mercoledì 15 giugno 2011

Medico pedofilo arrestato per abusi in un asilo


Un ennesimo
 caso di pedofilia avvenuto all'interno di un asilo.
Siamo a Vicenza e a commettere lo squallido reato è stato un dottore, un pediatra che regolarmente faceva visite mediche ai bimbi di alcuni asili vicentini.
Le indagini su di lui, un uomo di 64 anni - che esercitava la professione di medico pediatra da sempre, a cominciare dal proprio studio privato - sono iniziate circa due settimane fa, quando diverse coppie di genitori hanno sporto denuncia a carica del dottore, richiedendo che fossero utilizzate le intercettazioni ambientali per cogliere il presunto medico sul fatto; gli agenti di polizia avevano quindi immediatamente collocato delle telecamere nascoste per filmare le visite mediche e capire se le accuse dei genitori preoccupati avessero conferma.
E purtroppo così è stato: nel corso di una visita ad una bambina di tre anni, all'asilo dove il pediatra - di nome Domenico Mattiello - faceva controlli sui piccoli, gli agenti hanno tenuto sotto controllo la telecamera e son dovuti immediatamente intervenire perché il pedofilo stava proprio per commettere l'abuso sulla bimba; è stato quindi colto in flagranza di reato e le manette sono subito scattate per lui.

Ovviamente, non sappiamo cosa abbiano visto ed udito i poliziotti per precipitarsi all'asilo ed arrestare l'uomo, fatto sta che su di lui grava l'accusa di abuso sessuale su minore.
Adesso, il pubblico ministero che sta a capo delle indagini dovrà chiarire da quando andassero avanti questi atti di pedofilia e violenza.

Specialità giapponese: i dorayaki!

Queste "pagnottelle" di fattura giapponese sono davvero semplici da preparare e buonissime, per grandi e piccini!!

Ecco gli ingredienti per 10 dorayaki:

  • 100 gr di farina, 50 gr di zucchero,
  • un cucchiaio abbondante di miele,
  • un cucchiaino da caffè di lievito,
  • 2 cucchiai di acqua, 2 uova fresche
  • ripieno: nutella
Lavorate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto liscio e uniforme.
Incorporate la farina setacciandola con il colino in modo che non si raggrumi, poco per volta unendo il cucchiaio di miele. 
Quindi mescoliamo acqua e lievito e aggiungiamo all’impasto. 
Mescoliamo ancora il tutto. Lasciamo riposare il composto per mezz’ora: non lievita ma diventa solo più soffice.
Prendiamo una padella e facciamone scaldare il fondo a fuoco alto. 
Quindi vi versiamo dentro un cucchiaio di impasto: dentro la padella si deve formare un disco, lasciate cuocere finchè non si formano le bollicine.
Giratelo e fatelo cuocere dall’altro lato; cuocete una parte più dell'altra e la parte meno cotta sarà l'interno del dorayaki.. 
Spalmate sopra ad un disco il ripieno scelto e chiudete con l'altro;  servite caldi.

Ladro si toglie cappuccio per rapinare banca: arrestato

Sono davvero tante le stranezze che accadono nel mondo e non c'è da meravigliarsi mai di nulla perché ciò che sembra altamente improbabile che accada..., poi ci si rende conto che invece è fattibile!
Una delle notizie più recenti che fanno sorridere (ma anche sospirare, dicendo: "Beh, meglio così!") è quella di un ladro imbranato, alquanto singolare e obbediente ai regolamenti.
E' accaduto nello stato dell'Ohio: un uomo entra in una banca col cappuccio, con l'intenzione evidentemente di effettuare una rapina...!
Ma accade che un impiegato gli faccia notare, molto gentilmente, che il regolamento interno alla banca prevede che i clienti - o chiunque varchi la soglia - non debba avere il volto coperto, proprio per motivi di sicurezza...!
Beh, non so che generi di film preferiate voi: un thriller coinvolgente, in cui nulla è scontato e dove i "cattivi" tengono in ostaggio mezza banca mentre li agenti di polizia aspettano di poter contrattare col rapinatore... o forse quelle commedie americane in cui il protagonista combina guai facendo ridere lo spettatore!
Ebbene, è probabile che il rapitore in questione facesse parte del genere comedy, perché altrettanto educatamente, ha tolto il cappuccio, ha aspettato il proprio turno e quando è giunto allo sportello, attraverso un biglietto, con molta calma ha fatto notare al banchiere che stava per effettuare una rapina e che era armato.
Insomma, il giovane ladro è riuscito in quel momento a portare con sè i soldi che erano in cassa, ma la sua faccia era stata presa molto tranquillamente dalle telecamere di sicurezza e identificarlo è stato davvero un gioco da ragazzi...!

martedì 14 giugno 2011

Don Seppia: solo "gesti affettuosi"?

