sabato 30 giugno 2018

Novità e anteprime editoriali... all'insegna del romanticismo!



Cari lettori, eccomi ad aggiornarvi con alcune novità/anteprime  appartenenti a differenti realtà editoriali ma tutte aventi un comune denominatore: l'Amore.


In un precedente post vi avevo parlato dei primi due episodi, strutturati come puntate di fiction tv, del contemporary romance "In cima al cuore"; oggi vi presento il terzo episodio, in uscita a luglio, tra pochi giorni.


In cima al cuore 3 
di Mia Mistràl



Romance contemporaneo
123 pagine
0,99 €
4/7/2018
Il palio estivo è alle porte e tutti i cavalli partecipanti, tranne uno, muoiono avvelenati. I sospetti ricadono subito sui proprietari del sopravvissuto, tuttavia Chiara è convinta che siano implicati alcuni animalisti che si trovano a Borgontano per le vacanze. 
Ma com’è possibile che degli animalisti uccidano volontariamente animali? Furio ha chiesto il trasferimento, Simone incalza, ma qualcuno non vuole arrendersi e, per conquistare la donna che ama, è pronto a mettersi nei guai...
Seconda anteprima: in data 20/07/2018 uscirà il nuovo romance contemporaneo “Ambra. Lui che ama a modo suo” di Anna Chillon – Serie “Pietre Preziose” Nr.2.


AMBRA. LUI CHE AMA A MODO SUO
di Anna Chillon


439 pp
Niccolò Aragona, artista chiacchierato, soprannominato dai media “Il Mannaro”, a causa dei soggetti dei suoi dipinti. Per quel che ne sapevo, d’indole dominante.
Cristiano Riva, stimatissimo medico e cliente abituale della caffetteria in cui lavoravo. Lo avrei definito anaffettivo.

Da uno dei due ricevetti una proposta di lavoro, dall’altro una proposta indecente.
Io volevo soltanto il denaro per fare il viaggio dei miei sogni, perciò, anche se un baratro di diversità mi separava dall’uomo che lo avrebbe reso possibile, accettai la sua offerta. Entrai nel suo mondo e giorno dopo giorno in quel baratro ci cascai a piedi pari. Fu lui a trascinarmici e fui io a dargli tutta me stessa senza sapere che ne avrebbe fatto.
Fino a quel giorno.
Fino a quelle parole.




E di seguito, il precedente volume della serie.


GIADA. UN AMORE COLPEVOLE



347 pp
2016
Il giorno del mio diciottesimo compleanno, spiando quel ragazzaccio condannato ai lavori socialmente utili, pensai che la vita stesse per sorridermi, lungi dall’immaginare cosa in realtà stesse per serbarmi. 
Qualcosa più grande di me mi avrebbe presto travolta, scossa alle fondamenta, gettando il mio corpo e il mio cuore in pasto a una persona con l’animo di un lupo selvatico. 
Per tutti sarebbe stato uno scandalo e una vergogna: nessuno avrebbe compreso, perché nessuno conosceva le molteplici verità che quel lupo era stato così bravo a celare.
Forse un cuore, seppur logoro, l’aveva anche lui.
E forse, se avessi lottato e ignorato le apparenze, prima o poi lo avrei scoperto.



Proseguo con un'altra storia d'amore, incentrata sulla pallavolo e sulla crisi economica del nostro Paese.


‘Un principe per Agla’ 
di Diletta Nicastro


Il Mondo di Mauro & Lisi
17 euro
Maggio 2018
Agla Zanin, 23 anni, è il micidiale opposto della Roma Nord Volley, studia Lingue, è bella come il sole ed ha una verve che incanta. 
La sua vita viene sconvolta dalla tragica scomparsa della sua migliore amica durante un viaggio in Irlanda. Con mille ricordi, il cuore in pezzi e una promessa che non sa se riuscirà a mantenere, si rifugia a Cortina per una festa di Capodanno in cui non c’è proprio nulla da festeggiare. 

Stelvio Airoldi, 28 anni, di Lecco, è vice presidente della Airoldi Industrie Meccaniche. La crisi e losche trame ordite per strappare loro un innovativo brevetto, realizzato proprio da Stelvio, portano la storica azienda di famiglia sull’orlo del baratro. 
Gli Airoldi si trovano costretti a vendere l’amata casa di Cortina il più velocemente possibile e Stelvio parte il 30 dicembre per firmare con l’agenzia immobiliare. 
Tre giorni appena, ma i cuori addolorati di Stelvio e Agla si incontrano, si parlano, si riconoscono. 
E nulla sarà più come prima. 
Un viaggio nell’Italia di oggi (al ritmo delle hits degli anni ‘80), in cui la crisi non guarda in faccia nessuno, in cui gli amici si trasformano in conoscenti imbarazzati o in nemici giurati e in cui ci si ritrova privi del proprio passato e del proprio futuro. 
Un’appassionante, infinita partita in un campionato sempre più difficile, tra giocatrici da domare, un capitano granitico e un allenatore dal passato oscuro, in cui la pallavolo e la sfida per la promozione in B1 diventano una metafora della vita, perché si può imparare più dalle sconfitte che dalle vittorie e perché, qualunque cosa accada, “nessuno può toglierti quello che hai ballato”… 


Proseguo con un romanzo che solletica anche le papille gustative!

Una ricetta e una storia tutte americane da assaporare insieme, proprio come un piatto di gustosissimi pancake.

Ecco a voi...


Pancake per due 
(La ricetta per crescere insieme)
di Francesca Redeghieri



Editore: Emma Books
Serie: Ricettario
Taglia: S
Prezzo: €0,99

Ingredienti

2 amici d’infanzia
1 cittadina del Massacchussets
1 amicizia che profuma d’amore
1 nonna premurosa
1 madre assente
1 casa da vendere
1 futuro tutto da scrivere

Preparazione

Templeton, MA. Tra Brin e Connor nasce un’amicizia speciale quando, da bambini, si ritrovano a vivere uno di fianco all’altra. 
I due crescono insieme e condividono tutto; quando sono all’università, Brin si accorgerà di provare qualcosa di diverso per l’amico di sempre, che all’inizio sembrerà ricambiarla soltanto con un forte senso protettivo nei suoi confronti. 
Eppure un nuovo sentimento si farà presto strada nei loro cuori, proprio come il profumo dei pancake appena cotti si diffonde e invade ogni angolo della casa.

Rimedio

È la ricetta del perdono e del ricordo. Perché niente è più bello che ricordare ciò che si è stati e ritrovare l’amico di un tempo, l’amore della vita.


AFFIDO LE LE LACRIME AL VENTO
di Maurizio Bianco


Il titolo del romanzo, Affido le lacrime al vento, sintetizza già il groviglio di sentimenti e di impasti insito nel rapporto che si crea tra il protagonista maschile e le due donne. 
Un triangolo amoroso che va ad analizzare i rapporti di coppia. 
Relazioni tra chi ama e chi è amato. In questo contesto, l’amore diventa lotta, contesa tra dominante e dominato.






Termino con un romance storico.


UOMINI DEL RE
di Elizabeth Kingston


Quixote Ed.
AMBIENTAZIONE: Inghilterra/Galles
trad. Sara Linda Benatti
SERIE: Welsh Blades #1
GENERE: Storico – Medioevale
FORMATO: E-book e cartaceo
PAGINE: 358
PREZZO: 4,99 € (e-book) 
DATA DI USCITA: 29 Giugno 2018

TRAMA

La fama di Ranulf Ombrier per la sua abilità con la spada è pari solo alla sua notorietà come assassino prediletto di re Edward I. Le sue azioni gli hanno fatto guadagnare terre, un titolo e una pessima reputazione. 
Ma inizia a temere per la sua anima e segue la sua coscienza fino alle terre selvagge del Galles.

