martedì 15 maggio 2018

I libri che vorrei...




Dal giallo dal sapore tradizionale, passando per un romanzo storico e avventuroso, terminando con un capolavoro della narrativa contemporanea: alcuni degli ultimi libri finiti in wishlist ^_^


DELITTO IN CORNOVAGLIA
di Anthony Weymouth


Polillo Editore
trad. F. Adami
15.90 euro
Aprile 2018
Mrs Bennet, una ricca vedova con uno squisito senso dell'ospitalità, ha invitato alcuni amici nella villa che ha affittato per i mesi estivi in Cornovaglia.
Tra gli ospiti ci sono Joyce, la figlioccia, Geoffrey, il nipote, Mr Frere, un colonnello in pensione, Sir John Manners, rientrato dal servizio civile in India, e l'avvocato Sylvanus Ward. 
Al termine di una cena, Geoffrey, che per tutta la giornata ha mostrato grande nervosismo, chiede privatamente all'avvocato un consiglio: deve assolutamente versare 30 sterline come acconto di un grosso debito che ha contratto e non vorrebbe rivolgersi alla zia. 
L'avvocato lo esorta a farlo, ma il mattino seguente si scopre che dal portafoglio di Sir John mancano proprio 30 sterline.
Un semplice furto? 
Niente affatto, perché la situazione precipita quando uno degli ospiti viene trovato pugnalato a morte nel suo letto e un altro scompare misteriosamente con indosso solo il pigiama e la vestaglia. 
L'ispettore Meredith della polizia locale si trova ben presto in difficoltà e allora non rimane che chiedere aiuto a Scotland Yard. 
Sarà così l'ingegnoso ispettore Treadgold a risolvere il complicato caso, partendo da pochi e bizzarri indizi: una macchia di ruggine su un lenzuolo, un'etichetta strappata sulla quale è impressa una strana impronta e un pezzo di corda sporco di catrame.



LA PRIMULA ROSSA
di Emma Orczy



Ed. Fazi
trad. D. Paladini
13 euro
Aprile 2018
Siamo a Parigi, nel 1792. Il Regime del Terrore semina il caos.
Gli sventurati discendenti delle famiglie aristocratiche francesi vengono mandati a morte dall'implacabile tribunale del popolo: ogni giorno le teste di uomini, donne e bambini cadono sotto la lama della ghigliottina.
Ma in loro aiuto interviene un personaggio inafferrabile e misterioso, il quale, attraverso rocambolesche e ingegnose fughe, riesce a portare oltremanica i perseguitati del regime, nella libera Inghilterra.
Dietro di sé non lascia tracce, se non il proprio marchio: un piccolo fiore scarlatto, che gli varrà il soprannome di Primula Rossa.
Ma chi si cela dietro questo pseudonimo? Chi è l'audace salvatore, disposto a rischiare la propria vita in nome della nobile causa?
Ad essere ossessionato da queste domande è soprattutto il funzionario del governo francese Chauvelin...

Ibrido tra spy story, romance e romanzo d'avventura, "La primula rossa"è il primo di un ciclo di romanzi scritto da Emma Orczy, pubblicato nel 1905.



FIORI PER ALGERNON
di Daniel Keyes


Tea Ed.
trad. B. Oddera
Algernon è un topo, ma non un topo qualunque.
Con un'audace operazione, uno scienziato ha triplicato il suo QI, rendendolo forse più intelligente di alcuni esseri umani.
Di certo più di Charlie Gordon, che fino all'età di trentadue anni, ha vissuto nella dolorosa consapevolezza di non essere molto... sveglio.
Ma cosa succederà quando la stessa operazione verrà effettuata su Charlie? Quale sorte accomunerà la sua esistenza e quella del fedele amico Algernon?

Fiori per Algernon è ormai considerato uno dei grandi romanzi del XX secolo, un capolavoro della narrativa di anticipazione: il diario di un uomo che «voleva soltanto essere come gli altri», un romanzo definito dal New York Times «magistrale e profondamente toccante», un'opera che ha ispirato film, serie televisive, musical, che ha vinto il Premio Hugo e il Premio Nebula e ha venduto oltre cinque milioni di copie nel mondo.

domenica 13 maggio 2018

Recensione: UNA NOTTE SOLTANTO, MARKOVITCH di Ayelet Gundar-Goshen



Una favola del 21° secolo, capace di incantare il lettore con la sua prosa ricca di ironia e tenerezza e che, sullo sfondo di un Israele vicino a significativi cambiamenti socio-politici, ruota attorno alla sincera amicizia tra due uomini e alle dinamiche personali e famigliari che li vedono coinvolti.



UNA NOTTE SOLTANTO, MARKOVITCH
di Ayelet Gundar-Goshen





Ed. Giuntina
trad. R. Scardi e Ofra Bannet
326 pp
16.50 euro
2015
Siamo in Israele, negli anni vicini alla seconda guerra mondiale e alla nascita dello Stato d'Israele (avvenuta nel maggio del 1948); gli eventi narrati sono suddivisi in tre parti: prima-durante-dopo (rispetto alla guerra, che chiaramente porterà molti sconvolgimenti nelle vite dei personaggi del romanzo).

Il protagonista è un giovanotto, Yaakov Markovitch, un tipo dal volto talmente anonimo da non suscitare alcun interesse nè tanto meno alcuna emozione o ricordo in chi lo guarda; è così insulso anche nei modi di fare e di parlare che l'unico lavoro adatto a lui sembra essere quello di trafugare armi per l'Irgun (gruppo paramilitare sionista che operò nel corso del Mandato britannico sulla Palestina dal 1931 al 1948), proprio perchè tanto... chi vuoi che faccia caso a lui?
Quando non trafuga armi, Yaakov si dà all'agricoltura e ama dar da mangiare ai piccioni.

Insomma, una vita priva di grossi stimoli e sorprese; l'unica persona che gli vuol bene e lo stima per quello che è, è l'amico Zeev Feinberg, un tipo vivace, chiacchierone, intraprendente, compagnone e, soprattutto,  seduttore impenitente, i cui occhi (e possibilmente pure le mani...) vagano da un corpo di donna all'altro alla continua e godereccia ricerca del piacere e della sensualità.
Ed infatti, quando una notte l'appassionato ma imprudente Zeev viene beccato in atteggiamenti discutibili in compagnia della bella e seducente Rachel, e proprio dal marito di lei, il macellaio Abraham Mandelbaum (omaccione di cui è nota l'irruenza e la facilità a riempire di botte chi lo fa arrabbiare), Feinberg capisce che è arrivato il momento di svignarsela, almeno per un po', fino a quando la cieca e furente gelosia del macellaio non sia scemata.
Così, insieme al fedele Yaakov, va a chiedere aiuto ad un vecchio amico, Efraim, l'aitante e impavido vicecapo dell'Irgun, che gli propone qualcosa di inaspettato: salpare su una nave diretta dal territorio palestinese verso l'Europa, dove ad attendere lui, Yaakov ed altri uomini, ci saranno venti giovani donne, che gli uomini non hanno mai incontrato; si tratta di accettare dei matrimoni combinati per consentire alle donne ebree di fuggire dalla Germania nazista e di entrare in Palestina senza essere respinte dagli inglesi.

