sabato 12 luglio 2014

Dietro le pagine di.... The impossible Knife of Memory di L. Halse Anderson




storie dietro storie
Ciò che leggiamo spesso è frutto della fantasia dell'Autore ma altre volte quest'ultimo trae ispirazione da storie/situazioni/persone reali, di cui ha avuto conoscenza diretta o indiretta.

La rubrica "Dietro le pagine" prende nome e idea da una presente nel blog "Itching for books" e cercherà di rispondere (cercherò di darle una cadenza settimanale, sempre in base alle piccole ricerchine che riuscirò a fare) a questa curiosità: Cosa si nasconde dietro le pagine di un libro? Qual è stata la fonte di ispirazione?
".
Il libro di questo sabato, del quale daremo un'occhiata "dietro le quinte" è...

2014

The impossible Knife of Memory ha per protagonista Hayley, che deve imparare ad ambientarsi al liceo, mentre si prende cura del padre, veterano, che soffre di alcolismo e disturbo da stress post-traumatico (PTSD).
Per scrivere la storia contenuta nel romanzo, l'Autrice ha fatto riferimento a tre risorse.
La stessa autrice ha un padre che è un veterano e il libro, infatti, ha molto di personale.
Suo padre è un veterano della seconda guerra mondiale; aveva solo 18 anni quando partecipò alla guerra e quello che ha visto si ripercuote ancora oggi nella famiglia, e il suo disturbo PTSD ha avuto poi un sacco di ramificazioni.
Ecco, questa è la prima.
Poi c'è il presente, popolato nipoti e cugini che hanno servito nelle forze armate (ad es., per la guerra in Iran), e verso di loro la Anderson dice che la gente non li aiuta a riprendere in mano la propria vita, una volta tornati a casa.
Non solo, ma ha visto cosa succede alla famiglia quando un genitore viene dalla guerra, cosa succede quando sei un adolescente e i tuoi genitori non si comportano come adulti.
E, infine, ancora più esaltante, ha pensato che fosse giunto il momento per lei di scrivere una storia d'amore.
Il personaggio principale ha un sacco di lati oscuri nella propria vita, ma poi si innamora di un ragazzo eccezionale.
Quando era una ragazzina, sapevo che il padre sarebbe potuto non tornare mai più...; svegliarsi sentendo tuo padre urlare di notte, non è una cosa facile.
L'interesse per il mondo del liceo e dei suoi giovani studenti risale al periodo in cui ha lavorato come giornalista freelance in una scuola, e poi a motivo dei propri figli adolescenti.
I ragazzi sono così importanti e di loro bisogna avere cura!

Con questo ultimo romanzo, la Anderson non vuole essere "dura", bensì far versare qualche lacrima di felicità e commozione per la storia d'amore in esso contenuta.

La prossima volta.....: Dietro le pagine di "Le cose che non si di te"!!

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...