Gwenllian di Ruardean, da fanciulla, è stata maritata per procura, solo per ritrovarsi vedova prima ancora di incontrare il suo sposo. Ha evitato di fare la vita di una dama, studiando invece le arti della guerra, del combattimento e della guarigione, arte quest’ultima che usa per curare le ferite di Ranulf. 
Salvare la vita del suo nemico, però, ha delle conseguenze e, ben presto, Gwenllian e Ranulf si ritrovano coinvolti in pericolosi intrighi, scoprendo anche un sorprendente e intenso desiderio reciproco.

Ma nemmeno l'amore conquistato a fatica può prosperare, quando la lealtà è divisa e venti di ribellione spazzano la terra.

Bilancio di letture della prima metà del 2018



Oggi è l'ultimo giorno di giugno, quindi metà anno è passata...!
Come sono state le mie letture fino ad ora?
Ecco un piccolo riepilogo!!

Mi concedo una cosa che non amo fare generalmente: dare i numeri ^_^

Libri letti in questi sei mesi: 43
Numero di pagine lette: 10.253 circa.

Per quanto concerne le categorie e generi letterari:




NARRATIVA CONTEMPORANEA

Premetto che in questa categoria personalmente mi capita di inserirvi i libri "per esclusione", cioè quando sono "generici" e non pendono in modo eclatante per uno specifico genere letterario.

Mi sono fatta coinvolgere dal ritratto sensibile e viscerale di un gruppo di "disgraziati" appartenenti a una medesima comunità calabrese (APPUNTI DI MECCANICA CELESTE di Domenico Dara; 5/5), ho viaggiato nell'esotica "isola delle tartarughe" conoscendo la famiglia del pittore Pissarro (IL MATRIMONIO DEGLI OPPOSTI di A. Hoffman; 4/5); ho attraversato la notte in fuga dai propri incubi della protagonista di C'ERA UNA VOLTA A BERLINO (3,5/5) di Alessandro Gnani; mi sono lasciata coccolare dalle storie narrate in IN PIEDI SULL'ARCOBALENO di Fannie Flagg (3,5/5); ho ammirato il coraggio e la determinazione del protagonista di NON CHIEDERE PERCHE' (3,5/5) di F. Di Mare; mi sono lasciata emozionare dalla ricerca delle proprie origini raccontate da Lucinda Riley in LA RAGAZZA DELLE PERLE (4,5/5); sono entrata, seppur per soli 12 giorni, nella quotidianità di quattro fratelli del Mississippi, che stanno per affrontarne l'imminente uragano Katrina (SALVARE LE OSSA di J. Ward; 4,5/5); mi sono lasciata ubriacare di sentimenti, passioni e miserie umane raccontate con forza in UNA NOTTE SOLTANTO, MARKOVITCH di A. Gundar-Goshen (4,5/5); mi sono lasciata catturare dalla nostalgia e dal senso di abbandono presenti in LA CUSTODE DEI BAMBINI MORTI di M. Ielo (3,5/5) e ho vissuto la storia d'amore ambientata in Sardegna raccontata da Vanessa Roggeri in LA CERCATRICE DI CORALLO (3/5).

Libri letti in questa sezione: 9


Tutte letture che mi hanno lasciato qualcosa ma, se dovessi eleggere la vincitrice assoluta, credo direi...

.

Perchè Dara ha saputo ammaliarmi con la sua scrittura intensa raccontandomi l’invidia, il senso di impotenza e inutilità, la solitudine, le preoccupazioni, la paura, in una parola, i sentimenti più intimi che albergano nei cuori di ogni persona, e lo ha fatto con una naturalezza affascinante, avvicinando la tenera imperfezione terrena, propria dell'umanità, alla poetica e splendida perfezione celeste.


NOIR/GIALLO


Il noir e il thriller costituiscono due generi che rientrano a buon diritto tra i miei preferiti: finora ho spaziato dal classico giallo, in cui un avvocato è impegnato nella difesa del proprio cliente e cerca delle prove per scagionarlo (IL CASO DEMICHELLIS di F. Marìn; 3,5/5) a quello all'italiana che assume talvolta i contorni di una commedia, a motivo dell'atmosfera semiseria in cui è collocata la storia (VENDEMMIA ROSSO SANGUE di M. Castellani; 3,5/5), fino al poliziesco con sfumature noir, in cui si giunge alla soluzione del caso grazie alle elucubrazioni del protagonista (TOKYO EXPRESS di Seicho Matsumoto;4/5).

Si distinguono i noir in cui al centro non v'è tanto la soluzione del caso in sè, quanto la psicologia del protagonista, che sia il cinico Frank di Simenon (LA NEVE ERA SPORCA 3,5/5) o l'indolente psichiatra de L'UOMO CHE DORME di Corrado De Rosa (4/5). 

Menzione a parte per IL SIGNOR DIAVOLO di Pupi Avati (4,5/5), che ha i tratti del giallo (perchè c'è un omicidio e un imputato, di cui bisogna capire il movente) ma anche del noir, per l'atmosfera gotica, nera, e pure dell'horror, per l'elemento sovrannaturale.

Libri letti in questa sezione:  6 

Scegliere il preferito è difficile perchè mi son piaciuti tutti per diverse ragioni, però se devo fare un "nome" dico Il Signor Diavolo che mi riconferma il regista Pupi Avati come bravissimo narratore, maestro nel creare intrecci ricchi di suspense.





THRILLER


Psicologico:

Un thriller particolare è CATERINA di Vincenzo Zonno (3/5), che mi ha ricordato le atmosfere oscure, paranormal alla "Tim Burton"; una corsa contro il tempo, dove il procedere degli eventi va "al contrario" e la ricerca del serial killer è al centro di tutto (IL GIOCO DEGLI OCCHI di S. Fitzek; 3/5); una trama piena di segreti e bugie, che vedrei bene come film tv su Top Crime (LA SORELLA di L. Jensen; 3/5) e una decisamente più articolata e appassionante storia in L'UOMO DI GESSO di C.J. Tudor (4,5/5), che riprende certi scenari da It e Stand by me (di King-hiana memoria, insomma). 


Ambientale:

DREAMTIME di M. Rampazzo: una storia ambientata nel futuro, in cui la nostra Terra è in pericolo a causa di uomini senza scrupoli (4/5).


.

Sul podio va il libro che vedete accanto, che si lascia divorare, capitolo dopo capitolo; l'Autrice ha creato una trama intricata e piena di nodi, dei personaggi che agiscono destandoci sospetti circa le loro reali intenzioni e un contesto intrigante.

Libri letti in questa sezione: 5






NARRATIVA PER RAGAZZI/FANTASY 


Deliziosa e riflessiva, la piccola Olga di JUM FATTO DI BUIO di E. Gnone incanta e commuove il lettore (4,5/5); fa riflettere anche I TALENTI DELLE FATE di A. Arietano: la magia è nelle cose che ci circondano (4/5); avventura e magia con IL FUOCO SEGRETO DI ALTEA di I. Harper (4/5); un epic classic dal sapore tolkeniano (LA TERRA DEI DRAGHI di N. Cantalupi; 3,5/5). 


Il vincitore di categoria?
Eccolo, con questa motivazione: perché sa affascinare, far sorridere, commuovere, pensare, il che non è affatto di poco conto, tanto più in tempi come i nostri, in cui si dicono e leggono tante, troppe parole (spesso vuote e senza senso), in cui non c’è tempo per fermarsi a meditare, ascoltare, parlarsi… (si va troppo di fretta, ci sono troppe cose da fare, troppi stimoli ai quali rispondere), e allora Elisabetta Gnone sa come caricare di significato, valore e sentimento la sua narrazione, andando dritta al cuore e regalando emozioni pulite ai suoi lettori.


Libri letti in questa sezione:  4



AUTOBIOGRAFIA


La vita di uno scienziato che la malattia fisica  non ha potuto fermare (BREVE STORIA DELLA MIA VITA di S. Hawking); l'altruismo e lo spirito di lealtà e sacrificio della donna che per due anni aiutò un gruppo di rifugiati ebrei (SI CHIAMAVA ANNA FRANK di M. Gies); i pensieri e i ricordi del cantautore italiano da me amato, Claudio Baglioni (SENZA MUSICA); ho sofferto nel leggere le brutture subite da due bambine ad opera di un uomo malvagio (LE BAMBINE SILENZIOSE di C. Lunnon, L. Hoodless).


