lunedì 18 gennaio 2016

Recensione film: IL SAPORE DEL SUCCESSO di John Wells con Bradley Cooper



Giorni fa mi sono concessa un altro film che nelle sale cinematografiche è uscito nel novembre 2015, quindi relativamente di recente.

Se l'avete visto e vi va di dirmi cosa ne pensate, o se non l'avete visto e pensate possa interessarvi, mi farà piacere leggere i vostri commenti ^_-


IL SAPORE DEL SUCCESSO


Titolo originale:
BURNT


Regia: John Wells.
Cast: Bradley Cooper, Sienna Miller, Omar SyDaniel BruehlRiccardo ScamarcioAlicia VikanderSam KeeleyJamie DornanUma ThurmanEmma ThompsonLily JamesMatthew Rhys




Adam Jones (B. Cooper) è uno chef "a due stelle Michelin", ma ne vorrebbe tre.

Purtroppo Adam ha un bel caratterino ed in passato ha avuto più di un problema, a cominciare da quelli con la droga e l'alcool, per finire a debiti contratti con brutta gente.

Aveva tutto: era una celebrità tra i fornelli, apprezzatissimo per la sua arte di improvvisare nuovi sapori e nuove pietanze, sempre alla continua ricerca del brivido nella creazione di esplosioni di gusto. 
Ma ormai pare che i tempi di gloria appartengano al passato.

Eppure Adam non si è completamente arreso e neanche un milione di ostriche gli hanno tolto il sogno di prendersi la famosa terza stella Michelin.
E' tornato più convinto e combattivo che mai e vuol riprendersi la fama temporanemente perduta a Parigi aprendo un ristorante a Londra.

Ma per ripartire ha bisogno di una squadra degna del suo livello, ed è così che andrà a pescare e formare, uno alla volta, i membri di questa formidabile squadra vincente, a cominciare dal miglior maitre in circolazione, la sua vecchia conoscenza Tony (Daniel Bruehl), passando per vecchi amici e colleghi, come Max (R. Scamarcio) o Michel (Omar Sy), arrivando alla bella e bravissima chef Helene (S. Miller).

Ma ricominciare tutto daccapo non sarà affatto semplice, perchè le difficoltà esterne non mancheranno e soprattutto a mettere a rischio il successo della sua impresa, sarà lo stesso Adam, la cui ossessione per la terza stella e la morbosa ricerca della perfezione potrebbero fargli perdere di vista quelli che sono gli ingredienti necessari per essere uno chef con i fiocchi, capace di guidare un team eccellente e di attirare nel proprio ristorante clienti esigenti.

Adam è sicuramente un ottimo chef, creativo e perfezionista, che pretende il massimo da se stesso e da chi lavora con lui, il che lo rende un bel po' dispotico e indisponente, precisino fino all'estremo, spesso scontroso, isterico, tirannico sul posto di lavoro e nell'impartire ordini.

Forse ciò che gli manca è ritrovare l'amore per il cibo e per la cucina, la capacità di divertirsi e di godere del proprio lavoro, avendo attorno a sè dei colleghi che non sono solo quello, ma con i quali può sentirsi a casa, in famiglia, organizzando il lavoro in modo che tutti possano dare il meglio di sè.

Adam deve riconoscere i propri demoni e le proprie paure inconfessate per riprendersi il posto di numero uno, e per arrivare a questo forse sarà necessario rischiare di nuovo l'inferno e il fallimento.
Ma questa volta non lo affronterà da solo...

Un film con un cast di tutto rispetto, nel quale c'è anche l'attore di casa nostra, e benchè Scamarcio non abbia un grandissimo spazio, in quel che dice o fa io l'ho trovato assolutamente in sintonia e all'altezza delle star di Hollywood.

Il protagonista ha un che di folle e ossessivo e non può non far pensare agli scatti d'ira di Gordon Ramsey  e questo forse dà a Adam dei tratti un po' eccessivi, da caricatura; ma va bene così, fa parte del personaggio e probabilmente in quegli ambienti le cose vanno davvero in questo modo, con camerieri e cuochi in stile soldatini nei confronti del tirannico chef.

Ci sono tanti bei piatti, raffinati e particolari, che ti verrebbe voglia di assaggiare davvero, ma cosa sarebbe mai la cucina senza l'amore?
E infatti sarà l'amore - per il proprio lavoro e per Helene - a cambiare il burbero Adam e a dargli una vera e concreta seconda opportunità per ripartire alla grande.
Senza l'ossessione della terza stella, magari.

Una commedia romantica e gastronomica godibile, fatta bene, probabilmente senza troppe pretese ma che si lascia apprezzare, soprattutto se si è attratti dall'argomento cucina.



Per leggere le recensioni di altri film, cliccare sull'etichetta "Cinema".

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...