sabato 27 aprile 2019

Mini-recensioni film || TITO E GLI ALIENI (P. Randi) - A STAR IS BORN (B. Cooper)



Uno scienziato vedovo depresso e il suo nipotino rimasto orfano sono intenzionati a captare un segnale proveniente dallo spazio da parte dei loro cari.
Bradley Cooper, alla sua prima esperienza dietro la macchina da presa, ha confezionato un film drammatico e sentimentale bello e disperato.

TITO E GLI ALIENI


Regia di Paola Randi
con Valerio Mastandrea, Clémence Poésy, Luca Esposito (II), Chiara Stella Riccio.

Anita e Tito sono fratello e sorella; sono rimasti orfani, avendo appena perso il papà ed essendo già senza mamma.
Il padre, prima di morire, ha pensato al futuro dei figli, affidandoli al fratello, uno scienziato che vive in America.
I due ragazzi, quindi, sono costretti a emigrare in America da questo zio mai visto prima, un tipo solitario, di pochissime parole, che decisamente non risponde alle loro aspettative.

Il Professore vive nel deserto del Nevada e sta spendendo la vita ad ascoltare il suono dello Spazio alla ricerca di una voce; ma non una voce qualsiasi, bensì quella della cara moglie morta diversi anni prima.

Valerio Mastandrea è un attore fantastico, non c'è bisogno di sottolinearlo, e se c'è un tipo di personaggio che gli riesce benissimo è, un po' come la Buy, quello triste, dall'aria dimessa, stanca, un po' burbero, taciturno (per carità, è bravissimo anche in ruoli ironici e più leggeri, come in Perfetti sconosciuti o I Tre Moschettieri), e in questo film è proprio così.

L'uomo vive quindi a un passo dall'Area 51 per seguire, o almeno dovrebbe, un progetto per conto del governo degli Stati Uniti.
Il suo torpore esistenziale è interrotto quotidianamente da Stella, giovane wedding planner per turisti che credono ancora agli alieni; altra compagnia essenziale è un computer - con una voce femminile gentile e cortese - di sua creazione con il quale interagisce, finalizzato alla ricerca del famoso segnale nello spazio.

La sua esistenza viene rivoluzionata dalla ricezione di un pacco postale e una registrazione video che gli annunciano l'arrivo dei nipoti Anita e Tito, preziosa eredità del fratello morto a Napoli.

Sebbene si senta inadeguato al compito, il professore lo accetta (che altro può fare?) e si attrezza, letteralmente, per accogliere i nipoti.
La convivenza non sarà facile, dovendo rapportarsi con Anita, che ha sedici anni e sogna un tuffo in piscina con Lady Gaga, e Tito che ne ha sette e desidera sopra a ogni cosa parlare ancora col suo papà, che lui non sa essere morto.

Com'è comprensibile, i due ragazzi portano scompiglio nelle placide giornate del Professore, che non smette comunque di dedicarsi al proprio particolare progetto, nonostante abbia appreso che di lì a pochi giorni la sua postazione verrà smantellata, visto che finora risultati non ne sono stati prodotti e il Governo s'è stufato di promuoverlo.

Il Professore avrà un ben daffare a gestire l'esuberante e ribelle nipote e la vivacità di Tito, il quale si convince che il suo stranissimo zio possa davvero aiutarlo a parlare con suo padre; non solo, ma l'uomo si sta rendendo conto di essere attratto da Stella, anche se è difficile per lui ammetterlo perchè il ricordo della moglie è ancora troppo presente...

Tra baruffe e incomprensioni, pc che vanno in tilt e il rischio che il progetto venga bloccato, ce la faranno il Professore e il piccolo Tito a parlare, almeno una volta, con i propri cari, a sentire la loro voce?