Ex-aequo in questa categoria, tra il libro della donna che ha conosciuto la cara Anna Frank, il cui Diario ho letto e riletto non so più neppure io quante volte, e la difficile testimonianza delle due amichette che hanno dovuto ricostruire loro stesse pezzo dopo pezzo per tornare a vivere dopo la tragedia del rapimento.


.
Libri letti in questa sezione:  4


 ROMANZO STORICO


Tre romanzi, tre ambientazioni diverse e lontane tra loro: dall'antica Roma e dal poeta Virgilio con VIRGILIO O LA TERRA DEL TRAMONTO di S. Cortese (4/5) si passa per i moti risorgimentali e il ruolo di donne come Lucia Salvo (IL MORSO di S. Lo Iacono; 3,5/5) alla seconda guerra mondiale e la crescita morale di un giovanotto che dovrà fare i conti con la durissima realtà della guerra (LA GUERRA DI LORENZO di S. Nocentini; 3,5/5).


Tra i tre, la vera scoperta è stata la storia romanzata di Virgilio, scritta davvero egregiamente, con un linguaggio ricercato, raffinato, poetico.


-

Libri letti in questa sezione: 3


SAGGISTICA


Interessante e di facile lettura PERCHE' I BAMBINI DICONO LE BUGIE? di M. Tognoni (3,5/5); ridondante e poco utile PUOI FIDARTI DI TE di R. Morelli (2/5); denso di riflessioni VIENI VIA CON ME di R. Saviano (4/5).


primo posto

Libri letti in questa sezione: 3




RACCONTI

Un racconto introspettivo che mette al centro i tormenti interiori di un giovane che torna al paese d'origine (VITA DI PAESE di M.C. Basile, 3,5/5) e una serie di racconti associati a delle fotografie che ne colgono lo spirito (L'ANIMA FOTOGRAFATA di T. Piazza, I. Mercanzin; 3,5/5); divertente e profondo insieme IN CAMMINO VERSO COMPOSTELA di B. Masci, che si becca il primo posto.

.

Libri letti in questa sezione: 3



ROMANCE


Ho messo insieme questi due romance, anche se il secondo è anche un paranormal fantasy, ma siccome erano soli soletti, li ho accoppiati: al centro due storie d'amore piene di passione con IL PROFUMO DELLA TEMPESTA di E. Gaudì (4/5) e LOVE REBORN - L'AMORE RINATO di J.R. Ward (4/5).


Libri letti in questa sezione: 2

FAVOLE

L'unica favola è stata HELGA di A. Aschiarolo, che ha uno stile sempre delicato e poetico (3,5/5).    

Libri letti in questa sezione: 1

SATIRA


IO MI LIBRO di A. Pagani: spiritoso, godibile, da una botta di buonumore e stimola il nostro sense of humor con acume e un pizzico di comicità (3,5/5).

Libri letti in questa sezione: 1


YOUNG ADULT

L'unico è stato 99 GIORNI di K.A. Tucker, anche se nella recensione avevo precisato che nonostante possa rientrare nella categoria, e abbia elementi romantici, è un romanzo che affronta tematiche importanti ed è attraversato da una vena drammatica. Voto: 4,5/5

Libri letti in questa sezione: 1



NARRATIVA LGBT

SMALL TOWN BOYS di Runny Magma: spigliato, simpatico, affronta i temi del bullismo e dell'omofobia con leggerezza senza essere superficiale (3,5/5).

Libri letti in questa sezione: 1

Quali sono stati i vostri libri più belli in questi  primi sei mesi del 2018?

venerdì 29 giugno 2018

RECENSIONE | SALVARE LE OSSA di Jesmyn Ward



L'uragano Katrina sta per arrivare a Bois Sauvage, località rurale del Mississippi, dove vive la 15enne Esch Batiste con la sua famiglia; non resta che aspettarlo e cercare di essere meno impreparati possibile, con la speranza di sopravvivere.


SALVARE LE OSSA
di Jesmyn Ward


NN Editore
trad. M. Pareschi

"...e all’improvviso c’è una spaccatura enorme tra prima e adesso, e mi chiedo dov’è andato a finire il mondo in cui è successo tutto questo, perché noi non viviamo più in quel mondo."

Come ci sentiremmo e cosa faremmo se sapessimo che a breve un forte uragano sconvolgerà le nostre vite, travolgendo con forza case, alberi, portando dietro sè devastazione, fango..., morte?
C'è un modo giusto per prepararsi all'arrivo di questa sorta di "apocalisse" preannunciata, di "diluvio" di biblica memoria, che ci possa minimamente garantire che riusciremo a sopravvivere?

Claude Batiste, vive a Bois Sauvage (località - fittizia - del Mississippi ad altra concentrazione di afro-americani) con i quattro figli - Randall, Esch, Skeetah e il piccolo Junior -, è ossessionato dal pensiero dell'imminente arrivo dell'uragano Katrina e cerca di restare costantemente informato ascoltando la radio e prendendo tutte le precauzioni possibili per resistervi, quando arriverà.
Perchè arriverà, sicuro come la morte; del resto, la loro zona è da sempre soggetta a questi fenomeni.

Nei dodici giorni che precedono l'evento naturale, l'Autrice, attraverso la voce e il punto di vista della giovanissima Esch, ci lascia entrare insieme ai "suoi" ragazzi nella Fossa, "dove tutto il resto lotta con le unghie e coi denti per non morire di fame", questo luogo naturale selvaggio, in cui Esch e i suoi fratelli sono nati e cresciuti, a stretto contatto con l'ambiente circostante, liberi di divertirsi, nuotare... e fare anche le prime esperienze sessuali.

Sì perchè i quattro fratelli hanno fin troppa libertà di fare tutto ciò che vogliono; una libertà che rivela unicamente incuria e disinteresse da parte dell'unico genitore che hanno, papà Claude.
Il padre è un uomo burbero, apre bocca solo per urlare rimproveri o imprecare, affoga la propria solitudine e il proprio dolore per la perdita dell'adorata moglie Rose in fondo alle lattine di birra; la sua assenza fisica lo ha reso estraneo nei confronti della vita e invisibile rispetto ai figli, di cui non ha molta cura.

La mamma di Esch è morta qualche anno prima dopo aver dato alla luce Junior, e da allora il suo ricordo - attraverso foto, aneddoti, oggetti che la riguardano... - è sempre presente nella quotidianità di tutti i membri della famiglia, che risentono e soffrono dell'assenza della mamma, il vero punto di riferimento della casa.

"...noi non avevamo mai smesso di piangere. Solo, lo facevamo in silenzio. Ci andavamo a nascondere. Avevo imparato a piangere senza quasi versare lacrime, ingoiando l’acqua calda e salata e sentendola scorrere giù per la gola. Non potevamo fare altro."

E ora più che mai i ragazzi, tutti adolescenti (tranne il minore) in corsa verso l'età adulta, avrebbero bisogno dell'affetto e delle attenzioni amorevoli che solo una madre sa dare.

Mentre, Randall, il maggiore, pensa alle partite di basket e si occupa più di tutti del vivacissimo Junior, mentre Skeetah deve assistere il suo pitbull, China, che lui addestra per i combattimenti e che ha appena partorito una bella cucciolata..., Esch - innamorata, non ricambiata, di un amico di Randall, Manny - ha scoperto di essere incinta di lui.

La consapevolezza di aspettare un bambino, che nascerà tra baracche e rottami, e molto probabilmente crescerà senza un padre, unita al pensiero di ciò che diranno il padre e i fratelli quando non sarà più possibile nascondere la pancia, terrorizza la ragazza, che cerca una propria forma di consolazione nella lettura di classici come Medea; e lei, similmente alla donna della tragedia greca, sa che il proprio Giasone non le appartiene, che se ne andrà, l'abbandonerà.

