venerdì 17 ottobre 2014

Romanzi in arrivo il 5 novembre



Prossime pubblicazioni in arrivo!!
C'è qualcosa che cattura la vostra attenzione?

LA MAESTRA
di Elena Moya


Ed. Feltrinelli
Trad. F. Pe'
464 pp
18 euro
USCITA 5 NOVEMBRE
2014

Distruggere una scuola per erigere un centro commerciale? Valli Querol, ottantanove anni, gagliarda maestra di scuola in pensione, è l’unica che sembra opporsi con fermezza al progetto.
Trama

Vallivana Querol, per tutti Valli, ottantanove anni di indomita grinta, ha attraversato la Spagna repubblicana come una Forrest Gump in gonnella: arrivata a Madrid con una borsa di studio, ha conosciuto le maggiori personalità dell'epoca, da García Lorca a Dalí, e stretto amicizia con femministe come Victoria Kent. Divenuta maestra, ha insegnato a leggere e a scrivere agli abitanti delle campagne, finché l'ascesa al potere di Franco l'ha costretta a un lungo esilio.
Ora però, seduta su una panchina di pietra davanti all'austero edificio dell'Eton College, Valli deve prendere una decisione difficile.
Possibile che una come lei accetti di collaborare con la scuola più classista d'Inghilterra? E chi è esattamente Charles Winglesworth, il professore che l'ha invitata lì?
Per scoprirlo, dovremo immergerci nella calura e nei profumi di Morella, il paesino di Valli sulle montagne valenciane. Conosceremo una comunità di personaggi variopinti, fra cui l'ambizioso sindaco Vicent Fernández, convinto che la vendita di una vecchia scuola gli permetterà di entrare nel giro di quelli che contano.
Ma non tutti, a Morella, vogliono vedere l'antico palazzo trasformato in un complesso residenziale o, peggio, in un casinò...
18626627
,
Valli ha lottato tutta la vita per la libertà e l'uguaglianza.
Ma le battaglie non finiscono mai, e stavolta il nemico è la speculazione edilizia.
Tra segreti di famiglia, antichi rancori e imprevedibili passioni, riuscirà la caparbia maestra a salvare la scuola?

L'autrice.
Elena Moya è nata in Spagna; vive a Londra, lavorando come giornalista economico free lance (prima per "Guardian"), con la sua compagna; questo è il suo secondo romanzo.







QUELLO CHE GLI ALTRI NON VEDONO
di Virginia Mcgregor


What Milo saw
Ed. Giunti
Trad. C. Baffa
400 pp
12 euro
USCITA 5 NOVEMBRE
2014
Trama

Milo ha nove anni e una missione molto speciale: prendersi cura di nonna Lou, che insieme ad Amleto, l'animaletto di casa, è la sua inseparabile alleata. 
Ogni tanto la nonna annuncia che partirà per la Grecia con il nonno. Peccato che il nonno sia morto molti anni fa... 
Meglio non dirlo alla mamma, che ha poca pazienza, l'importante è assicurarsi che Lou prenda le pillole che le sbrogliano i pensieri. 
Del resto è stata proprio lei a insegnargli che il mondo si può ''vedere'' anche attraverso particolari che sfuggono alle persone comuni: i rumori, il tono della voce o gli odori. 
Sì, perché Milo è affetto da una malattia che lo renderà progressivamente cieco. 
E quando un giorno la nonna dà quasi fuoco alla cucina, Milo è il primo a difenderla, ma la decisione della mamma è irrevocabile: Lou deve andare in casa di riposo. 
Un posto apparentemente perfetto, con un bel giardino, pavimenti lucidi come specchi e un'infermiera dal sorriso stampato. 
Ma qualcosa non va... 
Come mai la nonna dorme sempre? Perché non riconosce più nessuno? 
Con l'aiuto di Tripi, il cuoco della clinica, Milo inizierà la sua personalissima indagine. 
E quando si è allenati a ''vedere'' il mondo con tutti e cinque i sensi, quello che si riesce a scoprire è davvero incredibile. 
20482713
.
Una storia piena di emozione e sentimento, con protagonisti indimenticabili. Il piccolo Milo conquisterà il cuore di migliaia di lettori.

L'autrice.
Virgina Mcgregor vive tra Germania, Francia e Inghilterra, ascoltando le storie raccontatele dalla madre. Coltiva da sempre la passione per la scrittura, ha studiato ad Oxford e ha lavorato come insegnante e direttrice in un collegio. Questo è il suo romanzo d'esordio.






UN REGALO CHE NON TI ASPETTI
di Daniel Glattauer


Ed. Feltrinelli
Trad. L. Basiglini
288 pp
15 euro
USCITA 5 NOVEMBRE
2014

Trama

A Gerold Plassek piacciono le cose semplici. 
Lavora come giornalista per un quotidiano freepress, dove si occupa, senza troppe ambizioni, di cronaca locale. 
E trascorre gran parte del suo tempo da Zoltan, il bar sotto casa diventato ormai una specie di prolungamento del suo salotto. 
Una vita facile, basata su tre principi cardine: faticare il meno possibile, stare nell’ombra e trincerarsi dietro a una rassicurante routine. 
Quando un’ex fidanzata gli chiede di occuparsi per qualche mese del figlio quattordicenne Manuel, Gerold è tutt’altro che felice. Avere un adolescente tra i piedi mina il suo equilibrio, tanto più che la donna gli confessa senza troppi preamboli che il figlio è anche suo. 
Ignaro di tutto, Manuel passa i suoi pomeriggi nell’ufficio del padre, che si finge indaffaratissimo… a far niente. 
Ma un giorno la situazione si complica. 
Dopo l’uscita di un articolo di Gerold su un rifugio per senzatetto, il centro di accoglienza riceve una donazione anonima. 
Nella busta, diecimila euro e il ritaglio del giornale.
 La stessa cosa si ripete a ogni pezzo successivo, tanto che, da sconosciuto giornalista, Gerold diventa suo malgrado sempre più popolare. 
Ma chi è il misterioso benefattore? Che motivazioni ha? E Manuel e Gerold, uniti da questa impresa, riusciranno a dargli un volto? 
La vita è ciò che ti succede quando meno te l’aspetti.


L'autore.
Daniel Glattauer è nato nel 1960 a Vienna e ha lavorato per vent’anni come giornalista prima di dedicarsi a tempo pieno alla letteratura. Nel 2006, con la pubblicazione di Le ho mai raccontato del vento del Nord, è diventato un autore bestseller noto in tutto il mondo. Il romanzo ha scalato le classifiche internazionali e ha riscosso un enorme successo anche come radiodramma, opera teatrale e audiolibro ("Emons Feltrinelli", 2013). L’attesissimo seguito, La settima onda, è stato scritto nel 2009 ottenendo altrettanto consenso. Entrambi i romanzi sono tradotti in circa 40 lingue e pubblicati in Italia da Feltrinelli. Con Feltrinelli ha pubblicato anche In città zero gradi (2011; in Ue, 2013), Per sempre tuo (2012; in Ue, 2014) e Un regalo che non ti aspetti (2014).


2 commenti:

  1. Mi piacciono gli ultimi due *_* penso proprio che me li segnerò

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...