giovedì 6 aprile 2017

RECENSIONE: VITA DI SANTA CHIARA (RC2017)



Prosegue la mia "sfida librosa" del 2017 che ha tra i suoi obiettivi la lettura della vita di un santo.



Obiettivo n.14 - Un libro che parli della vita
di un santo o di una santa


VITA DI SANTA CHIARA


Chiara Scifi – dichiarata santa nel 1255 da papa Alessandro IV – nacque nel 1194, ad Assisi, città che diede i natali anche a san Francesco; le vite dei due santi si sono incrociate e quella di Francesco ha influenzato potentemente quella di Chiara.
Ella nasce e cresce in una famiglia molto pia, educata nei principi della fede cattolica; la sua nascita è stata anticipata da una voce udita da sua madre il giorno prima del parto, che le disse che avrebbe dato alla luce “...una chiara luce che illuminerà il mondo”.

A 18 anni Chiara incontra di nascosto Francesco, che già aveva intrapreso il cammino della povertà assoluta, e lui la veste di un saio, le taglia i capelli consacrandola alla penitenza; successivamente, la ragazza trova rifugio nella Chiesetta di San Damiano, che ben presto diviene il luogo in cui le “Dame Povere”, seguaci di Chiara, decideranno di riunirsi per vivere in clausura; furono chiamate “clarisse” in un secondo momento.

È il 1253 quanto una bolla di papa Innocenzo IV approva ufficialmente l’ordine delle Clarisse e le loro regole di vita monastica, la quale è caratterizzata anzitutto dal divieto di possedere alcun bene terreno, dalla castità, l’obbedienza, la preghiera, il digiuno, il lavoro all’interno della comunità.

La vita all’interno del monastero è ben organizzata e la “cura del gregge” è affidata alla Badessa, che comunque si consulta con le sorelle più sagge e fidate, affinchè ogni cosa venga decisa per il bene di tutte e di ciascuna.
Chi prende i voti – liberamente – decide di allontanarsi dallo spirito del mondo per abbracciare la croce di Cristo, cercando sempre di essere motivo di edificazione per chi le è attorno.

Oltre ad essere descritte le regole di vita nel monastero, in questa biografia sono riportate anche delle lettere scritte da Chiara e destinate a donne che, come lei, avevano consacrato le proprie vite a Dio e alla povertà assoluta, sempre seguendo l'esempio di Francesco: Agnese di Boemia, Ermentrude di Bruges.


In questi scritti emerge tutto il carattere dolce e fermo di Chiara (che si definiva umilmente “serva indegna di Cristo ed ancella inutile”), la sua fede, le sue innumerevoli virtù, il suo amore per Dio e il desiderio di piacergli in tutto, e così esorta anche chi legge a restare ferma nelle vie del Signore.

Le lettere seguono una struttura simile a quelle paoline – e nell’incipit e nel contenuto, in particolare nelle esortazioni ad essere fedeli a Dio; del resto, ci sono moltissimi riferimenti a passi del Nuovo Testamento.
Visse 42 anni in clausura, spesso malata ma sempre operosa; le vengono attribuiti svariati miracoli.

Una lettura breve, che riesce ad essere fluida nonostante il linguaggio non corrente; io personalmente ho letto la storia di Chiara d’Assisi perché era un obiettivo della Reading Challenge, ma non mi è dispiaciuta, considerato che le biografie le leggo sempre volentieri e in passato (da adolescente) mi è capitato di leggerne altre relative a figure di spicco nella religione cattolica.

2 commenti:

  1. Ciao! non mi è mai capitato di fare questo tipo di letture... Se si va ad Assisi, comunque, oltre a S.Francesco, non si può non riscontrare devozione anche nei confronti di S.Chiara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, ma anche perché le loro vite sono molto legate!
      Ciao :))

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...