giovedì 26 maggio 2016

Aspettando la miniserie tv tratta da IL NOME DELLA ROSA



Quanti di voi hanno letto e amato il bestseller del compianto Umberto Eco, "Il nome della rosa"?
Io sì, personalmente, e chissà quanti insieme a me; e mi piacque anche molto l'omonimo film con Sean Connery e Christian Slater del 1986, scritto e diretto da Jean-Jacques Annaud.

Ebbene, leggevo in web una news molto interessante: la Rai ne trarrà una miniserie tv; le riprese inizieranno tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017, saranno 10 puntate (ognuna lunga i canonici 50 minuti) e, come ha tenuto a precisare Eleonora Andreatta, direttore di Rai Fiction, Umberto Eco stesso vi aveva lavorato su e aveva letto i trattamenti delle puntate.
Non sono ancora trapelate indiscrezioni nè sul regista nè sul cast, che però sarà internazionale.

Qualche anno fa, in QUESTO POST avevamo dato una semplice e breve occhiata all'abbazia di Melk, luogo scelto dallo scrittore per il ritrovamento del manoscritto che sta alla base del romanzo.

Ma com'è nata l'idea di questo affascinante soggetto?

Tutto nacque nel 1978. Un amico editore gli disse di voler curare la pubblicazione di una serie di brevi romanzi gialli, e benchè Eco inizialmente non avesse alcun desiderio di scrivere un romanzo giallo - sostenendo che, se mai l'avesse fatto, sarebbe stato un libro di cinquecento pagine con protagonisti dei monaci medievali - nella sua mente venne a crearsi ben presto la suggestiva e inquietante immagine di un monaco avvelenato mentre stava leggendo in una biblioteca.
Eco stesso aveva alle spalle un'esperienza di partecipazione ad un corso di esercizi spirituali presso il monastero benedettino di Santa Scolastica (negli anni dell'adolescenza), esperienza che evidentemente lo portò a privilegiare questo tipo di ambientazione. 

Il periodo storico scelto - il medioevo - è semplicemente quello da lui preferito, e già oggetto di studi e approfondimenti nei saggi precedentemente scritti.
Ci mise un anno a pianificare i luoghi ed i personaggi della sua opera, come per prendere con essi familiarità.

Leggevo ancora qua e là che l'Autore ha ammesso di aver odiato questo suo mirabile (e primo) romanzo, giudicandolo il peggiore di tutti quelli da lui scritti.

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...