Zeev vuole scappare, ma non così...; di certo non sposandosi con una sconosciuta (anche se Efraim garantisce che in capo a pochi giorni i rabbini provvederanno ad annullare il matrimonio) e poi... c'è Sonia, la fiera e procace Sonia, alla quale si sente molto legato; anzi, diciamocela tutta: se proprio si dovesse sposare, solo la sua incantevole Sonia, la cui pelle emana una fragranza inebriante e sensuale d'arancia, potrebbe stargli accanto quale moglie e compagna di vita.

Però intanto Zeev e Yaakov partono, si sposano "per finta" e tornano in Palestina; ma mentre Feinberg divorzia immediatamente e torna dall'amata, sposandola, Yaakov comprende di non voler lasciare andare la ragazza che ha sposato,  perchè Bella Zeigerman è la donna più bella che lui abbia mai visto: il cielo (il caso? il destino?) gliel'hanno messa accanto, l'hanno resa sua moglie..., come potrebbe lui rifiutare un tale dono inaspettato e celestiale senza neppure provare a farsi amare da lei, a corteggiarla, a farla sua?

Gli altri sono sgomenti: proprio Markovitch, un essere invisibile, insignificante, che non ha mai mostrato alcuna determinazione o carattere, adesso tira fuori i denti per perpetrare una tale ingiustizia verso una povera ragazza dalla quale dovrebbe - come tutti si aspettano - prontamente divorziare e lasciarla andare, libera.

Allo stupito e contrariato amico Zeev, che gli chiede come mai si ostini a voler tenere accanto a sè una donna che lo detesta e che mai lo amerà, egli risponde:

«Il mio sangue era già secco, Feinberg. È questo che tu non capisci. Quello che tu, Sonia, il vicecapo dell’Irgun e tutti gli energumeni che vengono a farmi visita non riuscite a capire. Il mio sangue era già secco. Nelle mie vene scorreva solo l’attesa che qualcosa accadesse una buona volta. Ti è mai capitato di dover aspettare che accadesse qualcosa? No. Le persone come te non devono aspettare. Le persone come me devono aspettare che gli capiti qualcosa. E quando finalmente succede qualcosa, finisce subito. Hop! Ecco la donna più bella che hai mai visto. Hop! Ecco che è tua moglie. Hop! Ecco che non lo è più. Ho bisogno di questa bellezza vicino a me, Feinberg. Ho bisogno di questa bellezza vicino a me perché il cielo non ti manda una cosa simile due volte. Se non la tieni forte forte, se la lasci andare perché ti hanno rotto un dente, o una mano, evidentemente non la meritavi. E lei mi amerà. Ne sono sicuro: alla fine mi amerà. Aspetterò con calma, con pazienza, lavorerò sodo, le dimostrerò che sono degno di lei. Alla fine mi amerà».

Sarà davvero così, come auspicato dal povero e incompreso Yaakov? Egli desidera essere da lei amato, fosse anche per una notte soltanto...: a Markovitch basterebbe una notte per vivere un'esistenza intera come se avesse realizzato tutti i desideri del mondo.
Bella arriverà mai a volergli bene e ad accettare la propria condizione di signora Markovitch? 

Da questo momento in poi, le cose si complicano, il gelo e il disprezzo fanno il loro terribile ingresso in casa Markovitch e ogni giorno sarà un'eterna lotta tra i due, tra l'amore non corrisposto di Yaakov verso la sua bellissima gelida moglie, e la repulsione della stessa verso quest'uomo, che per lei è solo un carceriere, insipido ed egoista.

Di capitolo in capitolo, entriamo tra le fredde e tristi mura di casa Markovitch, assistiamo allo svolgersi degli eventi che caratterizzeranno il rapporto tra marito e moglie, avvertiamo come questa testardaggine di Yaakov sia un'ossessione che lo accompagnerà per tutta la vita; ma veniamo coinvolti anche nelle vicende degli amici dei due, di Zeev e Sonia, il cui amore è oggetto di invidia da parte di chiunque si soffermi a guardarli, eppure questo loro grande amore, pieno di passione e ardore, viene messo alla prova da segreti ed episodi drammatici...
A stordire tutti ci si mette poi la guerra, cui i due amici parteciperanno (esperienza che inevitabilmente avrà un impatto su di loro, in particolare su Zeev, che non sarà più lo stesso), e gli avvenimenti che portano alla formazione dello Stato d'Israele.

I PERSONAGGI

Fa tenerezza il personaggio di Rachel Mandelbaum, la moglie del burbero macellaio, che ripensa al suo passato in Europa e intanto scrive struggenti e malinconiche poesie, in cui riversa tutta la sua infelicità.

Zeev ci viene descritto come un uomo esuberante, sicuro di sè, il cui tratto fisico distintivo è dato dai rigogliosi baffi, che gli danno un'aria simpatica che di certo difficilmente passa inosservata.
E quei baffi piacciono alle donne, a quanto pare, che da essi si lasciano solleticare...; la sua passione per le avventure amorose però lo rende facile bersaglio di eventuali mariti gelosi.

Zeev e Yaakov sono due protagonisti che colpiscono il lettore per i loro caratteri totalmente agli antipodi: tanto è bontempone e goliardico il primo, quanto è inutile e grigio il secondo, che pure, a modo suo, sa evolversi negli anni, maturando insospettabili briciole di determinazione.
Non solo, ma viene naturale chiedersi da dove sbuchi fuori tutto quell'amore, quell'ardore per Bella: è testardaggine o disperazione? O semplicemente è la consapevolezza di aver trovato qualcosa di così bello e prezioso da voler combattere contro tutto e tutti pur di tenerselo?

A sua volta, Bella è tale di nome e di fatto; ha fascino, eleganza, sembra un angelo che cammina a due metri da terra: desiderata dagli uomini e odiata dalle donne, basta uno straccio di carta a renderla schiava e infelice.

Interessante il personaggio di Sonia: uno spirito libero dal carattere fumantino, passionale e voluttuosa, carismatica e battagliera, è l'unica che sa tenere a bada un tipetto come Zeev Feinberg col persistente profumo d'arancia emanato dalla propria pelle, che pare uscire dalle pagine e solleticare il naso del lettore, oltre ai baffi del suo innamorato... e i sensi di un altro uomo, segretamente e inutilmente invaghito di lei... 

