giovedì 11 luglio 2013

Recensione di OBSIDIAN di Jennifer L. Armentrout



Terminato Obsidian ed eccomi a dirvi il mio pensiero!!

Ed. Y Giunti
Pagine 336
Prezzo € 12,00
Trad. S. Reggiani
GIUGNO 2013
TRAMA

Katy, una book blogger diciassettenne, si è appena trasferita in un paesino soporifero del West Virginia, rassegnandosi a una noiosa vita di provincia.
Noiosa finché non incrocia gli occhi verdissimi e il fisico da urlo del suo giovane vicino di casa: Daemon Black è la quintessenza della perfezione.
Poi quell’incredibile visione apre bocca: arrogante, insopportabile, testardo e antipatico.
Fra i due è odio a prima vista.
Ma un giorno Daemon salva Katy da un’inspiegabile aggressione, bloccando il tempo con... un flusso sprigionato dalle sue mani.
Sì, il ragazzo della porta accanto è un alieno.
Un alieno bellissimo invischiato in una faida galattica, e ora anche Katy, senza volerlo, c’è dentro fino al collo.
L’unico modo per sopravvivere è stare incollata a Daemon. Sempre che lei non lo uccida prima...

Sexy, appassionante e irrinunciabile, Obsidian è il primo capitolo dell’attesissima serie “Lux”.



il mio pensiero

Obsidian significa ossidiana, che è un vetro di origine vulcanica.
Cos'ha a che fare con Katy e Daemon, i protagonisti di questo primo appuntamento con la serie "Lux"?
Per saperlo c'è solo da immergersi nella lettura di questo libro.
Tranquilli, l'Autrice ci svela "l'arcano", cosa che non farò io per non togliervi il gusto della piccola scoperta ^_^

Katy ha 17 anni ed ha appena lasciato la bella e soleggiata Florida per trasferirsi in un paese del West Virginia, vicino Petersburg, dove tutto sembra mortalmente noioso.
Sua madre ha deciso di provare a ricominciare a vivere dopo la morte del marito, il papà di Katy; sono passati tre anni e la donna, che fa l'infermiera, ha pensato bene di cambiare paese quale primo passo per una nuova vita.

Una nuova vita che vede la giovanissima Katy abbastanza confusa, malinconica e un po' smarrita di fronte ad un contesto nuovo in cui non conosce nessuno.
Katy è una ragazza piuttosto tranquilla, riservata, sente molto la mancanza del padre e forse il dolore stesso ha contribuito a chiuderla in se stessa; la sua valvola di sfogo è la lettura, passione che esprime attraverso il proprio blog, in cui condivide recensioni e tutto quanto coinvolga i libri.
Proprio quando sente di essere destinata ad un'estate noiosa e senza interessi, su suggerimento della madre, si sforzerà di inventarsi una scusa per conoscere i vicini di casa, che sono un fratello e una sorella, più o meno della sua stessa età, bellissimi, dagli occhi verdi meravigliosi e dal fisico pazzesco:  Daemon e Dee Black.
Se con la ragazza, Dee, da subito Kat riesce ad entrare in sintonia, i guai sorgono con l'enigmatico Daemon, che tutto è fuorché un gran compagnone.
Da subito, il giovanotto - consapevole del proprio fascino e della timidezza impacciata della sua vicina "che sembra una dodicenne con quegli occhi grandi e tondi, tipo bambola" - metterà in atto comportamento da vero st*****, arrogante, un tantino cafone e maleducato, pronto a mettere in imbarazzo la povera Kat alla minima occasione, sia in pubblico che quando sono soli.
Ma la nostra blogger non è una sciocca e sa come rispondergli per le rime e cercare di farsi rispettare, anche se il fascino e l'attrazione che lui esercita su di lei ogni tanto le offuscano il cervello.

