giovedì 29 giugno 2017

Recensione: IL BAMBINO BUGIARDO di S.K. Tremayne (RC2017)




Dopo l'appassionante LA GEMELLA SILENZIOSA, Tremayne torna con un altro thriller psicologico, e anche qui l'Autore si districa tra allucinazioni, disturbi psichiatrici, strani avvenimenti al limite del paranormale all'interno di un'antica ed enorme casa isolata nell'aspra Cornovaglia: una donna con un passato molto difficile da seppellire, un figliastro dal visetto angelico ma dalla condotta decisamente inquietante e la insistente "presenza" di una donna morta a turbare la serenità di tutti...



IL BAMBINO BUGIARDO 
di S.K. Tremayne



Ed. Garzanti
trad. C. Marseguerra
USCITA
20 APRILE 2017
Rachel Daly ha 30 anni e si è sposata da poco con un ricco avvocato londinese, David Kerthen, proprietario di una grandissima e vetusta dimora sita in Cornovaglia, su cui aleggiano numerose leggende, tutte legate alla dura vita (e alle tristi morti...) dei tanti dipendenti della famiglia che, nel corso delle generazioni, hanno lavorato nelle miniere dei Kerthen, la cui ricchezza, quindi, si è basata moltissimo sui sacrifici di poveri disgraziati che avevano bisogno di lavorare per campare.

Affascinata dalla bellezza di questa casa, dal rumore ritmico e costante delle onde del mare che fanno da sottofondo, nonchè dalle suggestive leggende e storie che ruotano attorno alla tenuta di Carnhallow, Rachel fatica a credere che essa ora sia anche casa sua. 
Proprio di una come lei che viene da zone povere e periferiche di Londra, e che per arrivare dov'è adesso ha dovuto sgomitare e superare traumi non indifferenti...
Vissuti dolorosi che non ha raccontato al marito David; per vergogna, perchè certe ferite non si rimarginano mai...., ma un giorno gli dirà tutto. Forse.

Ma ciò che conta è che la donna ha avuto il coraggio di gettarsi
alle spalle la sua vita tormentata grazie al matrimonio con David e al rapporto con il figlio di lui, Jamie, un bambino timido e silenzioso, segnato dalla tragedia della morte della madre, due anni prima.
Nina Kerthen infatti - la prima moglie di David - è rimasta vittima di un terribile incidente nelle miniere sotterranee su cui si erge Carnhallow e il suo corpo non è mai stato ritrovato. 

Rachel si affeziona immediatamente al piccolo come se fosse suo ma, dopo una fase iniziale normale e serena, il comportamento del bambino comincia a diventare molto strano e ossessionato nei confronti della madre defunta.
Il piccolo sembra avere la capacità di predire il futuro, di vedere immagini di cose che accadranno di lì a poco, e la stessa Rachel ne fa esperienza, per quanto sia restia, inizialmente, a credere a questa "capacità sovrannaturale" che, a detta dell'anziana suocera - Juliet, che da un po' ha cominciato a mostrare i segni di demenza senile e la cui memoria e lucidità la stanno pian piano abbandonando - è posseduta dai Kerthen: 

"...un dono spaventoso, un sesto senso o una specie di chiaroveggenza (...) Nel dialetto della Cornovaglia esiste un nome specifico per chi possiede un simile dono: tus-tanyow. Significa persone di fuoco, persone con la luce".

Sarà così anche per Jamie? Il bambino possiede questo "potere" di vedere le cose che avverranno?
David, al solo sentirne parlare, si infuria: Jamie è solo turbato e ancora sconvolto per la perdita della mamma, tutto il resto sono fandonie, storielle sciocche da raccontare ai bambini.

Eppure, ad aumentare il senso di inquietudine di Rachel, è una dichiarazione disperata del bambino, che durante una notte di tempesta, mentre i due sono soli in casa, le rivolge queste parole: 


"«La mamma mi parla durante il giorno (...) Vedo una cosa, una cosa nel futuro che è molto brutta. Molto brutta... (...) Rachel, tu non sarai qui a Natale. Non ci sarai più.»
Lui prende un altro respiro profondo, poi, scandendo bene le parole, quasi confessando il più atroce dei segreti, dice: «Tu morirai il giorno di Natale".»


Queste parole sconvolgono Rache, che comunque cerca di essere razionale e di dar retta al marito, che le dice di non fissarsi sulle stranezze del figlio, anzi di essere per lui una presenza positiva, che lo aiuti a ritrovare la normalità, e non una ancora più destabilizzante, che solleciti i suoi pensieri disturbati.

Ma i comportamenti irrequieti e folli di questo bambino, che insiste nel dire di "vedere" e "sentire" la madre, la quale gli dice che presto ritornerà da lui, cominciano a confondere anche Rachel, ad insinuarsi come un tarlo pericoloso nella sua mente, non priva di fragilità personali...

Terribili dubbi si fanno spazio e scavano nella sua mente: cosa è successo due anni prima nei pressi del pozzo della miniera? La madre di Jamie è davvero morta? Perché David si rifiuta di parlarne con lei? È possibile che il marito di cui è tanto innamorata le nasconda qualcosa? Forse è in qualche modo coinvolto nell'incidente della defunta consorte?
Ma poi... è stato davvero un incidente? E' possibile che si sia trattato di altro..., magari un suicidio o addirittura un omicidio?

