giovedì 31 dicembre 2020

Le mie letture di dicembre 2020

 

Ecco le mie letture del mese di dicembre!




  1. Echi di Romanticismo di E. Zizzi è una raccolta di poesie scritta con elegante ricercatezza, in cui i temi trattati e lo stile di scrittura attingono alla cultura classica, nonché al genere gotico e al Romanticismo.
  2. UN UOMO A PEZZI di F. Muzzopappaprovvisto di un senso dell'umorismo, lo scrittore ci restituisce un ritratto di sè e del suo sguardo sul mondo, simpatico, schietto, capace di far nascere sorrisi e mettere il buon umore.
  3. LEGGERE LOLITA A TEHERAN di A. Nafisi. Tra queste pagine la scrittrice ripercorre le discussioni avute con i suoi studenti su diverse opere letterarie, collegandone i temi ai ricordi della vita vissuta in Iran prima, durante e dopo la rivoluzione iraniana. 
  4. GLI ESSERI OSCURI di F. Camilleri. L'esistenza relativamente tranquilla di un undicenne si colloca all'interno di una cornice dai colori scuri e dall'atmosfera misteriosa, resa sinistra e surreale dalla comparsa di creature della notte, la cui presenza inquieta tanto il protagonista che il lettore: cosa possono mai volere questi esseri oscuri da un bambino fondamentalmente innocuo, solo ed emarginato?
  5. PENNY PORTAFORTUNA di J. Barnett. Un romance natalizio ambientato a New York che esalta l'amore vero, quello che irrompe e travolge, scombinando piani e portando una ventata di felicità e di speranza là dove s'erano annidati tristezza e sfiducia.
  6. LA VITA STRAORDINARIA DI SAM HELL di R. Dugoni. Sam Hill è un bambino come tanti, se non fosse per un segno particolare: ha gli occhi rossi, a causa dell'albinismo oculare. Questa sua peculiarità segnerà la sua infanzia e, in un certo senso, anche l'età adulta. Imparerà ad accettarsi e a trasformare la propria vita, con la forza di volontà e grazie ai preziosi insegnamenti materni, in qualcosa di straordinario?
  7. FIORI DI GELSO. RACCONTI PALESTINESI di A. al-Saifi. Attraverso le testimonianze di uomini e donne palestinesi che hanno vissuto l'esperienza della prigione nelle carcere israeliane, l'Autore ci ricorda il dramma che sta da decenni vive il popolo della Palestina a motivo dell'occupazione israeliana.
  8. LA DONNA DEL RITRATTO di K. Morton: un mystery ambientato in una casa suggestiva e bellissima, ricco di colpi di scena, con intrecci temporali che uniscono personaggi lontani tra loro di molti anni ma tutti legati da un segreto che aspetta di essere svelato.
  9. RACCONTI DI VIAGGIO, RACCONTI DI VITA di M. Gozzer: viaggiare significa soprattutto cogliere il privilegio e l'opportunità di gustare la diversità mettendo da parte pregiudizi nei confronti degli altri popoli.
  10. SE AVESSI AVUTO GLI OCCHI NERI di G. Sorge: la storia di una famiglia del Sud caratterizzata da dinamiche molto complesse e, a partire da essa, ci viene dato un affresco della Sicilia, dai primi del Novecento ad oggi.

Tra i libri dicembrini, sul podio vanno la raccolta Fiori di gelso, per l'argomento trattato, che andrebbe diffuso e conosciuto in modo più esteso; ho apprezzato anche La vita straordinaria di Sam Hell per il suo protagonista dagli occhi rossi, sulla cui vita veglia la madre, donna di grande fede, e La donna del ritratto per la capacità della Morton di intrecciare personaggi e periodi lontani tra loro attraverso dinamiche piene di mistero.

 

Per quanto concerne l'unica Reading challenge cui ho partecipato e che prevedeva solo 20 obiettivi, il bilancio è positivo in quanto... sono riuscita a completarla, ma del resto era una "sfida" abbordabile. 


clicca se vuoi conoscere gli obiettivi della RC





La musica del mese di dicembre ha un nome: CLAUDIO BAGLIONI, che mi sta riempiendo le giornate (e le orecchie) con il suo ultimo lavoro, IN QUESTA STORIA CHE E' LA MIA, album che personalmente trovo davvero bello. Grazie Cucaio *_*

Vi posto uno dei brani dell'album che ascolto a ripetizione (Altrove e qui) :-D 








Citazione del mese:

"Se mi rivolsi ai libri fu perché erano l'unico rifugio che conoscevo, ciò di cui avevo bisogno per sopravvivere, per proteggere una parte di me stessa che sentivo sempre più in pericolo. Il mio altro rifugio, quello che mi aiutava a restituire un po' di sanità mentale e di spessore alla mia vita, era di natura più intima e personale." (LEGGERE LOLITA A TEHERAN, Azar Nafisi)

7 commenti:

  1. Partendo dalla fine, condivido in toto la tua opinione sull'ultimo album di Claudio Baglioni, molto ma molto bello.
    E segno da leggere, delle letture dicembrine, i racconti di Fiori di Gelso.
    Ti auguro un anno pieno zeppo di tutto quello che desideri ma soprattutto un anno segnato dalla libertà di riprendere in mano la nostra vita.
    Ti abbraccio forte amica bella. Buon 2021.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per gli auguri, che ricambio di cuore!

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Mi intriga ed attira il libro "La Donna del Ritratto" - invitante. Un saluto Angela e tanti auguri per un anno nuovo migliore. Buona fine e Sereno inizio. Insomma Buon 2021

    RispondiElimina
  4. Mi intriga La donna del ritratto. Me lo segno nelle letture del prossimo anno.
    Buon 2021 ;)

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...