Una decina di giorni fa, durante l'interrogatorio di don Riccardo Seppia, accusato di abusi sui minori, induzione alla prostituzione e spaccio di cocaina, da parte del Procuratore Annalisa Giacalone, il legale del sacerdote genovese aveva dichiarato che non erano state confermate le accuse di violenza sessuale su minore: il parroco si sarebbe limitato a manifestare solo il proprio affetto al chierichetto posandogli una mano sul ginocchio ed un braccio dietro le spalle: insomma solo gesti affettuosi, a quanto pare - secondo la difesa - "male interpretati".
Non, solo, ma non avrebbe mai provato a indurre alla prostituzione nessuno, tanto meno un minorenne: si tratterebbe di un ragazzo di origini albanesi, che avrebbe egli stesso chiamato il prete per offrire prestazioni sessuali, ma Seppia  si è sempre fermato prima per timore e vergogna.
Per quanto concerne il reato di spaccio di droga, sempre l'avvocato difensore, Bonanni, ha fatto sapere che le dichiarazioni emerse durante le due ore di interrogatorio hanno posto l'accento sui deliri dell'accusato, nei momenti in cui era sotto effetto di stupefacenti; per il resto, le frasi nei messaggini riguardanti offerte di cocaina, non sarebbero aderenti alla realtà, bensì solo frutto di una mente alterata dall'uso di droga.

Insomma, il quadro accusatorio sembra risulti ridimensionato ed, in virtù di questo, la difesa di don Seppia ha chiesto il trasferimento del proprio assistito in una comunità in cui possa essere curato e riabilitato; il sacerdote sembra aver anche manifestato pentimento per il proprio comportamento indecoroso e amorale, probabilmente dovuto all'uso della cocaina.

lunedì 13 giugno 2011

GF, Andrea e Margherita: cresce la passione

Procede a vele spiegate la storia d'amore nata nella "casa più spiata d'Italia" - cioè quella del Grande Fratello - tra il modello italo-giapponese Andrea Cocco e la speaker varesina Margherita Zanatta.
La loro vita da fidanzati è al massimo della sintonia, della complicità... sotto tutti i punti di vista!
I due innamorati fanno la spola tra Milano e Roma e si sono integrati alla perfezione l'uno nella famiglia dell'altra e sono stati entrambi accolti a braccia aperte!
Inoltre, hanno scoperto di avere anche una bella intimità e Marghe ha capito che il suo Andrea non è solo tranquillo e mogio mogio, ma che è un tipo divertente, compagnone e che ama stare in allegria; addirittura la ragazza, molto spontaneamente, ammette che Andrea all'inizio sembrava una "simpatica ameba"...!
Come se questa prima definizione non bastasse, ne elenca anche i difetti: noiosetto, permaloso; lui invece, non ha che parole buone per la sua dolce metà.
Margherita è un tipo esuberante, vivace, ma lo è in modo schietto e verace e questa cosa il ragazzo non può non apprezzarla; e anche lei riconosce nel fidanzato una dolcezza che finora non hai mai trovato in nessun ragazzo passato; infatti è sempre stata attratta da ragazzi che si facevano desiderare, che non erano troppo "generosi di attenzioni".


Non è possibile non parlare della storia - seppur breve - con Nando Colelli, una persona senza dubbio molto diversa da Andrea, che però attrasse Marghe per la propria semplicità e genuinità.
Eppure, nonostante entrambi venissero da rapporti intensi, hanno saputo e voluto gettarsi alle spalle il passato e anzi, le delusioni avute hanno "ucciso" i sentimenti che provavano per i loro fidanzati, facendo sì che si buttassero a capofitto in questa nuova storia d'amore che, a dispetto di chi la definiva solo una mera "strategia di gioco", sta invece proseguendo alla grande e si parla anche di "mettere su famiglia".


Non ci resta che fare loro tanti auguri!!

domenica 12 giugno 2011

L’amico che osa pregare!





“E vennero a lui alcuni con un paralitico portato da quattro uomini. Non potendo farlo giungere fino a lui a causa della folla, scoperchiarono il tetto dalla parte dov'era Gesù; e, fattavi un'apertura, calarono il lettuccio sul quale giaceva il paralitico.Gesù, veduta la loro fede, disse al paralitico: «Figliolo, i tuoi peccati ti sono perdonati.»”        (Marco 2:3-5)


