sabato 9 gennaio 2021

Film in uscita nel 2021 (si spera)

 

Dando un'occhiata in web, ho visto che ci sono diversi libri che son pronti a diventare film in questo 2021.

Ne condivido alcuni, quelli che a me personalmente interessano maggiormente; di essi, un paio li avevo già menzionati nel post dei "Film tratti dai libri 2020", ma ovviamente tante pellicole che sarebbero dovute uscire nell'anno scorso, sono state rimandate a... tempi migliori.


Il romanzo di Donatella Di Pietrantonio, L'Arminuta, diventa un film, con la regia di Giuseppe Bonito e sceneggiatura di Monica Zapelli; nel cast: Sofia Fiore, Vanessa Scalera, Fabrizio Ferracane, Elena Lietti, Andrea Fuorto, Carlotta De Leonardis.

Il romanzo, ambientato negli anni settanta in un Abruzzo luminoso, ruvido e dolente, racconta la storia di una ragazzina di tredici anni che tutti chiamano l’Arminuta (in dialetto abruzzese significa la ritornata) che da un giorno all’altro scopre di non essere la figlia delle persone con cui è cresciuta e si trova restituita alla sua vera famiglia.


La tigra bianca, diretto da Ramin Bahrani, si basa sull’omonimo romanzo di Aravind Adiga (Einaudi)e ha come protagonista un ambizioso ragazzo indiano,  Balram, che riesce a diventare l’autista dei facoltosi Ashok e Pinky. Cresciuto con convinzione di dover adottare un comportamento da leale servitore, scopre che i nuovi datori di lavoro sarebbero disposti a rovinare il suo futuro per mantenere la loro vita così come’è. Da questa rivelazione Balram troverà la forza di ribellarsi al sistema corrotto e ingiusto di cui ha sempre fatto parte.

Cast: Adarsh Gourav, Rajkummar Rao, Priyanka Chopra Jonas.



LEI MI PARLA ANCORA è un film che vede alla regia Pupi Avati e che è tratto dall'omonimo romanzo di Giuseppe Sgarbi.
"Ho voluto raccontare la storia di un grande amore, quello tra Nino e Caterina, un amore lungo 65 anni, un amore che dura oltre la morte", ha dichiarato Pupi Avati.
Nel cast Renato Pozzetto (Nino), Stefania Sandrelli (Caterina), Isabella Ragonese (Caterina giovane), Lino Musella (Nino giovane), Fabrizio Gifuni, Chiara Caselli, Alessandro Haber, Serena Grandi, Gioele Dix, Nicola Nocella.
Nino e Caterina sono sposati da sessantacinque anni e si amano profondamente dal primo momento che si sono visti.
Alla morte di Caterina, la figlia Elisabetta, nella speranza di aiutare il padre a superare la perdita della donna che ha amato per tutta la vita, gli affianca Amicangelo, un editor con velleità da romanziere, per scrivere attraverso i ricordi del padre un libro sulla loro storia d’amore. Amicangelo accetta il lavoro solo per ragioni economiche e si scontra subito con la personalità di un uomo che sembra opposta a lui.
Ma il rapporto tra i due diventerà ogni giorno più profondo fino a trasformarsi in un’amicizia sincera.


.
La fuga. Chaos di Patrick Ness diventa un film, Chaos Walking, diretto da Doug Liman: è un distopico ambientata sul pianeta Mondo Nuovo, dove gli uomini convivono con il Rumore, cioè la capacità di sentire i pensieri altrui, e le donne sembrano estinte, almeno fino a quando Todd, giovane protagonista, non scopre Viola.

Nel cast Tom Holland, Daisy Ridley, Mads Mikkelsen, Cynthia Erivo, Nick Jonas, David Oyelowo.



Security, diretto da Peter Chelsom, è ispirato all'omonimo romanzo di Stephen Amidon (Mondadori) e sceneggiato dallo stesso regista insieme a Tinker Lindsay; il film è interpretato da Marco D'Amore, Maya Sansa, Fabrizio Bentivoglio, Valeria Bilello, Silvio Muccino, Tommaso Ragno, Ludovica Martino, Giulio Pranno e Beatrice Grannò.

In un piccola cittadina dove tutti si conoscono, la figlia dell’ubriacone del paese, arrestato per sospette molestie pedofile, accusa di tentato stupro il ricco newyorkese che possiede la tenuta più grande di tutta la zona. Mentre la polizia ritiene che si tratti di una strategia per coprire il padre, il responsabile dei sistemi di sicurezza installati nelle case della città scoprirà una verità che cambierà la vita a molte persone.


LA SCUOLA CATTOLICA, tratto dall'omonimo libro di Edoardo Albinati, vincitore dello Strega 2016, è diretto da Stefano Mordini; nel cast ci sono: Valeria Golino, Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Benedetta Porcaroli, Ludovico Tersigni, Valentina Cervi.

Trama: nella Roma degli anni ’70, in un quartiere residenziale si trova una scuola cattolica maschile frequentata da figli di famiglie borghesi. Nello stesso periodo la città è scossa da tumulti politici, da cui le famiglie pensano di poter allontanare i giovani tramite una rigida educazione. Nella notte tra il 29 e il 30 settembre del 1975 però il delitto del Circeo sconvolge Roma: i responsabili del crimine sono ex studenti proprio della scuola cattolica. Edoardo, che la frequenta, cerca di raccontare il clima che ha portato a quegli eventi.



fonti: Il Libraio; Coming Soon

venerdì 8 gennaio 2021

Recensione: UN DUCA DA SCEGLIERE di Jess Michaels - Review Party

 

“Un duca da scegliere”è il secondo libro della serie di romance regency “Il Club del 1797” e si focalizza sulla storia d'amore, tanto intensa quanto ostacolata, tra il bel Simon e la dolce ma combattiva Meg.

Pubblico la recensione oggi e con essa partecipo al Review Party organizzato in occasione della recente uscita del libro.






UN DUCA DA SCEGLIERE
di Jess Michaels



trad. Isabella Nanni
258 pp
Margaret Rylon, la sorellina di James, duca di Abernathe, è da sempre invaghita di Simon Greene, duca di Crestwood, grande amico del fratello.
Lei e Simon hanno sempre avuto un rapporto speciale, fatto di scherzi, confidenze, balli: sono amici da sempre, tra loro scorre un affetto sincero che però nasconde un sentimento diverso dall'amicizia.

C'è una forte attrazione che li unisce, ma è fatta solo di sguardi rubati, di sospiri segreti, di emozioni e pensieri tenuti per sé e mai espressi per paura di un rifiuto.

Anche Simon, infatti, vuol bene alla "piccola" Meg, e quanto sono grandi il suo stupore e la sua amarezza quando James gli rivela di aver scelto come marito per la sua sorellina il loro comune e fraterno amico Graham, duca di Northfield!

Tutti e tre i giovanotti appartengono al Club del 1797 e tra i membri di questo club tutto al maschile c'è assoluta lealtà, amicizia, sostegno.
Ma scoprire che la ragazza di cui è innamorato sta per fidanzarsi (e sposerà) l'amico, fa star male il povero Simon che, non avendo il coraggio di farsi avanti né con James né con Meg, preferisce ingoiare il rospo e rassegnarsi all'idea che lei non sarà mai sua.

Dal canto suo, la povera Meg spera in cuor suo che Simon si dichiari, ma questo non avviene e lei, a sedici anni, finisce per essere la fidanzata di Graham, un uomo che non ama...

Questi è certamente un bel ragazzo, è gentile, premuroso, cortese... ma glaciale. Mai un bacio affettuoso, mai un gesto che faccia capire che è innamorato della fidanzata. Niente, Graham tratta Meg come fa da quando si conoscono, con la distante affabilità che ha sempre avuto con la sorella del migliore amico.

