lunedì 4 marzo 2019

Libri in wishlist (marzo 2019)




Buongiorno, cari lettori!
Oggi vi presento due romanzi che sono finiti dritti dritti in wishlist,  a motivo del mio amore per le sorelle Brontë, e in questo caso per Charlotte e la sua Jane Eyre.
Il primo è una nuovissima uscita Beat Edizioni.


MISTER ROCHESTER
di Sarah Shoemaker


BEAT Ed.
416 pp
18 euro
Dal 28 febbraio 2019

Orfano di madre, Edward Fairfax Rochester trascorre i giorni della sua infanzia in compagnia di algide bambinaie e istitutrici. A Thornfield Hall, la cupa magione della sua famiglia, i sentimenti non hanno spazio. Le rare volte in cui si aggira tra le mura di casa, suo padre mostra il più totale disinteresse nei suoi confronti.
E le cose non vanno certo meglio con Rowland, il fratello di otto anni maggiore, irruento e intrattabile come pochi.
Nelle ore libere dallo studio, Edward si accontenta perciò di vagare, solitario, per i giardini e per i boschi di Thornfield Hall, convinto che la sua esistenza resterà immutata.
Al suo ottavo compleanno, invece, tutto cambia: per volontà del padre è costretto a lasciarsi alle spalle le attività infantili e a trasferirsi a Black Hill, nei pressi di Leeford, dov'è affidato alla tutela di Mr Hiram Lincoln.
Edward trascorre in tal modo la sua adolescenza esiliato da tutto ciò che ha sempre amato.
Diventato un giovane uomo, intraprende un viaggio che lo porta attraverso l'Inghilterra della classe operaia e la decadenza dell'Europa continentale fino alle calde e languide spiagge della lontana Giamaica, dove vivrà un'appassionata storia d'amore con l'affascinante, ma psicologicamente instabile, ereditiera Bertha Mason.
Anni dopo, tornato in Inghilterra con la moglie, sprofondata nel baratro della follia, Edward si considera ormai un uomo finito. Ma il suo destino deve ancora compiersi grazie all'incontro con una giovane istitutrice: Jane Eyre, che gli ruberà il cuore e gli insegnerà ad amare di nuovo.



Il secondo libro è legato sempre a Jane Eyre perchè è, in un certo senso, il prequel del celebre romanzo di Charlotte Brontë (1847), e descrive le circostanze e le dinamiche del primo matrimonio del signor Rochester (nome tuttavia mai citato nel romanzo di Rhys) dal punto di vista della sua prima moglie, l’ereditiera creola Antoinette Cosway.



Il grande mare dei Sargassi
di Jean Rhys



Adelphi Ed.
trad. A. Motta
208 pp
9 euro
Siamo in Giamaica, intorno al 1830, in un mondo dove «tutto era fulgore e tenebra». 
Da una parte le pratiche del voodoo e le storie degli zombi conosciute attraverso la servitù di colore, dall’altra la calma ferocia dei bianchi, l’intrico delle loro vendette e inganni – e tutto accolto in una natura che stordisce col suo splendore: così appaiono le cose alla piccola Antoinette, che già si sente avvolta in un destino avverso. 
Segue poi il suo matrimonio con un giovane inglese (Edward Rochester, appunto), che la sposa per interesse, comincerà a chiamarla Bertha e la porterà in Inghilterra: ne nasce una passione tristanica, dove «Desiderio, Odio, Vita, Morte erano terribilmente vicini nell’ombra». 
Finché un filtro d’amore filtrerà soltanto la sciagura, addensata da generazioni sul capo di Antoinette, facendo una sola rovina di quei termini che prima erano già pericolosamente accostati.


4 commenti:

  1. Il Beat mi ispira molto, adoro Jane Eyre!

    RispondiElimina
  2. Ciao Angela, curioso il primo romanzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, poi se piace il genere e il classico al quale si ispira... ;)

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...