Bibbia - è per loro fondamentale e Desmond, in particolare, è particolarmente fervente; infatti, il suo obiettivo è andare sì in guerra ma per salvare vite - come medico - non per ucciderne; lui è convinto di poter servire gli USA senza imbracciare le armi ma in qualità di obiettore (anzi, cooperatore) di coscienza.

La fase dell'addestramento è molto dura e a tratti umiliante, perchè nè i commilitoni nè i superiori riescono ad accettare e a compredere le ragioni che possono spingere un ragazzo ad andare volontariamente al fronte senza prendere un'arma in mano.
Tutti sono contro il povero Desmond, che viene "invitato" (tutt'altro che cortesemente) ad andarsene, perchè questo suo atteggiamento ostinato - di non voler uccidere il nemico - è stupido oltre che pericoloso, tanto per lui stesso quanto per i suoi colleghi, visto che non sarebbe disposto ad ammazzare un "muso giallo" per difendere un amico sul campo di battaglia.

Desmond viene preso in giro, malmenato, umiliato, portato davanti alla Corte Marziale.., ma non demorde perchè lui è convinto di ciò che vuol fare, così ottiene ufficialmente, dopo tante difficoltà,  di essere designato come soccorritore nella cruenta battaglia di Okinawa.

Nessuno dei militari che gli sono attorno pensa che potrà farcela, piuttosto sono persuasi che Doss sarà per loro soltanto un fardello, ma... dovranno ricredersi!

Senza mai imbracciare un arma, Doss - chiamato con disprezzo "Fusto di mais" da un superiore, per la sua costituzione mingherlina - dimostrerà a tutti di essere un grandissimo eroe salvando la vita a 75 uomini e diventando il primo obiettore insignito della Medaglia d’Onore del Congresso, la più alta onorificenza militare Americana.

Sapendo che è una storia vera, il coinvolgimento emotivo per me è venuto ancora più facilmente, e mentre guardavo il film non potevo non restare stupita della grandissima fede di questo ragazzo, che non si lascia intimorire dalle minacce di colleghi e superiori, che lo vorrebbero fuori dall'esercito.

"Lascia che questa guerra la vincano i coraggiosi": gli dice qualcuno, e Desmond dimostrerà quanto lui sia coraggioso, anche se in modo differente!

Desmond combatte anch'egli affianco ai commilitoni, ma non con le armi, o meglio lo fa con  le "proprie armi speciali": la fiducia in Dio, la preghiera, la forza che trae leggendo la Bibbia (una piccola edizione regalatagli dall'amata Dorothy, e che lui tiene fedelmente sempre nel taschino, vicino al cuore), e con le proprie mani, l'intelligenza, la forza di volontà, la tenacia... con le quali riuscirà ad aiutare i propri compagni feriti e in pericolo.

"Ti prego, Signore, fammene trovare un altro..." prega mentre va alla ricerca - rischiando la vita, solo in compagnia dei tantissimi cadaveri maciullati attorno a sè, tremando di paura al pensiero dei giapponesi in agguato - di quanti più soldati possibili.

Quello che farà sarà giudicato eroico, inimmaginabile e lascerà stupefatti ed ammirati tutti, in primis coloro che l'avrebbero voluto fuori, all'inizio, ritenendolo un vile, un debole.

E' un film molto bello, a mio modesto avviso fatto bene, efficace nel presentarci la storia di questo eroe di guerra; certo, è molto cruento, brutale, feroce (ma è la guerra ad esselo...!), c'è sangue dappertutto (nella seconda parte del film, in cui veniamo "buttati" nel pieno della battaglia di Hacksaw Ridge), corpi straziati, maciullati in modo orribile..., in pieno stile Mel Gibson, che quando ci si mette d'impegno, non lesina scene forti, spietate, per quanto sono drammaticamente realistiche.

"In pace i figli piangono i padri;in guerra i padri piangono i figli".

La guerra è una tale grande tragedia umana... da lasciarci senza parole, e personalmente in diversi momenti non ho potuto non avere le lacrime agli occhi, riflettendo su quanto male e odio essa produca, sul fatto che tante giovani vite vengono recise senza pietà sui campi di battaglia.
Non ho potuto non pensare a quale trauma vivono i soldati, che notte e giorno devono stare sempre attenti e svegli per individuare il nemico e attaccarlo, con fucili e bombe a mano, prima che lui attacchi loro; e quanto dev'essere tremendo vedere i propri compagni cadere accanto a sè, vedere il loro corpo mitragliato e ridotto letteralmente a brandelli.

Mi è venuto spontaneo pensare alla meravigliosa e profonda poesia di Ungaretti, "Veglia":

Un’intera nottata
buttato vicino
a un compagno
massacrato
con la sua bocca
digrignata
volta al plenilunio
con la congestione
delle sue mani
penetrata
nel mio silenzio
ho scritto
lettere piene d’amore

Non sono mai stato tanto
attaccato alla vita
Mel Gibson non ha diretto finora chissà quanti film, ma quando lo fa, i suoi film non sono banali e non passano inosservati.
A me questo è piaciuto moltissimo, mi ha commossa e fatto riflettere su tante cose - che sia la guerra o la forza della fede... - e merita di essere visto; certo, magari chi è estremamente sensibile potrebbe restare un po' troppo toccato dalle scene di guerra, però a parte questo, è davvero un bel film!!


news.avventisti.it/hacksaw-ridge-la-storia-un-eroe-vero/desmonddoss.com/bio/
https://desmonddoss.com/bio/bio-real.php

Gioco letterario con i titoli dei libri



Rieccomi con un giochetto con i titoli dei libri che ho in libreria... ^_^


Casa HowardNella terra della nuvola bianca.

Durante il Sogno di una notte di mezza estate,
Il Conte di Montecristo riceve la visita de La ladra di sangue,
che entrando con L'eleganza del riccio,
riesce a rubare La chiave di Sarah
e ad aprire un cassetto, 

Leggendo, scopre che
Frankenstein non esiste....,
Il mago di Oz? Neanche!

