domenica 15 maggio 2016

Frammenti di "I segreti della casa sul lago".



Gli scenari di Kate Morton sono sempre così affascinanti!
Ecco la descrizione della bella villa, purtroppo in stato di abbandono, che fa da sfondo alla storia fitta di segreti e misteri raccontata in "I segreti della casa sul lago".

Immagino l'antica e abbandonata casa come questa dell'immagine: elegante, con un bel giardino... ma anche inquietante ^^


fonte
(immagine presa dal web)


"Al centro di una radura inondata di sole c’era una casa. Una costruzione di mattoni con due frontoni gemelli, e la porta principale nascosta sotto un portico. Dal tetto di tegole si levavano diversi comignoli, e tre livelli di finestre piombate ammiccavano complici, baciate dal sole. Un rampicante dalle foglie verdi se ne stava avidamente aggrappato alla facciata e un nugolo di uccellini volava attraverso il traforo formato dai viticci, dentro e fuori, creando un effetto di movimento incessante.
Sadie si lasciò sfuggire un fischio sommesso. «Che cosa ci fa una signora villa come te in un posto del genere?». Aveva parlato piano, ma la sua voce suonò strana e fuori luogo: un’intrusione nella profonda esuberanza naturale del giardino.
S’incamminò lungo la sponda del lago, diretta verso l’edificio, quasi attirata da una forza magnetica. Là dentro non viveva nessuno. Era difficile da spiegare a parole, ma quella casa aveva… un’aura particolare. Sapeva che era disabitata, punto e basta.
(…) Quando raggiunse la finestra, notò un’incisione nel telaio di legno. Delle lettere, una A e forse una E, intagliate rozzamente e tinte dalla muffa verde scuro. Seguì con le dita i solchi profondi, domandandosi oziosamente chi li avesse fatti. Dalla fitta vegetazione sotto il davanzale vide sporgere un pezzo di ferro ritorto, e scostando i rami scoprì i resti arrugginiti di una panchina. Si voltò e diede un’occhiata a quella specie di giungla che aveva attraversato. Difficile immaginare che un tempo qualcuno si fosse seduto comodamente lì, a contemplare quello che doveva essere stato un giardino curato.
La sensazione strana di poco prima, quasi minacciosa, era tornata, ma Sadie l’allontanò.



fonte
(…) La stanza era buia, ma via via che i suoi occhi si abituavano alla luce fioca cominciò a distinguere alcuni oggetti: un grande pianoforte nell’angolo, accanto alla porta, al centro un divano con due poltrone di fronte, un camino sulla parete in fondo. Sadie provò la sensazione familiare e piacevole di scoperchiare la vita di qualcun altro, quasi fosse una scatola. (…)
La stanza sembrava congelata, il contenuto sospeso come se persino l’aria, il più implacabile degli elementi, fosse stato chiuso fuori: la sensazione era che là dentro si faticasse a respirare. E c’era dell’altro. Qualcosa che le suggerì che era tutto così da moltissimo tempo. All’inizio pensò fosse per colpa degli occhi affaticati, ma poi si rese conto che la patina opaca distesa su ogni cosa in realtà era polvere.
Adesso la vedeva distintamente sulla scrivania sotto la finestra, dove un raggio di sole metteva in luce lo spesso strato che rivestiva ogni oggetto: il calamaio, il paralume, la collezione di libri aperti sparsi qua e là. Ad attirare il suo sguardo fu un foglio in cima alla pigna; il bozzetto del viso di un bambino,un bel faccino dagli occhi grandi e seri e le labbra morbide con i capelli che scendevano ai lati delle piccole orecchie e lo facevano assomigliare (in realtà non era chiaro se si trattasse di un maschio o di una femmina) a un folletto dei boschi, più che a un essere umano. In alcuni punti il foglio era macchiato; l’inchiostro nero era sbavato, le linee decise diventavano indistinte, e in un angolo in basso c’era scritto qualcosa. Una firma, seguita da una data: 23 giugno 1933.
Un forte rumore e un rapido movimento alle sue spalle la fecero trasalire, tanto da sbattere la fronte contro il vetro. Due cani neri e ansimanti si fecero largo tra i rovi e presero ad annusarle i piedi."

6 commenti:

  1. Carissima, come stai?
    Io di Kate Morton ho letto "Il giardino dei segreti"e "Una lontana follia". Il primo mi ha tenuto incollata alle pagine, senza respiro. Il secondo mi ha entusiasmato un po' meno. Non ai livelli de "Il giardino dei segreti" ma, tutto sommato, una lettura piacevole! Aspetto allora la recensione di questo che stai leggendo così magari lo aggiungo in wish list!
    A presto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao claudia, sono felice di rileggerti, ben tornata!

      UNA LONTANA FOLLIA è stato il primo libro che ho letto della morton, cioè quello che mi ha fatta innamorare! IL GIARDINO DEI SEGRETI ancora nn lo leggo ma ho intenzione di recuperare perchè mi piace troppo quest'autrice!

      mi fa piacere tornare a commentare sul tuo blog!

      Elimina
  2. Molto bella la villa. Sarebbe un'ambientazione perfetta per un film dell'orrore.
    Di questa scrittrice non ho letto ancora nulla, dovrò recuperare.

    Ti invito a partecipare al mio Giveaway, in palio una copia cartacea di "Glass Magician" più l'ebook di "Paper Magician" (primo capitolo della saga) e il segnalibro del Café Littéraire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. wow grazie per l'invito! vengo :))

      Elimina
  3. Sono imperdonabile, conosco l'autrice per fama ma non ho letto nulla di suo. Magari inizierò proprio con il libro che hai citato. La casa, seppur immersa nel verde, ha qualcosa d'inquietante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un'autrice di cui non ho letto tutti i libri tradotti, ma quelli che ho letto mi hanno conquistata!

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...