martedì 8 maggio 2018

"Leggeva William Blake vicino a una finestra..."




Ultimamente mi sono ingrippata su Cesare Cremonini e mi sto consumando le orecchie a furia di ascoltare alcune sue canzoni, tipo "Nessuno vuole essere Robin" o altre, meno recenti, come "La nuova stella di Brodway".

Ecco, in quest'ultima, proprio nei primi versi, di "lei" si dice... :


Lui era un business man con un'idea in testa
Lei ballerina di jazz
Leggeva William Blake vicino a una finestra, lui beveva caffè 
Guardando quelle gambe muoversi pensò "è una stella"
Pensava a fred astaire
E chi non ha mai visto nascere una dea
E chi non ha mai visto nascere una dea
Non lo sa, che cos’è la felicità
Lui, garofano rosso e parole
Una vecchia cabriolet








4 commenti:

  1. E' molto bella questa canzone, Angela, piace anche a me! ;-)

    RispondiElimina
  2. Cremonini, sebbene elegantissimo, non troppo mi piace. Colpa dell'accento bolognese, che se calcato trovo fastidioso? Fatto sta che questa canzone, bella sì, fa eccezione. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti dirò, il suo accento me lo rende simpatico, ma più che altro di cremonini apprezzo l'originalità, credo che dai tempi dei Lunapop abbia fatto enormi passi avanti e sia uno dei più validi tra i cantautori contemporanei :)

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...