Di capitolo in capitolo, anche il lettore - al pari dei personaggi - è in attesa che arrivi "l'ospite indesiderato" e intanto entra nella vita di ogni giorno di Esch e famiglia, conoscendone la povertà, gli stenti, il (poco) cibo sempre uguale, i passatempi...
Esch non è una fanciulla dal cuore di panna, ma non è neanche un maschiaccio totale, per quanto sia cresciuta in mezzo a soli uomini e ne abbia acquisito la ruvidezza, il senso pratico, il disincanto; anche quando parla del sesso condiviso con alcuni ragazzi del villaggio, lo fa con indifferenza, come qualcosa di poco importante, di naturale; eppure in lei c'è una dolcezza che non trova modo di esprimere e un grande bisogno di essere amata e apprezzata per la donna che sta diventando.
Pur essendo molto giovane, sa essere molto lucida nell'analizzare il suo (non)rapporto con Manny, consapevole di come lui la voglia solo per divertirsi; lei lo ama follemente, lo desidera con intensità, ma è tristemente cosciente che il suo è un amore tanto forte quanto inutile.


Ma forse il personaggio con maggior carattere e che ci colpisce di più non è tanto la protagonista e voce narrante, bensì suo fratello Skeetah: irascibile, intelligente, forte, orgoglioso, determinato, si occupa della sua cagna, China, con un amore e una premura quasi ossessive, esagerate, e dimostrerà a tempo debito una forza e un coraggio rari per un adolescente.

Benchè diversi, i suoi fratelli sono un importante sostegno per Esch, e se con Skeetah si capisce anche solo con uno sguardo o un gesto, è Randall colui che veste i panni effettivi dell'uomo di casa: paterno col capriccioso Junior (un bimbo con le gambe secche, le spalle magroline, sempre alla ricerca di avventure), è una presenza rassicurante, matura, saggia, affidabile, su cui tutti in famiglia sanno di poter contare.

Dodici giorni prima che arrivi lei; dodici giorni trascorsi apparentemente come sempre, presi dalle occupazioni e dai pensieri di sempre, in cui veniamo messi a contatto con una storia fatta di sofferenze e abbandoni accettati con la giusta dose di rassegnazione; una storia di povertà, violenza, di ragazzi lasciati soli a se stessi, di furti e combattimenti tra cani addestrati ad azzannarsi, di ringhi feroci a denti scoperti, di momenti di sesso occasionale, di corpi seminudi, sudore, caldo, fango, cene a base di uova e Top Ramen, ma questa "normalità" è solo apparente, perchè il lettore assiste all'incalzante susseguirsi di queste giornate e alle (dis)avventure dei personaggi sempre col pensiero fisso che ciò che è destinato ad arrivare, arriverà, e quando succederà anch'egli si sentirà travolgere e inevitabilmente tratterrà il fiato, in ansia per le sorti della famiglia Batiste.

L'uragano ci viene presentato come un essere oscuro con volontà propria, atteso con timore ma anche con la lucidità di chi non è completamente a digiuno di questi eventi catastrofici.

E quando giunge, Katrina fa quel che deve e che ci si aspetta da lei, "la madre che è entrata nel golfo come una regina per portare la morte" devasta, sradica e abbatte alberi e case (già malmesse e fragili), accompagnata da un minaccioso cielo nero, da un vento sferzante e ululante, da acqua e fango che sommergono, travolgono, annegano, distruggono.

"Salvare le ossa" è un romanzo teso, asciutto, crudo, realistico e comunque pieno di passione, viscerale, "carnale" (passatemi il termine), e il linguaggio riflette quest'aspetto "selvatico", spietato, in cui non c'è nulla di romantico e di poetico, ma non per questo ci priva di tenerezza; vi è una sorta di lirismo che attraversa il libro e che cattura il lettore rendendolo parte integrante di questa storia rude e tenera insieme, in cui i sentimenti presenti sono forti, appassionati: lo è il ricordo struggente e commovente della mamma morta; lo è la cura maniacale di Skeet verso China; lo è l'amore di Esch per l'arrogante Manny; lo è la solitudine rabbiosa del padre, affogata nell'alcool; e lo è la speranza di chi, abituato a un ambiente ostile che nulla regala, sa di dover combattere per resistere all'imminente tempesta e per veder sorgere il sole anche domani.
Se vuoi sopravvivere, non devi arrenderti alla corrente ma nuotare, nuotare con tutte le forze che hai, perchè la salvezza è lì che ti aspetta.

Essendo il primo libro di una trilogia, si giunge all'ultima pagina con la sensazione che la storia non finisca lì.

Che dire, se non che è stata una lettura appassionante, di quelle che ti prendono dal primo momento per come sono scritte e per quello che narrano?

Sarei curiosa di leggere anche gli altri due libri.




«Dare la vita a qualcuno (...) significa capire per cosa vale la pena combattere. 
E che cos’è l’amore».

giovedì 28 giugno 2018

Libri per me, tra omaggi e acquisti a poco prezzo



Ultime new entry nella mia libreria personale!!

I primi due sono dei graditissimi omaggi delle C.E.

RITROVARSI di Raffaele Messina: un romanzo ambientato tra Capri e Napoli durante i dolorosi anni della Seconda guerra mondiale. Il racconto dell’iniziazione del giovane Francesco alla vita, ai suoi piaceri e ai suoi affanni, in un’epoca e in una società difficili, in cui non era possibile manifestare il proprio credo e i propri valori. È anche la storia di un amore che vince il tempo e lo spazio, e del sogno di un’esistenza vissuta nella pace e nel rispetto degli esseri umani. 
Ritrovarsi è un inno alla libertà e al coraggio di agire e di amare nonostante le difficoltà che purtroppo fanno parte del cammino dell’uomo. Un romanzo che racconta senza ingentilirli gli aspetti più cruenti dell’occupazione tedesca nel napoletano, riservando un posto particolare alle “Quattro giornate di Napoli” e alle disastrose conseguenze sulla città e sul destino del protagonista.




Il Fuoco Segreto di Altea di Isabel Harper: un tempo l’isola di Altea era un paradiso, ma ora sta morendo. I suoi abitanti diventano ogni giorno più grigi e spenti: la loro forza vitale si sta esaurendo. Come è potuto accadere tutto questo? Solo l’arconte Vimperion, il tiranno che non invecchia mai, e pochi ribelli lo sanno: la Fiamma di Altea, il mitico Fuoco Segreto, è scomparsa. Ora l’arconte e i ribelli la cercano: Vimperion per preparare il siero che allunga la vita; gli Arconti Ombra, a capo dei ribelli, per risvegliare gli abitanti dell’isola prima che sia troppo tardi. Purtroppo la polizia segreta di Vimperion impedisce agli Arconti Ombra di agire liberamente, costringendoli a scegliere due ragazzi inesperti cui affidare la più pericolosa delle missioni: ritrovare la Fiamma di Altea.
E qui inizia la nostra storia, tra biciclette a vapore, bizzarre invenzioni e animali fantastici…


Gli altri due volumi li ho presi alle bancarelle dell'usato.


IL PARTIGIANO JOHNNY di Beppe Fenoglio: Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una visione drammatica, Il partigiano Johnny rivela un significato umano che va ben aldilà di quello storico-politico. Dalla formazione delle prime bande fino all'estate del '44 e alla presa di Alba seguiamo l'odissea di Johnny e dei suoi compagni fra gli ozi forzati nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le puntate per giustiziare una spia in pianura, le battaglie campali, i rapporti tra le varie formazioni ribelli.

.

MEDEA, TROIANE, BACCANTI di Euripide. 

La Medea fu composta nel 431 a.C. e formava trilogia con Filottete e Dictys; dramma satiresco I mietitori.