Quattro uomini arrivarono davanti alla casa, portavano un uomo paralizzato su una barella di tela. Non si poteva avvicinare a Gesù per via della folla, così scavano nel tetto di argilla proprio sopra stava quest’ultimo, e attraverso l’apertura calarono la barella dov’era coricato il loro amico paralizzato ai piedi di Gesù.
Vedendo la loro fede, Gesù disse al paralitico: «Figliolo, i tuoi peccati ti sono perdonati». La parola preghiera non compare neanche una volta in questo racconto. Ma guardatelo un poco più da vicino e la vedrete in azione: quattro uomini calano il loro amico malato attraverso il tetto fino alla presenza di Gesù. 
Smette di predicare, guarda l’uomo e dice «Figliolo, i tuoi peccati ti sono perdonati»!
Che cosa ha colpito Gesù?
Marco ci dà la risposta: «veduta la loro fede…» La fede dei quattro amici ha fatto scattare la potenza di Cristo a vantaggio del loro amico.
Considera che quest’ultimo era incapace di fare il minimo movimento, che non beneficiava di nessun trattamento medico, che non gli era fornita nessuna spiegazione clinica, e che non aveva nessuna speranza di guarigione. Tutto ciò di cui disponeva, è il sostegno dei suoi quattro amici, che osarono portarlo fino alla presenza stessa di Cristo.
Il paralitico doveva avere la gola chiusa (“non mi lasciate cadere, però!”). Il padrone di casa stava gemendo (scoperchiargli il tetto era un’iniziativa decisamente poco amichevole!). In quanto a Cristo, si accontenta di sorridere! La loro fede Gli permetteva di dimostrare la Sua potenza. Guarisce l’uomo. Il paralitico lascia la casa con l’anima purificata e il corpo guarito!
Gli amici fedeli portano coloro che amano, grazie alla preghiera, fino alla presenza di Dio.
E allora Dio agisce! Come?  Quando?
I quattro uomini non lo sapevano. E non lo sappiamo neanche noi, però sappiamo questo:«La preghiera del giusto ha una grande efficacia.» Sii dunque questo tipo di amico. Porta in 
preghiera le persone che ami in presenza di Gesù, poi osserva quello che succederà!

tratto da:

OTTENERE DONANDO

“Chi è benefico sarà nell'abbondanza,
e chi annaffia sarà egli pure annaffiato.”
Proverbi 11:25

Per vedere prosperare la mia anima, non devo accumulare i miei tesori, ma piuttosto che li condivida con gli altri. Il percorso della fortuna per il mondo è l’economia spinta fino ad arrivare all’avarizia; ma la via di Dio è completamente diversa:
«C'è chi offre liberalmente e diventa più ricco, e c'è chi risparmia più del giusto e non fa che impoverire.» (Proverbi 11:24)
Dare è quindi il modo di agire della fede per acquistare la ricchezza. Facciamone personalmente l’esperienza; vedremo che ci verrà sempre concesso, in cambio della nostra liberalità, di far fronte ai nostri bisogni e persino di più.
In realtà, con questo sistema, non ho la garanzia di diventare ricco. Ma, secondo la promessa, essendo un benefattore sarò nell’abbondanza, senza però andare oltre misura.
Un’abbondanza fisica troppo evidente costringe il corpo a un’andatura pesante e scomoda, e un’abbondanza economica troppo grande rischierebbe di fermare il mio progresso spirituale e di trascinarmi in una mondanità che mi paralizzerebbe il cuore.
Mi è quindi sufficiente essere abbastanza nutrito per essere in buona salute.
Ma vi è anche una sovrabbondanza che dovrei sempre desiderare: quella dei pensieri generosi verso il mio Dio ed i miei simili. Che io possa condividere e spartire con questi ultimi le grazie spirituali che mi hanno arricchito. Avendole ricevute gratuitamente, le darò gratuitamente e le userei con liberalità, camminando in questo modo sulle tracce del mio Salvatore, che ha dato se stesso per me.
di Spurgeon.

tratto da: 

mercoledì 8 giugno 2011

Pet Therapy: il cane "educatore"

 Un famoso detto popolare recita: "il cane è il miglior amico dell'uomo!".
Beh, a quanto pare, il cane non è solo un amico, ma è anche un terapeuta o un insegnante, a seconda dei contesti!
Esso, infatti, è l'animale privilegiato nelle pet therapy, per la sua propensione alla collaborazione e alla abnegazione; frequente è il suo impiego come co-terapeuta nella cura di bambini, adulti e anziani.

Facciamo un breve accenno alla pet therapy.
Con questo termine ci si riferisce a una serie complessa di utilizzi del rapporto uomo-animale per scopi terapeutici, in campo medico e psicologico.

Nei bambini con particolari problemi, negli anziani e  in alcune categorie di malati e di disabili fisici e psichici il contatto con un animale può aiutare a soddisfare certi bisogni (affetto, sicurezza, relazioni interpersonali) e recuperare alcune abilità che queste persone possono aver perduto. 
Infatti, il contatto con un animale è particolarmente adatto a favorire i contatti inter-personali offrendo spunti di conversazione, di ilarità e di gioco, creando le occasioni di interagire con gli altri per mezzo suo.
Le attività di Pet Therapy sono caratterizzate da una grande eterogeneità, sia per quanto riguarda il percorso formativo degli operatori, sia per la tipologia degli utenti e le metodologie adottate.
Alcuni “esperimenti hanno dimostrato che la presenza di un animale, in particolare il cane, ha fatto sì che, in molti casi a scuola, diminuissero gli episodi di bullismo, anche del 40%!