Delusa, e con I morsi del buio che la attanagliano, decide di
intraprendere Il pellegrinaggio del cristiano:
prende così avvio la sua Espiazione


Si ringraziano per la tacita collaborazione i seguenti autori:
E. M. Forster, S. Lark, W. Shakespeare, A.Dumas (padre), C. Priest, M. Barbery, Tatiana De Rosnay, Juliet Grey, M. Shelley, L. F. Baum, K. Giebel, J. Bunyan, I. McEwan.

domenica 23 aprile 2017

Book Tag: 25 domande sui libri



Oggi, lettori del mio corazòn, vi propongo un booktag con 25 domande che ruotano attorno alla nostra adorabile passione per i libri e la lettura!

Ringrazio Ariel (sul suo blog L'angolo di Ariel, c'è il post dove potete leggere le sue risposte) per il tag; vi riporto le regole, ma ne infrangerò una, cioè la prima: sentitevi tutti taggati e, se e quando vi va, rispondete alle domande, che sia nei commenti o con un vostro eventuale post  ^_-


1- Nomina almeno 5 blog a cui fare le domande.
2- Cita sempre chi ha creato il Book Tag: Racconti dal passato.
3- Nomina e ringrazia il logo che ti ha nominato: Ariel.
4- Usa come immagine quella in cima a questo post.



.


1. Come scegli i libri da leggere?

Fermo restando che mi deve piacere quantomeno la trama, vado molto per genere letterari e anche considerando gli autori che già conosco e che mi piacciono; ciò non toglie che spesso mi lascio conquistare anche da un consiglio o recensione; ehm... a volte anche dalla copertina!


2. Dove compri i libri: in libreria o online?

Entrambe le cose; adoro passare in mezzo a file di libri per sfogliare, annusare, toccare, e mi lascio conquistare..., ma per comodità e per risparmiare cedo anche al fascino degli store online.


3. Aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta?

La scorta non potrebbe mai mancare, ci mancherebbe (vuoi che muorooo?), ma se mi va, un libro lo compro comunque e sempre, tanto male non fa ^^


4. Di solito quando leggi?

Preferisco la calma post pranzo e la sera, al posto di guardare la tv (tanto non danno granchè di interessante).


5. Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?

Mmm, si e no, nel senso che leggo un libro indifferentemente dalle pagine, però amo i libri grossi, quindi più è cicciotto, più un libro mi attira; uno di meno di 120 pp, ad es., mi attira meno ed è difficile che lo compri....


6. Genere preferito?

Narrativa, storici, classici, thriller/noir/gialli, anche romance (storici, comedy...).


7. Hai un autore preferito?

Più di uno, certo: le sorelle Bronte, Jane Austen, Donato Carrisi, Margaret Mazzantini, Kate Morton, Lucinda Riley, Luca Bianchini, Jennifer Donnelly....


8. Quando è iniziata la tua passione per la lettura?

Dalle scuole elementari, credo, e si è accresciuta durante le medie grazie alla materia "Antologia".


9. Presti libri?

Sì, più che altro perchè mi vengono esplicitamente richiesti da amiche che conoscono la mia passione, e dire no mi sembra poco educato.


10. Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?

Rigorosamente minimo un paio (un cartaceo e uno o due ebook).


11. I tuoi amici/familiari leggono?

Mio marito legge libri di geopolitica/storia e letteratura cristiana; ho amiche virtuali che leggono tantissimo e sono infatti un pozzo da cui attingere per conoscere libri ed autori nuovi e stimolanti.


12. Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?

Eh dipende dal tempo, dalle pagine del libro e da quanto mi sta prendendo; minimo un paio di gg, al massimo un paio di settimane. Se me lo trascino oltre, vuol dire che c'è qualcosa che non va...  :-D


13. Quando vedi una persona che legge, ad esempio sui mezzi pubblici, ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?

E me lo chiedi? :-D
Ovvio che sì!!


14. Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvare uno soltanto quale sarebbe?

A parte la Bibbia, credo IL DIARIO DI ANNA FRANK o SE QUESTO E' UN UOMO.


15. Perchè ti piace leggere?

Semplicemente mi fa stare bene! E poi mi permette di viaggiare con la fantasia in altri mondi, epoche, di "vestire" i panni di personaggi diversi o affini a me; mi fa riflettere, commuovere, indignare, sognare, anche solo svagare.
Come potrei immaginare di non amare la lettura? *_*


16. Leggi libri in prestito (dagli amici o dalla biblioteca) o solo libri che possiedi?

Ahimè in biblioteca non vado mai...., comunque leggo essenzialmente libri miei, se qualcuno mi presta qualcosa ben venga ^_^


17. Qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?

Notre-Dame de Paris di Hugo. Un giorno lo farò, prometto...


18. Hai mai comprato un libro solo perché aveva una bella copertina, e cosa ti attrae in una copertina di un libro?

Mi è successo; beh mi attraggono i colori (tenui, sfumati), la presenza di fiori o di libri ed altri soggetti "umani"- tipo un visetto carino, occhi in primo piano -, cose inquietanti ecco..  :-D


19. C'è una casa editrice che ami particolarmente e perché?

Mmm, non è una discriminante importante, però ad es. mi piacciono le pubblicazioni Neri Pozza, m non solo eh!!


20. Porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li tieni al sicuro dentro casa?

Dappertutto davvero, non fosse altro che li ho al sicuro in borsa e li tiro fuori al momento opportuno (sempre!).


21. Qual è il libro che ti hanno regalato e che hai gradito maggiormente?

Quelli regalatimi da mia madre, e ce ne sono diversi: dal "Il diario di Anna Frank" a "La piccola Fadette" di George Sand, ma potrei continuare.


22. Come scegli un libro da regalare?

Se conosco i gusti del destinatario, mi baso su quelli; altrimenti, regalo un libro che ho adorato e che, in un certo senso, "dice qualcosa di me", che sento mio.


