martedì 7 ottobre 2014

On my wishlist: 'IL LIBRO DELLE COSE PERDUTE' di J. Connelly



Mi ha colpito il titolo..., poi la cover... ed infine la trama!
Lo conoscete?


Con Il libro delle cose perdute, John Connolly, gran maestro della paura e delle atmosfere gotiche, ci regala un romanzo teso e affascinante, che celebra la suggestione delle parole e il potere salvifico della letteratura, antidoto millenario alla solitudine e al dolore.

IL LIBRO DELLE COSE PERDUTE
di John Connelly


Ed. Rizzoli
S. Bortolussi (trad)
348 pp
19.50 euro
2008
Le storie non volevano saperne 
di essere abbandonate 
e cominciarono a chiamarlo.” 

Trama

I segreti di un mondo crudele, una foresta popolata dì elfi, gnomi, cavalieri e mostri sanguinari, sono racchiusi in un misterioso volume, il "Libro delle Cose Perdute". 
In quel mondo si è perso David, ragazzino inglese di 12 anni: la seconda guerra mondiale è alle porte, la madre, che gli leggeva ogni sera libri di fiabe, è morta dopo una lunga malattia, e il padre, un matematico impegnato nel tentativo di decifrare i codici tedeschi, si è risposato con un'altra donna, ora madre di un fratellino che per David è un intruso. 
Smarritosi nella foresta, David dovrà sconfiggere i fantasmi della sua immaginazione per tornare a casa e ritrovare la pace.

L'autore.
John Connolly vive a Dublino e collabora all’“Irish Times”. Ha dato vita al fortunato personaggio del detective Charlie Parker, comparso per la prima volta in Tutto ciò che muore. I suoi romanzi, tutti disponibili in BUR, sono Il ciclo delle stagioni, Palude, Gente che uccide, L’angelo delle ossa. Il suo ultimo libro Gli amanti è pubblicato da Rizzoli.

2 commenti:

  1. Molto bello: profondamente diverso dagli altri libri di Connelly che ho letto, eppure, nello stesso tempo, dotato della medesima vena "dark" e malinconica dei suoi thriller più oscuri.
    L'autore, poi, propone in questo libro una lunga serie di retelling di alcune fiabe classiche assolutamente singolari e suggestive, indimenticabili.. Insomma, dal canto mio, te lo consiglio senz'altro! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh grazie per questo commento!!! allora vedrò di procurarmelo!!

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...