L'animale può fungere da 'catalizzatore' dell'attenzione dei ragazzi, entrando in contatto con loro e aiutando a controllare il proprio comportamento. Per esempio, i bambini per non spaventare il cane tengono sotto controllo la loro voce e i loro gesti. Ed evitano atteggiamenti troppo “vivaci”.

Ovviamente, proprio come si richiede ad un insegnate umano, anche l'insegnante a quattro zampe” deve avere delle qualità:  essere un buon cane da pet therapy­, mostrando pacatezza, curiosita', desiderio di stare con le persone e un saldo temperamento. E non è semplice arrivare ad avere un perfetto 'maestro' per la classe di piccoli bulli; è richiesto infatti un periodo di preparazione di almeno un anno perché non deve trattarsi di un cucciolo, bensì un cane adulto.

Quando la memoria fa gli scherzetti: il deja vù





A quanti di noi è capitato di trovarsi in un luogo, davanti ad una persona o di vivere un'esperienza per la prima volta ma di fermarsi poi, di colpo, stupiti esclamando: "Ma io questa cosa l'ho già vista/fatta!"...?

Ebbene, questo strano ma frequente fenomeno ha un nome: dèjà vu, che letteralmente significa proprio "già visto".
E' uno "scherzo" della nostra memoria che ha sempre colpito e affascinato l'uomo, sin dall'antichità; pensiamo ai filosofi Pitagora, Aristotele, Sant'Agostino...
Non solo, ma ne hanno preso spunto artisti, letterati e anche cinematografi per dar vita poi a opere e film di fantascienza (cito solo di passaggio, un noto film, abbastanza recente, con Denzel Washington, "Dèjà vu - corsa contro il tempo").

Da sempre oggetto di ricerche, a questo fenomeno vengono attribuite molteplici cause.
Esso interessa persone adulte, indipendentemente dal sesso, dalla condizione psicofisica ed è sempre accompagnata dalla duplice sensazione di provare sì una sensazione familiare ma al contempo con la consapevolezza di non aver realmente già vissuto quella determinata situazione.

Secondo alcuni studiosi, quando rievochiamo un evento, si attiva il cosiddetto "senso di familiarità" dell'evento stesso; ma si può verificare a livello cerebrale, che si attivi il senso di familiarità in assenza del ricordo: così abbiamo l'impressione di aver vissuto in passato quella data situazione ( teoria del processamento duale).

Secondo altri ricercatori, la familiarità deriverebbe dal fatto che una metà dell'encefalo ha già percepito l'evento, che perciò verrebbe rivissuto dall'altra porzione del cervello (teoria mnestica).

Ancora, secondo la teoria della doppia elaborazione, se elaboriamo alcune informazioni di un determinato evento in modo inconsapevole o con un livello ridotto di attenzione, in un secondo momento gli stessi dati verrebbero processati consapevolmente dandoci la sensazione di essere di fronte ad una "scena già vista".

Anche se è un fenomeno che può sopraggiungere in qualsiasi momento, ne sono maggiormente soggetti le persone che vivono momenti di stress; può durare dei secondi in soggetti normali ma anche ore o giorni in soggetti con disturbi di tipo psichiatrico o neurologico.

Di certo, è qualcosa che ci "turba" ma ci incuriosisce e affascina allo stesso tempo, forse anche perché non si è ancora in grado di dare un'univoca spiegazione scientifica, il che rende tutto "misterioso".

UN PRIMO INVITANTE...: CONCHIGLIE ALLA CREMA

È un primo davvero delicato e gustoso, da accompagnare con un buon Sylvaner del Trentino!
La nostra cucina, così ricca di profumi, non può fare a meno in certi piatti della presenza importante di erbette aromatiche, quale la maggiorana, che è ottima sia fresca che essiccata.
Gli ingredienti per 4 persone sono:
-         400 gr di conchiglie;
-         150 gr di mascarpone;
-         12 gherigli di noce;
-         30 gr di burro;
-         4 cucchiai di panna;
-         Qualche foglia di maggiorana o di timo;
-         Sale;
-         Pepe;
-         Noce moscata q.b.

In una terrina, usando una forchetta, lavorate il mascarpone con la panna fino ad ottenere una crema morbida; mescolatevi i gherigli di noce tritati grossolanamente, un bel pizzico di maggiorana e una grattata di noce moscata.
Fate lessare la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e versatela subito nella terrina con la crema, mescolando velocemente con cura.
Unite anche un pezzetto di burro e un mestolo dell’acqua calda di cottura della pasta, solo se risultasse troppo asciutta.
Servire immediatamente perché va consumata caldissima, anzi un suggerimento: lavorate la crema tenendo la terrina sopra la pentola con l’acqua in ebollizione: avrete così al momento un contenitore caldo e una crema tiepida che non raffredderà subito la pasta.