Medea e Giasone si sono rifugiati a Corinto in seguito alla conquista del vello d’oro. Dal loro matrimonio sono nati due figli, ma successivamente l'uomo lascia la moglie per sposare la figlia del re di Corinto, il quale ordina l’esilio per Medea e per i figli. La donna medita vendetta verso Giasone e la nuova consorte, avvelena quest'ultima e suo padre, e per annientare completamente Giasone, trova la forza di uccidere anche i figli, i cui cadaveri porterà via con sé, sul carro alato di suo nonno Eolo, invocando per Giasone una vecchiaia straziata dal dolore e dal rimorso.

Le Baccanti: Euripide, intellettuale raffinato, rifiuta una visione elitaria del sapere, e crea una tragedia straordinaria, con risvolti profondamente conflittuali rispetto alla tradizione. C'è un dio, Dioniso, che inganna e vince ma senza esiti trionfalistici; c'è un antagonista, Penteo, che viene beffato e fatto a pezzi dalla sua stessa madre: impulsi selvaggi, spettacolarità esasperata, e però anche pietà e sofferenza.

Troiane: macerie fumanti, cadaveri sanguinolenti, pianti e grida di dolore: Troia in fiamme come emblema della caduta di un regno, come luogo archetipico della distruzione e del saccheggio. A partire dal materiale mitico della tradizione arcaica, la drammaturgia di Euripide presenta al pubblico lo spettacolo dei crimini di guerra e la deriva di una popolazione devastata. L'orrore è focalizzato nella prospettiva delle vittime, dei corpi umiliati e spogliati delle loro identità, delle soggettività ridotte a voci sofferenti quanto inermi. Attraverso una complessa costruzione di genere, il destino dei vinti si articola in un defilé di figure femminili che rappresentano altrettanti ruoli e altrettante esperienze travolte dalla spirale della violenza. Ecuba, Andromaca, Cassandra: una regina privata del trono, una vedova cui viene ucciso l'unico figlio, una figlia ritenuta da tutti una povera pazza. Su tutte incombe il trauma della perdita e dello sradicamento: la partenza verso un altrove che significa schiavitù e miseria.


mercoledì 27 giugno 2018

Recensione: 99 GIORNI di K.A. Tucker



Una storia d'amore piena di passione e dolcezza nasce tra le macerie di una violenza inaudita; per superarla e tornare a vivere è necessario dimenticare totalmente il passato e tutto il dolore che vi è dentro o andare avanti nonostante esso?

99 GIORNI
di K.A. Tucker



Ed. Newton Compton
LINK
È sera ed un giovane uomo si sta dirigendo con la propria auto in una solitaria zona boschiva, pregando dentro sé di non trovare ciò che purtroppo teme; la sua è una corsa disperata contro il tempo, che si interrompe drammaticamente alla vista di un corpo steso nell’erba, ricoperto di sangue, il viso stravolto e irriconoscibile…
Ma il ragazzo riconoscerebbe quel corpo amato, quel cappottino rosa, quei capelli biondi…, quel volto - benché tumefatto - ovunque: è il suo amore, la donna da lui amata alla follia, riversa in una pozza di sangue: è morta?, si chiede straziato dal dolore e dal senso di colpa.
Grazie al cielo, no! Ma è in fin di vita, bisogna portarla di fretta in ospedale dove viene ricoverata ed operata d’urgenza, affidata alla professionalità indiscussa della brava e dolce dottoressa Alwood, che è la moglie di Gabe Welles, lo sceriffo.

Al suo risveglio, la ragazza - salvata dalla morte per miracolo - ha una brutta sorpresa: non solo apprende di essere in ospedale e di esservi giunta in condizioni orribili, tanto da ritenersi una sopravvissuta, ma… non ricorda nulla di sé: perché è lì? Chi ha cercato di ucciderla a suon di percosse e tagli crudeli sul suo giovane corpo? Cosa ci fa in Oregon? Ma soprattutto…: come si chiama? Chi è lei?

La paziente viene momentaneamente “battezzata” col nome generico - e da subito detestato dalla stessa - di Jane Doe; la dottoressa Meredith Alwood e tutto il personale ospedaliero si prendono cura di lei per ben tre mesi, aiutando il suo corpo a riprendersi; pian piano, Jane riacquista un minimo di stabilità e serenità, sempre adombrate però dall’insistente e legittima domanda: chi sono io? E perché nessuno mi cerca?
La ragazza apprende, inoltre, con molto dolore, di essere stata non soltanto picchiata a sangue, ma anche stuprata e di aver perso un bimbo (era incinta di dieci settimane). Chi e perché le ha fatto tanto male?

Lo sceriffo, un uomo tutto d’un pezzo, comprensivo ma dall’aria burbera e poco socievole, le garantisce di proseguire nelle indagini, ma intanto per Jane si avvicina il giorno delle dimissioni: dove potrebbe andare, lei che non sa né la propria identità né se e dove si trovi la propria famiglia (sempre che ne abbia davvero una)?

Meredith le propone di accettare l’ospitalità di una loro vicina di casa, Ginny Fitzgerald: un’anziana scontrosa, solitaria, che odia apertamente tutto il genere maschile ed è pronta a suonare in testa la propria scopa a qualunque esponente del sesso forte (tranne Gabe) oltrepassi la soglia del proprio grandissimo ranch, che non lascia da oltre vent’anni, neppure per fare la spesa (gliela fanno i Welles).
Nonostante Ginny non sia l’emblema della gentilezza, accoglie di buon grado Jane, che per prima cosa si disfà del nome provvisorio, dandosene uno che le piace di più: Acqua.

Perché proprio quello? La ragazza ha notato di avere un tatuaggio sul ventre, simbolo dell’acqua, anche se chiaramente non ricorda quando e perché se lo sia fatto.

I giorni passano e lei non rammenta proprio nulla, però per aiutarsi continua le sedute dalla psicologa e tiene un diario in cui scrive delle parole e le associazioni che spontaneamente le sovvengono.

I Welles hanno due figli: la simpatica e vivace Amber (infermiera, che Acqua ha conosciuto durante il ricovero) e Jesse, il bel ragazzo dai capelli corti biondi, il fisico statuario e gli occhi neri profondi, che non abita con i genitori ma ogni tanto va a trovarli.

Ai due basta uno sguardo per sentirsi attratti l’una dall’altro.
Acqua guarda Jesse (da cui Ginny le raccomanda di stare alla larga, perché è un “dannato ragazzo” scapestrato sempre alla ricerca di guai e rogne) e sente qualcosa muoversi dentro, e quando gli è accanto e lui la guarda negli occhi o la sfiora.., lei si sente inspiegabilmente a casa, come se lo conoscesse.

Forse è così? È possibile che Jesse abbia fatto parte della sua “vita precedente”, la stessa di cui Acqua non ha un solo ricordo?

Certo, a volte la notte ha degli incubi, in cui delle figure (uomini?) incombono su di lei con la loro presenza, e una in particolare la terrorizza, ma ad esse Acqua non riesce a dare né un nome né un volto…

Non sapere chi si è dev’essere un’esperienza davvero traumatica, e Acqua si sente sola, senza radici, senza un passato, senza ricordi - belli o brutti che siano - che le dicano chi e cosa è stata prima dell’incidente.
Era una ragazza di 22 anni felice? Sposata? Chi era il padre del bimbo che ha perso?

Una certezza si infila giorno per giorno nella sua testolina, però: ora ha l’opportunità di ricominciare daccapo.
Se la sua mente non vuole ricordare, forse è per proteggerla da verità che è meglio restino sepolte, perché se venissero a galla la farebbero piombare in un baratro di terrore, solitudine e dolore che magari lei non riuscirebbe a sopportare.

Al pari di una fenice, Acqua è risorta dalle proprie ceneri; qualcuno la voleva morta, ma così non è stato: la vita le sta offrendo una nuova possibilità per costruire la propria felicità ricominciando da zero, quindi perché ostinarsi a voler tornare in quel passato che invece non le ha lasciato nulla di buono?