CONSIDERAZIONI

In questo romanzo vengono narrate le miserie umane, il dolore vissuto al chiuso della propria solitudine, lontano da occhi indiscreti e da sguardi indifferenti, che tanto lo giudicherebbero come una "colpevole follia": si narra di amore, quello viscerale e carnale, quello tenero, quello ossessivo e capriccioso; l'amore ricambiato, quello non corrisposto, quello nascosto; la nostalgia per il proprio paese; e poi la felicità e l'illusione, la gioia di chi ha tutto e il dramma di perdere questo tutto...

C'è qualcosa di tormentato e commovente nei personaggi e nelle vicende che li coinvolgono, e di essi ci colpisce come alla fin fine, ognuno per ragioni proprie, fatichino a trovare la felicità.

Uomini e donne che amano, desiderano, soffrono, espiano peccati, sospirano angosciati e portano su di loro una sorta di interminabile inquietudine, una "malattia della perpetua attesa".



"Hanno compiuto imprese impossibili così tante volte da trasformare lo straordinario in normalità".

Donne e uomini straordinariamente comuni, che si trasformano e provano a crearsi il proprio futuro mentre intanto il mondo è in balia di stravolgimenti dall'immane portata:


Un romanzo sorprendente e profondo, che pur narrando di fatti possibili su uno sfondo storico preciso, ci affascina per quel realismo magico, per quell'atmosfera surreale nella quale le vicende intime si legano ai grandi eventi storici; l'Autrice è bravissima nel raccontare con sensualità e umorismo storie guidate dall'amore, dal desiderio, da un destino spesso beffardo, che sembra prendere in giro i vari protagonisti.
Sfumature malinconiche e struggenti che si alternano ad altre vivaci e bizzarre, come del resto sono i personaggi.
Divertente e tenero, con un finale che lascia addosso un'ineluttabile mestizia, Il romanzo della scrittrice israeliana è una storia indimenticabile, per intreccio, personaggi e per lo stile, inebriante, sensuale ma anche ironico e leggero quando serve; una penna matura e consapevole, che sa risvegliare emozioni, sensazioni, immagini e profumi nella mente del lettore, che si lascia volentieri accarezzare o trascinare dalla forza dei sentimenti narrati e da una scrittura ricca di profondità, che denota una notevole sensibilità per la conoscenza dell'animo umano da parte dell'Autrice.

Come posso non consigliarvi la lettura di questo romanzo? Io ne sono rimasta ammaliata, sono felice di aver conosciuto quest'autrice.


Citazioni:

"Solo chi è pieno di qualcosa al di fuori di se stesso soffre per averlo perduto."

"..ci sono persone che si aggirano per il mondo come se ci fossero capitate per sbaglio, come se in qualunque momento potesse arrivare qualcuno, posare una mano sulla loro spalla e gridargli nell’orecchio: «Cosa ci fai qui? Chi ti ha dato il permesso d’entrare? Prego, sloggiare al più presto». Altre invece non camminano affatto nel mondo. Ci navigano, fendendo l’acqua come una nave sicura."

P.S.: PERDONATE LA LUNGHEZZA DELLA RECENSIONE...!!!! L'ho scritta di getto e mi son lasciata prendere dalle emozioni che il libro mi ha suscitato; magari tra qualche giorno mi vien voglia di accorciarla... o forse no..? ^_^ 


L'autrice.
Ayelet Gundar-Goshen è nata in Israele nel 1982. Si è laureata in Psicologia clinica all’Università di Tel Aviv. Redattrice per uno dei principali quotidiani israeliani, è attivista del movimento per i diritti civili del suo paese. È anche autrice di sceneggiature che hanno riscosso un grande successo di critica e vari premi, tra cui il Berlin Today Award e il New York City Short Film Festival Award. Il suo primo libro, Una notte soltanto, Markovitch (Giuntina) ha vinto in Israele il premio Sapir e in Italia il premio Adei- Wizo «Adelina Della Pergola». Da Svegliare i leoni sarà prodotta una serie tv dalla NBC.

sabato 12 maggio 2018

Epigrafe - "Una notte soltanto, Markovitch"



Un romanzo molto bello e ricco di un fascino speciale, tra il fiabesco e il realistico, che rapisce il lettore a ogni pagina: "Una notte soltanto, Markovitch", di Ayelet Gundar-Goshen; prestissimo la recensione sul blog.

Intanto ecco l'epigrafe:


Anche il pugno una volta era una mano aperta, 
e cinque dita. 

Yehuda Amichai



Risultati immagini per epigrafe chicchi pensieri
"Iscrizione in fronte a un libro o scritto qualsiasi, per dedica o ricordo; più particolarm.,
citazione di un passo d’autore o di opera illustre che si pone in testa
a uno scritto per confermare con parole autorevoli quanto si sta per dire

venerdì 11 maggio 2018

Dietro le pagine di ... "La ragazza delle perle"



Cari lettori, come spesso mi accade con i romanzi ben contestualizzati nel tempo e nello spazio, anche stavolta il libro di Lucinda Riley, "La ragazza delle perle", ha stimolato la mia curiosità circa alcuni personaggi e fatti, presenti nella narrazione, che hanno un fondamento storico, reale.

In particolare, in questi momenti, mi soffermerò - seppur brevemente - sul pittore aborigeno Albert Namatjira, sulla missione di Hermannsburg e sulla tragedia del Koombana, una nave che affondò in mare mentre tornava in Australia, nel 1912 (stesso anno in cui affondò il Titanic); questi personaggi ed eventi sono tutti menzionati dall'Autrice.


Ciò che leggiamo spesso è ed della fantasia dell'Autore ma altre volte quest'ultimo
trae ispirazione da storie/situazioni/persone reali, di cui ha avuto conoscenza diretta o indiretta.

La rubrica "Dietro le pagine" prende nome e idea da una presente nel blog "Itching for books"
 e cercherà di rispondere (cercherò di darle una cadenza settimanale, sempre in base alle piccole ricerche che riuscirò a fare)
 a questa curiosità: Cosa si nasconde dietro le pagine di un libro? Qual è stata la fonte di ispirazione?".