La ludoteca per lavorare con i bambini

Per chi ama stare con in bambini e vuole avviare al contempo un’attività lavorativa, può essere utile informarsi su come aprire una ludoteca!

La ludoteca consiste in uno spazio che promuove e diffonde la cultura del gioco per favorire la crescita psico-fisica e l’acquisizione di abilità sia sul piano individuale che di gruppo nei soggetti durante l’età evolutiva; infatti, attraverso le esperienze ludiche, i bambini ed i ragazzi sviluppano le capacità cognitive, affettive, relazionali, comunicative, creativo-espressive.
Necessita di progetti educativi adeguati alle diverse fasce di età dei minori.

Si può scegliere di aprire una ludoteca da privato o con altre persone (cooperativa, srl, associazione culturale). 
Ovviamente la scelta sarà fatta in base ad una serie di elementi.
Ci sono leggi nazionali (il prestito d’onore o quella sull’imprenditoria femminile) che finanziano il singolo imprenditore, ma ce ne sono anche altre che prevedono facilitazioni fiscali per chi si organizza in cooperative sociali o di servizi.
È possibile anche aprire una ludoteca in franchising; in questo caso è fondamentale informarsi bene sulle condizioni contrattuali.

Per poter avere l’autorizzazione ad aprire una ludoteca è indispensabile comunicarlo all’Ufficio delle Attività produttive e Commercio del proprio Comune, il quale richiederà di inviare la documentazione necessaria.
Basta partire da un locale anche piccolo, possibilmente situato in una zona centrale. I locali devono essere conformi ai regolamenti urbanistici ed edilizi,  rispettando le norme previste dal punto di vista igienico sanitario e della sicurezza.
E’ consigliabile che la ludoteca sia situata a piano terra, dotata di uno spazio circostante da utilizzare per attività ludiche esterne (attrezzate di scivoli, altalene…).
Sono necessari spazi interni riservati al gioco, laboratori espressivo-manipolativi, spazi per le attività di animazione e drammatizzazione, aree per incontri con i genitori e i bambini,  spazi per attività didattiche, un ufficio amministrativo, due bagni di cui uno destinato per ragazzi con handicap (nel rispetto delle legge n. 104/92  relativa alle barriere architettoniche).  

Il ludotecario dev’essere in possesso di un titolo di studio attinente all’infanzia (dalla maturità magistrale ad indirizzo pedagogico alle lauree riguardanti la Pedagogia e le Scienze dell’Infanzia). 

martedì 7 giugno 2011

COME AVERE UN FIGLIO .. DELINQUENTE!

Essere genitori non è affatto semplice, non per nulla è chiamato "il mestiere più difficile del mondo".


E' facile fare discorsi sull'educazione dei figli, provare a dar consigli quando si tratta dei figli degli altri .. ma nel momento in cui ci si ritrova a dover allevare, educare i propri figli, tutte le conoscenze in materia pedagogica, psicologica ecc.... vengono in aiuto fino ad un certo punto, dopodichè.. ci vorrà tanta pazienza ed esperienza...
E, ahimè, i risultati - neanche con tutto l'impegno di questo mondo - sono garantiti al 100%, visto che - alla fin fine - ognuno è e resta "artefice del proprio destino"...


Ed ecco che - tra le tante cose che si trovano "in giro" e che danno consigli ed avvertimenti su cosa fare o non fare - ho trovato questo "singolare" decalogo (anche se non ci sono 10 regole, bensì 12...!), stilata dalla Polizia del Texas...!



  1.  Date al bambino sin da piccolo tutto cio' che desidera. Cosi' crescerà convinto che il mondo gli sia debitore di tutto il necessario per vivere.
  2.  Sorridete, divertiti, quando ripete le parolacce imparate. Così si convincera' di essere molto spiritoso e aumenterà la dose.
  3.  Non dategli alcuna educazione spirituale e religiosa, almeno finchè non sia grande e possa decidere da se. Con la stessa logica, non si dovrebbe insegnargli l'italiano: da grande preferirà parlare bantù.
  4. Lodarlo in presenza di amici e conoscenti, così si convincerà di essere il più intelligente tra i suoi coetanei.
  5.  Evitare l'uso del termine "MALE" potrebbe sviluppare nel bambino un "complesso di colpa". Così da grande quando sarà giustamente punito per le sue colpe, crederà che la società è contro di lui e che lo perseguita
  6. Raccogliere tutto ciò che lascia in disordine: scarpe, libri, vestiti. Fare per lui ogni cosa in modo da abituarlo a scaricare sugli altri tutti i propri pesi.
  7. Lasciargli leggere, vedere, pensare tutto ciò che desidera. Dargli tazze dorate senza preoccuparsi.
  8. Litigare spesso in sua presenza. Così farà anch'egli nella sua futura famiglia.
  9. Dargli tutto il denaro che desidera
  10. Soddisfare sempre ogni suo capriccio.
  11. Difenderlo sempe di fronte ai maestri, vicini, poliziotti... dicendo che tutti hanno dei pregiudizi contro di lui.
  12. Quando poi da grande il bambino si comporterà male veramente, vi difenderete dicendo : "Con lui non siamo mai riusciti a ottenere nulla".
FATE COSì... E AVRETE SICURAMENTE MOLTI PROBLEMI!!!