Ma è davvero così? Nulla e nessuno di quel passato merita di essere ripreso e vissuto?

La narrazione, sin dalle prime pagine, si alterna tra passato e presente: il presente è affidato alla voce di Acqua, con la quale ci immedesimiamo, conoscendone i timori, il senso di impotenza, la solitudine, le sofferenze fisiche ed emotive, i tanti dubbi e le domande che l’assillano e che pare non debbano ottenere risposta.

Il passato è affidato a Jesse, il che ci lascia capire che qualcosa di importante lo lega ad Acqua.

Lui forse sa chi è lei? Sa il suo nome, dove viveva, cosa faceva, se era sposata…? E se così fosse…, perché non glielo dice? Perché Jesse (solo lui…? O qualcun altro conosce la verità?) tace, si comporta come se non l’avesse mai veduta prima, lasciando che tra loro nasca un sentimento che dà ad Acqua la sensazione di rivivere qualcosa di familiare?

Jesse sa solo una cosa e quella vuol perseguire: Acqua ha il diritto di tornare a vivere, di essere felice, al sicuro, circondata da persone che la amano e si prendono cura di lei, e se questo significa tacere su ciò che sa…, ebbene lui starà zitto.

Ma “la verità è come l’acqua: non importa quanti sforzi tu faccia per sotterrarla; troverà sempre qualche via per ritornare in superficie. È volitiva”.

E anche Acqua lo è: è una giovane donna ferita dalla vita; le ferite profonde che hanno solcato il suo corpo ne hanno lasciato altrettante nel cuore, nella mente. Ma guarire è possibile ed Acqua, nonostante le proprie fragilità, è proprio come l’acqua: troverà la propria strada per tornare in superficie?
A darle una mano in questo processo di rinascita c’è Ginny, l’anziana coinquilina che parla a stento (per vent’anni è vissuta sola, in compagnia unicamente del cane) e quando apre bocca è per borbottare, lamentarsi, dire frasi poco carine; eppure, c’è qualcosa che le accomuna: entrambe hanno un passato doloroso, dei tormenti causati da qualcuno che ha recato loro molto male; entrambe hanno bisogno di rinascere, come un albero che sembra ormai secco e che pare non possa dar più germogli.
Forse quell’albero ha soltanto bisogno di acqua per rinnovarsi, per ritrovare la linfa vitale…

“99 giorni” (titolo che condivido poco e che si può solo intuire/immaginare a cosa faccia riferimento; quell’originale è inevitabilmente più azzeccato, “Burying water”) è un romanzo davvero bello, che sa emozionare e coinvolgere il lettore perché narra sì di una storia d’amore sincera, viscerale, ma la colloca in un contesto drammatico, direi tragico; tra queste pagine c’è amore, passione, ma anche dolore, malvagità, un senso di possesso malato verso la donna che toglie a quest’ultima ogni dignità, ogni valore.

Quella di Acqua è la storia di una ragazza semplicemente in cerca di un amore vero, quello delle favole, in cui la fanciulla povera viene salvata da un cavaliere dall’armatura lucente; ma spesso, l’inesperienza abbaglia gli occhi e il cavaliere può rivelarsi un orco cattivo. Arriverà mai il vero cavaliere, magari non in sella a un cavallo bianco (forse su un auto d’epoca dal motore rombante?), pronto a salvarla dall’orco dai crudeli occhi di ghiaccio e a farle vivere quell’Amore puro che merita?

Quella di Jesse è la storia di un ragazzo non privo di problemi, tutt’altro che perfetto, che svolge con passione un lavoro semplice (meccanico, ed è bravissimo nel proprio lavoro), non s’è mai innamorato… prima di incontrare una sconosciuta sul ciglio della strada, rimasta a secco con la benzina, che gli dà un timido e dolce bacio senza neppure conoscerlo. Una ragazza sola, desiderosa di amore, protezione, di carezze e non di pugni, e che invece la vita sta ingiustamente umiliando.

La narrazione resta molto fluida, chiara ed avvincente pur essendo alternata, anzi i  punti di vista di Jesse ed Acqua non confondono la comprensione degli eventi né rallentano il ritmo, tutt’altro, il racconto dell’allora e dell’ora si susseguono e si incastrano armoniosamente, così che i flashback veloci e frequenti (raccontati solo da Jesse) sono assolutamente necessari per capire ogni cosa a poco a poco, un po’ come la memoria di Acqua, che ha bisogno dei suoi tempi per riemergere. 

I due protagonisti sono giovani, è vero, si innamorano (e non una volta sola…) e non mancano un paio di scene sensuali, ma questo romanzo della Tucker è ben più che un semplice young adult, perché affronta tematiche attuali, crude, tristi ma lo fa non lasciando il lettore nell’angoscia, bensì rimarcando un messaggio fondamentale: non c’è dolore, per quanto grande, non c’è ferita, per quanto profonda, non ci sono ricordi, per quanto angosciosi, che possano seppellire né il bisogno di verità né quello di voler tornare a vivere e di provare a cercare la meritata felicità.

Io credevo che mi sarei ritrovata a leggere un libro sentimentale, ricco di stereotipi e magari banale, ma non è così: i sentimenti ci sono ma “99 giorni” è un romanzo sicuramente intenso, capace di smuovere diverse emozioni nel lettore, di commuoverlo, in una parola… non lo lascia indifferente.

Consigliato, soprattutto se vi piace questo mix tra amore e drammi umani ^_-

Burying water è il primo libro dell’omonima serie, composta da altri tre libri: Becoming Rain (La ragazza che amava la pioggia), Chasing River (La cosa più bella che ho), Surviving Ice.



.
obiettivo n. 11. 
Un libro scelto a caso dalla pila sul comodino


Per tutta la lettura mi sono lasciata accompagnare dalla musica e dal testo di una canzone di Ermal Meta, che secondo me è proprio azzeccata alla storia d'amore tra Jesse ed Acqua:







Piccola anima
Che fuggi come se 
Fossi un passero 
Spaventato a morte 
Qualcuno è qui per te 
Se guardi bene ce l'hai di fronte 
Fugge anche lui per non dover scappare Se guardi bene ti sto di fronte 
Se parli piano, ti sento forte 

Quello che voglio io da te 
Non sarà facile spiegare 
Non so nemmeno dove e perché hai perso le parole 
Ma se tu vai via, porti i miei occhi con te 

Piccola anima
La luce dei lampioni ti accompagna a casa 
Innamorata e sola 
Quell'uomo infame non ti ha mai capita 
Sai che a respirare non si fa fatica 
È l'amore che ti tiene in vita 

(...)


Camminare fa passare ogni tristezza
Ti va di passeggiare insieme? 
Meriti del mondo ogni sua bellezza 
Dicono che non c'è niente di più fragile di una promessa 
Ed io non te ne farò nemmeno una 

Quello che voglio io da te
Non lo so spiegare 
Ma se tu vai via, porti i miei sogni con te 

Piccola anima
Tu non sei per niente piccola 



martedì 26 giugno 2018

Recensione: SMALL TOWN BOYS di Runny Magma



Un ragazzo dalle idee un po' confuse circa il proprio futuro si mette in testa di far luce su un caso di suicidio avvenuto trent'anni prima; un'indagine tutta personale che forse potrebbe, insospettabilmente, aiutarlo a trovare la propria strada...




SMALL TOWN BOYS
di Runny Magma



LINK AMAZON
Niccolò ha 19 anni, ha appena concluso le superiori e adesso è pronto a godersi l'estate.
Beh, più o meno...!
La domanda che tutti gli fanno e che lo fa uscire fuori di testa è sempre la stessa: "Quindi, a quale facoltà ti iscriverai all'Università?".
Una domanda tanto semplice quanto antipatica, per il ragazzo, che ancora non sa cosa vuol fare "da grande" e finora nessuna delle facoltà consigliategli sembra "rappresentarlo".