Un film molto carino, io non amo la fantascienza ma questo è stato piacevole e, lo confesso, a un certo punto mi ha anche commossa...
Forse non sarà paragonabile ai film fantascientifici made in USA, spettacolari e con effetti speciali di ultimissima generazione, però qui ho trovato quella ricerca dei "buoni sentimenti" che male non fa mai; e fa niente se alla fine mi ha ricordato Ghost, a me la lacrima è scappata e tanto mi basta, perchè io credo che tutti noi vorremmo poter ascoltare la voce di una persona amata e perduta, fosse anche per una volta sola, e il film tocca questo desiderio racchiuso in ognuno di noi, e lo fa con dolcezza e leggerezza.


A STAR IS BORN



,
A Star Is Born, di e con Bradley Cooper, accanto al quale troviamo Lady Gaga, è la quarta versione cinematografica di questo musical, raccontato per la prima volta in un film del 1937, cui seguirono due remake (nel 1954 con Judy Garland e nel 1976 con Barbra Streisand).

La trama è presto detta: Jackson Maine è un musicista di successo che purtroppo alza troppo spesso il gomito; ha ancora il suo bel pubblico di affezionati che cantano le sue canzoni ma si sta avviando sul viale del tramonto.

Una sera, un po' per caso, in un night conosce la squattrinata artista Ally, che non sarà la donna più bella del mondo ma ha carisma da vendere, nonchè una grande voce.
Lei s'è convinta di non poter sfondare nel mondo della musica - non è abbastanza bella, in particolare è il naso a darle "problemi" - ma Jack l'ascolta cantare, sente le sue canzoni, e la convince a credere nel suo sogno e a calcare il palcoscenico.

I due cominciano cantando insieme, sono sempre più innamorati l'uno dell'altra, si sposano e la loro relazione sembra iniziare sotto una buona stella.
Se non fosse che purtroppo Jack continua a bere e, per contro, Ally comincia a diventare famosa, le viene offerto un ottimo contratto e in poco tempo diventa una vera e propria star, acclamata, richiesta, ben pagata, pronta a viaggiare e fare tournèe.

La splendida carriera di Ally sembra essere inversamente proporzionale a quella del compagno: lei inizia a spiccare il volo e lui va sempre più giù, nel baratro dell'alcolismo, e in questo modo anche la loro relazione comincia a perdere colpi a causa della battaglia che Jack conduce contro i propri demoni interiori.
Jack sembra diventare quasi un ostacolo per Ally - che  lui ama moltissimo, ma è un po' diviso tra l'amore per lei e un pizzico di gelosia per la sfolgorante carriera della moglie, che si sta allontanando da lui sempre più, infatti, anche se Ally cerca di stare vicina al suo Jack, i mille impegni lavorativi la tengono spesso lontana da casa.

Jackson si lascerà andare alla propria infelicità o l'amore di e per Ally basteranno a scuoterlo e a salvare la loro relazione?

Ho visto questo film sia perchè mi è stato ardentemente consigliato da un'amica e sia perchè ero curiosa di vedere Lady Gaga in questa sua prima prova come attrice.
Solitamente i film d'amore non rientrano tra le mie preferenze, a meno che la love story non sia collocata all'interno di una cornice bella, ricca, con una trama articolata e ben sostenuta; la storia di Ally e Jackson ha uno sviluppo in fondo abbastanza prevedibile, però questo film mi è comunque piaciuto perchè non è solo il racconto drammatico di una relazione sentimentale difficile, ma anche dei fallimenti e dei successi che accompagnano la vita dei protagonisti, e la fatica che devono fare per tenere in piedi il loro matrimonio, nel quale continuano a credere nonostante i problemi.
Bradley dà al suo personaggio un'aria maledetta, tormentata, malinconica, di cantante country avviatosi verso la stagionatura ma sempre fascinoso (la voce del doppiatore non mi ha entusiasmata, troppo cavernicola); convincente Lady Gaga; le canzoni del film sono belle e mi piace che abbiano deciso di registrarle dal vivo.
Bel film, ogni tanto un buon film sentimentale ci sta, se strappa una lacrimuccia ancora di più ^_^

2 commenti:

  1. Adorabile Tito e gli alieni.
    Toccante il secondo, con una Gaga strepitosa, anche se il finale mi è parso troppo forzato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, forzato e poco originale, secondo me, però nel complesso piacevolmente commovente :-)

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...