Yara Gambirasio: l'ipotesi del branco

Non cessano le ricerche per il caso di Yara Gambirasio, la 15enne di Brembate di Sopra uccisa il 26 novembre e ritrovata tre mesi dopo a 10 km da casa, a Chignola d'Isola, in aperta campagna.
A distanza di 7 mesi, però, non si può dire di aver trovato una soluzione al caso, anzi, più si va avanti e più sembra di ritrovarsi sempre allo stesso punto o quanto meno non si sono prospettate, fino a questo momento, delle ipotesi concrete che portino all'individuazione dell'assassino.
Anzi, forse è il caso di parlare al plurale: degli assassini.
Eh sì, perchè gli esami della Scientifica hanno rilevato ben 4 profili diversi di DNA, appartenenti a persone di sesso maschile; sono stati rinvenuti sullo slippino, sui guanti e sulla maglietta della ragazzina; su un guanto invece si conferma la presenza del DNA di una donna.
Quindi si profila l'ipotesi di un delitto a sfondo sessuale perpetrato da un gruppo, da un branco; ma purtroppo l'ipotesi investigativa non trova grossi riscontri, per ora, anche perché non s'è trovata traccia di abusi sessuali sul cadavere della ragazza.
Non solo, ma i profili genetici dei DNA non combaciano con nessuno dei 2000 DNA prelevati dalla popolazione di Brembate, il che rende tutto ancora più oscuro.

Insomma, nonostante l'impegno delle autorità investigative, ad oggi non si profilano risultati soddisfacenti che portino alla risoluzione del "giallo di Brembate"; per di più, il 27 giugno, se non dovessero esservi ulteriori elementi e di indagini, la Procura sarà costretta a chiudere il caso.

Considerazioni su il "Padre nostro"...

Non dire Padre,
se ogni giorno non ti comporti da figlio.

Non dire nostro,
se vivi isolato nel tuo egoismo.
Non dire che sei nei cieli,
se pensi solo alle cose terrene.
Non dire sia santificato il tuo nome,
se non lo onori.
Non dire venga il tuo regno,
se lo confondi con il successo materiale.
Non dire sia fatta le tua volontà,
se non l’accetti quando è dolorosa.
Non dire donaci oggi il nostro pane,
se non ti preoccupi della gente che ha fame,
che è senza cultura e senza mezzi per vivere.
Non dire perdona i nostri debiti,
se conservi un rancore verso tuo fratello.
Non dire non lasciarci cadere nella tentazione,
se hai intenzione di continuare a peccare.
Non dire liberaci dal male,
se non prendi posizione contro il male.
Non dire Amen,
se non prendi sul serio le parole del Padre Nostro.

LA SABBIA DELLE STREGHE

http://lacrimedicristallo.blogspot.com/2011/06/giveaway-del-libro.html

lunedì 6 giugno 2011

Non restare adirato!!



“Non ti affrettare a irritarti nello spirito tuo,
perché l'irritazione riposa in seno agli stolti.”  (Ecclesiaste 7:9)



Un giorno, un’aquila si fiondò su una donnola e la imprigionò fra i suoi artigli. Mentre questo grande uccello riprendeva il volo, improvvisamente le sue ali smisero di battere e si abbatté al suolo come un sasso. La donnola, con un solo morso, era riuscita a colpirla al cuore.

L’odio avrà esattamente lo stesso effetto nel tuo cuore! Di tanto in tanto ci arrabbiamo sul serio ma Salomone dice che solo i pazzi permettono all’ira di dimorare in pianta stabile nel proprio cuore.

La collera e l’odio sono in grado di deformare i tratti del viso, di sbriciolarti il cuore e lo spirito. Sarai schiacciato dal peso di questo fardello.

Le difficoltà della vita sono una montagna già abbastanza scoscesa, senza che tu ti carichi ancora di un peso del genere sulle spalle!

Quindi, lascia perdere tutto questo.

Ti vuoi sentire libero oggi?

Allora prega: «Padre, perdona loro perchè non sanno quello che fanno» (Luca 23:34).

