venerdì 6 aprile 2018

Frammenti di letture



Un frammento della mia lettura in corso, "La guerra di Lorenzo"; il protagonista, un capitano dell'esercito italiano, cerca di affrontare un momento difficile - un bombardamento aereo da parte degli alleati - mentre partecipa attivamente alla guerra e a giungergli in aiuto per non cedere al panico, è il ricordo dell'amato padre:

"La mano di suo padre.Era quella la chiave che spiegava tutto. Suo padre non aveva avuto bisogno di parole per rassicurarlo: la sua mano, grande, asciutta, forte, era bastata a distendere la sua mente, a metterla nella disposizione giusta.Sì, quella era la chiave. Doveva ritrovare quella mano perduta nel gorgo del tempo, risentirne il tocco, forte, affettuoso, rassicurante. Finché riusciva a tenere viva quella mano, a non farla svanire, era immune dalla paura, dall'angoscia, dalla follia. Doveva trattenerla a tutti i costi, restarci aggrappato con forza, impedire che si dissolvesse e lo lasciasse piccolo e spaventato fra i lampi e i boati, in quell'immensa piazza rumorosa.".

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...