Simon cerca disperatamente di non distruggere l'amicizia con i due duchi e con la stessa Meg, cercando quindi di celare i suoi desideri, ma il destino ci mette lo zampino e la situazione, sei danni dopo dal fidanzamento, precipiterà.

Un giorno Meg e Simon rimangono intrappolati da soli nel cottage della famiglia di James, a causa di un improvviso e violento temporale; sono costretti a trascorrere la notte insieme, svestiti - per permettere agli abiti di asciugarsi -, e nonostante i due riescano a resistere alla tentazione e si limitino a un bacio senza andare oltre, il mattino dopo Graham e James li trovano al cottage e il primo è furibondo perché immagina cosa possa essere successo tra la fidanzata e l'amico.

Lo scandalo che ne risulta non solo porta alla rottura del fidanzamento di Meg, ma costringe Simon a chiederne la mano al posto del suo amico.

I due sono mortificati e sanno di meritare la delusione di James, la rabbia di Graham e il disprezzo di amici e parenti - è indubbio che si siano infilati in una situazione compromettente e "sconcia" -, ma almeno una cosa positiva, in tutta questa triste storia, c'è: Meg può fidanzarsi con l'amore della sua vita!

La ragazza, pur essendo sinceramente dispiaciuta di aver ferito la sua famiglia e il suo (ormai ex) fidanzato, non riesce a non essere felice all'idea di poter realizzare il suo sogno d'amore con Simon, l'unico che abbia mai amato e desiderato. 

E di giorno in giorno ella è sempre più determinata ad avere una vita felice insieme a lui, tanto più che si rende conto di come siano in sintonia quando si abbandonano alla passione.

Ma Meg deve fare i conti con qualcosa di più complicato dell'amarezza di Graham, del dolore per aver deluso il fratello e la sua dolce moglie (Emma), dei sordidi pettegolezzi che girano su lei e Simon: ad impedire alla neocoppia una piena felicità è lo stesso Simon, il quale non riesce a non sentirsi in colpa per aver tradito l'amicizia di Graham e James e per aver esposto Meg a uno scandalo, che potrebbe costarle gli inviti e le amicizie in società.

L'atteggiamento di Simon è fonte di sofferenza per Meg, agli occhi della quale la loro condotta disdicevole ha sì peso, ma è pur vero che, non potendo più tornare indietro per cambiare il passato, non ha senso costringersi all'infelicità e rovinarsi il futuro: stanno insieme, era quello che volevano, no? Perché autoaffliggersi pensando a ciò che non può essere mutato? Ormai il danno c'è stato, attraverso il fidanzamento (e il prossimo matrimonio) il loro onore verrà in qualche modo recuperato, chi ha sofferto e soffre se ne farà una ragione..., quindi a un certo punto bisogna andare avanti per afferrare con convinzione la felicità e fare la propria vita! I maldicenti e le malelingue facessero pure la loro parte, pazienza!

Ma Simon ha un modo di ragionare decisamente più contorto...

A destabilizzare emotivamente la ragazza, poi, è in particolare il fatto che lui le dimostri tutto il suo desiderio, il suo ardore, attraverso il corpo, abbandonandosi insieme a lei a ore di amore e passione 
sotto le lenzuola.
A termine dell'amore, però, lui ritorna cupo, ombroso, comincia a prendere le distanze dalla fidanzata, schiacciato dal senso di colpa per aver tradito il suo amico e, in generale, i valori del Club, che per lui è come una famiglia.

Perché purtroppo Simon non ha mai vissuto la propria famiglia come quel nido d'amore che dovrebbe essere per tutti. 

Se Simon non impara in fretta a far pace con se stesso, con i propri sensi di colpa, di inferiorità, con le insicurezze maturate in famiglia, potrebbe rischiare seriamente di perdere la sua Meg e di negare ad entrambi la possibilità di essere felici.

Questo romance storico, ambientato nel 1810 in Inghilterra, racconta una storia d'amore bella, dolce e sensuale, ma anche molto tormentata ma, a differenza di come accade di solito - dove gli ostacoli sono esterni -, qui l'impedimento è "interno" ed interiore: è un membro della coppia ad ostacolare l'amore con l'altro, e lo fa per ragioni intime, che provengono da dentro, dal suo cuore e dalla sua mente, da problemi e insicurezze irrisolti.

Simon è un giovanotto sensibile, nonostante abbia sempre fatto di tutto per apparire solo un tipo allegro, burlone, solare, simpatico e senza problemi; in realtà, se c'è una cosa che lo fa soffrire è il pensiero di deludere le persone che ama e di dover convivere con la vergogna dei propri errori e la solitudine e il disprezzo che ne deriverebbero.

E questo aspetto della personalità - rendersi conto dei propri sbagli e starci male - è sicuramente qualcosa che fa onore a Simon, ma il problema è che... c'è un limite anche ai sensi di colpa!

Quest'uomo è schiacciato ed ossessionato dalla convinzione di dover soffrire per espiare i propri peccati, e questo atteggiamento è davvero eccessivo, anche perché rischia di fargli perdere di vista il bello che ha accanto e che lo aspetta nel futuro, oltre che risultare "pesante".

La sua fidanzata deve combattere per tenere accanto a sé il suo uomo, che tra l'altro non è molto galante - parere mio - a sbarazzarsi dei sensi di colpa e della vergogna solo quando si abbandona alla passione con la fidanzata, per poi scappare da lei e trattarla con distanza dopo la fine dell'amplesso!

Questo per dire che in certi momenti il personaggio di Simon mi ha suscitato un po' di irritazione, in quanto ho trovato esagerata questa sua propensione a castigarsi; per contro, mi sono piaciuti gli altri personaggi, dal pacato, premuroso e leale James, alla saggia e comprensiva Emma, e soprattutto la protagonista femminile, Meg, che è giovane ma molto determinata, pronta a lottare per il suo amore e paziente nei confronti delle mille paranoie di lui.

I momenti di intimità hanno un alto tasso di sensualità, senza essere volgari; anche su questo fronte viene fuori la personalità di Meg che, per quanto inesperta e ingenua, non esita a seguire i desideri del proprio corpo (oltre a quelli del cuore) e a donarsi a colui che ama interamente.

Se siete alla ricerca di una storia d'amore ricca di sentimento ed eros, dove vengono esaltati anche valori come l'amicizia, non posso che consigliarvi questo romanzo.


giovedì 7 gennaio 2021

Recensione: BORGO SUD di Donatella Di Pietrantonio



Ho lasciato l'Arminuta ragazza per ritrovarmela ormai donna, con una soddisfacente carriera da insegnante universitaria a Grenoble ma con il cuore eternamente gonfio e pesante di tristezza, abbandoni, perdite. 
E solitudine.


BORGO SUD
di Donatella Di Pietrantonio


Einaudi
168 pp

"Il ricordo è una forma di recriminazione. È il perdono che non trovo."

Non ci si separa mai del tutto dal proprio passato, dalle proprie radici e dalla propria famiglia; puoi andar lontano quanto ti pare, ma poi basta una telefonata a riportarti "a casa", nel nostro caso a Pescara, e precisamente a Borgo Sud, la zona marinara della città. 

Ed è così che "essa", l'Arminuta, intraprende un viaggio nei ricordi, col quale ripercorre il rapporto con le due donne della sua famiglia - la madre e la sorella Adriana -, con l'ex-marito Piero e, in generale, la propria vita fino a quel momento, fatta più di silenzi che di parole, più di abbandoni che di presenze, di addii più che di ritorni.

«C’era qualcosa in me che chiamava gli abbandoni». 

Tornare a Borgo Sud insieme alla protagonista significa ritrovare quel vulcano di Adriana, che ha sempre vissuto come un violento uragano, capace di travolgere la sorella, comparendo di punto in bianco e senza lasciar spazio e tempo per risponderle, per rimproverarla, farla ragionare.

