mercoledì 22 luglio 2015

Recensione: IL CATINO DI ZINCO di Margaret Mazzantini



Il catino di zinco è il primo libro di Margaret Mazzantini, con cui vince il Premio Campiello nel 1994.

IL CATINO DI ZINCO
di Margaret Mazzantini


Ed. Mondadori
NumeriPrimi
137 pp
10 euro
2014
"Ti approfitti di me perché sai che non credo nel tempo e lo considero un'invenzione, una menzogna per scandire il transito sulla terra. Si sta dove non c'è inizio, dove non c'è fine. In quel mezzo c'è la vita. E tutto gira, gira, gira... Le cose tornano. Tornano i visi. Ora che per te è finita, cerchi anime nella quali riversarti. Cerchi la mia, di anima. Ladra dei miei occhi, delle mie buone intenzioni".

Protagonista indiscussa di questo breve romanzo è Nonna Antenora, una donna che ha saputo vivere la propria esistenza, povera e non sempre felice, con un carattere deciso, forte, tenace, testardo e molto pratico.
L'Autrice parte da una mattina fredda come tante in cui sua nonna è morta e a parlarci di lei e della storia della sua famiglia è proprio la nipote, cui in un certo senso la vecchietta ha affidato le sue storie, le sue memorie, tutti racchiusi in quella casa di Roma che, nel tempo, è diventata una rigatteria di ricordi.

Una sorta di "santuario" che raccoglie tanti visi, tante storie di uomini, donne, bambini, luoghi... che la nipote non ha visto di persona, ma che conosce bene, come se tutte queste cose fossero lei stessa.

E così la voce narrante evoca per il lettore fatti e personaggi d'altri tempi, che partono dal 1903 e attraversano le due guerre mondiali, il fascismo... e arrivano fino a noi con una potenza rievocativa che colpisce il lettore quasi come un pugno violento.

Storie di donne che dovevano essere sottomesse prima ai padri e poi ai mariti, ma che non hanno perso mai la loro personalità, la loro forza, affrontando le sfide della vita di tutti i giorni con coraggio, ed Antenora rappresenta bene questo tipo di identità femminile, che ama svisceratamente i figli - piange quello morto troppo presto di tifo, non si dà pace per quelli andati in guerra, e controlla a vista d'occhio il figlio piccolo perché non faccia sciocchezze -, guarda ora con tenerezza ora con insofferenza il tranquillo marito, il "poromo" Gioacchino, col quale non riuscirà mai a vivere una reale intimità (soprattutto sessuale, nonostante i figli), se non forse solo negli anni della vecchiaia, quando insieme condivideranno la solitudine di un nido familiare che ha visto volar via tutti i figli.

Quella della Mazzantini, alla sua prima opera letteraria, è una scrittura forte e decisa, che alterna l'uso di un linguaggio volutamente ricercato a quello di un linguaggio molto informale, con termini gergali, dialettali, fatto anche di parole ed espressioni che di proposito sconfinano nello scurrile, soprattutto nel loro riferimento alla sessualità.
In un certo senso, il modo con cui la voce narrante si rivolge a chi legge è quasi "maleducato", irriverente, perché è fin troppo diretto, crudo, senza dubbio efficace nel tratteggiare in modo molto vivido i personaggi e le vicende da loro vissute.
Ne viene fuori un ritratto spietato ma onesto di un universo familiare caratterizzato da rancori e rimpianti, in cui c'è posto per tanto crudo realismo e un po' meno per la tenerezza.

Un romanzo che si legge in fretta per il numero di pagine ma che non per questo lascia il lettore indifferente, perchè attraverso l'importanza di andare "indietro nel tempo" con la memoria, ci porta a contatto con gente semplice (lo stesso catino di zinco ci riporta indietro negli anni,  a quando il suo utilizzo era molto frequente, testimone muto di quotidianità), che si portava "sulla groppa un tratto deforme di storia", e doveva far fronte alla povertà e a modi di pensare che adesso ci appaiono giustamente arcaici.

Un libro particolare che rivela, a mio modestissimo avviso, l'originalità e la forza narrativa ed evocativa di questa bravissima Autrice, nonchè la sua bravura nel tratteggiare personaggi femminili forti e ben definiti.


Recensioni correlate:

3 commenti:

  1. Non ho letto nulla della Mazzantini anche se mi riprometto sempre di farlo presto.. sono sicura che arriverà il suo momento! Questo romanzo non sembra male ;)

    RispondiElimina
  2. Anch'io non ho letto nulla della Mazzantini. Le storie che parlano dell'universo femminile mi coinvolgono sempre in modo positivo. E' sempre un piacere leggere le tue opinioni :)

    RispondiElimina
  3. è un'autrice che mi piace molto! non posso non consigliarla, anche se mi rendo conto che lo stile di questo suo primo libro possa non incontrare i gusti di tutti :D
    ma se lo leggerete, spero vi piaccia! ;)

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...