Albert Namatjira


Albert (Elea) Namatjira (1902-1959) è nato il 28 luglio 1902 a Hermannsburg (Ntaria), nel Territorio del Nord; Elea apparteneva alla tribù aborigena degli Arrernte. Nel 1905 la famiglia fu accolta nella chiesa luterana, ad Elea fu dato il nome Albert (anche ai genitori venne dato un nome "cristiano" dopo il battesimo).
Albert frequentò la scuola missionaria di Hermannsburg, le cui regole prevedevano che lui vivesse separato dai genitori, alloggiando in un dormitorio con altri ragazzi. A 13 anni trascorse sei mesi nella boscaglia e subì l'iniziazione. Lasciò la missione all'età di 18 anni e sposò Ilkalita, da cui ebbe diversi figli.
La famiglia si trasferì a Hermannsburg nel 1923 e Ilkalita fu battezzata (col nome di Rubina). 

Sin dalla fanciullezza Albert ha abbozzato le scene di vita che si svolgevano attorno a sè: il cortile del bestiame, gli allevatori con i loro cavalli e i cacciatori dopo la partita. 
Incoraggiato dalle autorità della missione, iniziò a produrre placche in legno di mulga; lavorò come fabbro, falegname, operaio.

Gli Arrernte avevano familiarità con le illustrazioni delle scene bibliche, ma nessuno di essi aveva visto paesaggi raffiguranti il ​​proprio ambiente. Motivato da un profondo attaccamento al suo paese e con la speranza di poter campare col proprio talento, Namatjira manifestò interesse verso la pittura.

Nel 1936 accompagnò l'artista Rex Battarbee come cammelliere in escursioni di due mesi presso la catena montuosa Macdonnell Ranges e Battarbee restò colpito dal suo evidente talento. 
Successivamente il pastore Friedrich Albrecht, sovrintendente di Hermannsburg, espose dieci acquerelli di Namatjira ad una conferenza luterana tenutasi a Nuriootpa, nell'Australia meridionale. 
Anche Battarbee aiutò l'amico a far conoscere le proprie opere e gli insegnò l'arte della fotografia.

Anche se Namatjira è conosciuto in particolare per i suoi paesaggi acquerellati delle Macdonnell Ranges e delle zone limitrofe, nei primi anni i suoi disegni includevano disegni di tjuringa (oggetti sacri di legno o pietra, simboli dei grandi eroi dei tempi mitici, utilizzati durante i rituali dell'iniziazione.), temi biblici e soggetti figurativi. Ha anche prodotto manufatti intagliati e dipinti, e per qualche tempo ha dipinto su pannelli di legno di fagioli. 
E' considerato  il primo eminente artista aborigeno a lavorare in un linguaggio moderno.


Palm Valley (1940)
fonte

fonte


La missione di Hermannsburg
fonte
chiesa


La missione fu fondata sulle rive del fiume Finke (a 125 km da Alice Springs) da missionari luterani della Società missionaria di Hermannsburg e dalla Chiesa evangelica luterana d'Australia nel 1877 e fu uno dei primi insediamenti dell'Australia centrale; il nome tedesco fu scelto dai pastori, che organizzarono tale missione per raggiungere gli aborigeni Arrernte ed evangelizzarli.
In questa comunità  è nato l'antropologo Ted Strehlow, che si è dedicato allo studio proprio della tribù degli Arrernte.
Nel 1896 fu costruita una Missione scolastica e creati dormitori separati per ragazzi e ragazze, costruiti nei corso di una decina d'anni (1894-1904). 
I missionari impararono la lingua Arrernte e tradussero gran parte del loro materiale spirituale ed educativo in questo idioma affinchè i propri insegnamenti fossero compresi dalla popolazione. 
La Missione di Hermannsburg operò sotto il controllo luterano fino al 1982, quando la terra fu finalmente restituita al popolo locale di Arrernte.


La tragedia del Koombana

Nel marzo 1912 la nave SS Koombana si mise in viaggio da Port Hedland a Broome (Australia).
Costruita da Alexander Stephen&Sons, fu la prima nave ad essere destinata per trasportare passeggeri e merci lungo la costa occidentale australiana.
L'imbarcazione prende il nome da una delle proprietà pionieristiche della famiglia Forrest vicino a Bunbury; la parola "Koombana" appartiene alla lingua della tribù aborigena Noongar e pare significhi "calma e pace".

Ma ahimè non ci sono state nè l'una nè l'altra per il Koombana, che dopo soli tre anni di navigazione e 37 viaggi, andò incontro al suo ultimo viaggio il 20 marzo 1912, infausto giorno in cui scomparve per sempre nelle acque del mare.
A causa di un ciclone tropicale, morirono 156 persone, cioè tutto l'equipaggio (74 membri) e i passeggeri (80 più due turisti), e la stessa nave non fu mai ritrovata, se si fa eccezione di una piccola quantità di relitti trovati in mare vicino a Bedout Island.

Gli archivi di stato di quel periodo mostrano come questa immane tragedia abbia colpito dolorosamente tutta la comunità.
Generalmente la maggior parte delle persone che viaggiavano sul Koombana aveva interessi commerciali nel settore delle perle, della lana e nell'estrazione mineraria; quella volta, a bordo c'erano anche 22 tosatori, un importante compratore di perle, un certo Abraham Davis; c'erano solo sette donne sulla nave, tra cui due assistenti di volo. Una delle passeggere era Louise Sack, appartenente ad una famiglia in vista e la sua morte ha avuto un grande impatto sulla comunità locale.
E poi c'era Harry Briden, un negoziante con quattro bambini piccoli, che stava vivendo un periodo difficile: sua moglie era in ospedale a Perth e la sua attività stava fallendo. Ha lasciato i figli dicendo che sarebbe andato a Broome per trovare lavoro, ma perse la vita nella tragedia in mare.




Siti consultati per il post:

http://www.sro.wa.gov.au
http://www.thestarfish.com.au (anche foto del Koombana)
http://koombanadays.com
http://adb.anu.edu.au (anche foto Namatjira)
https://northernterritory.com


N.B.: immagini e info prese dal web, per lo più tenendo conto dei diritti di licenza. Per eventuali violazioni, basta segnalare e l'immagine sarà prontamente rimossa.

mercoledì 9 maggio 2018

Recensione: L'ANIMA FOTOGRAFATA di Tania Piazza, Ivano Mercanzin



In questa raccolta di racconti la profondità di parole che scavano dentro l'anima, incontra la bellezza suggestiva e vera contenuta in uno scatto fotografico: ne viene fuori un connubio carico di emozioni e sensazioni che scivolano dagli occhi al cuore.


L'ANIMA FOTOGRAFATA
di Tania Piazza, Ivano Mercanzin


Ed. DivinaFollia
300 pp
18 euro
2018
Questa raccolta comprende 29 racconti e ognuno di essi è introdotto da una fotografia, che ne richiama non tanto il contenuto in sè quanto..."l'anima", l'essenza.