23. La tua libreria è ordinata secondo un criterio, o tieni i libri in ordine sparso?

Purtroppo attualmente in ordine sparso, perchè sto a casa dei miei ed è una sistemazione temporanea; comunque ho un angolino che segue il "criterio dei colori"  ^_^


24. Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?

Le leggo.


25. Leggi eventuali introduzioni, prefazioni o postfazioni del libro o le salti?

Le leggo alla fine ^_^

ORA TOCCA A VOI, LETTORI!
FATEMI CONOSCERE I VOSTRI GUSTI LIBROSI!! ^_-

Epigrafe - "Economia decente"



Nel libro "Economia decente" dei Francesco Maggio (trovate la recensione sul blog) è riportata una poesia molto bella di Jorge Luis Borges, che desidero condividere con voi:


I giusti

Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire.
Chi è contento che sulla terra esista la musica.
Chi scopre con piacere una etimologia.
Due impiegati che in un caffè del Sud giocano in silenzio agli scacchi.
Il ceramista che intuisce un colore e una forma.
Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace.
Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.
Chi accarezza un animale addormentato.
Chi giustifica o vuole giustificare un male che gli hanno fatto.
Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.
Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.
Tali persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo.


Ed ecco di seguito le citazioni riportate dall'Autore prima di trattare l'argomento.


"Il sudario non ha tasche"

papa Francesco


"Quando dissero a Mazzarò che era tempo di lasciare la sua roba,
per pensare all'anima, uscì nel cortile come un pazzo, barcollando,
e andava ammazzando a colpi di bastone le sue anitre
e i suoi tacchini e strillava: <Roba mia, vienitene con me!>

Giovanni Verga, La Roba, in Novelle rusticane



"Ognuno vive dentro i suoi egoismi vestiti di sofismi
e ognuno costruisce il suo sistema
di piccoli rancori irrazionali, di cosmi personali
scordando che poi infine tutti avremo due metri di terreno."

Francesco Guccini, Canzone di notte n.2


Risultati immagini per epigrafe chicchi pensieri
Il significato del termine epigrafe al quale mi rifaccio è quello dato dalla Treccani.it
"Iscrizione in fronte a un libro o scritto qualsiasi, per dedica o ricordo; più particolarm.,
citazione di un passo d’autore o di opera illustre che si pone in testa
a uno scritto per confermare con parole autorevoli quanto si sta per dire

sabato 22 aprile 2017

Gioco letterario con i titoli dei libri



Buon pomeriggio con un breve e surreale racconto formulato con titoli di libri letti.

Quelli per i quali non trovate il link li ho letti, ma prima che esistesse il blog e non li ho ancora mai recensiti :)




,


Un giorno LE STREGHE DI EAST END litigarono
si contendevano la SUITE FRANCESE
migliore de IL CASTELLO.

Per risolvere la disputa,
una gara: inoltrarsi
facendosi guidare solo dal sesto SENSO.

"Ma va VIA COL VENTO", ribattè la Chimera,
mi conviene chiedere rifugio presso LA LOCANDIERA,
prima che arrivino ANGELI E DEMONI".

Invece le streghe accettarono:
e in nome della LIBERTA'
iniziarono il loro viaggio
tra I SUSSURRI DELLA NOTTE.

Recensione: "ECONOMIA DECENTE. Come crescere senza umiliare le persone" di Francesco Maggio



Un breve trattato che pone al centro l'esortazione (oltre che la necessità urgente) a realizzare un'economia decente che, prima ancora di tendere (ossessivamente?) allo sviluppo, punti all'equilibro e alla crescita di una società anch'essa decente, che non preveda (come già purtroppo accade, abbondantemente e quotidianamente) l'umiliazione delle singole persone ma il loro rispetto e la loro crescita.


ECONOMIA DECENTE.
Come crescere senza umiliare le persone
di Francesco Maggio

Ed. GruppoAbele
155 pp
14 euro
2016
"Quanto vorrei vedere tutti con un lavoro decente! è una cosa essenziale per la dignità umana": a scrivere queste parole, semplici e significative insieme, è papa Francesco, su Twitter, nel 2014.
Ebbene, al centro di questo piccolo libro c'è proprio l'argomento di un'economia e di una società decenti.

Cosa vuol dire decente
Decente vuol dire "conforme al decoro, alla dignità, al pudore". 

Oggi più che mai c'è urgente bisogno di un'economia che abbia questa grande connotazione, che sia cioè 

"rispettosa della dignità umana (e per questo capace di contrastare la disoccupazione e il precariato), conforme al pudore (e, dunque, in grado di evitare le retribuzioni "spudorate" di alcuni top manager e l'arricchimento vertiginoso di una minoranza), decorosa nel suo funzionamento (cioè ancorata alla produzione industriale più che alla finanza speculativa)."

E' possibile realizzarla o resta solo un'utopia sognata da qualche idealista un po' ingenuo?
E di cosa e di chi c'è bisogno perchè essa possa assumere i tratti della concretezza e non dell'illusione?

Se ci guardiamo attorno, dobbiamo ammettere che le cose vanno di male in peggio: i ricchi diventano sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri, e la crisi mondiale che ci sta attanagliando da anni non ha fatto che rendere questo dato di fatto ancora più evidente.

Ne consegue un regime di disuguaglianza spaventoso, e nella pars destruens di questo trattato l'Autore ci fa soffermare proprio sui diversi errori in cui incorrono economisti (che hanno perso il contatto con la realtà finendo per fare solo tanta vuota teoria), industriali (poco concentrati sulla risoluzione concreta di problemi dovuti, ad es., all'evasione fiscale, alla disoccupazione, al lavoro nero, alle delocalizzazioni selvagge...), sistema finanziario/bancario (fragile, poco trasparente) e Terzo Settore ("sporcato" da retorica, banalizzazioni, buonismo sterile, mera autoreferenzialità, col rischio oltretutto di diventare miope ed incapace di scovare le mele marce al suo interno).

