lunedì 23 ottobre 2017

Recensione: ADDIO, FAIRY OAK di Elisabetta Gnone



La dolce fatina Felì è giunta al suo quarto ed ultimo racconto, in cui narra l'ultimo mistero di Fairy Oak:


"La prima sera parlai d'amore,la seconda di mirabolanti incantesimi,la terza di amicizia, la quarta sera raccontai un addio."

ADDIO FAIRY OAK
di Elisabetta Gnone



In CAPITAN GRISAM E l’AMORE, grazie alle gemelle Pervinca e Vaniglia, e alla loro Banda (capeggiata dal bel Grisam), abbiamo saputo qualcosa di più sul compianto Capitano Talbooth; ne GLI INCANTEVOLI GIORNI DI SHIRLEY siamo stati accompagnati nel favoloso mondo degli incantesimi, volando con la fantasia grazie alla straordinaria Shirley Poppy, e con FLOX SORRIDE IN AUTUNNO abbiamo sorriso con la simpatica teoria dei colori della vivace e dolce Flox.

Ma in questo quarto racconto comprendiamo dalle prime pagine che Felì si sta facendo sempre più malinconica nel raccontare le avventure delle sue gemelline e degli abitanti della Valle: i 15 anni insieme alla famiglia Periwinkle stanno per concludersi e la cara fata sarà costretta a dire addio all'amata Fairy Oak; Vì e Babù, infatti, stanno crescendo e non avranno più bisogno di lei...

Ed è così che Felì si perde nei ricordi e ci porta indietro nel tempo, a quando le gemelline sono nate e a tutti i piccoli misteri che da quel momento hanno popolato, seppur nell'ombra, a Fairy Oak.
L'incontro col misterioso Barbo Tagix, il vecchio mago che va in giro sul carro dei ricordi, in seguito alla nascita delle due sorelline, ha destato un po' di ansia nella strega Tomelilla, perchè il mago del tempo è stato sibillino parlando con lei, in presenza di Felì: un evento epocale accadrà e sconvolgerà al vita a Fairy Oak.

"L'equilibrio si spezzerà (...) L'Alleanza tra Buio e Luce è destinata a finire perchè è stabilito: centoventun anni da oggi, uno di voi tradirà!"


Tomelilla, saggia e preoccupata, non si dà pace: quale stravolgimento devono attendere? E che ne sarà delle sue nipotine appena nate: Vaniglia e Pervinca svilupperanno i doni magici, o i poteri straordinari che si trasmettono da generazioni in famiglia son destinati ad andare perduti?

Affinchè nessun dettaglio e particolare prezioso, nel corso della crescita delle due bambine - che immediatamente dimostrano di essere l'una l'opposto dell'altra, non nell'aspetto ma nel temperamento - possa essere dimenticato, ma anzi possa risultare utile per comprendere le misteriose parole di Barbo circa il futuro, Tomelilla ordina alla fedele Felì di scrivere un diario e di aggiornare quante più cose, ogni giorno, non solo sulle gemelle ma anche sul villaggio e circa i cambiamenti, seppur minimi, che si verificano attorno a loro.

Il lettore viene quindi immerso negli anni dell'infanzia felice delle sorelline Periwinkle: la dolce e sensibile Babù, sempre paziente e pronta a dar saggi consigli alla sua ribelle sorella, Vì, che è un peperino dal carattere deciso, impaziente, incapace di star ferma, allergica a tutto ciò che è "femminile" (che siano le gonne o i discorsi romantici); entrambe, di giorno in giorno e di anni in anno, mostrano le proprie attitudini e imparano a valorizzare le proprie capacità, partecipando alla vita della piccola e allegra comunità.
In particolare, ad aiutare tutti i ragazzini di Fairy Oak a crescere sviluppando valori sani sono i celebri Giochi Estivi, in cui i ragazzi, divisi in squadre, si sfidano in competizioni in cui, alla fine, ciò che conta di più non è tanto la medaglia finale quanto la lealtà, l'amicizia, la forza, l'audacia... dimostrate.

Conosceremo com'è nata la simpatia tra il coraggioso e saggio Grisam e la vivace e testarda Vì; ascolteremo dalla bocca del burbero (ma solo per gioco) Talbooth la commovente storia della bella Isabella e del suo nobile sacrificio; ci divertiremo ascoltando i bisticci tra Vì e l'antipatica figlia del sindaco; resteremo incuriositi e perplessi di fronte ai sospiri e alle angoscianti preoccupazioni nutrite da Tomelilla circa il destino della proprie nipoti: saranno delle streghette oppure no? Entrambe saranno Magici del Buio o della Luce?
Fairy Oak e i suoi pacifici abitanti sapranno resistere alle "turbolenze", agli eventi epocali previsti da Barbo Tagix?

"Addio, Fairy Oak" è dunque il capitolo che chiude la fantastica saga ambientata in un mondo magico, ricco di profumi e di colori, in cui ogni giorno i protagonisti vivono piccole e grandi avventure, e in cui a predominare sono sempre i sentimenti più belli: l'affetto tra gli amici, che sanno restare accanto l'uno dell'altro nei momenti belli come in quelli brutti; la voglia di divertirsi insieme, di giocare allegramente, di svelare sempre nuovi misteri; l'amore, che nasce pian piano nei giovani cuori di Vì e Babù; il prendersi cura dell'altro, e non ultimo.. la bellezza dei ricordi.

Felì racconta ma sa che il suo tempo nella Valle sta per concludersi: come può lasciare le sue bellissime gemelle, la cara Tomelilla e, con loro, tutti gli abitanti del gioioso villaggio?
Dire addio è difficile, è doloroso, e allora forse

"Il miglior modo per dire addio, è non dirlo affatto (...). E il miglior ricordo che ci si può portare via è il ricordo di un giorno qualsiasi."

Ancora una volta Elisabetta Gnone ci dona una storia che profuma di fiaba, di "cose buone", di sentimenti puri, di problemi affrontati con coraggio e sacrificio, di amici fedeli, e che ci lascia quel pizzico di nostalgia e malinconia che dalla fatina Felì passa direttamente a noi che leggiamo, che ci sentiamo un po' come lei..., tristi, al pensiero di dover dire addio ai personaggi che danno vita a Fairy Oak, ma al contempo siamo contenti di averli conosciuti ed aver sorriso o esserci commossi insieme a loro.

Come sempre piacevole e molto scorrevole da leggere, la scrittura dell'Autrice mi ha conquistata anche questa volta perchè mi ha fatto sognare ad occhi aperti trasportandomi nelle atmosfere magiche di Fairy Oak, quasi facendomi sentire il soffio del vento e delle onde, presentandomi fate, maghi, streghe, umani privi di poteri, mamme apprensive, padri attenti, fatine chiacchierone, ragazzini desiderosi di divertirsi e giocare, dandomi modo di passare qualche ora di spensieratezza.

Ringrazio la C.E. Salani per le copie omaggio e consiglio questa saga, che piacerà ai giovani lettori che ancora non la conoscono... ma forse anche agli adulti, come me, che hanno voglia di fantasticare e sognare leggendo.

2 commenti:

  1. A me piace molto questo genere di libro! Mi piace sognare e fantasticare leggendo!
    Buon inizio settimana!

    Nuovo post sul mio blog! Ti aspetto da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono letture deliziose :)
      Certo, passo volentieri!

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...