Niccolò ha anche la testa un po' tra le nuvole per via delle proprie "pene d'amore": ha una bella cotta, già da qualche annetto, per l'ex professore di Filosofia, Bruno, e sogna ad occhi aperti una storia d'amore con lui nonostante li dividano diversi anni di differenza.
E non solo: Bruno è vedovo, quindi in teoria dovrebbe essere etero, anche se...

Un giorno si reca al cimitero e lo trova lì, a deporre un fiore sulla lapide della moglie; subito dopo però l'uomo si sofferma, con aria malinconica e triste, presso un'altra lapide, priva di foto: è quella di un certo Loris, morto nel 1987 a 19 anni.
La stessa età di Niccolò, che si sente immediatamente preso da una inspiegabile curiosità circa l'identità e la vita di questo ragazzo.
Come è morto e perchè Bruno era presso la sua lapide? Chi era Loris per lui?

Comincia quindi a indagare, va in giro a far domande e la prima persona che sottopone ad interrogatorio è la cara zia Elena, coetanea di Bruno; Elena è un'eterna single, ha sempre l'aria un po' da sfigata, non ha una grande vita sociale, però è, a dispetto di tutto, giovanile nel modo di pensare, e soprattutto è forse l'unica vera amica di Niccolò (che comunque ha due cari amici in Gionata e Cristina): lo ascolta, gli dà consigli onesti e spassionati, gli fa anche qualche ramanzina ma senza avere la pesantezza di un genitore, e poi sa essere ironica e divertente.
Proprio lei gli dà le prima informazioni su Loris: era gay, "a quei tempi" di omosessualità non era bene parlare ad alta voce e mostrarla apertamente, e il ragazzo veniva costantemente vessato e umiliato da alcuni coetanei, in particolare da due tipacci poco raccomandabili, il Pistola e Salsiccia.

Ma la cosa più strana è che questo Loris aveva una rapporto "speciale" con Bruno: i due stavano forse insieme? Elena lo esclude, vista la differenza d'età che intercorreva tra i due (Bruno aveva circa 13 anni).

Nella mente fantasiosa (e diciamolo, un po' simpaticamente contorta) di Niccolò sorge un dubbio: e se Loris fosse una povera vittima di omofobia e bullismo e non sia morto suicida ma... qualcuno gli abbia dato una spinta per farlo cadere sui binari e a farlo finire maciullato sotto un treno in corsa?

E' possibile, in fondo, che coloro che erano presenti sul luogo della tragedia quando essa avveniva, siano in qualche misura colpevoli! Possibile che la polizia, a quei tempi, non abbia fatto le dovute ed oculate indagini, non abbia interrogato i testimoni?
Che poi, guarda caso, chi c'era quel giorno in cui Loris ha deciso di farla finita...? Sempre loro: Pistola, Salsiccia.... e Bruno!
Quanto è coinvolto Bruno nel presunto suicidio di questo ragazzo con cui aveva un rapporto di amicizia, di affetto?

Non pago delle informazioni ricevute dalla zia, e ignorando le esortazioni di lei a farsi i fatti suoi e a non rivangare fatti del passato ormai sepolti da 30 anni, Niccolò si traveste da Poirot (senza baffi, per carità, e la parlata non ha nulla di francese, ma è tutta toscana) e comincia a fare un sacco di domande a chiunque ricordi "il caso Loris", insistente come neppure gli inviati della Sciarelli saprebbero essere.
Arriva a scomodare persino la mamma del defunto, la buona signora Adele, che rivede in Niccolò la spontaneità presente in quel suo figliolo morto troppo presto, così decide di regalargli una scatola di ricordi appartenuti a Loris; tra essi, oltre a trovare delle musicassette che gli fanno conoscere una certa parte di musica degli Anni '80 a lui ignota (anche a me, sinceramente), gli capita tra le mani un diario, anzi il diario in cui Loris annotava pensieri, canzoni, foto di idoli...
Tra quelle pagine Niccolò si convince di poter trovare indizi che lo conducano alla verità, quella che gli rivelerà come in realtà Loris non si sia suicidato ma sia finito sulle le rotaie perchè spintovi da... Da chi? Qualche ipotetico sospettato c'è, ma dimostrarlo è un'altra storia.

Insomma, la testa gira e il giovanotto si lascia andare a supposizioni azzardate, volte a dimostrare come gli atteggiamenti omofobi e da bulli possano essere davvero pericolosi.

Scoprirà che c'è un'altra verità dietro quella "ufficiale" a cui si era giunti trent'anni fa?

Forse, l'unica verità cui Niccolò giungerà è quella che riguarda se stesso, la propria crescita verso l'età adulta, la consapevolezza di se stesso e di quello che vuol essere e fare nella vita.
Conoscere Loris - attraverso le parole di chi gli ha voluto bene e attraverso i suoi oggetti, i suoi libri, la sua musica, le piccole confidenze scritte e scarabocchiate (alcune delle quali sconvolgeranno un po' Niccolò) su un diario segreto - costituisce per il giovane protagonista una via per conoscere meglio se stesso e da questa storia ne uscirà sicuramente un po' più maturo, indipendentemente da come la sua "sete di giustizia in onore di Loris" verrà soddisfatta (e comunque non di rado è la vita stessa che costringe a "saldare certi conti"...).

"Small Town Boys" è un breve romanzo che, pur appartenendo al genere LGBT, affronta l'omosessualità in modo "soft", con delicatezza; non è un romance, è più un romanzo di "formazione" che vede protagonista un ragazzo gay, che non vive la propria omosessualità in modo drammatico, però al contempo non ne parla neppure apertamente con chiunque. Ad es. coi genitori ha un rapporto molto distante, essi sembrano quasi assenti nelle sue giornate e a parte preoccuparsi che mangi, non c'è grande interesse da parte di mamma e papà verso il loro unico figlio, non nell'instaurare un dialogo con lui, quantomeno.
Fortunatamente c'è zia Elena, una "sfigata felice" in cui il ragazzo ritrova una confidente importante.

La musica è un elemento importante, a cominciare dal titolo, che ho scoperto essere quello di una canzone dei Bronski Beat (1984) e in cui si "parla" di un ragazzo gay che si ritrova isolato, incompreso e vittima di omofobia (nulla è a caso in questo libro); ogni capitolo è introdotto da un titolo in inglese, che poi è il titolo di una canzone sempre risalente agli Anni '80.

Ho trovato la scrittura di Runny Magma matura, capace di alternare toni ironici, simpatici con altri più seri e commoventi, affrontando tematiche attuali e gravi come l'omofobia e il bullismo in modo "leggero" ma non superficiale, attraverso la prospettiva di un ragazzo che, essendo omosessuale, in qualche modo si ritrova a vivere le proprie scelte e il proprio modo di essere nell'ambito di una società in cui l'accettazione dell'altro e di una presunta diversità non è ancora così spontanea ed automatica.

La parlata toscana conferisce genuinità al racconto e personalmente l'ho apprezzata; la narrazione è in prima persona e questo contribuisce sia a rendere il ritmo sempre vivace, sia a "farci entrare nella testa" del protagonista/narratore, che non può non suscitare simpatia.

Consigliato, è una lettura scorrevole, che tocca temi importanti in modo delicato e ironico.

lunedì 25 giugno 2018

IO, GLI ANNI '80/'90 E LE MIE ESTATI DAVANTI ALLA TV



Giorni fa ho risposto al tag "Le mie estati del passato" anticipandovi che avrei pubblicato qualcosa sempre a tema estivo con un occhio al passato, per la serie "50 sfumature di nostalgia" (nulla di deprimente, per carità).

Ecco, la prima categoria su cui mi soffermo oggi è quella del cinema; ad essere precisa, la maggior parte di questi film tv non mi risulta siano passati per il grande schermo ma direttamente per il piccolo, però personalmente li porto nel corazòn perché mi ricordano le mie estati passate, la mia infanzia/adolescenza.