Vuoi far piacere a Dio? Ascolta:


«Infatti, che vanto c'è se voi sopportate pazientemente quando siete malmenati per le vostre mancanze? Ma se soffrite perché avete agito bene, e lo sopportate pazientemente, questa è una grazia davanti a Dio.» (1 Pietro 2:20)

giovedì 2 giugno 2011

CUORE NERO

A diciassette anni ci si può imbattere nel vero amore? È ciò che si chiede Giulia quando quel sentimento irrompe nella sua vita. Prima di allora era una ragazza indipendente, segnata dal burrascoso divorzio dei genitori, con una visione tutt'altro che romantica dei rapporti sentimentali.
Finché non si prende una cotta tremenda per Max, un compagno di scuola, e la sua razionalità inizia a vacillare. Lei, di solito brillante e decisa, si sente stupida e confusa. Eppure lui è fin troppo pieno di sé, non il suo tipo, anche se è terribilmente attraente, e Giulia fa di tutto per reprimere le proprie emozioni e dimenticare la loro breve, insignificante storia. Una sera, mentre porta a passeggio il cane, incontra Victor, un ragazzo dall'accento francese che, sbucato dal nulla, le dice di essersi trasferito a Palmi da poco con la madre e la sorella. Biondi e pallidissimi, i tre sembrano avvolti da un mistero: escono solo di notte e abitano nella Villa dell'Agave, una vecchia casa dalla fama sinistra.
Da quel momento, inaspettatamente, Max ricomincia a corteggiarla, e non solo: fa di tutto per metterla in guardia da Victor, come se sapesse qualcosa sul suo conto che non può rivelarle. Come mai i due si conoscono? Perché si detestano? Cosa nascondono entrambi?
Trascinata da una passione irrefrenabile, Giulia piomberà in un mondo che credeva relegato alla leggenda e alla fantasia, un mondo abitato da esseri misteriosi assetati di sangue, che attraversano i secoli lottando per sopravvivere. E scoprirà che amare un vampiro è una dannazione, un desiderio proibito, ma sceglierà di correre il rischio a qualunque costo. Anche se sa di essere una preda. Perché se vivere con lui è difficile, vivere senza di lui è impossibile
http://romanticamentefantasy.blogspot.com/2011/05/anteprima-e-giveaway-cuore-nero-di.html

Il Passaggio di Justin Cronin

Nel cuore della foresta boliviana il professor Jonas Lear fa una scoperta destinata a cambiare per sempre il destino dell’umanità: un virus, trasmesso dai pipistrelli che, modificato, è in grado di rendere più forti gli esseri umani, preservandoli da malattie e invecchiamento. In una remota base militare in Colorado, il governo degli Stati Uniti inizia quindi degli esperimenti genetici top secret per studiare i prodigiosi effetti di questa scoperta. È il Progetto Noah, che utilizza come cavie umane dodici condannati a morte e una bambina. L’esperimento però non procede secondo le previsioni e accade ciò che non era neanche lontanamente immaginabile: i detenuti sottoposti alla sperimentazione – i virali – trasformatisi in creature mostruose e assetate di sangue, fuggono dalla base, seminando morte e distruzione. Da quel momento gli eventi precipitano e nessuno è più in grado di controllarli, nessun luogo è più sicuro e tutto ciò che rimane agli increduli sopravvissuti è la prospettiva di una lotta interminabile e di un futuro governato dalla paura del contagio, della morte e di un destino ancora peggiore. L’unica speranza è rappresentata da Amy, piccola superstite del fallimentare esperimento che ha scatenato l’apocalisse: su di lei il virus ha avuto effetti particolari, trasformandola in una pedina fondamentale nella lotta contro i virali. Sarà l’agente dell’FBI Brad Wolgast a salvarla da una fine terribile e a iniziare con lei un’incredibile odissea per liberare finalmente il mondo dall’incubo in cui è precipitato. Il destino dell’umanità è nelle sue mani. Ambientato in un prossimo futuro, Il passaggio non è solo un thriller letterario, ma anche un avvincente romanzo post-apocalittico e una cronaca epica della resistenza umana di fronte al pericolo di una catastrofe senza precedenti.
http://abookbite.blogspot.com/2011/06/giveaway-il-passaggio-di-justin-cronin.html

Parlare con i bambini piccoli

Ai bambini piace che gli adulti parlino loro e questo anche da quando sono neonati.
Bisogna togliersi dalla testa l'idea che i bambini piccoli non capiscano niente, perchè invece essi hanno delle capacità linguistiche e comunicative che vanno valorizzate; partire dal presupposto che non serva utilizzare un linguaggio corretto, con frasi di senso compiuto, coi bimbi piccoli, porterà i grandi a usare sempre il cosiddetto "bambinese", quel linguaggio infantile che va bene con i neonati, ma che dovrà essere abbandonato quando il piccolo comincerà a dire le prime parole.