L'attuale economia è al collasso: è divenuta inadatta ad eliminare le disuguaglianze, anzi le accentua ingannando le persone e diffondendo la menzogna secondo cui le cose non sono poi così drammatiche e, in fin dei conti, la distinzione tra ricchi e poveri c'è sempre stata; non solo, ma essa - e la relativa diseguaglianza - sono fisiologiche alla crescita economica.
Come dire: c'è poco da lamentarsi ma solo da accettare questo status quo come immutabile.

Siamo di fronte ad una brutta copia dell'economia, che potrebbe essere bella se solo pensasse davvero alle persone piuttosto che ai numeri, se solo gli economisti si decidessero a svestire l'economia degli ingombranti caratteri di "scienza": essa è piuttosto una disciplina che deve trovare nell'interazione con altre discipline "sorelle" la sua forza, il suo arricchimento (storia, etica, psicologia, filosofia....)  per rimettere al centro di tutto l'Uomo e la sua dignità.

L'abbaglio principale di cui bisogna liberarsi è racchiuso nell'espressione homo oeconomicus, che parte dall'assunto che l'uomo sia un essere razionale che agisce solo per tornaconti ed interessi personali, ma questo non è esatto: l'uomo è capace di slanci di solidarietà e giustizia e nella pars construens di questo libro lo stesso Maggio ce lo dimostrerà.

In questo libro l'autore mette dunque a nudo l'inadeguatezza del modello economico dominante, troppo lontano dai reali problemi sociali; ma non si limita a demolire e a mostrarci le falle: in questo "mare nero, poco trasparente", confuso..., esiste una porzione di umanità coraggiosa che merita di essere menzionata.

Sono gli eroi per caso, uomini e donne che tra loro non si conoscono ma che con le loro azioni - straordinarie nella loro semplicità e spontaneità - contribuiscono a salvare il mondo e ci rammentano che c'è speranza e ciascuno di noi deve continuare a sperare e ad agire nella convinzione che è possibile cambiare le cose in meglio.
L'Autore ci ricorda alcune persone che si sono distinte negli ultimi anni per aver agito sulla base di principi etici - in nome della giustizia, del Bene, dell'uguaglianza... - e lo hanno fatto senza secondi fini.

Attraverso uno stile immediato, fluido, un linguaggio chiaro, preciso, tecnico senza scadere nel tecnicismo, ma anzi fruibile al lettore medio (a colui che magari generalmente non mastica argomenti di natura economica), Francesco Maggio ci porta a riflettere sull'urgenza da parte degli esperti di Economia affinchè si impegnino per recuperare l'aspetto umano di questa disciplina, così che la nostra società sia più decente, decorosa, rispettosa davvero per tutti.

È una strada percorribile, ma solo - come precisa la dedica - per "chi sa ravvedersi".

Un libro davvero molto illuminante e interessante; io personalmente ne sono venuta a conoscenza perchè ho assistito ad un incontro con l'Autore in una libreria del mio paese, e devo dire che Francesco Maggio è stato così chiaro e disponibile nel presentare il libro e nel dialogare con i presenti, da invogliare a saperne di più e quindi alla lettura. 
Spero di aver incuriosito anche voi!



venerdì 21 aprile 2017

Film tratti dai libri in uscita al cinema (20 - 27 aprile)



Quali film tratti dai libri ci sono in sala questa settimana?


Un libro letto che però non ho recensito è Accabadora di Michela Murgia, della quale apprezzai non solo la storia in sè, ma in particolare l'ambientazione e "l'atmosfera" creata dall'autrice; da ieri è al cinema la sua trasposizione.

L'ACCABADORA


DATA USCITA: 20 aprile 2017
GENERE: Drammatico
REGIA: Enrico Pau
ATTORI: Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Carolina Crescentini, Sara Serraiocco, Anita Kravos, Camilla Soru, Piero Marcialis.


Alla fine degli anni Trenta, la trentacinquenne Annetta, una donna solitaria e silenziosa sempre vestita di nero, vive in un piccolo centro nelle campagne sarde. Custodendo un terribile segreto del passato, passa le giornate nell'attesa di una chiamata e, quando ciò avviene, apre una vecchia sacca contenente una mazzuola di legno, un vecchio cuscino e uno specchietto spaccato. Da quel momento, qualcosa di imprevisto la porterà a Cagliari e le cambierà la vita, facendole scoprire di potersi staccare dal suo ruolo di accabadora, figura della tradizione sarda il cui compito è aiutare i morenti a trapassare.





WILSON


Wilson è è una trasposizione cinematografica dell'omonimo romanzo grafico di Daniel Clowes, autore anche della sceneggiatura.

DATA USCITA: 20 aprile 2017
REGIA: Craig Johnson
CAST: Woody Harrelson, Judy Greer.


Wilson, un uomo di mezza età, solitario ai limiti della misantropia, ossessivo e nevrotico ma anche onesto e divertente, scopre di avere una figlia, ormai teenager, di cui non conosceva l'esistenza. 
Nel suo modo bizzarro e un po' contorto, con l'aiuto della ex moglie (Laura Dern), cerca di trovare dei punti di contatto con lei.





Prossima settimana:

LA RAGAZZA DEI MIEI SOGNI



,
Tratto dal romanzo omonimo di Francesco Dimitri.

DATA USCITA: 27 aprile 2017
REGIA: Saverio Di Biagio
ATTORI: Primo Reggiani, Miriam Giovanelli, Nicolas Vaporidis, Chiara Gensini, Marco Rossetti, Remo Girone.


