venerdì 8 agosto 2014

LeggOrientale: PETALI DI LOTO E VESTITI OCCIDENTALI di Pang-Mei Natasha Chang



leggendOrientale

PETALI DI LOTO E VESTITI OCCIDENTALI
di Pang-Mei Natasha Chang


13070588
Ed. Baldini Castoldi
Trad. Ombretta Marchetti 
282 pp
2004
Trama

Pang-Mei Natasha Chang, cino-americana di prima generazione, ascolta durante lunghi pomeriggi l'avventurosa vita della prozia Yu-i, nata nel primo Novecento in un'antica e potente famiglia di Shanghai. 
Ne risulta un affascinante libro di memorie: il ritratto della vita di una giovane ribelle nella Cina di inizio secolo intrecciato con la storia tutta occidentale di chi la interroga.
In Cina una donna non conta nulla, così inizia il racconto di Yu-i alla pronipote mentre gustano insieme, come ogni giorno dopo pranzo, tè e biscotti alle mele.
Cresciuta negli anni turbolenti a cavallo tra la fine dell'Impero cinese e la Rivoluzione comunista, la storia della protagonista è segnata da una serie di ribellioni. La più significativa - e suggestiva - è la sua opposizione alla tradizionale fasciatura dei piedi, una tortura prolungata per far sì che diventino piccoli e belli come "petali di loto". 
Man mano che Yu-i le rivela sogni e fantasmi, Pang-mei comincia a riconoscere anche la propria ambivalenza verso la sua eredità di sangue e la scissione mai ricomposta del suo appartenere a due mondi, la Cina e l'Occidente, rispettivamente il legame alle origini e la nuova vita in America.

Un libro toccante e profondo, anche se scritto con mano leggera, che racconta il coraggio e la determinazione di due donne, simili eppure molto diverse, a confronto.

"Indugiando davanti al baule, ho immaginato per un attimo che Yu-i fosse accanto a me. Ho piegato con cura il mio abito bianco, il mio cheongsam rosso e quello nero di Yu-i, inserendo tra l'uno e l'altro dei fogli di carta. Quindi li ho sistemati nel baule, l'uno accanto all'altro, e ho chiuso con calma la cassa dei ricordi della mia famiglia".

L'autrice.
Pang-Mei Natasha Chang, nata da genitori cinesi ma vissuta e cresciuta negli Stati Uniti, si è laureata ad Harvard in Lingua e letteratura cinese e ha conseguito una seconda laurea in Legge alla Columbia University. Ha esercitato la professione forense a New York prima di trasferirsi a Mosca, dove risiede con il marito. "Petali di loto e vestiti occidentali" è il suo primo libro
.

QUI tempo fa trattai brevemente la terribile pratica-tortura della fasciatura dei piedi, dopo aver letto il romanzo "Fiore di Neve e il ventaglio segreto" (recensione).


Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...