Come quando, una notte di molti anni prima, si è presentata alla porta dell'appartamento che la sorella condivideva con l'allora marito - il placido Piero - ed è entrata pretendendo ospitalità per sè e per il bimbo di pochi mesi che si portava dietro.

Adriana, sempre così riottosa, inquieta, di una vivacità indisciplinata e irritante, di chi non ti chiede per ottenere qualcosa ma semplicemente se la prende, soprattutto se pensa di averne diritto.
S'infila così in casa della sorella per un po' di tempo e, pur nel suo essere così egoista e infantile (se vuole un abito costoso, poco importa che non possa pagarselo: lo mette sul conto della sorella e del cognato, ci penseranno loro a saldare il debito), nei gesti frettolosi e poco gentili, nei modi, spesso sgarbati, di rivolgersi alla sorella maggiore, Adriana ha un occhio pratico, allenato a capire le persone, più realista e disincantato verso il mondo.
Col suo essere schietta e senza filtri, coglie le crepe nel matrimonio della sorella, che invece incassa la testa fra le spalle e chiude gli occhi per non vedere e non capire, facendosi bastare il proprio indiscusso amore per il marito.

Ma possibile che "essa" non si faccia mai alcuna domanda sulle sempre più frequenti assenze del suo Piero, sul suo tornare troppo spesso tardi la notte...? Lavoro e solo lavoro... o c'è altro? O c'è un'altra?

Lei si fida di Piero, sempre così gentile, affettuoso...; beh, sull'affettuosità ci sarebbe qualcosa da ridire, visto che effettivamente col tempo s'è fatto un po' distante, e questo potrebbe voler dire qualcosa?

L'Arminuta non vuol vedere, non vuole indagare per non soffrire, per non vedere realizzata la secca profezia materna: "ti farà soffrire".

Eppure il loro amore è nato così spontaneamente, lei e Piero si son sentiti legati da subito, tanto da organizzare velocemente il matrimonio, che è stato un giorno felice.

Cosa è andato storto?

Forse è il loro amore ad essere così: storto, strano, incompleto, irreparabile, come lo è quello di Adriana per il padre del piccolo Vincenzo:

"...amori sacri e un po’ storti che ci siamo trovate da giovani. Cosí diversi, e nessuno dei due destinato a durare. Siamo state noi a tenerli in vita oltremisura."

Adriana e Rafael, il pescatore dagli occhi neri lucenti e i capelli ricci, colui che l'ha messa nei guai più di una volta a causa dei debiti.

Le due sorelle sono all'opposto per temperamento e carattere, eppure accomunate da una medesima  radice avara e velenosa, e da un destino simile, fatto di errori difficili da sistemare.

L'Arminuta non s'è mai sentita granché parte di quella famiglia con la quale s'è ricongiunta a tredici anni: solo con Adriana ha sviluppato un rapporto forte e contraddittorio, fatto di alti e bassi, di silenzi stizziti o parole urlate.

"Genitori e fratelli, il paese sulle colline, erano lontani, nella durezza del dialetto. Occupavano ricordi non proprio felici, e solo un poco il presente. Lei, al contrario, era sempre così viva e pericolosa. Provavo forte il disagio di essere sua sorella."

Sono sorelle e c'è dell'affetto tra loro; sanno di poter contare l'una sull'altra e nei momenti complicati questo verrà sempre fuori, ma quanto è difficile esprimersi affetto quando non si è abituati a farlo!

Del resto, con una mamma come la loro, incapace di una carezza, di una parola gentile, sempre brusca nei modi, nei toni, nelle movenze, è difficile imparare ad esternare amore.

"Con mia sorella ho spartito un’eredità di parole non dette, gesti omessi, cure negate. E rare, improvvise attenzioni. Siamo state figlie di nessuna madre. Siamo ancora, come sempre, due scappate di casa."

Ritorna tra queste pagine il controverso e complicato rapporto con la madre, con questa genitrice che prima ha dato via la figlia e poi se l'è ripresa, introducendola in un contesto familiare sconosciuto, semplice nel suo essere rude e poco accogliente, dove a un certo punto è entrato il lutto a rendere l'aria ancora più tesa, i rapporti ancora più chiusi e i silenzi più sofferti. 

Una madre e un padre che restano sempre gli stessi nella loro modesta esistenza, nella quotidianità di gesti fatti per abitudine, con i loro modi spicci, i volti accigliati, i giudizi facili, i rimproveri sempre pronti, e con la porta di casa comunque aperta a queste figlie strane, una con la coccia sempre sui libri e l'altra scapestrata e combinaguai.

Genitori su cui passano gli anni, i cui corpi invecchiano e perdono vigore, andando incontro a malattie e a nuove esigenze. Genitori di cui prendersi cura, e l'Arminuta - proprio lei, per ironia della sorte!, che era stata mandata via da piccina - è quella sulle cui spalle grava questo fardello.

"...era mia madre. Era lei mia madre. Mi aveva data da crescere a un’altra donna, eppure ero rimasta sua figlia. Lo sarò per sempre. (...) Mia madre mi occupava dentro, vera e feroce. Restava in gran parte sconosciuta, non sono mai penetrata nel mistero del suo affetto nascosto. Chiuderò i conti con lei nella mia ultima ora."


Il ritorno a Borgo Sud, dopo la brutta telefonata che l'ha raggiunta in Francia e costretta a prendere il treno, è l'occasione per la protagonista di guardarsi in profondità, di pregare e sperare che un po' di pace arrivi da qualche parte per lei e per la sua sfrontata e indomabile sorellina, unica presenza certa della sua vita.

Ho apprezzato lo stile senza dubbio molto fluido dell'Autrice, la sua capacità di farti entrare nella storia e di avvicinarti ai personaggi attraverso una penna che, pur nel suo essere asciutta ed essenziale, non perde d'intensità, ma anzi ti spinge a soffermarti sulle parole, su quelle frasi più significative, che gettano luce sull'interiore della protagonista.
Mi ha nuovamente colpito il dovermi riscontrare con la chiusura emotiva della famiglia, della madre in particolare, così naturalmente (e forse incolpevolmente?) incapace di mostrare amore al sangue del suo sangue, tema già presente nel libro precedente.

Ho trovato questo libro intriso di (troppa) tristezza, e la forza di carattere che avevo ravvisato nella protagonista ne L'Arminuta, non l'ho trovata tra queste pagine, anzi: "essa" (ancora senza nome) mi ha dato l'idea di una donna ferita, sola, appesantita da rimpianti, sensi di colpa, dal matrimonio fallito e da un amore (quello per Piero) che non le reca alcuna gioia, e che si aggrappa all'unico affetto che la fa sentire parte di qualcosa, cioè quello con la sorella, che sarà pure spesso insopportabile - con le sue rispostacce ingrate, le frasi perfide sibilate o urlate alla sorella maggiore, le sue pretese - ma resta comunque un legame importante e inscindibile.
Non ho potuto non paragonare il rapporto tra Piero e la protagonista con quello tra Adriana e Rafael, e in entrambi i casi vale il detto "chi si somiglia, si piglia": là dove i secondi sono due teste calde, che non se le mandano a dire e litigano con foga, i primi due sono deboli di carattere, si raccontano bugie, chiudono occhi e orecchie pur di non affrontare la realtà con la scusa di proteggere l'altro, quando poi, inevitabilmente, la verità emerge comunque a lungo andare, e si finisce per provocare sofferenza.

Credo che questa costante e un po' angosciante tristezza che accompagna passo passo la protagonista (la ricordavo più decisa, qui è come se avesse subito un'involuzione), mi abbia impedito di entrare in empatia con lei con lo stesso trasporto del libro precedente, che avevo apprezzato molto di più.

Resta comunque una scrittrice di cui volentieri leggerei altro.

mercoledì 6 gennaio 2021

On my wishlist - Anteprima: UN COLPO AL CUORE di Piergiorgio Pulixi (26 gennaio 2021)


 

Il 2021 è appena entrato e la mia lista dei libri che vorrei leggere si è allungata :o)

Eccone alcuni che mi hanno attirato molto.


