sabato 16 agosto 2014

Dietro le pagine di...: LA LISTA DEI MIEI DESIDERI di Lori Nelson Spielman



Il libro che oggi fa da protagonista a questa rubrica del sabato è...

LA LISTA DEI MIEI DESIDERI
di Lori Nelson Spielman

La lista dei miei desideri
Ed. Sperling&Kupfer
Pandora
360 pp
17.90 euro
USCITA 14 MAGGIO
2013
Un romanzo delicato, romantico e commovente sul senso dell'esistenza e sullo straordinario potere dell'amore che può spingerci a cambiare e a trovare, ogni giorno, la felicità.

Trama

A trentaquattro anni, Brett Bohlinger ha tutto quello che vuole: un lavoro invidiabile nell'azienda di famiglia, un loft arredato da un designer molto trendy, un fidanzato irresistibile e una mamma affettuosissima che è anche la sua migliore amica.
Perciò, quando l'adorata madre Elizabeth muore, Brett è devastata per aver perso il suo punto di riferimento. E il dolore si trasforma in rabbia nel momento in cui si ritrova anche con un pugno di mosche. Perché alla lettura del testamento, invece di nominarla nuova amministratrice della Bohlinger Cosmetici, Elizabeth le lascia soltanto una lettera.
Ed è una lettera strana, che la esorta a riconsiderare la sua vita, partendo dalla «lista dei desideri» che aveva stilato da ragazzina, vent'anni prima.
Solo se nell'arco di un anno realizzerà tutti gli obiettivi di allora - innamorarsi, salvare il mondo, essere felice, desideri semplici e assoluti al contempo - l'azienda sarà sua.
Inizialmente riluttante, a Brett non resta che seguire le istruzioni materne: mese dopo mese, ogni volta che Brett spunta una voce della lista, riceve dal notaio una nuova lettera della mamma.
Affettuosa, comprensiva, protettiva e piena di una fiducia senza riserve. 
cover
Come una carezza che la spinge, fra una lacrima e un sorriso, a non mollare e ad aprirsi al domani.
A scoprire l'affetto di una famiglia vera e a esplorare il terreno dei sentimenti più teneri.
Perché la vita è fatta per essere vissuta, sempre.

L'autrice.
Lori Nelson Spielman vive nel Michigan con il marito e Kitty Cat, la gatta più viziata del mondo, e insegna in una scuola che è per lei la principale fonte di ispirazione.
Questo è il suo primo romanzo, un esordio formidabile che sarà pubblicato in 18 Paesi e diventerà un film prodotto da Fox 2000
.



dietro le pagine
Ciò che leggiamo spesso è frutto della fantasia dell'Autore ma altre volte quest'ultimo trae ispirazione da storie/situazioni/persone reali, di cui ha avuto conoscenza diretta o indiretta.

La rubrica "Dietro le pagine" prende nome e idea da una presente nel blog "Itching for books" e cercherà di rispondere (cercherò di darle una cadenza settimanale, sempre in base alle piccole ricerchine che riuscirò a fare) a questa curiosità: Cosa si nasconde dietro le pagine di un libro? Qual è stata la fonte di ispirazione?".

Da dove ha preso ispirazione l'Autrice per questo suo romanzo d'esordio?

Semplice: da una vecchia scatola di cedro. 
Dopo diversi anni, Lori ha riaperto un piccolo "scrigno" - un regalo dei tempi del liceo - e la prima cosa che ha sentito è stato il profumo del cedro, insieme ad altri oggetti, come il rosario della nonna, un paio di dollari d'argento, e un foglio di quaderno, piegato, ormai ingiallito, scritto in corsivo..: la "lista di Lori".
Vi era scritto giorno e mese - 13 marzo - ma non l'anno; chissà, forse mancava perchè Lori non aveva programmato di tenere quella lista con sè, o forse non aveva pensato a come i ricordi sbiadiscano in fretta e a malapena adesso, dopo tanti anni, ricordava quel giorno in cui lei stessa, una giovane ragazza seduta sul suo copriletto blu a fiori, contemplava il proprio futuro. 
Ma a giudicare dagli obiettivi, la lista doveva risalire al periodo tra i 12 e i 14 anni. 

Il pezzo di carta spiegazzato era quindi una lista di 29 cose che la sua mente adolescente immaginava avrebbe fatto per poter avere una vita soddisfacente; vi era anche una sezione di lato, relativa ai "modi di essere", tipo: ridere, dire ciao a tutti...


Riguardando quella lista, Lori ha pensato che tanti di quegli obiettivi erano alquanto... imbarazzanti, banali... 
Ad esempio, un obiettivo era diventare una cheerleader!! 
Ma c'erano anche...: aiutare le persone, dare il mio corpo alla scienza...

Nella lista le relazioni sono importanti; essendo lei stata una ragazzina magra, con i denti troppo sporgenti, il seno piccolo.... e quindi abbastanza ignorata dai ragazzi, inevitabilmente tra le cose importanti c'erano:  essere popolare e avere fidanzati, seguiti da obiettivi a lungo termine, come  un buon matrimonio, avere figli, avere una famiglia unita. 

Fin da ragazzina, le piaceva scrivere e raccontare storie, ma diventare scrittrice non c'era sulla lista; piuttosto, sperava di diventare  un'insegnante. 

A distanza di anni, Lori ha considerato come alcuni dei suoi desideri si siano poi realizzati: essere cheerleader, i fidanzati, ha imparato a sciare e ha viaggiato in Europa; è diventata insegnante, una professione che amava. Ha avuto un buon matrimonio. Ha anche avuto un gatto. 
Ma non vive su un lago, non ha mai progettato la propria casa, non ha avuto due bambini, o un cavallo o un cane. 

Leggendo la lista, ha pensato a come sarebbe stata diversa la sua vita se avesse adempiuto ogni obiettivo che il suo cuore di ragazza desiderava. 
In pochissimo tempo, la sua mente ha iniziato a galoppare ed una storia stava prendendo forma.

Nel corso di diversi giorni, la storia si è evoluta. 
In primo luogo, ha pensato a degli enigmi dati a una ragazza dalla madre morente, per aiutarla a trovare se stessa.
Ma perchè mai degli indovinelli? Non potrebbe sua madre semplicemente dire alla figlia quello che voleva che lei realizzasse? 
La storia poteva funzionare solo se le intenzioni della madre provenivano da un cuore che ama, non da uno che vuol controllare. 
Certo, la storia rischiava di essere prevedibile. 
Bisognava trovare un modo perchè la protagonista realizzasse i suoi sogni non facilmente o in modi convenzionali, prevedibili.

Insomma, "The Life List" parte dalla personale lista di Lori...
Forse molte cose non le avrà realizzate, ma le piace pensare al fatto che il suo libro andrà a finire in molte mani, e forse riuscirà ad intrattenere molte persone, forse anche a provocare una discussione. 
E magari la sua storia potrà ispirare qualche altra bambina, in qualche altra piccola città, perchè fissi i propri obiettivi, per aspirare a qualcosa che è solo suo. 
E se le sue ambizioni sono umili o grandiose, sciocche o meditate, non importa. 
La cosa importante è che lei sogni.

2 commenti:

  1. La magia e dei ricordi...deve essere molto carino questo libro, o metto in wishlist e pensare ad una scatola profumosa che racchiude desideri e sogni che si sono magari trasformati in obbiettivi raggiunti, mi convince ancora di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, il fatto di riavere tra le mani un oggetto del passato è qualcosa di affascinante

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...