domenica 26 gennaio 2014

HITLER, IL MIO VICINO: in libreria



In linea col tema della Giornata della Memoria:


HITLER, IL MIO VICINO.
Ricordi di un'infanzia ebrea
di Edgar Feuchtwanger


Ed. Rizzoli
Bertil Scali
Trad. A.Zucchetti
270 pp
17 euro
Gennaio 2014
Trama

Monaco 1929. La madre di Edgar è pianista, il padre editore, casa sua è abitualmente frequentata da Thomas Mann, Carl Schmitt e Richard Strauss. 
Di fronte a casa sua abita un uomo il cui volto comincia allora a comparire sulle pagine dei giornali: Edgar lo osserva salire e scendere dalla sua Mercedes nera senza sapere nulla di lui e senza curarsene troppo. 
Fino al 1933, quando quel suo vicino, Adolf Hitler, viene nominato cancelliere del Reich e la sua vita, così com’era prima, finisce: ciò che fino ad allora gli era sembrata un’avventura si trasforma in un incubo, tra rappresaglie, arresti e fucilazioni. 
Il suo migliore amico Ralph non gli parla più, e sua madre la sera firma con gli occhi rossi le croci uncinate che disegna sui suoi quaderni di scuola. “È la fine della Repubblica mio piccolo Bürschi, guarda molto attentamente. Non devi dimenticare”, proverà a spiegargli suo padre davanti alle immagini dei deputati in camicia bruna che si scambiano il saluto. 
Edgar e la sua famiglia dovranno partire, ma per andare dove? Come vivranno? Chi incontreranno? 
In questo libro unico, insieme romanzo di formazione e documento storico, l’autore ripercorre la sua infanzia vissuta nel pieno del fervore culturale e artistico della Germania di Weimar, fino all’incubo improvviso del nazismo e delle persecuzioni razziali: “Me la ricordo bene, la mia infanzia. I miei compagni di scuola ariani mi invitavano alle loro feste di compleanno. 
A quei tempi non esisteva neppure la parola ‘ariano’.
 E se fosse esistita, nessuno l’avrebbe usata. Allora eravamo tutti uguali ”.
È il suo sguardo, innocente e corruttibile, a darci la misura del caos e dell’insensatezza in cui il mondo era sul punto di sprofondare.

L'autore.
Edgar Feuchtwanger, 1924, è uno storico di origine tedesca, professore emerito all’università di Southampton. Ha all’attivo numerose pubblicazioni di storia tedesca e inglese
.

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...