Preciso che questi film li associo all'infanzia essenzialmente per due ragioni (non necessariamente entrambe presenti): 1. mi capitava di (ri)guardarli nel periodo estivo, che fosse di sera o, altrettanto, se non più, frequentemente, nel pomeriggio, quando l'ossessione compiti non c'era; 2. la storia stessa del film è ambientata nei mesi estivi.

Cominciamo dalla mia infanzia, appunto, quindi dai gloriosi Anni Ottanta, e da tre film di avventura - adatti a un pubblico molto giovane ma comunque carini anche per gli adulti - che amavo vedere e rivedere con mio fratello, nei caldi pomeriggi estivi.

Premessa: essendo io un po' ripetitiva, lo riscrivo nel caso non lo avessi già detto in passato (ehm... mi sa di averlo detto...): erano quelli gli anni (fine '80) in cui cominciai ad essere in fissa per un attore americano, allora anch'egli molto giovane: River Phoenix (1970-1993); fissa che si è forse addirittura accentuata dopo la sua morte prematura :-((  che gli ha conferito una sorta di aura leggendaria.

Il mio film preferito, che vede River nei panni di co-protagonista e che gli diede, ai tempi, molta popolarità, è STAND BY ME. RICORDO DI UN'ESTATE (tratto da un racconto di Stephen King, IL CORPO), diretto da Rob Reiner e che vede nel cast anche Will Wheaton, Corey Fieldman e Harry O'Connell (1986).

E' un film sull'amicizia, che ruota attorno a un'esperienza avventurosa vissuta, nell'arco di pochi giorni, da quattro adolescenti, diversissimi caratterialmente ma molto affiatati: Gordon, Chris, Teddy e Vern: i quattro partono, zainetto in spalla, alla ricerca del cadavere di un loro coetaneo, ritrovato morto nei pressi di una ferrovia.
A raccontarci ogni cosa è un Gordon ormai cresciuto, divenuto scrittore, che decide di parlare degli amici, dei fatti e delle emozioni provate in quell'estate del 1960, rimasta indelebile nella sua memoria.

E' un film fatto davvero bene, i giovani attori sono bravissimi, sanno essere tanto buffi, sboccati, quanto teneri; un'avventura che non manca, sul finale in particolare, di commuovere ed è pervasa da quel sapore nostalgico, tipico dell'adulto che guarda all'estate più bella della propria vita e non può fare a meno di emozionarsi.
La colonna sonora, che dà anche il titolo alla pellicola, è celebre ed è, per me, sempre piacevole da ascoltare e riascoltare >>>> QUI

Sono quei film cui sono proprio letteralmente affezionata: ancora adesso, se li danno in tv, non posso non guardarli! 


.
Explorers è un film di fantascienza del 1985, diretto da Joe Dante, con Ethan Hawke, River Phoenix e Jason Presson.Ben, Wolfgang e Darren sono tre distratti ragazzini appassionati di avventure spaziali. Per questa loro mania stanno svegli la notte a progettare viaggi intergalattici.
Sfruttando le loro conoscenze informatiche, i tre riescono a individuare e controllare una forza magnetica che, imbrigliata con l'ausilio di rottami di elettrodomestici, diventa una astronave.


Probabilmente in tanti lo riterranno un gilm mediocre, niente di eccezional,  e sarà sicuramente così, ma io ci sono affezionata *_* 
Stesso discorso per il divertente I GOONIES, diretto da Richard Donner, con Sean Astin, Josh Brolin, Jeff Cohen, Ke Huy Quan, Anne Ramsey, Corey Feldman, Martha Plimpton.
1985

Un gruppo di potenti sta comprando tutte le case del quartiere di Goon Docks con chiari intenti speculativi. Una banda di ragazzini del quartiere, i Goonies, cerca di opporsi, ma non sa neppure da che parte cominciare.
Poi, una sera, rovistando in soffitta, i ragazzi scoprono un'ingiallita mappa spagnola che contiene indicazioni precise su come trovare un antico tesoro. 
La piccola banda penetra così in uno chalet abbandonato e da qui in un labirinto di grotte. I ragazzi però non sanno che il luogo è la base operativa segreta di una banda di ladri capeggiata da "Mamma Fratelli" e dai due suoi violenti figli.



Un'attrice molto in voga negli Anni '80/'90, di cui ho avuto modo di vedere diverse interpretazioni, per lo più in commedie romantiche sentimentali: Molly Ringwald.
n. 1968

Ricordo in particolare questi tre film, che hanno allietato e zuccherato alcune ore pomeridiane - le più calde - davanti alla tv :-)


Un compleanno da ricordare (1984): Samantha resta di sasso quando vede che i suoi familiari, alle prese con i preparativi per il matrimonio della sorella, si sono completamente dimenticati della data del suo sedicesimo compleanno. Sconvolta dall'accaduto, sta già pensando di andarsene per sempre, quando si accorge che il ragazzo dei suoi sogni improvvisamente sembra dimostrare, per la prima volta, qualche attenzione nei suoi confronti.

Pretty in pink (Bella in rosa; 1986): Andie è una bella ragazza senza una lira, costretta a subire tutte le prevedibili umiliazioni da parte dei suoi ricchissimi compagni di scuola. Di lei s'innamora Duckie, studente anche lui e altrettanto povero. Le sue chance di conquistarla sono già scarse, ma diventano pari a zero il giorno che Andie si mette con Blane, bello, ricco e comprensivo...

Per gioco e per amore (1988): una coppia di studenti con grandi progetti per il futuro deve fare i conti con un bebé non previsto.

Sono commediole "cuore-amore", ripeto, le stesse che oggi scarto a priori solo nel leggere il titolo smielato e banale, ma di queste qua ho un dolce ricordo, chiaramente legato più a qualcosa di affettivo che all'oggettiva qualità del prodotto ;-)  A modo loro, con delicatezza, romanticismo e un pizzico di ironia, affrontavano con poche pretese i piccoli grandi tormenti e problemi adolescenzali; sono in genere dei cult per noi che siamo passati per quegli anni ^_-


Il prossimo film vede quale attore protagonista Christian Slater e per qualche tempo ho avuto il dubbio di essermelo inventato di sana pianta, perchè non riuscivo a trovarne traccia in web...; ricordavo grosso modo la trama, il cognome del protagonista (Petrie), avevo in mente anche dei flash relativi a certe scene ecc, ma mi era difficile trovare informazioni in merito (tanto più in italiano); finchè su filmtv ho visto che c'era la
.
scheda... *_*

Amore disperato (1989): tratto da una storia vera: l'amicizia tra un gruppo di adolescenti scorre tranquilla nella noiosa vita di una cittadina della Georgia. A incrinare il loro legame, una ragazza di città appena arrivata in paese: tutti, uno dopo l'altro, finiscono col perdere la testa per lei con le immaginabili comnseguenze.

Ricordo che mi commosse, era drammatico e mi sa che Slater qui era un po' schizzato (e già bravissimo)


Restiamo sul finire degli anni '80 e sul sentimentale, questa volta con un film di culto per quella generazione: Dirty Dancing, con l'indimenticabile Patrick Swayze e Jennifer Grey.

Indimenticabili vacanze del 1963 per la famiglia Houseman. 
1987
In particolare per la figlia Baby, che si lascia attrarre dai balli scatenati che si svolgono nell'albergo della East Coast in cui soggiornano. La coppia regina delle serate è quella formata da Johnny Castle e Penny Johnson, ballerini infaticabili. 
Baby diventa amica di Penny e si trova perfino a sostituirla sulla pista.

Forse i giovani di oggi potrebbero snobbare questo film romantico in cui un'adolescente illibata perdela verginità col maschio sexy di turno, ma a dispetto di tutto Dirty Dancing ha vinto l'Oscar e il  Golden Globes per la miglior canzone - (I've Had) The Time of My Life -.


Per ora mi vengono in mente questi ma ce ne saranno sicuramente altri che la mia memoria per ora si rifiuta di pescare altro dai cassetti, quindi ci accontentiamo :-D

Alla prossima!

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...