mercoledì 8 novembre 2017

Frammenti di letture



" Gelide, bellissime, eterne, terribilmente estranee, le stelle brillavano, miliardi di vasti mondi che trasmettevano la loro luce.
Forse la luce che ora cade sulle mie mani, pensava, si è irradiata da un angolo dell’universo migliaia di anni fa fino ad arrivare qui per illuminare una panchina solitaria in un parco deserto.
Con la stessa sublime e fredda indifferenza ora illumina il volto cereo della partoriente che gli è spirata tra le mani.
Risplendeva così anche al fronte, diffondendo i suoi raggi sui morti, sugli agonizzanti. E allo stesso modo illuminerà anche lui quando renderà l’anima, e milioni di altri dopo di lui, con la calcolata esattezza e la precisione di un meccanismo cui è stata data la carica.
Com’è assurdamente piccola, insignificante e breve la vita dell’uomo, a paragone di questa immensità, di questo infinito.
Ma chissà? Forse tutto ciò esiste solo perché l’occhio umano lo vede così. Per la donna nella camera mortuaria della clinica niente più esiste, né stelle, né luce, niente di niente.
Le eterne riflessioni sull’esistenza, lo spazio e il tempo, la vita e la morte gli vorticavano nella testa."

- LA FAMIGLIA KARNOWSKI, I. J. Singer -

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...