P. (Primo Reggiani) è un trentenne insoddisfatto, condizionato da molte situazioni che gli impediscono di vivere come vorrebbe: la morte dei genitori, l’asettica redazione giornalistica in cui lavora; Mario (Marco Rossetti), il suo coinquilino, tanto spigliato quanto superficiale; Margherita (Chiara Gensini), la ragazza di cui è invaghito e alla quale non riesce a dichiararsi.
Un giorno P. conosce Sofia (Miriam Giovanelli), bella e intrigante, somigliante alla ragazza che sogna tutte le notti; tra i due esplode un sentimento incontenibile ed egli sembra finalmente aver trovato la ragazza dei suoi sogni. Ma Alessandro (Nicolas Vaporidis), giovane dalla doppia vita e con la passione per l’occulto, un vecchio amico che P. rincontra dopo anni, finirà per metterlo in guardia dalla dolce Sofia della quale è ormai innamorato.
Attraverso un mondo pieno di retroscena misteriosi, P. scoprirà che incanto e magia possono avere molti significati mentre amare può voler dire morire.




THE CIRCLE



.
Tratto dal best seller internazionale "Il cerchio" di Dave Eggers edito in Italia da Mondadori.

DATA USCITA: 27 aprile 2017
REGIA: James Ponsoldt
ATTORI: Emma Watson, Tom Hanks, Karen Gillan, Bill Paxton, Patton Oswalt, John Boyega.


The Circle è un emozionante thriller psicologico.
Appena fa il suo ingresso nella più grande azienda di tecnologia e social media del mondo, The Circle, Mae (Emma Watson) è incoraggiata dal Fondatore della società Eamon Bailey (Tom Hanks) a rinunciare alla propria privacy e a vivere la sua vita in un regime di trasparenza assoluta.
Ma nessuno è veramente al sicuro quando tutti hanno la possibilità di guardare.






Film tratti dai libri in uscita nel 2017
scopri gli altri film
tratti dai libri
in uscita!

Segnalazione editoriale: “L’Honda anomala” di Pietro Ratto - un saggio sul Delitto di Aldo Moro -



Carissimi, oggi sottopongo alla vostra attenzione non un romanzo, bensì il libro-inchiesta “L’Honda anomala” di Pietro Ratto, di recente uscita.


Pietro Ratto è giornalista, autore di diversi libri, ha alle spalle un percorso professionale notevole. Ora si presenta ai lettori con un saggio ben documentato sul delitto di Aldo Moro, presidente della DC, personaggio centrale della politica italiana, riaprendo così una delle ferite più gravi della storia del nostro paese. Tanti i punti ancora oscuri di questa vicenda, troppi i depistaggi: una lettera anonima mai protocollata porta alla luce tutta una serie di intrecci inaspettati e drammatici. Servizi segreti, CIA, politica americana fanno intuire che dietro alla strage di via Fani ci sia un complotto internazionale. 
Qualcosa che va oltre ciò che si conosce ed è stato detto. 

Un ispettore cerca di sbrogliare la fitta trama per arrivare alla verità: da quel 9 maggio 1978 l’uccisione di Moro è ancora oggi un mistero oscuro, un mosaico da ricomporre.
Ratto, con questo saggio, ci accompagna a riflettere, a non dimenticare una delle vicende più torbide del nostro tempo, consapevole che quella Honda ‘anomala’ è uno degli infiniti tasselli da chiarire tra le molteplici contraddizioni.


“L’Honda anomala”
di Pietro Ratto



Bibliotheka Ed.
96 pp
Dicembre 2010, Questura di Torino.
Un ispettore della Digos scopre, tra i documenti in possesso del suo sovrintendente, una lettera anonima mai vista prima. Poche righe su un foglietto che alludono a responsabilità quanto meno scomode, e che delineano scenari davvero inquietanti, relativamente alla Strage di via Fani.
L’ispettore Rossi decide di vederci chiaro e di cominciare a indagare, senza lasciarsi spaventare dalle prevedibili difficoltà che lo attendono.
Riportando così sotto i riflettori una pista troppo spesso lasciata in ombra da Procure, Commissioni parlamentari e mass media. E regalando al lettore una nuova occasione per riflettere sugli innumerevoli retroscena di quella tragica mattina del 16 marzo 1978.

Un saggio “raccontato”, che si legge tutto d’un fiato e che intreccia le avventurose fasi dell’indagine dell’ispettore, con l’accattivante rassegna di alcuni dei molti fatti e dei moltissimi dubbi, relativi all’agguato Moro.


L’autorePietro Ratto è saggista, giornalista e scrittore. Laureato in Filosofia e Informatica, è professore di Filosofia, Storia e Psicologia. Ha vinto diversi premi letterari di Narrativa e Giornalismo. Oltre a questo libro, ha pubblicato La Passeggiata al tramonto. Vita e scritti di Immanuel Kant (2014), Le pagine strappate (2014), I Rothschild e gli Altri (2015), Il Gioco dell’Oca (2015) e BoscoCeduo
(2017). Da parecchi anni amministra il sito “BoscoCeduo.it” (www.boscoceduo.it) - che raccoglie molte delle sue riflessioni filosofiche - nonché l’Archivio di ricerca contro-storica “IN-CONTRO/STORIA” (www.incontrostoria.it).



giovedì 20 aprile 2017

Segnalazioni Autori Emergenti: LA CASA SULLA SCOGLIERA di Mariagrazia Perricone // MARGOT di Monika M.



Continuo con le segnalazioni!

Questa volta cambiamo genere e ci affacciamo alla narrativa con il primo libro e al romanzo storico col secondo.

Buona lettura ^_-

LA CASA SULLA SCOGLIERA
di Mariagrazia Perricone







SINOSSI

La storia è ambientata in Irlanda e per buona parte sull’isola di Achill Island.
La protagonista è una donna di nome Norma, forte e volitiva, ma che dentro di sé nasconde una fragilità che combatte mettendosi sempre in gioco, mostrando un personaggio a volte enigmatico, a volte sicuro e sempre pronto a sfidare il futuro.
D fronte alle avversità non esita a prendere decisioni difficili o a farsi sensi di colpa coi quali dovrà poi convivere.
In seguito ad avvenimenti traumatici si rifugia nella sua Casa sulla Scogliera, dove, al contatto con la natura aspra e selvaggia, metterà a nudo tutte le sue paure e i suoi stati d’animo più nascosti.
Norma affronta situazioni difficili e dolorose con grande coraggio, aiutata anche dalla sua grande amica Jane, che avrà una parte importante nella sua vita; ma l’aiuto più grande sarà quello dei suoi “mostri”, creati dal suo subconscio, che sono sempre accanto a lei, accompagnandola nel suo percorso di vita.