A farla rabbrividire di stupore mista a un che di timore è l'impressione, sempre meno vaga e sempre più forte, che i fratelli Black - così belli da non sembrare neanche umani - nascondano qualcosa; a insospettirla sono certi atteggiamenti di Daemon (ad es., riesce a spostarsi da un posto all'altro in pochissimi secondi - tipo Flash ,- i suoi occhi a volte brillano in un modo un po' inquietante....), in particolare in riferimento alla sorellina.
Nei suoi confronti, infatti, è esageratamente protettivo, tanto da minacciare la povera Kat di starle lontana, prima di causare guai a tutti loro (loro chi?).

La confusa e irritata Katy si ritroverà a vivere delle prime iniziali disavventure completamente all'oscuro delle forze sovrumane che la circondano e che vivono stabilmente nel suo paesino in Virginia.
Menomale che a salvarla dai pericoli certa c'è il bellissimo Daemon dagli addominali scolpiti e dallo sguardo strappacuori, che farà fuori un un soggetto non identificato che voleva sì far del male a Kat, ma che in realtà cercava "loro", cioè Daemon e compagni.
Costrettosi a dar spiegazioni ad una sbigottita Kat, che di colpo si vedrà coinvolta suo malgrado in  situazioni al limite del paranormale, che solo sui libri finora aveva letto, Daemon le confesserà il segreto suo e di Dee: sono alieni.
Eh sì, gli alieni vivono tra gli esseri umani, pur non avendo un aspetto raccapricciante, nè tendente al verdastro, con antenne inquietanti, voce metallica e occhi enormi e fuori dalle orbite.

Da questo momento, dopo essere scampata all'aggressione e dopo aver conosciuto l'identità di Daemon e Dee, la nostra lettrice sarà praticamente costretta a stare incollata al bell'alieno per poter sfuggire agli attacchi di esseri malvagi che cercano gli alieni per rubar loro i poteri...

Non aggiungo altro sulla trama, che vi annuncio essere abbastanza dinamica, soprattutto da un certo momento in poi, scritta con un linguaggio ironico, giovanile, frizzante, molto piacevole.

Kat e Daemon rappresentano un po' i prototipi dei personaggi di questi paranormal/Y.A. che vanno per la maggiore: lui bello e impossibile, decisamente allergico alla dolcezza (salvo situazioni particolari) e più incline alla strafottenza, all'arroganza, giusto perchè "fa più figo" (per la serie "belli e dannati", che mai tramonta).
Lei è un'adolescente tendente alla sfiga, pacifica, con poche amiche, accondiscendente, riservata, intelligente anche se un paio di addominali la mandano in brodo di giuggiole.
Dee è un personaggio abbastanza secondario, anche se è praticamente la migliore amica di Kat, ma ce ne sono altre di amiche (umane, Carissa e Lisa, anche loro tipiche teen ager con la fissa di balli scolastici e ragazzi); ruotano poi altri personaggi minori, legati alla battaglia galattica tra "quelli come Daemon" e i loro nemici.

La presenza degli alieni tra noi non è certo un elemento innovativo ed originale, come non lo è il rapporto odio-amore tra i due protagonisti - con la possibilità che sfoci in amore - ma Obsidian resta a mio avviso una lettura molto piacevole.
Sarà che Kat riesce davvero a stare inevitabilmente simpatica, perchè semplice e genuina, nelle reazioni e nelle emozioni; sarà che Daemon piace perchè in fondo l'idea del "maschio" che un po' si tira la calzetta e che ti fa penare prima di dimostrarti che gli piaci, non ci dispiace troppo; sarà che lo stile e il linguaggio sono molto scorrevoli e "alla mano"; sarà che il finale è volutamente aperto (ovvio, ci aspetta il seguito)...; beh fatto sta che sono diversi gli elementi che fanno di questo un buon inizio per una trilogia che, spero, ci riservi belle sorprese, e nei personaggi e nelle avventure.

 Lo consiglio agli amanti del genere perchè risulta una lettura godibile e carina.

1 commento:

  1. Dire che mi è piaciuto un sacco è dir poco!
    L'ho letteralmente divorato!! E ora soffrirò in attesa del seguito ç___ç

    Passa a trovarmi sul mio blog, c'è un premio che ti aspetta!
    http://ieatbooksandcookies.blogspot.it/

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...