Le storie narrate da Tania Piazza, e rese in immagini da Ivano Mercanzin, giungono al lettore con la leggerezza propria dei pensieri intimi, quelli cui diamo spazio quando siamo soltanto noi, come dei monologhi nei quali la nostra mente diventa un fiume in piena e trascina con sè sentimenti, ricordi, riflessioni, nostalgie, rimpianti, desideri...

A farsi portavoce di tale varietà di stati d'animo sono diversi personaggi, ciascuno con qualcosa che gli grava sul cuore, e che lo spinge a perdersi nei meandri della propria anima, affamata di emozioni, avvinta dalla solitudine o dalla malinconia o dal dolore, a volte schiacciata da un ricordo che non va più via.

Persone come noi, con diversi vissuti alle spalle, con tante fragilità ma anche tanta tenacia e attaccamento alla vita; tutti ugualmente sensibili davanti alla complessità della propria anima.

E così nascono questi brevi racconti, in cui la voce narrante avvolge il lettore nella fiumana dei propri pensieri; basta poco, del resto...: una fotografia, attimi di quotidianità che assumono grandi significati - l'abbraccio di un genitore, l'attesa romantica e struggente dell'oggetto del proprio amore, la natura con la sua sorprendente bellezza, una vecchia cornice da cui guardare il mondo da una prospettiva più vera, più ricca, lontana da ciò che è abitudinario e più vicina a ciò che è in grado, ogni giorno, di stupirci; momenti di solitudine tra piazze e vie così familiari da sentirli come parti di sè

Frammenti di storie di gente comune che allo stesso tempo è speciale, con i suoi problemi, le sue sofferenze: ragazze innamorate, uomini alle prese con "piccoli difetti" del proprio corpo, uomini alla ricerca di briciole d'infinito che li facciano sentire vivi, altri coscienti della propria solitudine in un mondo che l'addita come "diversi"; c'è chi cerca di immortalare sconosciuti, catturandone gli stati d'animo attraverso disegni o fotografie.

E proprio le immagini che arricchiscono questa raccolta contribuiscono a mostrarci, attraverso colori, ombre, sfumature, luci..., ciò che le parole vogliono esprimere e che è nascosto tra le pieghe dell'anima:

"...quelle foto, c’è qualcosa al loro interno che mi smuove l’anima, come un’indagine che scava in profondità in cerca delle emozioni più remote.".


"E dagli occhi, se si imbocca la via giusta, si arriva più in basso, in quel luogo chiamato anima che conosce pochi avventori e per questo si conserva pressoché intatto, nel tempo."


E' una lettura che, seppur scorrevole per linguaggio e per la brevità dei racconti, richiede attenzione, sensibilità, affinchè le parole creino in chi legge immagini, visioni, colori, gesti, sguardi, così da cogliere la poesia che risiede in ciò che è quotidiano e che, forse proprio perchè ne siamo abituati, sembra aver smesso di parlarci, di regalarci nuove riflessioni ed emozioni.

Si tratta di testi connotati da una scrittura profonda; brani introspettivi senza essere "pesanti", anzi, c'è una sottile levità che li attraversa, e in fondo non potrebbe essere diversamente, visto che, di fronte alle difficoltà della vita, la cosa migliore è assumere un atteggiamento di leggerezza, di ironia; sono racconti che mettono in luce le miserie e le sofferenze, le speranze e le malinconie di persone come noi, nelle quali possiamo, in alcuni casi, anche ritrovarci, immedesimarci; ad introdurre il lettore nel mondo intimo di ogni protagonista e della sua storia  ci pensano gli scatti di Ivano Mercanzin, come a prepararci per coglierne il cuore, la vera natura, a sentirceli addosso e a figurarceli davanti agli occhi.

Ringrazio l'Autrice Tania Piazza per avermi dato modo di leggere questi racconti ricchi di umanità in cui l'anima, in tutte le sue sfaccettature, è la vera protagonista.

martedì 8 maggio 2018

"Leggeva William Blake vicino a una finestra..."




Ultimamente mi sono ingrippata su Cesare Cremonini e mi sto consumando le orecchie a furia di ascoltare alcune sue canzoni, tipo "Nessuno vuole essere Robin" o altre, meno recenti, come "La nuova stella di Brodway".

Ecco, in quest'ultima, proprio nei primi versi, di "lei" si dice... :


Lui era un business man con un'idea in testa
Lei ballerina di jazz
Leggeva William Blake vicino a una finestra, lui beveva caffè 
Guardando quelle gambe muoversi pensò "è una stella"
Pensava a fred astaire
E chi non ha mai visto nascere una dea
E chi non ha mai visto nascere una dea
Non lo sa, che cos’è la felicità
Lui, garofano rosso e parole
Una vecchia cabriolet








lunedì 7 maggio 2018

Libri che diventano film ("Il giardino segreto", "Charlie Johnson in the Flames ", "Robin Hood")



Mary Lennox è una ragazzina di 10 anni, cresciuta in India, viene spedita nello Yorkshire dopo aver perso tutta la famiglia per via del colera.
Nella casa dello zio cui viene affidata,  il nobile gobbo lord Archibald Craven che vive in un tetro castello sperduto nella brughiera, la piccola trova un giardino segreto nel quale la moglie defunta
LINK IBS
dell’uomo amava coltivare le rose, e se ne innamora, trasformandolo in un paradiso nel quale rifugiarsi insieme ad altri due bambini. 

Mary è la giovanissima protagonista di un libro per ragazzi alquanto famoso, "Il giardino segreto" (The Secret Garden), scritto del 1911 da Frances Hodgson Burnett, autrice anche dei più celebri "Il piccolo Lord" e "La piccola principessa", ci sono state, nel corso del tempo, diverse trasposizioni cinematografiche, dalla versione muta del 1919 fino ad arrivare all'ultima del 2001.
Anzi, alla penultima, visto che è in arrivo una nuova versione, che però vede una prima sostanziale modifica nel periodo di ambientazione, spostato agli anni immediatamente successivi alla Seconda Guerra Mondiale. 

A dirigere il film è il regista Marc Munden; il ruolo dello zio gobbo è stato affidato a Colin Firth; accanto a lui: Julie Walters, Dixie Egerickx, Hedan Heyhurts, Amir Wilson e Isis Davis.


Altro romanzo che verrà portato al cinema è  Charlie Johnson in the Flames (link) di Michael Ignatieff (2003), che narra di un giornalista impegnato nel raccontare gli orrori della guerra dei Balcani, testimone di una vicenda orrenda: una donna data alle fiamme da un ufficiale serbo. La violenza e la follia del gesto spingono l'uomo sempre più in profondità nel tentativo di scoprire le intenzioni dietro una simile barbarie.

Il film vede alla regia lo svedese Tarik Saleh e nei panni del protagonista Liam Neeson.