IL MARE E IL SILENZIO di Peter Cunningham (Ed. SEM, trad. L. Grandi, 221 pp, Ottobre 2020) 

Irlanda, anni Quaranta. Giovane e bellissima, Iz vive sulla costa sudorientale con suo marito Ronnie, vicino a un mare spesso inquieto che ama contemplare. 
Le circostanze che l'hanno portata ad abitare non lontano da Monument, una città portuale, sono però avvolte nel mistero. L'emergenza mondiale si è infatti riflettuta nel microcosmo di Iz che, dopo aver conosciuto il vero amore, è stata costretta da ragioni più grandi di lei a fidanzarsi con un uomo che non amava in nome della sicurezza finanziaria e poi a sposare Ronnie per il bene della sua famiglia. Inizialmente le cose con il marito sembrano funzionare, ma poi precipitano man mano che le debolezze di Ronnie vengono alla luce. 

Ripercorrendo i decenni successivi alla conquista dell'indipendenza da parte dell'Irlanda, tra le brucianti questioni di classe e gli scontri fra protestanti e cattolici, "Il mare e il silenzio" è un'epica storia d'amore ambientata tra gli sfarzi del ceto privilegiato anglo-irlandese ormai in declino, che Cunningham ritrae con sapiente maestria.



LA CLASSE di Christina Dalcher (E, Nord, 416 pp)

Di questa scrittrice ho letto in passato VOX (RECENSIONE).

Immagina una scuola in cui non c'è spazio per i favoritismi e tutti sono giudicati in base ai risultati. Una scuola in cui gli studenti migliori non vengono rallentati dai mediocri o presi in giro dai bulli. 
In America, tutto questo è diventato realtà grazie al Q, un quoziente calcolato sulla base di test e sulla condotta, che determina l'istituto da frequentare: gli alunni più brillanti vengono ammessi nelle impegnative Scuole Argento, che assicurano l'ingresso ai college più esclusivi, mentre gli studenti normali rimangono nelle Scuole Verdi.

Le «mele marce», invece, sono allontanate dalle famiglie e portate nelle Scuole Gialle, delle strutture isolate dove imparano le materie di base e la disciplina. E per fare in modo che nessuno rinunci a migliorarsi o si sieda sugli allori, i test Q vengono ripetuti ogni mese. 
Elena Fairchild ha partecipato alla creazione del sistema Q e lo riteneva la chiave per una società più equa, più giusta. Adesso però, dopo alcuni anni come insegnante in una Scuola Argento, è tormentata dai dubbi: sebbene abbia accolto diversi alunni provenienti dalle Scuole Verdi, non ha mai visto qualcuno tornare dalle Scuole Gialle. 
I genitori ormai temono quel pulmino che passa di casa in casa il giorno successivo all'esame. E ora anche lei è una di quei genitori: sua figlia Freddie ha ottenuto un risultato troppo basso e le verrà portata via. Senza esitare, Elena si fa bocciare al test Q per insegnanti e viene trasferita nella stessa Scuola Gialla della figlia. 
E lì scoprirà che, quando le persone sono ridotte a numeri, non c'è limite a quello che può succedere a chi non conta più nulla…


** AGGIORNAMENTO **

Inserisco nella lista dei desideri l'ultimo romanzo di un autore che amo molto; è in uscita il 26 gennaio.



UN COLPO AL CUORE
di Piergiorgio Pulixi



Nero Rizzoli
19 euro
USCITA 26 GENNAIO 2021
"Occhio per occhio, dente per dente" è la regola del serial killer che ha deciso di riparare i torti del sistema giudiziario. 
Dove non arrivano le giurie, arriva lui, rapendo, torturando ed eliminando i criminali che l'hanno fatta franca. 
Indossa una maschera dai tratti demoniaci, e si fa annunciare ogni volta da un video intitolato La Legge sei tu in cui chiede alla gente di pronunciarsi in giudizio tramite votazioni anonime e irrintracciabili. A colpi di clic il richiamo alla giustizia sommaria diventa virale. 

Vendicatore spietato come il conte di Montecristo, villain incendiario al pari del Joker che sollevò Gotham City, il Giustiziere gioca la sua partita mortale. 
L'indagine sul caso che sta scuotendo l'Italia è affidata al vicequestore Vito Strega, esperto di psicologia e filosofia, tormentato criminologo dall'intuito infallibile, avvezzo alla seduzione del Male. 

Lo affiancano le ispettrici Mara Rais ed Eva Croce. Diverse come il giorno e la notte, le due formano una coppia d'eccezione: i modi bruschi e l'impulsività di Mara sono compensati dall'acutezza e dal riserbo sfuggente di Eva. 

Tra la Sardegna e Milano, i tre poliziotti dovranno mettere in gioco tutto per affrontare un imprendibile nemico dai mille volti e misurarsi ciascuno con i fantasmi del proprio passato.
Piergiorgio Pulixi compone un viaggio nell'incubo di questo tempo rabbioso segnato dall'odio, dal furor di popolo e dalla gogna mediatica, fino alla scoperta di una verità che illumina di luce sinistra il senso stesso del fare giustizia.

Mara ed Eva le abbiamo già conosciute in L'ISOLA DELLE ANIME.

martedì 5 gennaio 2021

Recensione: IL DIARIO DEL VAMPIRO. IL RISVEGLIO di Lisa Jane Smith

 

Cosa succede quando la ragazza più bella e ammirata della scuola incontra un ragazzo misterioso, tanto bello quanto riservato, che - a differenza di tutti i ragazzi del liceo - non le muore dietro ma, anzi!, la ignora di proposito come se lei fosse invisibile?
Succede semplicemente che la fanciulla, abituata a non ricevere rifiuti, farà di tutto per conquistare il giovanotto, non sapendo a quali tenebre andrà incontro...


IL DIARIO DEL VAMPIRO. IL RISVEGLIO
di Lisa Jane Smith



Ed. Newton Compton
124 pp
Bella, intelligente, brillante: Elena Gilbert è la classica brava ragazza che a scuola tutti ammirano, facendo a gara per catturare la sua attenzione: i maschietti vorrebbero conquistarla e la guardano adoranti, e le ragazze non sognano altro che far parte del suo ristretto gruppo di amicizie. 
Quando passa Elena nei corridoi del liceo non c'è coetaneo che non speri in un suo sguardo,  in un sorriso, in una parola rivolta proprio a lei/lui.

Elena lo sa, ne è consapevole... e ne gode. 
Quanto le piace essere la reginetta della scuola e sapere che, a uno schiocco di dita, i ragazzi le si inginocchiano davanti e le ragazze sbavano per esserle amiche!
Ma la fanciulla ha già due amiche del cuore e con loro forma un trio unito, oltre che molto invidiato.
Elena è amica per la pelle di Meredith e Bonnie: le tre sono fedeli e leali l'una all'altra, senza se e senza ma; stanno sempre insieme, condividono gioie e dolori dell'età adolescenziale.

Elena vive a Fell's Church con la sorellina di quattro anni presso la zia Judith, che si prende cura delle nipoti da quando esse sono rimaste orfani di entrambi i genitori, morti in un incidente.

Un giorno a scuola arriva uno straniero, un nuovo studente: è italiano, veste con eleganza, in modo fin troppo classico per un giovanotto della sua età; ha modi cortesi e gentili ma molto freddi e distaccati; non dà confidenza a nessuno, non sembra interessato a fare amicizia con i ragazzi né a lasciarsi corteggiare sfacciatamente dalle fanciulle.
Il bel ragazzo si chiama Stefan Salvatore e... sembra non accorgersi neppure della presenza di Elena Gilbert; quando le passa vicino o, addirittura quando lei di proposito gli rivolge la parola, lui va oltre, come se non la vedesse!
Elena è scioccata, prima ancora che arrabbiata: come si permette questo nuovo arrivato di ignorarla così palesemente e davanti a decine di studenti, tra cui l'odiosa Caroline, con cui è in competizione e che gode nel vedere come la bella rivale finalmente abbia trovato qualcuno a cui non piace?

