mercoledì 12 ottobre 2016

LETTERE DA BERLINO (Vincent Perez) tratto da “Ognuno muore solo” - dal 13 ottobre al cinema



Aggiornamento del post FILM TRATTI DAI LIBRI AL CINEMA.

Film tratti dai libri in uscita nel 2016
clicca

Da domani 13 ottobre arriva in sala Lettere da Berlino, film diretto da Vincent Pérez e tratto da una storia vera,  raccontata nel romanzo “Ognuno muore solo” di Hans Fallada, pubblicato nel 1947.


OGNUNO MUORE SOLO
di Hans Fallada


Ed. Sellerio
Trad. C. Coïsson
2010
16 euro
752 pagine
Postfazione di Geoff Wilkes
Titolo originale: Jeder stirbt für sich allein

«Il libro più importante che sia mai stato scritto sulla resistenza tedesca al nazismo» (Primo Levi) 


E' un romanzo che si basa sulle informazioni relative all'inchiesta della Gestapo che portò alla decapitazione due coniugi berlinesi di mezz’età accusati di avere diffuso materiale anti-nazista; un libro sulla resistenza e sulla disperazione presenti nella Germania nel periodo difficilissimo del nazismo e della guerra. 

Hans Fallada, massimo autore del neorealismo weimariano, ormai alcolizzato, dipendente da farmaci, ripetutamente incarcerato e rinchiuso in istituti psichiatrici, ricevette l’incartamento da autorità della ricostruzione e scrisse l’opera nel tardo 1946, in ventiquattro giorni, appena prima di morire. 
quasi inosservato.

Purtroppo per molti anni questo ritratto agghiacciante di una Germania stretta nella morsa del nazismo è passato quasi inosservato, ma esso sfata un po' il luogocomune secondo cui Hitler non conobbe oppositori tra la gente ordinaria, e Fallada racconta di poveri eroi.


Anna e Otto Quangel, lui caporeparto lei casalinga, come tutti i loro pari soli e addormentati e poco prima ancora abbagliati dal Führer, conoscono un risveglio dopo la notizia della morte del figlio al fronte, e cominciano a riempire alcuni caseggiati della loro Berlino con cartoline vergate in modo incerto di appelli ingenui di ribellione. Lo fanno per comportarsi con decenza fino alla fine, ben sapendo che morranno e sicuri che nel vicino incontreranno più facilmente il delatore. 
L’autore li illumina, scorgendo in loro una specie di coscienza della nazione, rappresentata dai tanti volti intorno, espressioni di un popolo spaccato in due, chi odia e opprime e chi è sepolto nella sua paura.

L'autore.
Hans Fallada, pseudonimo di Rudolf Ditzen (1893-1947). Di Fallada Sellerio ha pubblicato E adesso, pover’uomo? (2008), Ognuno muore solo (2010) e Nel mio paese straniero (2012).


IL FILM.

LETTERE DA BERLINO



Aggiungi didascalia
DATA USCITA: 13 ottobre 2016
GENERE: Drammatico
ANNO: 2016
REGIA: Vincent Perez
ATTORI: Emma Thompson, Daniel Bruehl, Brendan Gleeson, Mikael Persbrandt, Louis Hofmann.


Berlino 1940. La città è paralizzata dalla paura. Otto e Anna Quangel sono una coppia appartenente alla classe operaia che vive in un appartamento malmesso e che, come tutti, cerca di stare alla larga dai guai durante la dominazione nazista. 
Quando il loro unico figlio viene ucciso al fronte, la perdita spinge Otto e Anna a compiere uno straordinario atto di resistenza e rivolta. Iniziano così a diffondere per tutta la città cartoline anonime contro il regime di Hitler, con il rischio concreto di essere scoperti e giustiziati. 
Presto la loro campagna antinazista richiama l'attenzione dell'ispettore della Gestapo Escherich e inizia una spietata caccia all'uomo. 
Nella loro ribellione silenziosa ma decisa, i Quangel riescono a sfidare il regime spietato e dispotico di Hitler con la sola forza delle parole.




Fonti per le trame e le immagini: Sellerio - Coming soon

2 commenti:

  1. Non l'avevo ricollegato al libro!
    Il film lo guarderò di certo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. neanche io sapevo del libro, e il film ho intenzione di guardarlo!

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...