sabato 10 giugno 2017

Recensione: NEI PANNI DI VALERIA di Elìsabet Benavent (RC2017)



Quattro amiche un po' matte, diverse tra loro caratterialmente, piene di fragilità ed insicurezze, soprattutto quando di mezzo c'è quel gran "casino" che è l'amore.
Quattro bellissime donne, ciascuna con la propria storia personale, ed un'unica voce narrante, quella di Valeria.

Nei panni di Valeria è il primo della serie - composta di quattro titoli che usciranno nel corso dell’estate: il secondo romanzo, Valeria allo specchio, sarà in libreria l’8 giugnoValeria in bianco e nero il 22 giugno e Valeria senza veli il 13 luglio.



NEI PANNI DI VALERIA 
di Elìsabet Benavent 



Ed. Rizzoli
trad.  Roberta Bovaia
Samo a Madrid, ai nostri giorni, e a raccontarci ogni cosa è la bella 28enne Valeria, sposata con l'affascinante fotografo Adriàn.

Valeria ha tre amiche esuberanti e brillanti come lei: Carmen, Lola e Nerea, unite da un'amicizia profonda e da un affetto sincero, che le accompagna sempre, tanto nei momenti felici quanto in quelli no.

E i momenti no arrivano puntuali, per tutti.

Valeria sta cercando di fare della sua passione per la scrittura anche un lavoro; ha all'attivo un romanzo, molto apprezzato, la cui accoglienza positiva le ha fatto pensare di poter vivere scrivendo.
Attualmente però sta attraversando una fase di "blocco dello scrittore" che non accenna a lasciarla; non ha alcun tipo di ispirazione, si sente apatica, demotivata, svuotata, come se tutta la fantasia e ogni capacità artistica fossero state riversate tutte nel primo libro e adesso, che sta per metter giù il secondo, ogni idea sembra essere banale, sterile, priva di interesse.

Forse la sua vita sentimentale con il bellissimo marito Adriàn è fonte di serenità per lei, in questo periodo di stallo? 
Beh non proprio.. Per carità, tra lei e il consorte non va male, ma neppure bene!

Lui sembra aver smesso di guardarla e di desiderarla, in casa con lei è di poche parole e l'unico suo interesse è il lavoro di fotografo, che lo fa sentire vivo e felice.
Insomma, non solo il lavoro, ma anche la vita matrimoniale pare scricchiolare sotto il peso della noia e della abitudinarietà...!

Menomale che ci sono le amiche di sempre!!!
C'è la disinibita Lola, la cui vita ruota attorno agli uomini e al sesso; attualmente non ha un fidanzato ma tra lei e il suo collega di lavoro, Sergio, intercorre una relazione di natura prettamente fisica, anche perchè lui ha una fidanzata e pare non avere alcuna voglia di lasciarla per stare ufficialmente con Lola, che insiste nel dire alle amiche che a lei questo rapporto non vincolante sta più che bene: lei stessa non vuole una relazione fissa e le basta godere delle doti amatorie dello "stallone" Sergio.

C'è Carmen, bella, invaghita del collega Borja - un timidone che sembra non ricambiare l'interesse - professionale sul posto di lavoro ,a al contempo profondamente ostile al proprio capo, il borioso Daniel, che lei odia con tutta se stessa, lasciandosi andare a malocchi e imprecazioni varie nei confronti dello stesso.

Nerea è la razionale di turno: è bellissima, elegante, sensuale ma anche un tantino rigida e controllata; ultimamente frequenta un uomo, che però ancora non ha presentato alle sue tre amiche, che quindi sono morbosamente curiose!

Le quattro donzelle si telefonano e si incontrano spessissimo per un aperitivo, un'uscita tutta al femminile, dove possono lasciarsi andare a confessioni a cuore aperto e dove ciascuno chiede e dà consigli alle altre, ben sapendo che ciò che le lega va oltre ogni relazione di coppia in cui sono impegnate, e che nessun uomo potrà mai separarle!

Seguiamo le vicissitudini quotidiane e sentimentali delle quattro donne attraverso la voce narrante di Valeria, costretta a scontrarsi con l'apatia e l'indifferenza che fanno da padrone nel proprio matrimonio.

Forse Adriàn ha un'altra ed è per questo che non la tocca da mesi?
Le amiche scuotono il capo incredule: Adriàn ti adora, ti è fedele... Come ti salta in testa di pensare che potrebbe mai tradirti??

Sarà, ma intanto Valeria è una donna, con le proprie esigenze affettive (e non solo..) e come ogni donna desidera essere tutto per il proprio uomo.
Quando poi scopre che l'assistente del marito, con cui lui lavora ogni giorno e per tante ore fianco a fianco, non è un maschietto bensì una bellissima ventenne, le certezza di Valeria crollano una ad una...