Impossibile, Stefan nasconde per forza qualcosa, non può provare davvero zero interesse per lei!
La ragazza, con l'aiuto delle due amiche, comincia ad architettare delle strategie per catturare l'attenzione del tenebroso Stefan: nessuno può farla desistere da questo obiettivo, neanche il pensiero di ferire il suo ex, Matt, che ancora le vuol bene e farebbe di tutto per lei.

Intanto, conosciamo anche un po' Stefan, il cui colorito particolarmente pallido non è dovuto al fatto che è malaticcio o ha preso poco sole: è un vampiro, una creatura della notte, con un passato tormentato alle spalle, frutto di un amore forte ma tragico - per la bellissima Katherine - e del rapporto conflittuale col fratello, Damon (vampiro anch'egli), che non vede da moltissimo tempo.
I due fratelli in passato si sono dichiarati guerra aperta, non solo per diversità caratteriali ma per essersi innamorati entrambi di Katherine; ma qualcosa di drammatico è successo tra loro, dividendoli irrimediabilmente.

Quando gli occhi di Stefan incrociano quelli blu di Elena, egli vede in lei la stessa bellezza pura e naturale di Katherine.
Ma le due ragazze, benchè simili in alcuni tratti estetici, sono opposte per temperamento: là dove Katherine era dolce, mite, ingenua, fragilissima, Elena è una tigre, una combattente indomita, coraggiosa.

Nonostante cerchi di non innamorarsi di lei, Stefan è costretto ad arrendersi a un sentimento che si fa prepotentemente spazio nel cuore di entrambi, perché sono tutti e due alla ricerca di pace, di un legame che li faccia sentire finalmente completi e "a casa".

"Tutte le domande ricevettero rispostatutte le paure trovarono pace, tutti i dubbi svanirono. Ciò che provava non era semplice passione, ma una tenerezza dolente e un amore così forte che la scuoteva dentro. Sarebbe stato spaventoso nella sua intensità, se non fosse che quando era con lui non poteva avere paura di niente. Era tornata a casa. Questo era il suo posto, e alla fine l'aveva trovato. con Stefan, era a casa."


I due innamorati però non saranno liberi di viversi il loro amore e la motivazione non è difficile da immaginare: lei è un'umana, mortale, con la sua vita alla luce del sole, mentre lui è un ex-morto divenuto vampiro, che si nutre di sangue e la cui vita è legata al mondo delle tenebre. 

Ma il loro sentimento viene ostacolato anche da altri fattori.

Anzitutto, da quando è giunto Stefan nella cittadina di Fell's Church, alcuni sanguinosi e spaventosi eventi hanno cominciato a verificarsi; inoltre, lo stesso Stefan percepisce una presenza molto forte nella sua mente e attorno a lui, che lo condiziona e lo confonde.

Di cosa o di chi si tratta?

Di nuovo Damon irromperà nella vita di Stefan, travolgendo lui e la stessa Elena in un pericoloso triangolo di amore e odio, luce e ombra. 

Ha inizio per la bella Elena la più affascinante e pericolosa delle avventure, che la vedrà contesa dai due vampiri fratelli, avversari in una guerra millenaria e che non sono disposti a rinunciare a lei facilmente.

Questo è il primo romanzo di una serie che ha venduto milioni di copie e che è diventata una serie tv seguitissima.

Io non sono una grande fan del genere paranormal, ma devo dire che si è trattato di una lettura breve e molto scorrevole, tutto sommato caruccia e godibile, con un susseguirsi di eventi che si collocano in luoghi sinistri (tipo il cimitero) o comunque descritti in modo da generare suspense.

La narrazione è per lo più in terza persona, con brevi incursioni della prima quando si passa alle pagine del diario di Elena; visto il titolo, mi sarei aspettata che si desse maggiore spazio alla forma diaristica e che essa desse voce al vampiro (Stefan), ma è anche vero che è solo il primo capitolo di una serie. 

È un libro adatto sicuramente a lettori della stessa età dei protagonisti e fans di vampiri e affini. 

lunedì 4 gennaio 2021

Le mie letture di inizio anno ^_-

 

Ecco le mie letture di inizio 2021.


BORGO SUD di Donatella Di Pietrantonio

È il prosieguo de L'Arminuta (RECENSIONE).

Einaudi
168 pp
È ancora buio quando Adriana tempesta alla porta di casa della sorella, con un neonato tra le braccia. 
Non si vedevano da un po’, e sua sorella nemmeno sapeva che lei aspettasse un figlio. Ma da chi sta scappando? È davvero in pericolo?
Adriana porta sempre uno scompiglio vitale, impudente, ma soprattutto una spinta risoluta a guardare in faccia la verità. Anche quella piú scomoda, o troppo amara. Cosí tutt’a un tratto le stanze si riempiono di voci, di dubbi, di domande.
Entrando nell’appartamento della sorella e di suo marito, Adriana, arruffata e in fuga, apparente portatrice di disordine, indicherà la crepa su cui poggia quel matrimonio: le assenze di Piero, la sua tenerezza, la sua eleganza distaccata, assumono piano piano una valenza tutta diversa.
Anni dopo, una telefonata improvvisa costringe la narratrice di questa storia a partire di corsa dalla città francese in cui ha deciso di vivere. Inizia una notte interminabile di viaggio – in cui mettere insieme i ricordi -, che la riporterà a Pescara, e precisamente a Borgo Sud, la zona marinara della città. 
È lí, in quel microcosmo cosí impenetrabile eppure cosí accogliente, con le sue leggi indiscutibili e la sua gente ospitale e rude, che potrà scoprire cos’è realmente successo, e forse fare pace col passato.


MIA SORELLA EMANUELA. SEQUESTRO ORLANDI: VOGLIO TUTTA LA VERITÀ di Pietro Orlandi, Fabrizio Peronaci (Ed. Anordest, 252 pp).

Ventotto anni dopo, il giallo della scomparsa di Emanuela Orlandi, la cittadina vaticana sparita il 22 giugno 1983 mentre tornava a casa dopo una lezione di flauto, è a una svolta. Le indagini recenti hanno portato alla decisione di riaprire la tomba di Renatino De Pedis, il capo della banda della Magliana sepolto nella cripta della basilica di Sant’Apollinare, nel pieno centro di Roma. La banda organizzò il sequestro della Orlandi come arma di ricatto verso la Santa Sede? 
Il movente è nel transito di fiumi di danaro tra i gangster e lo Ior? È solo l’ultima pista.Ma Pietro Orlandi, il fratello di Emanuela, non si accontenta. Così, esce allo scoperto con un libro-intervista scritto con il giornalista del Corriere della Sera Fabrizio Peronaci. 
Per la prima volta racconta nei dettagli il suo incontro del gennaio 2010 con Ali Agca, quando tra lo scetticismo degli inquirenti andò in Turchia per incontrare l’attentatore del Papa uscito dal carcere.
È un documento straordinario e destinato a fare scalpore, il resoconto dettagliato del faccia a faccia tra Pietro e l’attentatore. 
Ci sono nomi, circostanze, accuse. Come inedita è un’altra pista di cui si parla dettagliatamente nel libro, emersa nel 2009, secondo la quale Emanuela vivrebbe perfettamente integrata in una Paese nordafricano.

domenica 3 gennaio 2021

Mini recensione: SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE di Italo Calvino



Ed eccomi con la prima recensione di questo 2021: si tratta di un libro davvero particolare, attraverso il quale l'Autore coinvolge il lettore in un gioco narrativo.