Non ha bisogno di presentazioni il personaggio di Robin Hood, che per la milionesima volta giunge sul grande schermo, probabilmente nel mese di novembre 2018.
L'eroe avrà il volto di Taron Egerton; ad affiancarlo Jamie Foxx (Little John), Ben Mendelsohn (Sceriffo di Nottingham), Eve Hewson (Marian), Tim Minchin (Fra Tuck) e Jamie Dornan nel ruolo di Will Scarlet, fratellastro di Robin Hood; a dirigerlo: Otto Bathurst.



Film tratti dai libri in uscita nel 2018
post in aggiornamento

domenica 6 maggio 2018

Viaggiare leggendo... "La ragazza delle perle"




Un aspetto sicuramente molto affascinante presente nel romanzo "La ragazza delle perle" della Riley è costituito dai luoghi menzionati; le due protagoniste - vissute ad un secolo di distanza - da un certo momento in poi della loro vita hanno calpestato lo stesso suolo australiano.


Ma prima di dirigersi in Australia alla ricerca di se stessa, CeCe D'Aplièse si è concessa una vacanza in Thailandia.

Thailandia, spiagge di Phra Nang, Krabi

Krabi è un posto spettacolare, da favola, in cui la natura è incontaminata e meravigliosa.
La spiaggia è lunga 450 mt, raggiungibile solo in barca (bastano una ventina di minuti), si caratterizza per la sottile sabbia bianca, le acque limpide e cristalline e le suggestive scogliere e grotte. In particolare, CeCe visita la grotta interna ed esterna di Phra Nang.
Attorno a questi luoghi esotici e da sogno aleggiano delle leggende.
una di queste narra che verso il III secolo a.C. una nave indiana con a bordo una principessa, si imbattè in una tempesta davanti alle coste del Siam. Purtroppo la barca naufragò e l’equipaggio scomparve tra le acque; solo la principessa riuscì a salvarsi rifugiandosi nella Tham Phra Nang Nok. Col passare del tempo, la sopravvissuta fu venerata come una dea dagli straordinari poteri, cui i fedeli innalzano preghiere e offrono doni.
Un'altra versione della leggenda dice che fu uccisa nel naufragio e che il suo fantasma abbia occupato la grotta. 
Un'altra storia invece sostiene che Phra Nang fosse la moglie di un pescatore locale, il quale, partito per mare, non fece più ritorno: da allora, la donna ha vissuto il resto dei suoi anni vivendo nella grotta e guardando il mare in attesa del ritorno dell'amato.



wikipedia



spiaggia Phra Nang
sito


Kitty McBride, prima di diventare la signora Mercer, ha trascorso la sua infanzia e parte della giovinezza in Scozia, per la precisione a Leith, che originariamente era un borgo di pescatori ma dal 1920 è stato inglobato alla città di Edimburgo, diventando in pratica un quartiere.

porto di Leith
(fonte)

Una volta sposatasi, Kitty visse a Broome; la stessa CeCe parte da lì per le proprie ricerche.

Broome è una città situata nella regione di Kimberley, nell'Australia Occidentale; si affaccia su una baia chiamata Roebuck Bay.
I primi abitanti della regione furono gli aborigeni appartenenti alla popolazione Yawuru (nominata nel libro).

Broome coast
(wikipedia)


Broome è famosa per l'industria delle perle.
Nel 1861 vennero scoperte le ostriche della specie Pinctada maxima, le più grandi fra quelle che producono le perle, il che favorì l'insediamento umano con lo scopo della pesca di questo pregiato prodotto. 
Erano per lo più gli aborigeni a prendersi il rischio di pescare perle, immergendosi - com'è intuibile - senza alcuna attrezzatura o misura di sicurezza; anche quando, verso la fine dell'Ottocento furono introdotte le tute da immersione, restava il pericolo degli squali...

Fra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo molti coloni vennero in città per pescare perle, in particolare dal Giappone; infatti, a testimonianza di ciò, a Broome c'è il cimitero giapponese con 919 tombe, e molti morirono proprio pescando le perle.

Come riportato anche nel libro, prima degli Anni Cinquanta,il commercio delle perle subì una crisi e si passò ben presto alla loro coltivazione.


Uno dei più grandi desideri di Kitty era visitare l'Ayers Rock o Uluru, un enorme monolite di arenaria nel cuore dell'arido "Red Centre", nel Territorio del Nord; pensate che la città più vicina è Alice Springs, a 450 km di distanza. 
Uluru è considerato sacro per gli aborigeni australiani.

Uluru (Ayers rock)
fonte

Per proseguire le proprie ricerche, CeCe da Broome si sposta ad Alice Springs.
Si tratta di una delle città più popolose e famose dell'Outback Australiano; è circondata da un deserto di sabbia rossa che si estende per centinaia di chilometri in tutte le direzioni, ed è nota anche con il nome di Mparntwe, datole dagli aborigeni Arrernte, i quali hanno vissuto nel deserto centrale australiano sul territorio di Alice Springs da tempo immemore.

CeCe visita ed ammira anche la catena montuosa delle MacDonnell, la cui maestosità e magia sarà per lei fonte di ispirazione per i suoi quadri.

fonte


Ma "il punto migliore per vedere il tramonto ad Alice Springs", ci dice la Riley, è Anzac Hill:


TripAdvisor



Siti consultati per il post:

Wikipedia
http://www.krabi-hotels.com/seedo/phra-nang-beach.htm
https://www.thaizer.com/tourist-attractions/phra-nang-cave-krabi/
http://www.portaleaustralia.com/raccolta-delle-perle-in-australia/
https://www.australia.com/it-it/places/alice-springs.html




N.B.: immagini prese dal web, per lo più tenendo conto dei diritti di licenza. Per eventuali violazioni, basta segnalare e l'immagine sarà prontamente rimossa.

sabato 5 maggio 2018

Recensione: LA RAGAZZA DELLE PERLE di Lucinda Riley (RC2018)



"La ragazza delle perle" è il quarto capitolo dell'appassionante saga "Le Sette Sorelle" di Lucinda Riley, che ancora una volta mescola sapientemente fiction e realtà, collocando le avventure di CeCe D'Aplièse nell'esotica e variopinta Australia.


"Le Sette Sorelle":

1. Le Sette Sorelle. Maia
2. Ally nella tempesta
3. La ragazza nell'ombra
4. La ragazza delle perle
5- The Moon Sister (gennaio 2019?)



LA RAGAZZA DELLE PERLE
di Lucinda Riley



Ed. Giunti
trad.L. Taiuti
654 pp
15.90 euro
Gennaio 2018 
"Ci sono tantissime leggende sulle Sorelle..."
" Come fanno ad essere simili in tutto il mondo?, pensai all'improvviso. (...) Che tra terra e cielo ci fosse un legame più grande di quanto avessi mai considerato? Forse c'era qualcosa di mistico (...) nel fatto che sorelle ci chiamassimo tutte come quelle che brillavano lassù, nel cielo. E con la settima che mancava..."



