mercoledì 8 agosto 2018

Prossimi arrivi in libreria: UNA MORTE PERFETTA di Angela Marsons // OGNI RICORDO UN FIORE di Luigi Lo Cascio // UNA DI LUNA di Andrea De Carlo



Cari lettori, oggi vi presento alcune delle anteprime che hanno catturato maggiormente la mia attenzione.


Torna la scontrosa ma bravissima detective Kim Stone, già protagonista di "Urla nel silenzio", "Il gioco del male", "La ragazza scomparsa"; devo recuperare il secondo e il terzo, ma ce la farò, sono fiduciosa ^_^



UNA MORTE PERFETTA
di Angela Marsons

Ed. Newton Compton
384 pp
9,90 euro
Il laboratorio di Westerley non è un posto per i deboli di cuore. 
Si tratta di una struttura che studia i cadaveri in decomposizione. Ma quando la detective Kim Stone e la sua squadra scoprono proprio lì il corpo ancora caldo di una giovane donna, diventa chiaro che un assassino ha trovato il posto perfetto per coprire i suoi delitti. 
Quanti dei corpi arrivati al laboratorio sono sue vittime? 
Mentre i sospetti di Kim si fanno inquietanti, una seconda ragazza viene aggredita e rinvenuta in fin di vita con la bocca riempita di terra. 
Non c'è più alcun dubbio: c'è un serial killer che va fermato il prima possibile, o altre persone saranno uccise. Ma chi sarà la prossima vittima? 
Appena Tracy Frost, giornalista della zona, scompare improvvisamente, le ricerche si fanno frenetiche. Kim sa bene che la vita della donna è in grave pericolo e intende setacciarne il passato per trovare la chiave che la condurrà all'assassino. Riuscirà a decifrare i segreti di una mente contorta e spietata, pronta a uccidere ancora?



Un attore italiano che apprezzo moltissimo è sicuramente Luigi Lo Cascio, che si lascia conoscere anche come scrittore.Il ritmo caldo delle terre di Sicilia e la sua letteratura, popolata di personaggi paradossali, vive in queste pagine fulminanti, malinconiche e ricche di inventiva.


OGNI RICORDO UN FIORE
di Luigi Lo Cascio



Ed. Feltrinelli
224 pp
18 euro
USCITA
6 SETTEMBRE 2018
In viaggio da Palermo a Roma, di ritorno dal funerale del padre di un amico d'infanzia, per isolarsi dal battibeccare costante dei suoi compagni di vagone, Paride Bruno decide di lanciarsi in un'impresa epica: rileggere i suoi duecentoquaranta (e oltre) tentativi di romanzo, tutti interrotti al primo punto fermo, e decidere infine cosa farne. 
Paride Bruno, infatti, ha cercato di cimentarsi in ogni genere e stile possibili, senza mai riuscire a sceglierne uno, portare a termine un'opera e potersi così dire scrittore.
 «Sono un tipico esempio di come agisca in maniera diffusa lo spirito incerto e schizoide dei tempi, per cui, mentre sto appena vivendo un'esperienza, mi sento accerchiato da tutte le cose che in quello stesso istante sto perdendo. E migro. Trasmigro». 
Ma proprio questi tanti cominciamenti narrativi disegnano, tassello dopo tassello, la figura del protagonista: in ognuno degli incipit è contenuta una scheggia della sua vita, delle sue ossessioni, delle sue paure e dei suoi desideri. 
Come egli stesso ammette, «tra smozzichi un po' veri, un po' inventati, ci sono i miei soggiorni in ospedale, o quel periodo in cui sfiorai la fine e fui salvato dalla grande madre, c'è il pessimismo in scala planetaria, e ancora i miei garbugli nell'amore, gli incontri non previsti e disattesi, l'umile furto di drammi privati, la mia facilità di annullamento quando il mistero la mente sconvolge». 
La vita stessa, in fondo, pensa Paride Bruno, finisce sempre per essere incompiuta, «uno svolazzo di pagine sparse». 
Più simile ai fiori deposti sulla tomba dell'uomo a cui ha appena dato l'addio: ogni fiore a rappresentare un ricordo, ogni ricordo a tesserne la storia, «come se fosse un mantello di Arlecchino».


Torna Andrea De Carlo con un libro che si addentra nel territorio delicato del rapporto di una donna con la figura paterna, facendo affiorare aspettative e delusioni, slanci e rifiuti, tenerezze e rabbie, frustrazioni e magie.


UNA DI LUNA
di Andrea De Carlo



La Nave di Teseo
264 pp
17 euro
USCITA
13 SETTEMBRE 2018
Margherita Malventi si dedica a una cucina intima e riflessiva nel suo piccolo ristorante a Venezia, nel sestiere di Castello, ed è convinta che la luna le abbia salvato la vita più di una volta. 
Suo padre si chiama Achille, ha ottantasette anni, è alto un metro e cinquantaquattro, ed è stato uno dei più rinomati chef della città lagunare, finché non ha perso tutto a causa delle sue manie di grandezza. 
È un uomo rabbioso, in guerra contro il mondo, ma l'invito a partecipare come ospite d'onore a Chef Test, popolarissimo programma televisivo di cucina, sembra offrirgli la possibilità di una rivalsa pubblica. 
Margherita decide di accompagnarlo a Milano, dove il programma viene registrato, con la speranza assai poco realistica che il viaggio possa dischiudere tra loro una comunicazione che non c'è mai stata. 

Andrea De Carlo ha spesso raccontato il mondo femminile con attenzione e sensibilità, ma con questo suo ventesimo romanzo si addentra in un territorio particolarmente delicato, quello del rapporto di una donna con la figura paterna. 
E lo fa dal punto di vista di una donna, Margherita, facendo affiorare la sua complessa miscela di aspettative e delusioni, slanci e rifiuti, tenerezze e rabbie, frustrazioni e magie, in una luce ironica e lunare.

4 commenti:

  1. Attira, stavola, il Lo Cascio scrittore.
    Bruttisima la copertina di De Carlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sii infatti, il libro di lo Cascio mi intriga,lui è un bravissimo attore!!
      Hai ragione, insulsa, mi ricorda un libro di narrativa delle scuole medie :-D

      Elimina
  2. Mi piacerebbe leggere il romanzo di Lo Cascio! Sicuramente non perderò il thriller di Angela Marsons :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo di aver visto che stai leggendo la serie su kim stone ;-)

      Si, lo cascio ci piace :-D

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...