SE UNA NOTTE D'INVERNO UN VIAGGIATORE 
di Italo Calvino


Mondadori
264 pp
Un viaggiatore, una piccola stazione, una valigia da consegnare a una misteriosa persona...: queste sono le premesse da cui uno scrittore potrebbe partire per dar vita a infinite possibilità narrative.
Calvino ne propone dieci e lo fa rivolgendosi da subito al suo paziente lettore, in maniera diretta; questi ha infatti appena acquistato la copia del presente libro e lo scrittore lo invita gentilmente a mettersi comodo per cominciare a leggerlo, possibilmente senza interruzioni.

E così il lettore comincia la lettura e la prima ambientazione in cui viene introdotto è una stazione di treni, dove c'è un uomo che entra nel bar...
Nel procedere nella lettura, il lettore si ritrova a rileggere qualcosa di già letto: colpa di un errore di stampa, per cui al libro di Calvino s'è frapposto quello di un autore polacco!
Da questo momento in poi si susseguono dieci incipit del libro che il lettore-protagonista non riuscirà mai a completare per una ragione o per l'altra: ora alle pagine scritte si alternano altre bianche, ora il racconto è incompiuto, ora è diviso in gruppi di discussione, ora la copia è difettosa...

Ad ogni capitolo si cambia scena ed entrano svariati personaggi, che con i loro dialoghi ed (inspiegabili) azioni creano situazioni surreali, quasi oniriche, nelle quali spiccano soprattutto personaggi femminili (in particolare Ludmilla, avida lettrice) ed altri maschili dai nomi strani.

Il romanzo è praticamente un "gioco" in cui l'Autore - ironizzando sia sul lettore (il quale, per ragioni esterne a se stesso e nonostante la buona volontà, non riesce a completare nessuno dei libri che gli capitano tra le mani) che sullo scrittore e sui "trucchetti" di quest'ultimo per tenere legato a sé il lettore - vuol dimostrare come non sia possibile  conoscere davvero la realtà.

"Il romanzo che più vorrei leggere in questo momento, - spiega Ludmilla, - dovrebbe avere come forza motrice solo la voglia di raccontare, d'accumulare storie su storie, senza pretendere d'importi una visione del mondo, ma solo di farti assistere alla propria crescita, come una pianta, un aggrovigliarsi come di rami e di foglie..."

Come disse Calvino stesso: questo è "un romanzo sul piacere di leggere romanzi" ed egli stesso nello scrivere si è identificato proprio col lettore più che con il ruolo di scrittore.

Siamo davanti ad un romanzo particolare, senza dubbio originale, intelligentemente ironico, ma devo confessare di aver faticato a leggerlo, portarlo a termine e apprezzarlo.

L'incipit mi aveva divertita per la sua ironia, per questo fatto di parlare direttamente al lettore, ma poi mi son persa tra le assurde vicende, frammentate e incredibili, slegate tra loro, tra le quali ho fatto fatica a raccapezzarmi.

Calvino - il suo estro, la sua intelligenza e la sua grandissima capacità di narratore - non è minimamente in discussione, per cui mi prendo tutte le responsabilità del mancato feeling, ci mancherebbe. 
Ma tant'è...
Concludendo: ero curiosa di riaccostarmi a quest'autore dopo anni di lontananza (ho letto Il barone rampante e Il cavaliere inesistente un sacco di anni fa, e più recentemente Il sentiero dei nidi di ragno) e ne ho un piacevole ricordo) ma mi spiace dire che questo libro, ahimè, non mi è piaciuto :'-(

sabato 2 gennaio 2021

THE WINNER IS - Come ti assegno un Oscar-libroso

 

Per la prima volta, tirando le somme delle mie letture, ho pensato di assegnare ad esse i miei personalissimi "Oscar".


Partiamo da  IL MIGLIOR PROTAGONISTA MASCHILE

Candidature:  Amin Jafaari (L'attentato, Y. Khadra)

                        Johnny Rainbow (Una valigia piena di sogni, P. Simons)

                        Achille, figlio di Peleo (Il silenzio delle ragazze, P. Barker)

                        Giacomo Reale (Il puparo, Lecce-Cazzato)

                        Marco Lombroso (Gli scomparsi, A. Tripaldi)


Tra il determinato Amin, Johnny lo spirito libero, l'indistruttibile semidio Achille, lo spericolato Giacomo e l'enigmatico Lombroso, the winner is...


JOHNNY RAINBOW, 

personaggio davvero irresistibile, pieno di fascino che, pur essendo molto giovane, sembra aver vissuto più vite e di certo tante esperienze, forse troppe per il suo corpo magro, i suoi occhi vivaci ma dentro i quali si celano tanti tormenti, che fanno di lui il ragazzo complesso che è.



LA MIGLIORE PROTAGONISTA FEMMINILE

Candidature:     Livia Lone (Traffici notturni. B. Eisler)

                           Briseide (Il silenzio delle ragazze, P. Barker)

                           Mila Vasquez (Il gioco del suggeritore, D. Carrisi)

                           Lolita Lobosco (I quattro cantoni, G. Genisi)

                           Luna (La stessa rabbia negli occhi, M. Chiarottino)


La combattiva Livia, la resiliente Briseide, le determinate e volitive Lolita e Mila, la fragile e arrabbiata Luna. Tra queste donne, forti e delicate al contempo, THE WINNER IS...


LIVIA LONE

una donna-guerriera, nella cui infanzia ha vissuto umiliazioni e abusi che nessuno, tanto meno una bambina, dovrebbe essere mai costretto a sopportare: lei ha saputo reagire e diventare una vera e propria cacciatrice senza pietà, pronta a fermare chiunque commetta reati abominevoli, per evitare che altre bambine e donne come lei possano essere vittime di uomini depravati.



IL MIGLIOR PERSONAGGIO NON PROTAGONISTA

Candidature:   Cal, il guardiacaccia (La ragazza della luna, L. Riley)

                        Patroclo (Il silenzio delle ragazze, P. Barker)

                        Sebastiano Sperlinga Della Torre (Se avessi avuto gli occhi neri, G. Sorge)

                        Halford Burroughs (Bull mountain, Panovich B.)

                        Lee Sutton (Shotgun Lovesongs, N. Butler)


Tra il premuroso Cal, il leale Patroclo, l'arrogante Sebastiano, il bifolco criminale Halford e l'affascinante e inquieto Lee, THE WINNER IS...

HALFORD BURROUGHS,    

per avermi fatto innervosire non poco, a motivo del suo caratteraccio, della sua natura da delinquente che non guarda in faccia nessuno, neppure un fratello.


IL MIGLIOR PERSONAGGIO FEMMINILE NON PROTAGONISTA

Candidature:    Maddy (La vita straordinaria di Sam Hell, R. Dugoni)

                           Giovanna (I ricordi non fanno rumore, C. Laterza)

                           Antonietta (Il treno dei bambini, V. Ardone)

                           Mary (Il colore dei fiori d'estate, E. Mayhew)

                          Colei che redige il documento olografo di Ardua Hall (I testamenti, M. Atwood)


Tre mamme, tutte pronte a sacrifici d'amore per i figli, dalla fervente e tenace Maddy, alla dolce Giovanna alla riservata Antonietta, e la governante Mary, materna e saggia, ma sfortunata; e poi c'è la fredda e scaltra donna di Gilead. Tra esse THE WINNER IS...

MADDY

per l'aver costituito una presenza discreta ma costante e rassicurante per suo figlio Sam e averlo sostenuto con la propria fede.



IL MIGLIOR  PROTAGONISTA DI GIOVANE ETA'

Candidature:   Sam Hill (La vita straordinaria di Sam Hell, R. Dugoni)

                          Ivan Isaenko (La vita invisibile di Ivan Isaenko, S. Stanbach)

                          Salvo (Il ladro di giorni, G. Lombardi)

                          Amerigo (Il treno dei bambini, V. Ardone)

                          Jasper (Il libro nascosto, D.M. Pulley)


Il sensibile Sam, l'arguto e caustico Ivan, l'attento e curioso Salvo, lo spaesato Amerigo, il coraggioso Jasper: meriterebbero tutti, per ragioni diverse, un riconoscimento speciale, ma THE WINNER IS...


