sabato 21 gennaio 2017

Frammenti di... IL RUBINO INTENSO DEI SEGRETI





«Nessuno in famiglia ci avrebbe appoggiato. Te lo immagini il caos che sarebbe scoppiato? E, poi, te l’ho sempre detto: io non sarei rimasta alla tenuta, mentre tu non avresti potuto lasciarla.» «Ti avrei seguita, invece. Sarebbe stata sufficiente solo una tua parola…» ribadì lui.
«Già, la ballerina e il pianista. Gran bella coppia!» rise lei. «Non sto scherzando, Greta.» Michele scivolò a terra ai suoi piedi e le abbracciò entrambe le gambe, appoggiandocisi contro: «Siamo ancora in tempo, voglio mandare tutto all’aria e ricominciare con te!» Greta si piegò per prendergli il viso tra le mani, obbligandolo ad alzare gli occhi verso di lei, mentre sentiva farsi largo un senso di impotenza mista a rimpianto che le toglieva il fiato.
«Non ce n’è mai stato di tempo, per noi. La nostra è stata una storia nata e cresciuta fuori dal tempo, ci siamo illusi che quello che vivevamo di nascosto fosse un sentimento che avremmo potuto, prima o poi, esternare al mondo. Ma non è stato così.»

IL RUBINO INTENSO DEI SEGRETI, Viviana Picchiarelli

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...