Pa' Salt è morto..., e per ciascuna delle sei sorelle la triste notizia giunge improvvisa, come una doccia gelata, facendole sentire spaesate, smarrite, consapevoli che una parte importantissima della loro vita è appena andata via, in modo definitivo.
Pa' Salt: enigmatico, sfuggente, saggio, comprensivo, il miliardario che le ha adottate prendendole da diverse parti del mondo, e quasi tutte a breve distanza l'una dall'altra.
L'uomo previdente che, prima di morire, aveva già dato disposizioni affinchè le sue sei intelligenti figlie potessero, qualora l'avessero voluto, cercare informazioni sulle proprie origini partendo da alcuni pochi ma essenziali indizi utili a questo scopo.


In questo quarto appuntamento è CeCe D'Aplièse a ritrovarsi davanti alla scelta di mettersi o meno alla ricerca di se stessa e della propria famiglia d'origine.La sua vita sta subendo un punto di rottura: abbandonata la scuola d'arte, CeCe s'è comprata un bell'appartamento a Londra da condividere con l'amata sorella Star, con cui ha da sempre avuto un rapporto simbiotico, in cui era lei,CeCe, "l'elemento forte", che in qualche modo - seppur senza cattiveria - condizionava l'altra, più silenziosa e remissiva di carattere.
Ora che Star ha conosciuto la propria vera famiglia e ha spiccato il volo, prendendo le distanze da lei per seguire il suo nuovo amore, lasciandola quindi completamente sola, CeCe - che ha perso anche ogni ispirazione per i suoi quadri - è in preda alla disperazione e decide così di scoprire il suo passato; gli unici indizi che ha sono una fotografia in bianco e nero e il nome di una donna che viveva in Australia più di cento anni fa.

In viaggio per Sydney, CeCe si dirige verso l'unico posto che abbia mai sentito vicino al proprio modo di essere: le splendide spiagge di Krabi, in Thailandia, dove in precedenza ha trascorso dei periodi di vacanza proprio con la cara sorella, che adesso sente più lontana che mai.
Lì incontra il misterioso Ace, un giovane uomo, solitario come lei che, come la donna avrà modo di capire in seguito, ha un segreto da nascondere...
Tra tuffi nell'acqua cristallina, cene romantiche e meravigliosi tramonti, CeCe ed Ace vivono giorni di tenerezza e passione: due solitudini che si incontrano per caso e spontaneamente sono spinte l'una verso l'altro a farsi compagnia; stimolata dall'atteggiamento comprensivo di Ace, CeCe si apre con lui, rivelandogli di essere stata adottata e adesso sia in procinto di recarsi in Australia sulle tracce delle proprie origini.
Incuriosito e desideroso di aiutarla, venendo incontro anche ai problemi di dislessia di CeCe, Ace le regala un libro e la indirizza verso la scoperta di quella donna sconosciuta di cui la ragazza sa solo il nome, Kitty McBride, e che molto probabilmente è legata a lei da una qualche forma di parentela.
Certo, Ace si interessa tanto della storia personale di CeCe ma non si decide a sbottonarsi circa la propria, anzi, è molto misterioso sul proprio passato e sulla propria vita, e alcune voci di corridoio, giunte all'orecchio di CeCe, fanno presagire che l'uomo abbia commesso qualcosa di illecito e che forse sia lì per nascondersi..
.Ed infatti, in pochi giorni accadono degli eventi spiacevoli che rovineranno bruscamente il rapporto tra Ace e CeCe, che intanto sale su un aereo e parte alla volta dell'Australia.

Giunta a Broome, la cittadina in cui era vissuta un secolo prima Kitty McBride, grazie all'aiuto di una ragazza del posto (nelle cui vene scorre sangue aborigeno), Chrissie (un tipo solare, espansivo e da subito disposto ad aiutarla nelle sue ricerche), seguendo i pochi indizi in suo possesso, una sempre più stupita CeCe si avvicina alla verità, imparando che proprio tra gli aborigeni il mito delle Sette Sorelle è molto noto e diffuso.
Anzitutto, scopre che nella foto in bianco e nero vi è ritratto un pittore aborigeno famosissimo, Albert Namatijra, e per capire chi è il giovane uomo accanto a lui, nei cui tratti la nostra protagonista ritrova qualche somiglianza con se stessa, lei e Chrissie si dirigono verso la missione di Hermannsburg, dove CeCe, con sua somma sorpresa e commozione, incontra una persona molto importante e che appartiene proprio alla sua famiglia d'origine.
Qualcosa di profondo, e ignoto fino a quel momento, che è dentro di lei risponde all'energia e al richiamo antico proveniente dal territorio e dall'affascinante cultura del popolo aborigeno, e la sua creatività si risveglia ancora una volta, tirando fuori il meglio delle sue capacità e sensibilità artistiche.

E come sempre accade nei romanzi di Lucinda, ad illuminare il presente ci pensa il passato, così dal 2008, e dalla prospettiva personale di CeCe d'Aplièse, veniamo accompagnati nel 1906, conoscendo la giovanissima Kitty McBride, figlia di un ministro di culto di Edimburgo, cui viene data la possibilità di intraprendere un viaggio in Australia in compagnia della ricca signora McCrombie.
Ad Adelaide, il suo destino si intreccia con la famiglia della signora McCrombie, compresi i due fratelli gemelli, identici ma al contempo molto diversi tra loro per personalità e modo di vivere la vita: l'impetuoso, vivace e giocherellone Drummond, e l'ambizioso e più mite Andrew, considerato il primogenito e quindi erede di una fortuna, essendo il padre il fondatore di una fiorente società che ricerca e vende perle.

Kitty è una ragazza intraprendente, dai sani princìpi, coraggiosa, che non sopporta le ingiustizie, la falsità, e nel corso degli anni - resterà in Australia, si sposerà con uno dei gemelli e lei stessa diventerà un elemento fondamentale dell'industria delle perle... - avremo modo di vederla crescere e ammireremo il suo caratterino, che malvolentieri si sottomette alle convenzioni sociali e, in special modo, ai costumi di quel tempo che discriminano la gente del posto, trattandola come se fosse inferiore.


