lunedì 16 maggio 2016

Curiosando tra le pagine di "I segreti della casa sul lago": Elinor Glyn



Come ho detto ieri, sto leggendo l'ultimo interessante romanzo di Kate Morton, "I segreti della casa sul lago"; la storia narrata - come spesso accade nei libri dell'Autrice - è alternata su due piani temporali separati da 70 anni, vale a dire il 1933 e il 2003, ambedue collocati in Cornovaglia.
La protagonista del primo filone temporale è la sedicenne Alice Edevane, aspirante scrittrice; di conseguenza i libri hanno una loro non irrilevante parte nella nostra storia, tanto che la Morton menziona alcuni autori realmente esistiti più o meno contemporanei alla protagonista.

In questi momenti ne vedremo soltanto uno di questi scrittori, purtroppo per mancanza di tempo :-(

Elinor Glyn, nata Elinor Sutherland, (1864 – 1943), è stata una scrittrice britannica che lavorò a lungo a Hollywood anche come produttrice e regista; ha lavorato anche come sceneggiatrice per il cinema muto sia per la MGM che per la Paramount Pictures.
Sin da ragazza Elinor fu un'accanita lettrice, interessata soprattutto alla storia francese e alla mitologia; col tempo, si appassionò anche al misticismo e al romanticismo. 
Tenne anche un diario personale;  viaggiò molto ed ebbe diversi ammiratori.

Nel romanzo è citata da un personaggio in modo dispregiativo, in quanto i suoi libri sono reputati non proprio adatto a signorine perbene. In effetti, diverse sue opere furono bandite; ad esempio il romanzo Three weeks a quei tempi (1907) creò non poco scandalo perchè raccontava di una regina dei Balcani che seduceva un giovane aristocratico inglese, fatto che si ispirò alla relazione della Glyn con Lord Alistair Innes Ker.
Il Preside di Eton lo ritenne immorale e il romanzo fu bandito ma proprio questo gran clamore contribuì al successo e alla fama di Elinor.

Elinor Glyn
A questa vivace donna dai capelli rossi e gli occhi verdi si deve quindi la creazione del romanzo rosa dai connotati erotici.
Negli anni Venti del Novecento è stata una vera e propria celebrità nell'ambito della cultura popolare, soprattutto nei paesi di area anglofona; influenzò anche la carriera di attori dell'epoca, passati poi nella leggenda, come Rodolfo Valentino. 

Grazie alla nonna che l'ha cresciuta, imparò le regole della rigida etichetta proprie della vita sociale delle classi aristocratiche inglesi; questo favorì Elinor nell'entrare nei circoli più esclusivi della società inglese. Non solo, ma le servì anche nella carriera a Hollywood, perchè fu considerata la più grande esperta in materia e venne così assunta dagli studios come consulente di stile e di buone maniere.

A lei si deve anche la coniazione del termine "it" nel romanzo "The Man and the Moment" [1923] che  indicava - nella traduzione italiana - quel certo non so che, vale a dire il sex appeal, o, come lei stessa disse: "a strange magnetism that attracts both sexes".


Fonti:

Wikipedia
http://www.spiritolibrario.com/elinor_glyn.asp
http://www.online-literature.com/elinor-glyn/



4 commenti:

  1. Adoro la Kate Morton e aspettavo questo libro da quando ho visto i cartelloni pubblicitari in Inghilterra! L'ho comprato ieri a Torino e non vedo l'ora d'iniziarlo! Interessantissimo articolo! Non conoscevo quest'autrice ad essere sincera ed è per questo che ho adorato questo post!
    -B

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh a me sta piacentdo molto!
      mi diverte fare questi post e cercare info su argomenti che non conoscevo ;)

      Elimina
  2. Ciao Angela, non conoscevo questa autrice, perciò ho letto con piacere il tuo post, imparando una cosa in più!

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...