lunedì 19 agosto 2019

Libri in wishlist (agosto 2019)




Alcuni libri finiti di recente in wishlist.


L'ospite crudele di Rebecca Fleet (Ed. Longanesi, trad. F. Garlaschelli, 312 pp, 18.60 euro).

Quando Caroline riceve la proposta di partecipare a uno scambio-case tra il suo appartamento di
Londra e una villetta in un bel quartiere residenziale nei sobborghi, accetta senza riserve.
Non la preoccupa affatto l’idea di lasciare che uno sconosciuto entri in casa sua: per lei è più importante allontanarsi per un po’ da tutto e tutti, compreso il figlio piccolo, e compiere quell’ultimo tentativo di salvare il proprio matrimonio con Francis. 
Ma le cose non vanno come si aspettava. E non soltanto perché tutti i problemi che sperava di lasciarsi dietro in realtà la inseguono… 
C’è qualcosa di strano, di inquietante in quella casa. C’è una vicina che all’inizio sembra amichevole ma presto si rivela fin troppo curiosa e ossessiva. 
E dentro quell’abitazione che dovrebbe esserle sconosciuta compaiono poco a poco segnali precisi che terrorizzano Caroline. I fiori in bagno, la musica che proviene dallo stereo, la fotografia appesa in corridoio… 
Potranno sembrare innocui a chiunque altro, ma non a Caroline. 
Perché parlano di lei, del suo passato e di un segreto tragico e fatale che soltanto lei dovrebbe conoscere. 
Quando capisce di essere caduta suo malgrado in una trappola e di non poterne parlare con nessuno per paura di perdere tutto ciò che ha e per cui lotta, c’è una domanda che la assilla. 
Chi è davvero lo sconosciuto con cui ha fatto lo scambio? Chi c’è in quel momento dentro casa sua, a Londra?


Le nere ali del tempo di Diane Setterfield (Ed. Mondadori, trad. G. Granato, 341 pp, 12 euro).

.
Will Bellman ha dieci anni quando, giocando con gli amici nei campi vicino al fiume, dove i corvi scendono in picchiata in cerca di larve, ne colpisce uno con una pietra. Il corvo stramazza a terra. 
Il mattino dopo Will si sveglia con la febbre altissima, e per una settimana suda e urla di dolore nel suo letto, tutte le forze di bambino tese in un'unica grande sfida: dimenticare quello che è accaduto al fiume. 
Molti anni dopo, Will Bellman è un uomo di successo, dirige il grande opificio di famiglia, ha una bella moglie e figli amatissimi. Improvvisamente, però, una serie di episodi sinistri comincia a distruggere tassello dopo tassello quella vita che ha così magnificamente costruito. 
Lutti e disgrazie si presentano con sempre maggior frequenza, come le apparizioni dello sconosciuto vestito di nero che sta all'ombra del camposanto.



Anne Édes di Dezsó Kosztolányi (Ed. Anfora, trad. A. Rényi, 272 pp).

Nel tumultuoso periodo del primo dopoguerra ungherese, tra rivoluzioni e controrivoluzioni, in un
tranquillo quartiere di Budapest, una famiglia borghese e benestante assume una giovane cameriera, Anna.
Il quotidiano sembrerebbe procedere sereno se non fosse che lentamente la dura condizione di serva corrode l'animo docile e benevolente della ragazza, che si trova persino sedotta e abbandonata da un membro della famiglia.
Per i padroni il culmine sarà inatteso e disgraziato.




CHE NE PENSATE? CONOSCETE QUESTI LIBRI? LI AVETE LETTI?

L'ultimo mi ha incuriosito dopo aver letto la recensione di Silvia di ...il piacere della lettura.

8 commenti:

  1. Tutti altamente inquietanti proprio come piace a me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. abbiamo gli stessi gusti, in questo senso :)

      Elimina
  2. Il primo sembrerebbe avere una trama piuttosto "classica", ma sempre intrigante... Prendo doverosamente nota del titolo, non lo conoscevo. Grazie! ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il secondo ha quei richiami dark che stuzzicano molto ☺

      Elimina
  3. no ma l'ultimo sembra particolarmente interessante

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...