Genere: narrativa
Pagine: 240
Youcanprint e Ilmiolibro.it

Altre opere dell'Autrice: La Casa sulla scogliera - Come un colpo di vento - Granelli di sabbia – Incubo – La strada più lunga, S.o.s mondo, Una sottile vendetta, Leonore, l’ultimo inverno, -
Racconti davanti al camino.


Come dicevo all'inizio, il secondo libro che vi segnalo è un romanzo storico che ruota attorno ad un tema interessante, per quanto triste: la caccia alle streghe. Sul blog di Monika M, potrete leggere articoli riguardanti l'argomento.
Della stessa Autrice, sul blog trovate la recensione del suo precedente romanzo: COME UN'ISOLA.


MARGOT
di Monika M.


PubMe
231 pp
12.99 euro
Aprile 2017
Margot nasce nella Baviera del 1600 scossa dall'Inquisizione. Più volte l'accusa di eresia sfiorerà la sua giovane vita, ma mai la paura l'avrà vinta sul suo temperamento ribelle. Se esser libere rende le donne streghe lei rivendica per sé questa condizione! Ostinata lotterà per la sua indipendenza ed ancor più per il suo unico amore.

Anno Domini 1592, Baviera.

In un epoca in cui l'accusa di eresia era diffusa più del pane, molte donne si convinsero di esser Streghe. I motivi erano di diversa origine e natura, alcune dettate unicamente da allucinazioni per via delle sostante assunte consapevolmente e non, altre indotte da ignoranza o semplice fanatismo.
L'antica conoscenza medica che ogni donna custodiva in se divenne motivo di accusa in una società in cui i monaci miravano a detenere non solo il controllo della salvezza delle anime, ma anche del corpo. Essere erboriste o levatrici era già un indizio di stregoneria e nella Germania sconvolta dai roghi dell'Inquisizione del 1600 la protagonista, Margot, nasce e cresce.
Sin dalla sua nascita ella verrà travolta dalla superstizione che nelle povere anime albergava. Il terrore della presenza del maligno che in dettagli corporei si annidava, deformazioni fisiche o semplici macchie sulla pelle, erano sufficienti ad indurre sospetto e condanna.
Tenace, curiosa e ribelle la bambina imporrà a se stessa il sapere come unica colpa per cui finire un giorno sul rogo, vivendo fuori da ogni conveniente tornaconto, amando colui che nessun'altra avrebbe voluto amare.
L'indulgenza, unico motivo di riscatto per poveri che conducevano una vita miserabile, rendeva l'accusa di eresia suprema perdizione non solo di questo mondo ma anche dell'altro e solo le menti più illuminate sfuggirono a quel controllo dettato dalla paura, Margot fu una di queste...



   

Leggere Romance - novità Butterfly Edizioni - Emma Books - Newton Compton



Buongiorno lettori!
Questa mattina mi dedicherò ad alcune interessanti segnalazioni editoriali, che spero possano incuriosirvi!

In questo post mi soffermerò sul genere romance.



Emily Pigozzi ci porta a Londra! Il suo nuovo romanzo è in tutte le librerie digitali!


IL MIO VENTO DI PRIMAVERA
di Emily Pigozzi


Editore: Emma Books
Collana: LOVE
Formato: L
Prezzo: €3,99

Giorgio considera il suo lavoro di cardiochirurgo non solo la sua missione, ma anche, e soprattutto, la sua salvezza. 
Quando però viene chiamato in un prestigioso ospedale inglese, è costretto a lasciare controvoglia la sua amata Roma e a trasferirsi a Londra. 
Alisea, italo-inglese, si nasconde nel Moon Bookshop, la libreria che gestisce con la stravagante Miss Imogen nel cuore del quartiere di Paddington. 
Giorgio e Alisea hanno alle spalle un passato difficile e traumatico con cui fare i conti, ma se lui prova a reagire mordendo la vita e vivendola intensamente, lei ha paura di amare e di lasciarsi andare a emozioni autentiche. 

Sullo sfondo di una Londra che dal gelo dell’inverno si scioglie nei colori della primavera, due anime speciali si incontrano in una storia fatta di libri, canzoni e di un amore che farà battere il cuore.

L'autrice.
Emily Pigozzi scrive da sempre. Parla troppo e legge altrettanto, adora i dolci e la quiete della notte. Per diversi anni ha lavorato come attrice, prendendo parte a cortometraggi e film e partecipando a tournée che hanno toccato i maggiori teatri d’Italia. È sposata e mamma di due bambini. Il suo primo romanzo, Un qualunque respiro (Butterfly edizioni), è uscito nel 2014. Sono poi seguiti il romance L’angelo del risveglio (Delos digital) e Il posto del mio cuore, un rosa di formazione, uscito a fine 2015 per la 0111 edizioni. Nel 2016 ha invece pubblicato Aspettami davanti al mare e Danza per me, entrambi per la collana Youfeel di Rizzoli. Un piccolo infinito addio, il suo primo romanzo in self-publishing, è uscito nel 2017 rimanendo per diverse settimane nella classifica top 100 di Amazon. I romanzi di Emily sono disponibili in tutti gli store.





