sabato 16 marzo 2019

Pillole di curiosità su... "La casa di vetro"



Di recente ho recensito il romanzo LA CASA DI VETRO di Simon Mawer che, come suggerisce il titolo, ruota attorno ad un edificio particolare, originale e innovativo rispetto all'epoca in cui è stato costruito; l'Autore ha preso spunto per la "sua" glass room da una villa vera, la Tugendhat House, che si trova davvero a Brno  (nel libro è chiamata Mesto) nella Repubblica Ceca e che fu progettata da Mies van der Rohe.

Mawer si è lasciato catturare dal fascino ipnotico della villa da lui visitata per la prima volta nel 1994. Mentre era in piedi all'interno di stanze che sembravano non aver subito alcun cambiamento dagli anni '30, in un edificio che fino ai nostri giorni rimane una pietra di paragone per il design modernista, è stato per lui naturale pensare: "C'è una storia qui".  Da scrittore di fiction qual è, la storia che avrebbe raccontato sarebbe dovuta essere una sua personale ed originale creazione piuttosto che la vera storia della famiglia che ha costruito la Casa.
Ad ispirarlo, inoltre, la convinzione che il programma modernista, cresciuto negli anni Venti, fosse molto nobile, che portasse avanti un'idea di progresso, di uguaglianza, universalità,  di internazionalismo. Del resto, è già sorprendente in sè la creazione di uno stile artistico-architettonico che non derivi da una particolare società o cultura.

La Tugendhat House non è mai stata usata come centro di biometria (come accade invece alla Landauer House nel romanzo) - sebbene la biometria di cui narra Mawer fosse esattamente il genere di cose che gli scienziati tedeschi (e non) stavano facendo negli anni '30 e '40. Per quanto riguarda l'essere stata resa un museo, è tutto reale ed è esattamente quello che è successo alla casa.

Ho letto in web che in questi giorni esce il film in lingua originale, diretto da Julius Ševcík e prodotto da Rudolf Biermann di InFilm Praha; sarà protagonista, tra gli altri, Carice van Houten, Karel Roden, Hanna Allstrom, Claes Bang, Alexandra Borbèly.




Fonti consultate per il post:


  • Elena Pirazzoli, La storia nei muri. Villa Tugendhat a Brno, in “Clionet. Per un senso del tempo e dei luoghi”, 1 (2017) [16-10-2017]. http://rivista.clionet.it/vol1/societa-e-cultura/architettura/pirazzoli-villa-tugendhat.
  • http://www.archidiap.com/opera/villa-tugendhat/
  • https://www.radio.cz
  • https://www.eurozine.com
  • http://it.feedbooks.com/






tugendhat house
(Wikimedia Commons)

2 commenti:

  1. Non conoscevo né libro, né film. Interessanti entrambi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, spero non ci metta molto ad arrivare in Italia (il film) ;-))

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...