AMERIGO SPERANZA,

per aver preso il treno due volte: per andare via dalla povertà e dalla fame, verso un destino più generoso, e per aver avuto il coraggio di tornare a quel passato da cui era stato allontanato, per ritrovare se stesso e chiudere finalmente i conti con il bambino che è stato.





IL MIGLIOR ESORDIO LETTERARIO

Candidature:    AL DI LA' DELLA NEBBIA di F. Cheynet e Lucio Schina

                           LE GUARIGIONI di Kim Rossi Stuart

                           ZUGZWANG. IL DILEMMA DEL PISTOLERO di Alessandra Pierandrei

                           RITORNO A BLUE RIVER di Grazia Caputo


THE WINNER IS... ALESSANDRA PIERANDREI, per avermi ha trasportata nel 1988, in un periodo e in un contesto (il Far West) che mi ha sempre affascinato da matti.


PREMIO ALLA MIGLIORE LOCATION

Candidature:   Polignano (Baci da Polignano, L. Bianchini)

                          Birchwood Manor (La donna del ritratto, K. Morton)

                          Fairy Oak (Fairy Oak. La storia perduta, E. Gnone)

                          Rifugio dello scrittore (Il segreto del rifugio, M. Edwards)

Per quanto sia affezionata a Polignano e ami le case misteriose della Morton, THE WINNER IS...

il fascino magico e fatato del villaggio di FAIRY OAK: vorrei esistesse davvero, per poter trascorrere del tempo immersa nella natura, insieme a personaggi simpatici che ti trascinano in avventure divertenti.




LA MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE

Candidature:       L'appuntamento (P. Pulixi)

                              Il compratore di tempo (R. Baldacci)

                              Lame di tenebra (V. Barone Lumaga)

                              Il casale (F. Formaggi)

                              Domino (B. Cavallari)


La finezza psicologica di Pulixi, i viaggi nel tempo del fantasy di Baldacci, i nostri incubi che prendono forma e il susseguirsi di eventi surreali nel Casale e in Domino: THE WINNER IS...

L'APPUNTAMENTO

per avermi tenuta incollata alle pagine dal primo all'ultimo rigo, attraverso una storia dove il colpo di scena non manca mai e dove vengono alla luce le perversioni e le fragilità dell'essere umano.


IL MIGLIOR LIBRO TRATTO DA UNA STORIA VERA

Candidature:   Storia di un abito inglese e di una mucca ebrea (S. Amiry)

                          Tutto chiede salvezza (D. Mencarelli)

                           Febbre (J. Bazzi)

                           In un milione di piccoli pezzi (J. Frey)

                           Leggere Lolita a Teheran (A. Nafisi)


Sono tutte e quattro opere in cui l'autore è narratore e protagonista di vicende autobiografiche o capitate realmente ad altri, ed è stato difficile eleggere un vincitore: dalla Nakba subita dai palestinesi ad opera delle forze di occupazione israeliane nel 1948 alle vicende della professoressa Nazir e del suo gruppo di lettura all'epoca della rivoluzione iraniana, dalla disintossicazione da droga ed alcool alla scoperta di aver preso l'Hiv, all'esperienza di un TSO in età giovanile: THE WINNER IS...

TUTTO CHIEDE SALVEZZA

per aver raccontato, con genuinità e struggimento, quale e quanta umana bellezza si nasconda tra gli angoli oscuri della follia, quanta sofferenza, disperazione, rabbia, impotenza, solitudine, consapevolezza di non essere compresi né tanto meno accettati.


I MIGLIORI EFFETTI SPECIALI

Candidature:    La Rosa dei Venti - Le gocce di Lahzull (M. Hilbrat)

                           Lame di Tenebra (V. Barone Lumaga)

                           X Resistenza (O. Neirotti)

                           Il compratore di tempo (R. Baldacci)

THE WINNER IS....

LAME DI TENEBRA

per avermi immersa, grazie a descrizioni molto vivide, nell'incubo terrificante che ha travolto e sconvolto i protagonisti, lasciando fiumi di sangue e orrore attorno ad essi.

                           

IL MIGLIORE DOCU-FILM

Candidature:  Il delitto di via Poma (I. Patruno)

                        Foglie di gelso. Racconti palestinesi di A. A-Saifi

                        Peppino Impastato. Una vita contro la mafia (S.Vitale)

                        Ragazzi di zinco  (S. Aleksievic)

                        Una donna può tutto (R. Armeni)

Un libro che documenti fatti e personaggi che meritano di essere resi noti è sempre da apprezzare ed è un bene che ci siano, e questo vale per le ingiustizie subite da detenuti o per il grande inganno a danno di una generazione di ragazzi sovietici, mandati a morire in una guerra che mai avrebbe dovuto esserci, o per donne coraggiosissime che hanno combattuto valorosamente per la loro patria, o ancora per un caso di cronaca irrisolto e per un giovane ucciso perchè ha sfidato la Mafia. THE WINNER IS

RAGAZZI DI ZINCO

perchè la giornalista scrittrice, con determinazione, onestà e coraggio, dà voce a dei dimenticati cui la storia ha tolto la parola, e che viene consegna al lettore in un libro scioccante nella sua brutalità, che sottolinea tutta la ferocia e l'orrore che c'è dietro ogni guerra.                        

                         



venerdì 1 gennaio 2021

LE MIE LETTURE - BILANCIO DI FINE ANNO (luglio-dicembre 2020)



Il 2020 se n'è andato da solo qualche ora ed io mi appropinquo a tirare le somme delle letture affrontate da luglio a dicembre e, in generale, le più belle dell'anno che è appena trascorso.
QUI c'è il post delle letture della prima metà del 2020.






NARRATIVA CONTEMPORANEA


Per ognuno di noi c'è un GRILLO PARLANTE di M. Gaudino che ci ricorda di custodire lo stupore e la semplicità dell'infanzia (3.5/5); salvo poi restare bambini un po' troppo a lungo e nel senso sbagliato, come il protagonista di ALTA FEDELTÀ di Hornby (3/5); ci porta a riflettere sull'amicizia, sul tempo che scorre e sui dolori della vita UN MOMENTO FA, FORSE di G. Ardemagni (3/5); fa sorridere e mette il buon umore UN UOMO A PEZZI di Muzzopappa (3,5/5); la Hayden ci racconta una storia di abbandoni e di speranza in LA COSA VERAMENTE PEGGIORE (3,5/5); al centro di L'ATTENTATO di Y. Khadra c'è il conflitto arabo-israeliano, con le sue terribili conseguenze sulle persone coinvolte (4,5/5). La Morton ha costruito una trama complessa e piena di segreti in LA DONNA DEL RITRATTO (4/5): la fede è sempre presente ne LA VITA STRAORDINARIA DI SAM HELL di R. Dugoni (4.5/5).

Quando la finzione narrativa si imbatte con la vita vera, nascono libri come LA VITA INVISIBILE DI IVAN ISAENKO di S. Stambach, che ci racconta il quotidiano di un ragazzo nato con gravi malformazioni a causa dello scoppio della centrale nucleare di Chernobyl e ricoverato in un ospedale (4/5); Azar Nafisi ci racconta come la letteratura possa essere rifugio e àncora di salvezza in un contesto difficile, LEGGERE LOLITA A TEHERAN (3,8/5); Helen Goodrich ci racconta del suo indimenticabile soggiorno a Napoli in PERDUTI NEI QUARTIERI SPAGNOLI (4/5); Frey narra la propria esperienza di dipendenza da alcool e droga IN UN MILIONE DI PICCOLI PEZZI (5/5), che si aggiudica il primo posto nella categoria Narrativa, per le tante emozioni contrastanti suscitatemi da una narrazione molto cruda e forte.
Una menzione speciale per la raccolta di racconti, basati su storie vere, FOGLIE DI GELSO. RACCONTI PALESTINESI di A. Al-Saifi (5/5), che apre il velo sulle condizioni e le ingiustizie subite dai palestinesi nelle carceri israeliane.



