sabato 22 agosto 2015

Recensione film: SCUSATE SE ESISTO! di Riccardo Milani



Ogni tanto, anche nella mia piccola città, organizzano programmi di intrattenimento nel corso dell'estate; ieri c'era, ad es, il cinema all'aperto, e cosa davano?


SCUSATE SE ESISTO!

.



regia: Riccardo Milani.

Cast: Paola Cortellesi, Raoul Bova, Lunetta Savino, Ennio Fantastichini, Marco Bocci.

Serena Bruno (Paola Cortellesi) è nata ad Anversa, non in Belgio, ma in Abruzzo, un paesino di poche centinaia di anime, disperso tra le montagne; è una giovane colta ed intelligente, che sin da piccola ha dimostrato una grande attitudine verso il disegno, attitudine che l'ha portata a laurearsi in Architettura, a pieni voti.
Dopo un periodo lavorativo trascorso a Londra, pensa bene di ritornare nel proprio Paese, andando a vivere a Roma, ma trovare lavoro nel suo campo sembra un'impresa davvero difficile.


Serena dovrà scontrarsi con la dura realtà (italiana?), che conserva e manifesta pregiudizi verso le donne in certi ambiti professionali dove si presume che solo l'uomo possa predominare e dimostrare le proprie capacità; ed infatti, il solo fatto che lei sia una donna sembra pregiudicarle la possibilità di ottenere lavori di un certo livello, per cui è costretta ad accontentarsi di lavoretti che non valorizzano le sue conoscenze ed esperienze.
Per sbarcare il lunario, Serena riesce a trovare tre lavoretti, che le permettono però a malapena di pagarsi l'affitto di una mansarda scomodissima. Ma lei è un tipo gioviale e positivo e non si abbatte e cerca di fare tutto con più entusiasmo possibile!

Uno di questi lavori è la cameriera, nel ristorante di un tipo bello come il sole, dallo sguardo penetrante, dalle labbra invitanti, dal fisico pazzesco: Francesco (Raoul Bova).

L'entrata di Francesco nel film fa sorridere, perchè sottolinea in modo enfatico la bellezza da figo di Raoul Bova, che da sempre è considerato un sex-symbol; e dal canto mio io confermo che Raoul è come il vino: col tempo migliora!

Ma l'apparenza inganna... e tutta la sensualità e il potenziale erotico di Francesco, Serena non potrà goderseli, nonostante all'inizio creda che lui - così dolce, carino e premuroso - abbia un interesse per lei.
Eh sì, perchè Francesco è omosessuale, nonostante il suo passato da etero, che l'ha visto sposato e con un figlio, Elton, con cui però non passa molto tempo insieme dopo la separazione.

Tra Serena e Francesco, dopo l'iniziale equivoco, nascerà una bellissima amicizia, fatta di sincera complicità, di sostegno reciproco; lui dovrà trovare la forza e il coraggio di dire al figlio la verità su se stesso, mentre Serena si metterà nei pasticci dopo aver ottenuto un lavoro importante, il cui scopo è riqualificare un complesso residenziale romano, il Corviale, che è stato lasciato nell'incuria più totale, tanto che le persone hanno bisogno di fare segni sulle scale per trovare la propria casa e i giovani e gli anziano non hanno un posticino per rilassarsi o studiare.

Serena si appassiona così tanto al progetto, che per lei vede coinvolte le persone e le loro esigenze, prima ancora che i servizi  da offrire (centri commerciali...) in quanto tali, da essere disposta a fare carte false pur di farselo approvare.
E ancora una volta dovrà fare i conti con i pregiudizi che questo mondo ha verso la donna, i cui ruoli sono per lo più relegati a quello di assistenza e segreteria...

Sia Francesco che Serena per motivi e in ambiti differenti per un po' porteranno avanti delle bugie per nascondere chi sono veramente (un gay che vive la propria omosessualità soltanto in casa propria o nei locali notturni, e non in modo dichiarato; un'architetta costretta a non rivelare la propria identità per non vedersi sbattere la porta in faccia a priori) e questo darà il via a delle gaffes e a delle situazioni davvero molto comiche e divertenti, che strapperanno non semplici sorrisi ma tante risate.

A contribuire ai momenti divertenti ci sono, tra i tanti, un "amico speciale" di Francesco, interpretato da un simpaticissimo (oltre che bello, ma si sa già) Marco Bocci, e una zia di Serena, che parla solo in dialetto abruzzese e che farà ridere per certi modi di fare molto buffi.

Il tema del Corviale è legato alla realtà dei nostri giorni e si rifà a fatti realmente accaduti e in particolare il personaggio di Serena si ispira all'architetto Guendalina Salimei e alla sua idea di realizzare  «il chilometro verde», che dovrebbe tagliare orizzontalmente l’intero edificio di Corviale per ospitare servizi, luoghi di incontro e di scambio,




Una commedia molto simpatica, godibile, che tra una risata e l'altra lancia messaggi importanti, ad es. su come spesso i pregiudizi sociali ci facciano sentire quasi in difetto e in colpa per ciò che siamo e/o sappiamo fare, tanto da spingerci a fingere di essere qualcun altro pur di raggiungere degli obiettivi cui teniamo.

Molto carino, lo consiglio in particolare a chi ama questo genere e ha voglia di guardare qualcosa di leggero e spiritoso ma non privo di significato

Per leggere le recensione di altri film clicca sull'etichetta "Cinema"

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...