“Hai conquistato ogni parte di me”
di Alessandra Paoloni


Editore: Newton Compton Editori
Genere: Romance
Pagine: 273
Costo: 2,99 € (Ebook)

Nicoletta Catullo lavora come giornalista per un un noto settimanale italiano. Ha ambizioni letterarie e un libro nel cassetto che non ha mai avuto il coraggio di far leggere a nessuno. 
La sua vita cambia totalmente quando il suo direttore le commissiona un articolo molto particolare: intervistare il cast di una nuova fiction italiana sui Borgia. 
Nicoletta ha modo non solo di conoscere personaggi già famosi ma anche Luke Grady, un giovane attore che si sta facendo ammirare nel panorama cinematografico italiano. 
Al termine delle interviste per il suo articolo, la ragazza si ritrova però a firmare, senza saperlo, un documento che la legherà per i mesi a venire a Luke Grady: l'accordo "segreto" che siglerà la "costringerà" a vestire i panni della “finta fidanzata” dell'attore, fino al termine delle riprese della fiction...


Estratti: 

"Accetta quello che ti viene offerto e fallo con un sorriso. Al resto pensa la vita"

"... capì che per quella ragazza sarebbe stato disposto ad abbandonare set e carriera, mandando tutto a monte, vanificando gli sforzi di una vita. Lei era reale, sicura, eternamente bella. Eternamente sua."



Biografia.
Alessandra Paoloni vive e lavora in un piccolo paese alle porte di Roma. Coltiva fin da bambina una passione quasi viscerale per la scrittura e la lettura, pubblicando fin da giovanissima poesie e racconti su riviste e giornali locali prima di passare ai romanzi storici, paranormal ed erotici. La sua carriera è veloce e in rapida ascesa, sia nel mercato digitale sia in quello cartaceo, con diversi editori tra cui la Delos Digital di Franco Forte per il quale pubblica "L'amante del boia". I diritti del suo ultimo romanzo "Ti regalo l'amore", uscito in self publishing nel settembre 2014 e ai vertici della classifica Amazon per numerose settimane, sono stati acquistati dalla Newton Compton Editori e arriverà nelle librerie con il titolo "Le infinite probabilità dell'amore".




Piccoli imprevisti d'amore
di Ilenia Sartori



Butterfly Edizioni
Data di uscita: 26 aprile 2017
Genere: romantico contemporaneo
Collana: Digital Emotions
Prezzo: 1,99 €

Disponibile in ebook su Amazon e Kindle Unlimited


Carlotta non crede più nelle favole e nel lieto fine. Un po' buffa e combina guai, non fa altro che lasciare dietro di sé una sfilza di figuracce che la fanno sentire sempre sbagliata. 
Ha inseguito l'amore fino a Roma, cambiando del tutto la sua agiata vita, per poi scoprire di non essere neppure ricambiata.
Sarà nel locale dove ha iniziato a lavorare da poco che il destino si divertirà con lei...
Il proprietario, dal fascino dannato e due occhi blu da infarto, le sconvolgerà i piani di conquista della sua cotta di sempre.
Ma se Diego, oltre a essere un rubacuori, non fosse sincero con lei e le nascondesse un segreto che potrebbe farla soffrire?
Carlotta farà di tutto per tenerlo lontano da sé... 
Ma l'amore è in grado di sciogliere anche il più ghiacciato dei cuori.


Ricordo inoltre che in vista della Giornata mondiale del libro, tutto il catalogo cartaceo Butterfly Edizioni sarà in offerta al 50% di sconto: 



clicca!


mercoledì 19 aprile 2017

Recensione: LA LUNGA VITA DI MARIANNA UCRIA di Dacia Maraini (RC2017)



Nella splendida e miserabile Sicilia del Settecento vive una donna speciale, il cui handicap (è sordomuta), se agli occhi della gente la fa apparire una "svantaggiata", in realtà rende i suoi sensi e i suoi pensieri più acuti e sensibili verso il mondo esterno; attraverso Marianna Ucrìa conosciamo da vicino un mondo che ci sembra antico, lontano, "arretrato" e nella sua fase più sfarzosa (ancora lontano da quel tramonto che di certo giungerà e che ritroviamo, ad es., ne Il Gattopardo), ma di cui ritroviamo le fatiche, le gioie, i dolori, e anche purtroppo gli abusi ne confronti dei più deboli che caratterizzano da sempre la società umana, in ogni epoca.


LA LUNGA VITA DI MARIANNA UCRIA
di Dacia Maraini



Ed. Rizzoli
1990
Marianna Ucrìa è chiamata la mutola perchè nè sente nè parla, e nessuno sa come mai un esserino così garbato, dalla pelle bianca e i riccioli biondi come il padre, sia una babbasuna dalla cui bocca non esce suono.
E quando è ancora piccola, suo padre decide di provare a farle tornare la voce facendole prendere uno spavento, come quello che molto probabilmente l'ha resa "handicappata".
Così la porta con sè ad assistere ad un autodafè, ma lo spetacolo drammatico e brutale della morte non produce affatto l'effetto sperato, anzi terrorizza la povera Marianna.

Gli Ucrìa sono una nobile famiglia palermitana, la cui storia è da secoli scandita da matrimoni combinati (e imposti) con altri aristocratici, innumerevoli parti, balli e cene piene di vino, buon cibo, merletti e parrucche, tristi "spettacoli" di condanne a morte..., e il destino della nostra mutola sembra già segnato e deciso dai famigliari.
Certo, se è vero che le sorelle (come il resto della maggior parte delle ragazzine perbene, future nobildonne) sono chiamate a maritarsi prestissimo con un buon partito per continuare a dar lustro alla famiglia e ad allargare i possedimenti terrieri, per la piccola Marianna le cose sono meno semplici, a causa della sua disabilità.

Per lei, il signor padre non ha altra scelta che darla in moglie ad un uomo di famiglia, per di più molto più grande d'età: lo zio Pietro, fratello della mamma: il silenzioso, burbero e sempre accigliato "signor zio", che diventerà per la ragazzina "il signor marito zio", l'uomo cui deve obbedienza e che da lei pretende quei doveri coniugali che si risolvono ogni volta in una sorta di violenza carnale (e non solo), che vede la giovanissima moglie alla mercè di un marito che le si avvicina con la stessa delicatezza di un animale in attesa di accoppiarsi.

