domenica 15 maggio 2016

Dietro le pagine di "La notte ha occhi curiosi"



Cosa e quali persone reali hanno ispirato Gin Phillips nello scrivere "The Well and the Mine" ("La notte ha occhi curiosi")?

.

La piccola Tess, una notte, è seduta sulla veranda dietro casa e vede una figura nel buio; subito dopo sente che qualcosa viene gettato in un pozzo, si scopre che è il cadavere di un neonato.  È il 1931, e bisogna ancora fare i conti con la grave crisi economica che ha colpito Carbon Hill, una cittadina mineraria dell’Alabama, così come tutta l’America. Anche a casa di Tess si lotta contro la povertà, ma lei non riesce a levarsi dalla testa quel tonfo nell’acqua: quasi un grido con cui il pozzo implorava il suo aiuto. Decide allora di scoprire chi sia la donna misteriosa. Insieme alla sorella, comincia a “indagare” nel vicinato, alimentando sospetti e scovando segreti.
 




Ciò che leggiamo spesso è frutto della fantasia dell'Autore ma altre volte quest'ultimo trae ispirazione da storie/situazioni/persone reali, di cui ha avuto conoscenza diretta o indiretta.

La rubrica "Dietro le pagine" prende nome e idea da una presente nel blog "Itching for books" e cercherà di rispondere (cercherò di darle una cadenza settimanale, sempre in base alle piccole ricerchine che riuscirò a fare) a questa curiosità: Cosa si nasconde dietro le pagine di un libro? Qual è stata la fonte di ispirazione?".


L'Autrice ha sempre ascoltato aneddoti sulla città mineraria di Carbon Hill, anche perchè nonni e bisnonni hanno vissuto lì e lavorato in miniera.

Il caso del bimbo nel pozzo è pura finzione, su questo non ha mai udito alcuna storia; di solito tutte le storie sentite erano risalenti al periodo della Grande Depressione, raccontate dai nonni; all'inizio Gin non aveva pensato di inserirle in un romanzo, in quanto le piacevano semplicemente come racconti in se stessi.
Anni dopo, ha iniziato a pensare alla possibilità di una storia ambientata in una comunità di minatori dei primi del 1900. Ha letto diversi libri di saggistica riguardanti scioperi di minatori e lotte nel nordest degli Stati Uniti, e ha pensato alla brutalità e al pericolo di chi tutti i giorni lavorava nelle miniere ... e di come i momenti di bellezza o di gioia in mezzo a tutta quella bruttezza fossero vissuti come momenti preziosi. 

Ha pensato a come quella costante minaccia di morte o di disastro in miniera o lo spettro della fame o della povertà o delle malattie avrebbe potuto affinare il punto di vista per una storia. 
Ha pensato a come gli uomini bianchi e neri si ritrovassero a lavorare fianco a fianco, e in che modo questa compagnia forzata inevitabilmente modificasse gli atteggiamenti razziali.

Alla fine si è ritrovata a pensare a una bambina seduta sulla veranda di casa, mentre guardava fuori nella notte.
Cosa avrebbe potuto vedere nel buio? Chi?
Man mano che la storia affiorava e si delineava, Gin ha cercato di dare un volto alla donna e a chiedersi per quale ragione ella poteva decidere di gettare il proprio bimbo nel pozzo.
Non ha dovuto fare alcuno sforzo invece per immaginarsi la famiglia Moore: Virgie ha qualcosa della nonna; Tess della prozia per la propensione al divertimento. Leta ha il pragmatismo della bisnonna, e Albert ha la fede del bisnonno e la chiara differenza tra giusto e sbagliato.

Anche se i Moore non sono il ritratto fedele della sua famiglia, essi sono costruiti con i pezzi delle loro controparti reali, resi concreti e allo stesso tempo romanzati. 
I legami tra Virgie e Tess sono ancora visibili nel rapporto che hanno tra loro i suoi nonni; le storie di famiglia hanno sempre fatto parte dei racconti di chi è cresciuto a Carbon Hill, con i suoi luoghi specifici, i suoi odori tipici, la polvere rossa che avvolgeva l'aria, l'odore di caffè al mattino..., tutte cose che non avrebbe mai potuto trovare in una biblioteca. Li ha trovati infatti nei ricordi.


info prese dal sito dell'autrice: http://ginphillips.com/

2 commenti:

  1. Il bimbo nel pozzo è una forzatura. Un lettore che si aspettasse di addentrarsi nei meandri di un giallo, ne rimarrebbe deluso.
    Mi è piaciuta la rappresentazione di una famiglia del Sud, per quanto idealizzata, in questo senso mi vien facile credere che gli spunti siano nati da persone appartenenti alla famiglia dell'autrice: il "brutto" c'è, ma viene rappresentato da personaggi esterni alla famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ritratto della famiglia del Sud è piaciuto anche a me; poi non nascondo che l'idea di partenza - il bimbo nel pozzo - aveva la sua attrattiva, anche se poi da esso non prende il via chissà quale gran mistero o rivelazione; ma evidentemnte l'Autrice non aveva alcuna intenzione di soffermarsi tanto su questo infanticidio, quanto su tutte le dinamiche che ne sarebbero venute fuori e dell'evoluzione di Tess in particolare.

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...