La sua vita si intreccia con quella della "serva" aborigena Camira, e il destino ci metterà il suo zampino rendendola avventurosa, ricca di colpi di scena e di eventi inaspettati ai quali non sempre Kitty sarà preparata per affrontarli al meglio, ma nonostante le scelte dolorose che si ritroverà a prendere, il suo coraggio e la sua forza non verranno mai meno.
Veniamo rapiti, insieme a CeCe, in questo viaggio nel passato, assistiamo a una serie di eventi che intrecciano fatti realmente accaduti e persone storicamente esistite con personaggi fittizi, le cui vicende umane - che attraversano gli anni e le generazioni - inevitabilmente ci appassionano, perchè sembrano guidate tutte da una mano invisibile e creatrice di una trama intricata che gradualmente si va semplificando, sciogliendo ogni nodo e mettendo tutti i tasselli al posto giusto.
Il contesto, il selvaggio e vasto continente australiano, offre alla protagonista ciò che il suo cuore stava cercando, anche se forse non se n'era mai resa conto: un senso di appartenenza e, finalmente, una casa.



"Altrove non ero nessuno, e invece oggi (...), il mio passato era stato messo in luce diventando un punto di forza. In altre parole, al mio fianco avevo persone che mi capivano perchè erano come me. Erano la mia... kantrimen. La mia famiglia".

CeCe ci appare, dal terzo libro, una persona brusca, prepotente ed invadente nei confronti della sorella del cuore, Star, ma tra queste pagine la conosciamo meglio e ne vediamo la vera natura: insicura, con scarsa autostima nelle proprie potenzialità (a causa e della dislessia e del proprio aspetto fisico, in quanto s'è sempre sentita come il brutto anatroccolo tra le bellissime sorelle D'Aplièse), esitante ed indecisa, con la fobia dei voli lunghi e dei ragni... Insomma una donna comune, come tante, piena di insicurezze che ha solo bisogno di individuare i propri punti di forza, e il viaggio nella storia della famiglia da cui proviene è la spinta giusta per ritrovare se stessa, la propria identità, imparando anche cose nuove di sè, dei propri desideri, di ciò che la rende la donna che è.


"Per la grazia di Dio, sono quella che sono".

Questo "principio" è sempre stato solo teoria per lei, che non s'è mai apprezzata nè amata, ma finalmente la vita, con i suoi colpi di scena inaspettati, le sta insegnando che invece anche lei è in grado di amare ed essere riamata, semplicemente per quella che è.

I libri di questa serie hanno delle caratteristiche comuni, che ritroviamo praticamente in ogni libro: l'incipit è sempre quello, nel senso che parte dalla notizia della morte di Pa' Salt e dell'impatto di essa sull'esistenza di ogni singola sorella; seguono gli indizi, pochi ma essenziali, per la ricerca delle proprie origini; la trama si divide in due filoni temporali, alternando passato e presente; le vicende personali e romanzate delle protagoniste di entrambi i piani temporali si intrecciano con fatti o persone storicamente documentati, il che contribuisce a contestualizzare le vicende, a renderle più realistiche, coinvolgendo il lettore nel seguire lo sviluppo degli eventi.

Anche se personalmente mi capita di affezionarmi di più alle protagoniste del passato, in questo caso a Kitty e a ciò che lei si trova a vivere e ad affrontare, c'è da dire che tutti i personaggi sono sempre ben caratterizzati, gli intrecci creati sempre intriganti, ricchi di particolari e ben strutturati; insomma io amo il modo di narrare di Lucinda, che ad ogni pagina cattura l'attenzione attraverso storie originali, in cui apprendiamo anche tante cose su fatti, luoghi e culture (su cui è evidente che l'Autrice si sia doviziosamente documentata) in grado di solleticare la curiosità di chi legge. Stuzzicante ritrovare qua e là qualche frase sibillina circa Pa' Salt e il mistero della "grande assente": Merope, la settima sorella.

Rischio di ripetermi ma è così: questa saga per me si sta rivelando davvero bella, finisco per divorare il libro e di perdermi tra le sue pagine, assaporando di volta in volta ogni dettaglio della storia, che sa sempre come prendermi e farmi apprezzare le donne tratteggiate dalla penna sensibile e accurata di questa bravissima autrice contemporanea.

Come di consueto, le ultime pagine ci introducono nel soggetto del prossimo romanzo, che sarà incentrato su Tiggy.
Spero di avere tra le mani il quinto libro per gennaio 2019!!
Intanto, per i fans non lo sapessero: la Riley ha firmato un contratto con una compagnia di Hollywood per un adattamento tv della saga. ^_^




obiettivo n. 16.
Un libro ambientato in Australia

venerdì 4 maggio 2018

Una new entry nella mia libreria (maggio 2018)



Pochi giorni fa, al mercatino dell'usato, ho fatto un piccolo acquisto libresco; eh sì, uno soltanto, ma tranquilli...: mi rifarò ^_^


LE DISAVVENTURE DI MARGARET
di Cathleen Schine




Ed. Adelphi
trad. A. Biavasco, V. Guani
310 pp
14 euro
1998
I numerosi lettori della Lettera d’amore già sanno quale scompiglio possano gettare, anche nell’esistenza più ordinata, poche righe lette per caso.
Qui siamo invece chiamati a constatare gli effetti devastanti che la scoperta di uno scandaloso manoscritto libertino può avere sull’equilibrio sentimentale e mondano di una giovane, svampitissima intellettuale newyorchese. 
Entriamo così nella doppia vita di Margaret, che di giorno traduce per noi le incantevoli avventure della Nipote di Rameau, la sera partecipa con estremo disagio alle cene dell’intelligencija (senza mai ricordare né il nome del suo interlocutore, né il titolo di un solo suo libro, né, peraltro, cosa lei stessa abbia sostenuto nel saggio che l’ha resa quasi famosa), e la notte tenta con irresistibile goffaggine di ripercorrere l’apprendistato amoroso della sua disinvolta eroina settecentesca. 
E proprio l’incauta sovrapposizione fra una persona alla disperata ricerca di un romanzo e un personaggio romanzesco innesca una vicenda che riesce a essere, insieme, una sottile meditazione sulle idee (e sui loro imprevedibili rapporti con la carne), un aereo esercizio di stile e una farsa in piena regola, con il necessario, forsennato corredo di equivoci, atti mancati e gaffe. 
In altre parole, la conferma definitiva che con Cathleen Schine è nata una stella della sophisticated comedycontemporanea.
L'autrice.
Cathleen Schine (1953) è una scrittrice americana diventata famosa in Italia con il romanzo La lettera d'amore (1996) e Le disavventure di Margaret (1998), da cui sono stati tratti film di successo. Laureatasi e specializzatasi in Storia Medievale, si è in seguito dedicata a tempo pieno alla scrittura. Narratrice e giornalista, collabora con Vogue, Village Voice e The New Yorker. Attualmente vive a Los Angeles.

Sinossi e copertina prese dal sito Adelphi.it; biografia da Wuz.it e Zam.it

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...