La giovane Marianna cresce guardandosi attorno con molta attenzione, forse perchè il suo mutismo l'ha resa inevitabilmente più vigile rispetto a ciò che vede, nonchè ai comportamenti e ai pensieri altrui, che a lei sembra di "sentire", come se la persona che le è accanto le riversasse inconsapevolmente addosso ragionamenti, borbottii, lamentele...; le si schiudono così saperi ignoti, e Marianna, che è sveglia ed intelligente nonostante ciò che erroneamente pensano parenti e conoscenti, impara l'alfabeto, legge tantissimo e impara a scrivere, lasciando su foglietti di carta i propri pensieri: questi sono gli unici strumenti di comunicazione col mondo.
Sviluppa una sensibilità acuta che la spinge a riflettere sulla condizione umana, su quella femminile, sulle ingiustizie di cui i più deboli sono vittime e di cui lei stessa è stata vittima.

Seguiamo le vicende della sua vita e la vediamo diventare, da figlia compatita e sorella un po' snobbata, a sposa bambina e poi madre di diversi figli, amati sì ma sempre con la consapevolezza che è bene non affezionarsi loro troppo, visto che anch'essi, come lei, sono chiamati ad affrontare ciascuno la propria sorte: chi si sposerà prestissimo, chi si farà monaca..., chi si andrà pavoneggiando come un signorotto borioso in mezzo ai contadini.
La società siciliana di quel tempo è chiusa nelle proprie regole, proprie del mondo della nobiltà, di cui l'Autrice ci da un quadro chiaro e disincantato, facendoci conoscere tanto il modo di essere e vivere dei ricchi signori, quanto quello misero e sgradevole dei servi.

Marianna, con il suo carattere sensibile e il suo saper scrutare negli animi delle persone, costituisce per il lettore un punto di vista che si colloca a metà strada tra questi due "mondi": da una parte lei è parte integrante del ceto nobile, ne condivide i privilegi, perchè lei è la duchessa, colei che veste bene, con bei gioielli e ventagli merlettati, che ha il diritto di battere i servi disubbidienti, di punire quelli insolventi; ma, forse proprio perchè sordomuta, e quindi "diversa", considerata dai più un po' "scema", ritardata, riesce a capire e a immedesimarsi nei "diseredati", in questi servi selvatici, brutti, sporchi, nelle cui case (o meglio tuguri) hanno per coinquilini topi e scarafaggi.

Eppure questi ricconi, che si sentono superiori, che non esitano a trattare duramente e con fare sprezzante gli straccioni a loro sottoposti, non sono meno "selvaggi " e rudi di questi ultimi, e anzi mostrano nelle parole e negli atteggiamenti una tale grettezza d'animo e meschinità che di certo non li eleva da nessun punto di vista.

Negli anni, Marianna compirà i gesti propri di ogni donna, gioirà e soffrirà, vedrà i propri figli crescere e prendere le loro strade, il suo cuore sanguinerà nel perdere il figliolo prediletto, si interrogherà sul proprio matrimonio e su questo marito che non mostrerà mai nei suoi riguardi la benchè minima dolcezza, sentirà su di sè la scarsa considerazione che i fratelli prima e i figli - oramai cresciuti - poi, nutrono per una mutola qual è lei; e quando forse meno se lo aspetta, conoscerà anche il sentimento dell'amore - di certo estraneo nel suo rapporto con "il marito zio" - e la passione, che lei vivrà con quello slancio giovanile, quella sensualità, quella voglia disperata di amare ed essere amata - unita al timore di far la cosa sbagliata - che fino a quel momento non ha mai conosciuto.

In questo bel romanzo della Maraini, mi sono sentita, come lettrice, totalmente immersa nella sua narrazione, così solida, diretta ma anche coinvolgente e "viscerale" grazie tanto allo stile di scrittura e all'utilizzo di un linguaggio "popolare" - infarcito di numerose parole ed espressioni siciliane - quanto alla protagonista, questa figura femminile memorabile, fragile e forte insieme, vittima della mentalità altrui ma padrona di se stessa, che riesce ad ergersi oltre la pochezza e la miseria che la circondano e che non riescono a schiacciarla.
In lei infatti ho avvertito un fuoco, un ardore, una voglia di vivere e conoscere che fanno di Marianna Ucrìa un interessantissimo personaggio letterario, che tra l'altro non è totalmente inventato, visto che questo libro ha degli elementi autobiografici; la realtà di cui ci parla l'Autrice è dunque a lei nota in quanto di nobili origini siciliane. *.
Ed infatti, accanto a Marianna, l'altro protagonista è proprio questa terra, aspra e assolata, di cui scorgiamo la ricchezza fastosa e la povertà più nera, di cui percepiamo, pagina dopo pagina, odori, colori, grida e silenzi, sguardi e gesti, in maniera vivida e vivace; si toccano temi importanti, quali lo stupro, le spose bambine, la violenza sui deboli e gli svantaggiati, ma non mancano passaggi intrisi di cultura, in particolare delle idee illuministe (Hume in particolare) che in quegli anni si stavano diffondendo in Francia.

Marianna Ucrìa è un esempio di donna che, pur partendo da una condizione (fisica soprattutto, ma non solo) decisamente difficile, sa trovare in se stessa e nella lettura, nella conoscenza, la via per elevarsi a fronte della mentalità chiusa che la vorrebbe condizionare e segregare in un tipo di vita sterile, infelice, miserabile. E' una donna che non si lascerà spezzare ma saprà affrontare la vita con quella passione che arde dentro di lei e che aspetta soltanto il momento giusto per venir fuori.

Assolutamente consigliato: è il mio battesimo personale alla narrativa di Dacia Maraini e devo dire che è stato estremamente positivo.


* La madre della scrittrice,Topazia, appartiene ad un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta (fonte).

Obiettivo n.1 - Un libro di un autore che non avete mai letto.
Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...