venerdì 12 maggio 2017

Recensione film: COME IL VENTO (di Marco Simon Puccioni)



La storia vera di una delle prime donne a diventare direttore di un carcere; una donna piena di fragilità, nascoste sotto una corazza apparentemente molto forte e difficile da scalfire; ma si sa, anche le spalle più vigorose rischiano di crollare quando i fardelli da sopportare sono troppo pesanti e attorno c'è solo un opprimente senso di solitudine.


COME IL VENTO


Regia: Marco Simon Puccioni. 
Cast: Valeria Golino, Chiara Caselli, Diego Migeni, Enrico Silvestrin, Filippo Timi,Francesco Acquaroli, Francesco Scianna . Anno: 2013


Armida Miserere è una donna con un grande senso di giustizia, che svolge il proprio lavoro con correttezza e rigore, requisiti necessari per sopravvivere in un ambiente lavorativo composto da soli uomini e in cui ogni giorno deve avere a che fare con terroristi, mafiosi e criminali.

Ad allietare le sue giornate, fuori dal carcere, ci pensano gli amici e soprattutto il compagno, Umberto Mormile, che lavora come educatore in carcere.
I due insieme sono felici e la gioia aumenta quando lei rimane incinta; purtroppo però perde il bambino, ma questo li lega, se possibile, anche di più.
Armida riceve intanto diverse intimidazioni, cui vorrebbe dare poco peso, ma purtroppo accade la tragedia: Umberto viene ucciso in un agguato a Milano (è il 1990).
Il dolore per la perdita è immenso, il senso di vuoto e la solitudine si fanno sentire, ma Armida è una donna d'acciaio e va avanti con la sua vita e con il suo lavoro, sempre col pensiero però che un giorno verrà fuori la verità su chi ha ammazzato Umberto.

Passano gli anni e Armida è chiamata durante la sua carriera a dirigere i penitenziari più “caldi” d’Italia, da Pianosa in mezzo a boss mafiosi, all'Ucciardone di Palermo, fino ad arrivare a Sulmona, l'ultimo carcere in cui ha lavorato.

Armida è sempre la stessa persona, rigorosa e dura sul lavoro, che non fa sconti a nessuno e, convinta com'è che la detenzione carceraria debba sì riabilitare il delinquente ma senza trasformarsi in un grand hotel, non teme di prendere severi provvedimenti verso i detenuti, anche se questo le attira davvero poche simpatie, tanto da essere soprannominata "la femmina bestia" o "il colonnello".
Ma lei va avanti per la sua strada, fiera nello svolgimento di questa difficile professione, cui la sua vita è dedicata, e consapevole di come essa le abbia già tolto tanto.
I sensi di colpa per la morte di Umberto si insinuano e il vuoto lasciato da lui è incolmabile, ma questo non le impedisce di provare a innamorarsi nuovamente..., anche se la felicità sembra dimenticarsi di lei troppo in fretta...

Armida è una donna combattiva e cerca di non lasciarsi andare, ma è davvero tanto difficile quando attorno piovono critiche pesanti per le scelte fatte sul lavoro, quando torna a casa e a farle compagnia ci sono solo i due cani, quando il pensiero di quel figlio mai arrivato sopraggiunge a tormentarla.

Valeria Golino porta in scena un direttore di carcere donna che è sì determinata, tutta d'un pezzo, ma allo stesso tempo, soprattutto nei momenti privati e fuori dall'ambiente di lavoro, ci fa conoscere quel lato femminile di Armida più fragile, sensibile, perchè in fondo era una donna come tutte, che soffriva e piangeva davanti alle perdite e ai vuoti incolmabili che purtroppo hanno caratterizzato la sua esistenza, che ha vissuto sempre un po' divisa tra il lavoro e la vita privata, tra gli ideali di giustizia e il bisogno d'amore.

E' un film toccante, la Golino dà intensità a questo personaggio, ce ne restituisce tutta la sua umanità complessa, facendocene percepire tutte le sfumature, le emozioni, le poche gioie e i tanti momenti di sconforto, scoraggiamento, di abbandono, di disperazione, troppo spesso nascosti dietro una facciata di fermezza e freddezza.

Da vedere, perché merita: è una storia tristemente vera, dolorosa, e l'attrice protagonista ha fatto un lavoro davvero ineccepibile nel raccontarci questa donna, la sua interiorità e la sua (non facile) vita.

4 commenti:

  1. Adoro Valeria Golino q questo ê un film che vorrei assolutamente vedere!
    Un bacio

    Nuovo post sul mio blog!
    Ti aspetto da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me piace molto!! su raiplay lo trovi :=)
      passo volentieri ;)

      Elimina
  2. Mi hai incuriosita con questa recensione,da vedere.Mi sono iscritta con piacere al tuo blog,se ti va passa da me.
    Un bacio
    Ale
    http://alespinkfairytale.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'iscrizione, passo volentieri :-)

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...