martedì 2 aprile 2019

Bilancio di letture di marzo 2019



Siamo giunti al quarto mese dell'anno ed io tiro le somme insieme a voi delle mie letture del mese precedente  ^_^

  • VOLO DI PAGLIA di L. Fusconi (RECENSIONE). Sullo sfondo di una campagna nei pressi di Piacenza, tra balle di fieno e vecchi casolari dalle molte stanze, tra boschi fitti e scuri che mettono paura, Laura Fusconi ci racconta una storia di dolore e tragedie personali, che vedono coinvolti in prima linea bambini innocenti che, a causa delle scelleratezze di certi adulti, devono dire addio troppo presto alla propria infanzia.
  • SEI COME SEI di M. Mazzucco (RECENSIONE). Una ragazzina in fuga da una vita che non sta andando come dovrebbe; in fuga dai propri gesti avventati, dalle proprie paure, da tutta la rabbia che ha dentro; un'undicenne alla disperata ricerca di quell'unica persona accanto alla quale vorrebbe vivere per sentirsi finalmente a casa.
  • EDUCAZIONE EUROPEA di R. Gary (RECENSIONE). Un libro in cui regnano la morte, il tradimento, la miseria, lo sfruttamento... e accanto ad essi la speranza, la libertà, il desiderio di combattere per un mondo meno ingiusto in cui "ci sarà musica, ci saranno libri, ci sarà pane per tutti e calore fraterno. Non più guerre, nè odio".
  • DEVORA di F. Buso (RECENSIONE). Fantasia e realtà sono il mix alla base di questo romanzo storico che, partendo dalla "maledizione dei Templari" pronunciata (secondo quanto narra la leggenda) dal Gran Maestro dell'Ordine Jacques de Molay, narra le esistenze avventurose di due donne eccezionali (madre e figlia), protette dai Cavalieri Templari e con il dono della chiaroveggenza; due donne libere, generose e determinate che saranno spettatrici (in prima linea) di eventi storici particolari.
  • LE PAROLE DI SARA di M. De Giovanni (RECENSIONE). La donna invisibile, dai capelli grigi e dall'aspetto insignificante, è tornata, impegnata in un nuovo caso che vede coinvolta una sua vecchia conoscenza e che la mette di fronte alla scelta se seguire il cuore o la ragione.
  • FINCHE' LE STELLE SARANNO IN CIELO di K. Harmel (RECENSIONE). Una storia struggente e commovente che, partendo dai nostri giorni, torna indietro di settant'anni, al periodo terribile della seconda guerra mondiale, alla tragedia dell'Olocausto e al dramma di tante famiglie separate irreparabilmente dagli orrori di un mondo impazzito.
  • IL POSTO di A. Ernaux (RECENSIONE). La scrittrice francese Annie Ernaux tratteggia, in questo libro breve e autobiografico, la figura del padre, di quest'uomo prima contadino, poi operaio, infine gestore di un bar-drogheria in una città della provincia normanna, e lo fa con scrupolosità e senza cedere a inutili compatimenti e patetiche nostalgie.
  • LA CASA DI VETRO di S. Mawer (RECENSIONE). Un edificio all'avanguardia, moderno e innovatore, simbolo di razionalità e perfezione, diviene specchio dell'imperfezione e delle fragilità presenti nelle persone che lo abitano, travolte non solo dalle proprie passioni, dai propri segreti, ma ancor più da eventi esterni più grandi di loro e non difficilmente gestibili.
  • WOLVES COAST di O. Calcagnile (RECENSIONE). In una location mozzafiato, in un paesaggio naturale incontaminato, i due protagonisti si innamorano, e per difendere il loro amore devono combattere: contro le proprie paure, le proprie diversità, ma soprattutto contro chi è intenzionato a far prevalere, a scapito di tanta gente, interessi personali ed egoistici.
  • CLAUDIO BAGLIONI. UN CANTAUTORE DEI GIORNI NOSTRI 1967-2018 di P. Jachia (RECENSIONE). Questo breve ma interessante saggio di Paolo Jachia ripercorre in maniera cronologia la carriera di Claudio Baglioni, a partire dalla prima canzone scritta nel 1967 sino ad arrivare a tempi più recenti, con Capitani Coraggiosi in compagnia di Morandi e la sua (prima) designazione come direttore artistico e conduttore del Festival di Sanremo 2018. L'autore non si limita ad analizzare l'aspetto musicale ma ancor più la capacità comunicativa, lo spessore artistico e l'evoluzione che negli anni hanno caratterizzato la musica di Baglioni.
  • NICO E IL FANTASTICO MONDO DEL MARE di Imma Pontecorvo (RECENSIONE). Tutti abbiamo delle paure e per affrontarle a volte serve la motivazione giusta! Il giovanissimo protagonista di questa favola affronterà la sua paura più grande grazie all'amicizia con un esserino speciale, che lo porterà a riflettere sull'importanza del rispetto di ciò che ci circonda.




Tra le mie letture marzoline, è difficile scegliere la vincitrice assoluta, nel senso che è stato un mese soddisfacente, però tra tutte devo dire di essere rimasta molto colpita dall'esordio letterario di Laura Fusconi, Volo di paglia.

Attualmente ho in lettura:

  1. SC E LA MALEDIZIONE DEL TERZO OCCHIO di E. Molaschi: fantasy in stile potteriano.
  2. CANTO DELLA PIANURA di K. Haruf (audiolibro).
  3. LE DISAVVENTURE DI MARGARET di C. Schine.


Il mese scorso ho visto il bellissimo e commovente A STAR IS BORN, con Bradley Cooper e Lady Gaga e mi è piaciuto moltissimo! 
Ho iniziato a guardami anche la serie tv LA VERITA' DI HARRY QUEBERT , con Patrick Dempsey, che mi sta intrigando e poi è iniziata la quarta stagione di GOMORRA, che adoro.


2 commenti:

  1. Quante belle letture! Ho adorato anch'io "Volo di paglia". Sono sicura che anche "Il canto della pianura" sarà una lettura dal fascino discreto ma intenso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sta piacendo molto, ci si affeziona agli abitanti di holt!

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...