sabato 30 aprile 2016

Dietro le pagine di I CENTO COLORI DEL BLU (A Different Blue)



Una delle autrici di romance/Young Adult che sto imparando ad apprezzare grazie a due suoi romanzi, è Amy Harmon, della quale ho letto I CENTO COLORI DEL BLU (A Different Blue) e INFINITO+1.

Ho cercato qualche informazione (per lo più attraverso le interviste) per capire da quale idea fosse stato ispirato "I cento colori del blu"; ecco quello (non molto, in realtà) che ho trovato.


Ed. Newton Compton
9.90 euro
456 pp
Trad. L. Feoli,
A. Ricci
APRILE 2014
Trama
Tutti a scuola conoscono Blue Echohawk. A diciannove anni Blue frequenta ancora il liceo.
Abbandonata da sua madre quando aveva solo due anni, non conosce il suo vero nome, né la sua data di nascita. Indossa sempre vestiti attillatissimi e un trucco pesante: il sesso è il suo rifugio, un gioco per dimenticare tutto, per mettere sotto chiave le sue emozioni.
Blue ha iniziato tardi la scuola e non mostra alcun interesse per lo studio.
È un caso disperato.
Eppure il suo nuovo insegnante di storia, il giovane Darcy Wilson, non la pensa così: Darcy crede in lei, e sa che Blue ha bisogno di ritrovare se stessa prima di trovare un posto nel mondo.
E così la sprona a guardarsi dentro e a ripercorrere il suo passato, a scrivere la sua storia, a dar voce alle sue emozioni.
Tra i due nasce una grande amicizia, e forse, a poco a poco, qualcosa di più: un sentimento forte, travolgente, a cui ciascuno dei due tenta in tutti i modi di resistere...






Ciò che leggiamo spesso è frutto della fantasia dell'Autore ma altre volte quest'ultimo trae ispirazione da storie/situazioni/persone reali, di cui ha avuto conoscenza diretta o indiretta.

La rubrica "Dietro le pagine" prende nome e idea da una presente nel blog "Itching for books" e cercherà di rispondere (cercherò di darle una cadenza settimanale, sempre in base alle piccole ricerche che riuscirò a fare) a questa curiosità: Cosa si nasconde dietro le pagine di un libro? Qual è stata la fonte di ispirazione?
"

Com'è nato questo libro?

L'Autrice ha dichiarato che, 
poichè nel suo primo romanzo - Running Barefoot - la protagonista Josie era molto simile a lei come personalità, le venne la voglia di scrivere un libro su una ragazza molto diversa da sè. 
Man mano che la storia procedeva (vi ha lavorato su per sei mesi), ha capito che però lei e Blue non erano poi così differenti, e anzi è probabile che tutti noi conosciamo qualcuno come Blue; forse è più giusto dire che tutti abbiamo un po' di Blue in noi. 
Certo, Amy non ha vissuto esperienze come quelle di Blue ma la convinzione dell'Autrice era che ogni donna potesse riuscire ad entrare in profonda empatia con la sua giovane protagonista.

I personaggi di Blue e Wilson non hanno riferimenti a persone reali, sono piuttosto frutto della sola immaginazione di Amy.
Certo, non è difficile credere che in un certo senso essi non siano altro che diverse versioni di se stessa, perché del resto è lei a crearli.
Per quanto riguarda Wilson, egli rappresenta un po' l'uomo dei sogni: ama la musica, ama le parole e la storia, e parla con un accento inglese. E soprattutto, è diverso da qualsiasi altro ragazzo/uomo Blue abbia mai conosciuto. 

In generale, sono state necessarie tante ricerche per scrivere A Different blu, ma chi ha letto il romanzo sa che ci sono tantissimi riferimenti alla civiltà dei nativi americani; la Harmon ha spiegato che tante informazioni su di essi le ha apprese grazie ad un caro amico che ha servito in una missione mormone nella riserva indiana Navajo. 



Blog da cui ho tratto e rielaborato queste informazioni:

http://www.shereadsnewadult.com/
http://www.whirlwindbooksandreviews.com/
https://joyinthemoments.wordpress.com

4 commenti:

  1. Ciao Angela, mi piace molto questa rubrica, perchè anche la storia che sta dietro all'elaborazione di un romanzo è molto affascinante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi diverto anche io a fare questi articoli, perchè - come con le recensioni - sono i post che richiedono un minimo di ricerca e più impegno, rispetto alle anteprime ad es.m che sono un po' più "meccaniche" ;)

      Elimina
  2. Cara Angela, questa tua rubrica è davvero interessante. Un dietro le quinte che rivela il seme da cui germoglierà il romanzo. Ottima iniziativa che seguirò con interesse :)

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...