Comunicare col piccolo è fondamentale non solo per "abituarlo" al linguaggio che anche egli adotterà, ma anche per comunicare affetto, amore, fiducia, sicurezza, capacità di soddisfare i suoi bisogni, di "dare voce" ai suoi pensieri - esprimendo a parole i sentimenti che il bimbo sta provando, ad es., quando comincia a piangere perchè ha fame o perché non sta bene -, di raccontargli ciò che sta accadendo attorno a lui.

Per aiutarlo a familiarizzare con le parole, è utile parlargli ripetendole anche più volte in una stessa frase e pronunciarle nel modo corretto, non ripetendo il modo "infantile" del bambino di dire le paroline che sta imparando.
Man mano che il piccolo crescerà, mamma, papà e gli altri adulti attorno a lui, lo aiuteranno ad allargare il suo vocabolario, incoraggiandolo quando riesce a dire le prime semplici frasi.

Cristiani perseguitati nei Paesi islamici

Le tempeste in corso in Egitto e in Sudan rappresentano un grande punto di svolta, ma le attitudini locali sembrano assicurare che almeno una cosa rimarrà invariata: la legge contro la diffamazione dell'islam resisterà a qualsiasi tempesta. Mentre i giovani egiziani continuano la loro rivoluzione cercando quelle libertà così comuni nelle altre parti del mondo, non vi è segno che la versione egiziana della legge anti-blasfemia verrà cambiata. In Sudan, dove il Sud non islamico è ormai diviso dal Nord islamico, i cristiani rimanenti nel nord sono più vulnerabili alle accuse infondate di diffamazione dell'islam. In Egitto questa legge mira teoricamente a scoraggiare le persone dall'offendere le sensibilità religiose altrui, ma in pratica viene utilizzata per soffocare la libertà di espressione e intimidire e punire coloro che non sottostanno alla versione ortodossa dell'Islam sunnita praticato dalla maggioranza degli egiziani, questo è ciò che affermano gli avvocati che si battono per i diritti umani e per i dissidenti religiosi.

L'articolo 98(f), conosciuto dai procuratori egiziani come la base di accusa contro chi disprezza la religione, cita: Chiunque sfrutti la religione per promuovere ideologie estremiste attraverso l'eloquio, la lettera scritta o in qualsiasi altra forma, con l'intenzione di fomentare la sedizione, il disprezzo o lo screditamento di una qualsiasi religione divina o dei suoi aderenti, o pregiudicando l'unità nazionale, sarà punito con l'arresto dai 6 mesi ai 5 anni o con un'ammenda di almeno 500 sterline egiziane(60 euro circa).

Formalmente l'articolo 98(f) non è una legge anti-blasfemia, ma viene usato in questo modo tanto quanto le altre leggi anti-blasfemia vigenti nell'intero Medio Oriente e nell'ancor più esteso mondo musulmano. Violare questo statuto significa "diffamare una religione divina". Molti, in virtù di questa legge, sono stati accusati di aver insultato l'islam.
"Se diventi cristiano, sei facilmente accusabile di insultare l'islam proprio perché hai abbandonato questa religione e quindi, presumibilmente, la consideri non buona", afferma Paul Marshall, studioso del Centro sulle Libertà Religiose presso l’Hudson Institute. Al contrario, però, nessun convertito dal cristianesimo all'islam è mai stato accusato di aver diffamato il cristianesimo.


tratto da Porte Aperte

Semifreddo al caffè


Per questo delicato dolce al cucchiaio saranno necessari:



INGREDIENTI:

  • 60 ml di caffè
  • 100 ml di mascarpone
  • 350 ml di panna
  • 5 tuorli
  • 80 gr di zucchero
Per preparare il semifreddo al caffè, iniziate unendo il caffè liquido con lo zucchero in un pentolino a fondo spesso, mescolate e portate a ebollizione. 
Ponete i tuorli in un recipiente per cuocere a bagnomaria e rompeteli con una frusta; Incorporate lo sciroppo a filo, mescolando di continuo con la frusta e cuocete il tutto a bagnomaria fino a che il composto si addenserà e avrete ottenuto una crema.
Mettete la crema al caffè in una planetaria e montatela fino a che si sarà raffreddata, avrete ottenuto la “pasta bomba” al caffè. 
“Semimontate” quindi la panna, montatela cioè fino a quando inizierà ad essere compatta ma non troppo sostenuta. Versate due cucchiai di panna semimontata nel mascarpone e mescolate per ammorbidirlo e renderlo cremoso. Versate la pasta bomba al caffè nella panna restante e amalgamate molto delicatamente con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare la panna.
 Quando la pasta bomba al caffè sarà totalmente amalgamata  aggiungete anche il mascarpone ammorbidito e incorporatelo nella stessa maniera. 
Versate dunque il composto ottenuto in bicchierini e coppette e ponete  i semifreddi in freezer per almeno 5 ore. Ricordate di estrarre i semifreddi dal freezer 10 minuti prima di gustarli, guarnendoli con della panna montata e dei chicchi di caffè.

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...