lunedì 18 aprile 2016

Recensione: CAMERE SEPARATE di Pier Vittorio Tondelli



E proseguiamo con il mio parere su un romanzo particolare, incentrato sulla figura di un uomo di 30 anni che si ritrova a riflettere su se stesso, sulla morte e sulla vita, sull'amore vissuto e sul senso di estraniazione e separazione che prova rispetto al mondo e, a volte, anche verso se stesso.


CAMERE SEPARATE
di P.V. Tondelli


Camere separate
Ed. Bompiani
224 pp
11 ero
2001
Leo ha più di trent'anni ed è un uomo fondamentalmente solo, che sta vivendo un (ormai lungo) periodo di crisi esistenziale dal quale sembra non voler uscire.

Leo ha avuto più di un amore nella propria vita, ma pochi sono stati realmente importanti,.
Sì, c'è stato il compagno Hermann, tanto affascinante quanto volubile, con cui litigava un giorno sì e l'altro pure, con cui si è lasciato un sacco di volte, fino all'abbandono definitivo che lo ha convinto che non avrebbe vissuto un'altra convivenza.
Finché non è arrivato Thomas.
Il bel Thomas, un po' più giovane di lui, che rappresenta l'amore vissuto con passione e attrazione, la freschezza della gioventù ed insieme l'incertezza di un futuro ancora da disegnare.
Insomma, il contrario di Leo, che rappresenta invece la consapevolezza matura di un adulto che non ha alcuna voglia di sentirsi ingabbiato in una relazione amorosa che rischia di assumere i soffocanti contorni di un matrimonio.
Nel corso di tre anni di relazione con Thomas, Leo vi trasferirà tutta la propria inquietudine, le proprie contraddizioni (dolcezza-aggressività, sarcasmo-tenerezza, vicinanza-lontananza, ricercarsi/abbandono...), pretendendo che Thomas stia al suo gioco delle "camere separate".

"l’amore, come il dolore, non può né crescere, né diminuire. Era una prospettivadiversa con Thomas. Sapeva, fin dall’inizio, che mai lui avrebbe potuto essere “tutto”. Per questo chiamava il loro amore “camere separate”. Lui viveva il contatto con Thomas come sapendo, intimamente, che prima o poi si sarebbero lasciati. La separazione era una forza costitutiva della loro relazione e ne faceva parte analogamente all’idea di attrazione, di crescita, di desiderio sessuale. Era una consapevolezza che se non impediva l’abbandono, lo rendeva più umano."

Leo ama Thomas e lo vuole accanto a sè, ma non sempre, non tutti i giorni, non nella quotidianità tranquilla e abitudinaria di una vita di coppia in cui inevitabilmente si delineerebbero ruoli quali "moglie" e "marito"; e così imposta la sua relazione con il giovane amante  tenendo presente che si tratta di un rapporto di appartenenza ma non di possesso, come eterni fidanzati che non avrebbero dovuto temere i momenti di separazione, perchè sicuramente avrebbero stimolato il loro rapporto.

Ma il tempo e la vita non ci appartengono e quando Thomas muore a causa di una malattia, a Leo resta solo il ricordo di un amore forte e tenero, e nel cuore e attorno a lui... una profonda solitudine.

Il dolore e il senso di svuotamento per la perdita dell'amato spingono Leo a viaggiare in lungo e in largo, per controllare questa sofferenza, l'angoscia, la solitudine, la paura di morire.
La malattia e la morte di Thomas hanno segnato un punto di svolta e già in precedenza c'è passato, uscendone cambiato.

La consapevolezza della fragilità della propria esistenza - con la conseguente voglia urgente di cambiare vita, di lasciarsi dietro il passato - l'aveva esperita già anni prima, in una notte drammatica eppure illuminante che l'ha visto da solo con se stesso, in balia di un turbine di sensazioni fisiche e psicologiche violente che lo portarono a una sorta di rinascita.

La solitudine ha il suo gran peso nella vita di quest'uomo che non trova requie da nessuna parte e con nessun altro uomo dopo Thomas, e per alleviare questo peso Leo sceglie, appunto, di viaggiare; eppure egli

"non avverte la propria solitudine come una disperazione. Si sta concentrando su di sé, si sta racchiudendo nelle proprie fantasie e nei propri ricordi. Sta cercando di abbracciare la parte più vera di se stesso recuperandola attraverso il ricordo, la riflessione, il silenzio.".

L'Autore scava nel profondo del protagonista, che del resto è uno scrittore sensibile, acuto osservatore di ciò che lo circonda, che si interroga moltissimo su se stesso e sugli altri, ma che sente rispetto al mondo e alle persone sempre un ineluttabile senso di separazione, dal proprio paese natio e dalla famiglia, dalla religione, con la quale ha un rapporto di attrazione-repulsione, frutto della convinzione di aver bisogno di Dio ma non di pratiche religiose borghesi, grette e ipocrite, che condannano le sue scelte di vita.

Leo è un individualista, un uomo che ha compreso, negli anni, di poter stare bene da solo, ed è per questo che dopo Thomas, crede di non aver bisogno di un altro amore.
Ma questo potrebbe far allargare in lui quella zona incattivita e sterile che rischia di lacerarlo, di togliergli ogni gioia di vivere.
Leo ha forse bisogno di recuperare una nuova carica che lo spinga a vedere che la vita sta andando avanti, e che il lutto va affrontato, condiviso, per poi liberarsene, non lasciandosi soffocare come sta facendo lui?

Attraverso tre soli capitoli, identificati come "movimenti" - Verso il silenzio - Il mondo di Leo - Camere separate - l'Autore non si limita a raccontare la vita di Leo, i suoi silenzi, le sue fughe da se stesso, la sua rabbia e il suo dolore, il senso di inutilità e di solitudine, ma quasi ci costringe a "indossare" gli occhi del protagonista, ci fa sentire addosso tutta la sua tristezza, la sua nostalgia, i suoi sentimenti e stati d'animo contraddittori. 

Camere separate è dunque un romanzo ricco di interiorità, che ci scorre davanti con una scrittura lucida ma intensa, malinconica e spesso ruvida, che pone il lettore davanti al doppio impulso della vita e della morte, davanti alla solitudine che non è vista da chi la vive come qualcosa di negativo, ma anzi come l'unica condizione per restare con se stessi  e starci bene, davanti all'amore, che non deve necessariamente essere totalizzante per renderci felici e appagati.

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...