A darle un'ennesima scrollata, poi, ci pensa l'incontro con un giovane uomo tanto seducente quanto simpatico e alla mano, che la conquista dal primo momento con un solo sguardo magnetico: Victòr.

Victòr è l'uomo perfetto: è sexy da morire, ha un fisico pazzesco, dice le cose giuste per far sentire una donna al centro del mondo, riempiendola di complimenti, facendole capire che è desiderabile e bella.
E ad una moglie insoddisfatta a causa delle scarse attenzioni del proprio coniuge, come è Valeria in questo periodo, una cosa del genere non sembra vera: Victòr risveglia la sua parte più femminile, che sembrava essersi rinchiusa in un armadio vecchio e ammuffito; in sua compagnia, Valeria si riscopre ancora affascinante, giovane, piena di voglia di vivere, divertirsi, e anche il suo corpo, quando è accanto al focoso Victòr, le manda segnali davvero pericolosi...

E' giusto civettare con un altro uomo solo in virtù della paura che il proprio marito abbia una tresca con la giovanissima assistente?

Valeria è combattuta: la sua ragione le dice di andarci piano, di non buttarsi a capofitto con questo sconosciuto che le smuove tutto e che le provoca scosse elettriche lungo tutto il corpo; il cuore... Eh, il cuore è confuso: ma è davvero ancora innamorata di Adriàn, l'uomo con cui condivide la vita da dieci anni? Forse Victòr, arrivato nel momento più delicato, potrebbe rivelarsi soltanto una "scusa" per mettere ordine nei propri sentimenti e capire cosa la fa veramente star bene?

E così, un capitolo dopo l'altro, veniamo immerse nei problemi e nelle avventure di queste quattro giovani donne, sicuramente diverse per personalità: c'è la femme fatale, l'imbranata, quella sicura di sè e quella più fragile e indecisa.
Ma le etichette vanno a farsi benedire quando tutte loro si ritrovano a dover risolvere ognuna i propri piccoli grandi problemi di cuore, e se non ci fosse la loro splendida amicizia, chissà come se la caverebbero...!

L'amore è un gran mistero, ti porta "tre metri sopra il cielo" (grazie, Moccia, per l'involontario e usatissimo assist) e, un secondo dopo, è capace di catapultarti giù, spesso da una tale altezza che evitare di farsi male è impossibile!

Ma chissà, forse proprio la vivacità genuina che la vita porta con sè, con i suoi inconvenienti, le delusioni, le incomprensioni, gli errori, insieme alle risate, ai batticuori, alle docce fredde, agli imprevisti belli e brutti, ai dubbi e alle poche certezze..., forse proprio tutto questo potrebbe ispirare la Valeria scrittrice a tirar fuori il romanzo che sta tanto cercando di scrivere.
Il segreto? Smettere di scervellarsi per inventare chissà quale storia e quali personaggi accattivanti dal nulla, ma guardarsi attorno e rendersi conto che già la vita stessa, quella di tutti i giorni, fatta di persone ed emozioni vere, è in grado di fornirle tanti spunti... Basterebbe mettersi... "nei panni di Valeria", vedere le cose dal suo punto vista e scriverle!

"Nei panni di Valeria" è un romanzo dai toni spigliati, divertenti, con un ritmo allegro, ricco di verve, situazioni narrate con un intelligente umorismo ed un'irresistibile ironia, i cui personaggi femminili catturano la nostra simpatia perchè sono così diversi tra loro da permetterci di ritrovare qualcosa di noi in ciascuna donna, soprattutto per quanto riguarda la sfera dei sentimenti, che sia quella dell'amicizia o dell'amore. Ma non ci sono solo le donne in questo romanzo, e ovviamente anche gli uomini fanno la loro parte: c'è il romanticone un po' all'antica, quello super-sexy convinto che ogni donna debba cascargli ai piedi a un suo schiocco di dita, quello che ti fa credere mari e monti e poi...

E. Benavent
Ma a prescindere dagli uomini che incontreranno, le quattro amiche dovranno soprattutto ricordarsi che la loro felicità viene prima di tutto e non sempre deve dipendere dall'uomo di turno, anzi, a volte, vale il detto "meglio sole che male accompagnate"!

Una commedia romantica e spumeggiante, che sa essere bella "calda" quando le nostre amiche sono nei "momenti di intimità", dallo stile brioso, che ci regala momenti di svago e tanti sorrisi.

Curiosa di leggere il secondo romanzo della serie, "Valeria allo specchio".
Nel prossimo post daremo un'occhiata alla trama ma intanto vi consiglio questo, è una lettura piacevolissima!






READING CHALLENGE
Obiettivo n.3 -
Un libro ambientato in un posto che vorresti visitare

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...