LIBRI LETTI: 13


ROMANCE

,
Atmosfere misteriose caratterizzano IL FANTASMA DELL'ABATE di L.M. Alcott (4/5), mentre la dolcezza e la magia del Natale fanno da sfondo ai racconti di Jill Barnett in L'EROE DI ELEANOR (4/5) e PENNY PORTAFORTUNA (4/5); la musica lega l'amore tra Marta e Joseph in UNA NOTA NEL CUORE - "Marta e Joseph" - di Ilaria Mossa (3/5); amore e amicizia si confondono in ADDIO, MIA AMATA di S. Rocher (3.5/5); l'amicizia improbabile fra tre donne rivali in amore è al centro di UN'ESTATE A PIEDI NUDI (4,5/5) di C. Brown, che è il più bello della categoria perchè mi ha donato molti sorrisi.

LIBRI LETTI: 6


FANTASY/DISTOPIA


Meraviglioso è stato tornare nel famigliare mondo di 
-
FAIRY OAK. LA STORIA PERDUTA
 di E. Gnone (4.5/5), che mi ha fatto tornare bambina
; studiare è importante, ce lo ricorda IL COMPRATORE DI TEMPO di R. Baldacci (3,5/5); il Bene è sempre in lotta con il Male, X RESISTENZA di O. Neirotti (2.5/5); ALLA SCOPERTA DELL'ACQUA CALDA di R. Riva ci avverte di non dar retta ai "sentito dire" (3/5) e il distopico WALTER T. di D. Di Lodovico ci racconta una storia in cui il futuro dell'umanità dipende da un'anomalia (4/5). 

LIBRI LETTI: 5



SAGGIO

Moni Ovadia ci esorta a rifiutare ogni forma di ingiustizia e discriminazione e ad essere CONTRO OGNI RAZZISMO (3,5/5); interessante la trattazione del rapporto tra il cristianesimo e l'ebraismo in IL VANGELO EBRAICO di D. Boyarin (3.5/5); simpatico il racconto L'ULTIMA MOGLIE DI J.D. SALINGER di E. Deaglio (3,5/5) incentrato sul noto scrittore; LETTERA AGLI EBREI di F. De Angelis fornisce un valido supporto per la comprensione dell'epistola (4.5/5); agile e utile MUSSOLINI HA FATTO ANCHE COSE BUONE di F. Filippi (3.5/5).

Aggiungo in questa categoria il libro-inchiesta IL DELITTO DI VIA POMA di I. Patruno, che prende in esame il tristemente famoso ed irrisolto omicidio di Simonetta Cesaroni (5/5).


LIBRI LETTI: 5 +1


THRILLER/NOIR


IL PUPARO del duo Lecce-Cazzato è ricco di avventura (4/5); intrigante e pieno di suspense il caso che vede coinvolto un discendente del discusso Cesare Lombroso in GLI SCOMPARSI di A. Tripaldi (4,5/5); sempre raffinato e attento all'universo femminile lo scrittore sardo Pulixi, anche in L'IRA DI VENERE (4/5); il bullismo è alla base del breve ma intenso RITORNO A BLUE RIVER di G. Caputo  (4/5).


LIBRI LETTI: 4



GIALLO/POLIZIESCO

Sembra di essere in un film con IL KILLER DELLE TOMBE di A. Hartung (4.5/5); la Sicilia, con le sue tante contraddizioni, è lo sfondo di EFFETTI COLLATERALI di R. Russo (4/5); intrighi e bugie in 
NOI CHE CI STIAMO PERDENDO di M. Aramini (4/5).

LIBRI LETTI: 3


SAGA FAMIGLIARE

-

Sempre bello lasciarsi trasportare dalle storie di Lucinda Riley e le sue Sette Sorelle, le cui origini sono disseminate davvero in tutto il mondo: con LA RAGAZZA DELLA LUNA siamo volati in Spagna nella cultura gitana (4.5/5); è stato come sfogliare un grande album di famiglia la lettura di LA CASA SULL'ARGINE di D. Raimondi (3.8/5); tormentate e complesse le vicende dei personaggi di SE AVESSI AVUTO GLI OCCHI NERI di G. Sorge (4/5).

LIBRI LETTI: 3




NARRATIVA STORICA


.
Non c'è guerra che non porti con sè distruzioni, separazioni, morti...; è così per I RICORDI NON FANNO RUMORE di C. Laterza (4/5) ambientato negli anni della Seconda Guerra Mondiale, e per i protagonisti di STORIA DI UN ABITO INGLESE E DI UNA MUCCA EBREA di S. Amiry (5/5), costretti a lasciare le proprie case dopo che nel 1948 la Palestina fu occupata dalle forze militari israeliane. Romanzo di formazione incentrato sulla discriminazione razziale è IL COLORE DEI FIORI D'ESTATE di A.J. Mayhew (4/5).

LIBRI LETTI: 3



YOUNG ADULT

UNA VALIGIA PIENA DI SOGNI di P. Simons (5/5) mi ha regalato un fiume di intense emozioni con la sua storia di amore e di amicizia, e così pure LA STESSA RABBIA NEGLI OCCHI di M. Chiarottino, con i suoi personaggi giovanissimi e alle prese con problematiche importanti (4.5/5).

LIBRI LETTI: 2



POESIA

ECHI DI ROMANTICISMO (3/5) è una raccolta di versi molto raffinati e scritti con uno stile ricercato.

LIBRI LETTI: 1




HORROR

Malinconicamente inquietante la storia del piccolo e puro Fur, alle prese con GLI ESSERI OSCURI di F. Camilleri (4/5) e più spaventosa l'avventura dei protagonisti di LAME DI TENEBRA di V. Barone Lumaga (4/5).

LIBRI LETTI: 2


NARRATIVA DI GUERRA/MITOLOGIA

Unico libro di questa sezione è il racconto della guerra di Troia dalla voce di una schiava e non una qualsiasi, ma quella del Pelìde Achille: IL SILENZIO DELLE RAGAZZE di P. Barker (4/5).

LIBRI LETTI: 1


NARRATIVA DI VIAGGIO

RACCONTI DI VIAGGIO, RACCONTI DI VITA di M. Gozzer mi ha permesso di visitare con l'immaginazione posti lontani e diversi dal mio (4/5).

LIBRI LETTI: 1



TOTALE LIBRI LETTI DA LUGLIO A DICEMBRE: 50 

LIBRI LETTI NEL 2020: 112

TOTALE PAGINE LETTE DA LUGLIO E DICEMBRE: 13.015

TOTALE PAGINE LETTE NEL 2020: 27987


CHE NE PENSATE DEI LIBRI CHE MI SON PIACIUTI DI PIÙ PER OGNI CATEGORIA? 
LI CONOSCETE, LI AVETE LETTI? LI LEGGERESTE?




E ADESSO.... LA MIA TOP TEN 2020!!




1. TUTTO CHIEDE SALVEZZA
2. L'APPUNTAMENTO
3. STORIA DI UN ABITO INGLESE E DI UNA MUCCA EBREA
4. IL TRENO DEI BAMBINI
5. IN UN MILIONE DI PICCOLI PEZZI 
6. IL SALICE
7. GLI SCOMPARSI
8. LA TUA VITA E LA MIA
9. UNA VALIGIA PIENI DI SOGNI
10. BULL MOUNTAIN


QUALI SONO STATE LE VOSTRE LETTURE PIÙ BELLE 
DI QUEST'ANNO?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...