venerdì 3 maggio 2019

Leggende sul modo di dire "Muto come un pesce!"



Credo che a tutti noi sia capitato almeno una volta nella vita di usare l'espressione "muto come un pesce", per garantire il nostro silenzio e la nostra riservatezza in merito ad una determinata questione.

Ebbene..., da cosa prende origine questo modo di dire?

Ecco una simpatica leggenda sul perchè i pesci non emettono suoni.

C'è stato un tempo in cui sulla Terra dominava il silenzio: gli animali non facevano versi, le acque scorrevano e i venti soffiavano, ma tutto avveniva senza che venisse prodotto alcun rumore. 
Pensate che nemmeno l'uomo parlava. 

Un giorno accadde che il dio del canto cominciò a suonare l'arpa e, facendo vibrare le corde dello strumento, attirò l'attenzione di ogni creatura sulla Terra, che si mise in ascolto, tanto il vento quanto l'acqua e gli alberi. 

Il dio del cielo ordinò a ciascuno di scegliere il linguaggio che era loro più gradito.
Tutte le creature ascoltarono il signore del canto e scoprirono il modo più adatto di sibilare e di ronzare, di abbaiare o di ruggire…
L'uomo imparò, dal canto suo, tutti i diversi suoni prodotti dall'arpa del dio ma imparò anche a cantare meglio degli stessi uccelli.

Da allora, ogni creatura sulla Terra e nel cielo scelse per sé un proprio e caratteristico linguaggio.

E i pesci?
Essi furono più sfortunati: si rendevano conto che stava accadendo qualcosa di molto importante, ma non capivano che cosa fosse, potendo sì vedere tutte le creature della Terra aprire e chiudere la bocca ma non riuscendo, essendo sott'acqua, a udire alcun suono.
Ad ogni modo, decisero di comportarsi come gli altri, così impararono ad aprire e chiudere la bocca... ma senza produrre alcun suono!

Un'altra "versione" racconta che quando il dio degli animali decise che gli animali dovessero avere dei modi per comunicare attraverso suoni udibili, affidò questa "missione" alla Regina dei suoni, che distribuì bacche magiche a tutti gli animali; questi, tornati ognuno nelle proprie tane, seminarono le bacche, col tempo crebbero dei frutti che essi mangiarono... e iniziarono a fare i versi tipici di ciascuna specie, che noi tutti conosciamo: chi ragliava, chi cinguettava o miagolava.

Ma la Regina aveva dimenticato di distribuire le bacche magiche ai poveri pesci del mare e per rimediare, spremette le bacche e il loro succo fu fatto cadere nelle acque: i pesci bevvero ed ebbero il loro verso.
Un giorno soffiò un vento freddissimo, tutti gli animali si misero al riparo nelle loro tane, ma i pesci non trovarono alcun rifugio, quindi il vento si infilò nelle loro bocche e li rese muti. 
I pesci si arrabbiarono e si lamentarono con il dio degli animali, e ancora una volta la regina dei suoni cercò di trovare una soluzione, dando loro un verso ancora più forte e potente. 
Ma i pesci, ingrati e lamentosi, iniziarono a sparlare di tutte le creature della Terra, così il dio degli animali, vedendo il loro comportamento, decise di renderli muti per sempre...!



Fonte 1    Fonte 2

6 commenti:

  1. Curiosità interessante, non ne avevo idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, non si finisce mai di imparare qualcosina :-D

      Elimina
  2. Curiose queste leggende... grazie per avercele proposte :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per esserti fermata a leggerle :*

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...