I giorni, lunghi e silenziosi, passano e dicembre si avvicina; Rachel sa che deve scoprire la verità, e pure in fretta, perché ogni angolo della sua nuova casa nasconde un pericolo mortale, e lo stesso David comincia a guardarla con diffidenza e sospetto, come se fosse lei la pazza e la causa della follia del bambino.

E se fosse così? Se anche Rachel stesse sviluppando problemi psichici, allucinazioni visive e uditive?
La donna è spaventata non solo dal figliastro, che fa e dice cose terrificanti circa la presenza di Nina, ma anche dal fatto che lei stessa avverte che c'è una presenza oscura che si aggira nelle stanze fredde e solitarie dell'immensa villa, sente delle voci terrificanti e profumi lì dove invece non dovrebbe esserci nessuno.
Cosa le sta accadendo? Sta perdendo la testa anche lei, insieme a Jamie?
Rachel sa che questo è possibile, ahilei... E' il suo passato doloroso a ricordarglielo, un passato che ha generato in lei, nella sua testa, incubi, paure, lacerazioni che il tempo non ha guarito del tutto, e anche se lei è stata brava e coraggiosa ad andare avanti e a rifarsi una vita lontana dalla sua famiglia d'origine, gli spettri che l'hanno tormentata rischiano di riaffacciarsi e farle perdere quel barlume di lucidità cui lei deve strenuamente aggrapparsi per non farsi trascinare negli abissi della follia.
Restare sana di mente è l'unica cosa che può fare per aiutare Jamie a non impazzire e a non far passare lei per matta agli occhi di David, che è sempre più diverso dal marito premuroso di cui lei si è innamorata...
 

Tremayne, come dicevo nell'introduzione alla recensione, gioca, anche in questo secondo romanzo, nel presentarci una verità che non ha mai una sola faccia, dove un’aura di sospetto strisciante pervade il lettore non facendogli capire chi è il matto e chi è il sano, chi mente di proposito e chi dice la verità, o ancora chi mente perchè purtroppo la testa gioca brutti scherzi.

Come già nel precedente libro, anche qui il personaggio principale, che dà vita a tutto il perverso meccanismo della realtà che si mescola con l'immaginazione, è un bambino particolare, le cui parole enigmatiche e la cui condotta irrazionale e incomprensibile danno vita a una serie di eventi che man mano confondono le carte, così che il lettore si ritrova a chiedersi, pagina dopo pagina, dove stia il bandolo della matassa: Jamie è disturbato o è semplicemente bugiardo? Rachel si lascerà sopraffare dai disturbi mentali che la minacciano e che lei vorrebbe con tutte le sue forze contrastare? Che ruolo ha avuto David nella morte dell'ex moglie e cosa è disposto a fare pur di nascondere eventuali segreti che è meglio restino sepolti?
Ma Nina, poi, è morta davvero?

Insomma, Tremayne mette il dubbio ad ogni capitolo, tutti sembrano avere le proprie ragioni e al contempo la consapevolezza delle loro bugie ci insospettisce e non ci lascia intravedere la piega che via via prenderà la storia, a motivo dei piccoli colpi di scena e delle verità gradualmente rivelate.
La tensione emotiva c'è, favorita dall'ambientazione ricca di mistero, sinistra, dove c'è un silenzio tombale che viene interrotto da piccoli rumori inspiegabili e a malapena percettibili, che però mettono i brividi; la villa è in un luogo isolato, dove resti scollegato dal mondo se nevica, il che mette addosso al lettore la sensazione di pericolo inevitabile; inoltre, è un luogo in cui aleggiano leggende e storie agghiaccianti, dove la morte ha fatto capolino troppo spesso, dove i fantasmi delle tante persone decedute nelle infide e oscure miniere sembrano essere ancora lì.
La suspense è alimentata anche dal fatto che i capitoli sono denominati in base ai giorni che mancano al Natale, il che catalizza l'attenzione del lettore su quel giorno, in cui accadrà qualcosa di grave, che stravolgerà tutto e di certo risolverà ogni nodo. 
Ed infatti è così, solo che il colpo di scena finale l'ho trovato sinceramente un po' forzato, tirato per i capelli, basato su coincidenze che però a me hanno lasciato qualche perplessità...
Comunque, il finale di per sè mi soddisfa, anche se ci si arriva in un modo poco convincente...

Il bambino mi ha ricordato sia un po' il Danny  Torrance di "Shining" per questa presunta "luccicanza", sia Cole di "Il sesto senso" - "Vedo la gente morta" -, però è un personaggio intrigante, che fa anche tenerezza perchè, dietro i suoi deliri, si percepisce il dolore per la morte della mamma.
David passa dall'essere il marito troppo perfetto al marito con oscuri segreti che destano più di un sospetto; Rachel è quella più complessa, perchè di lei conosciamo il passato a piccole dosi e con qualche bugia in mezzo, quindi arriviamo a capirla totalmente solo verso la fine.

Nel complesso, devo dire che è un thriller che si lascia leggere con trasporto, perchè l'atmosfera è carica di tensione, suggestioni, misteri, quindi ci si fa coinvolgere da tutto il contesto e dal mix realtà-delirio, i cui confini sono sempre più labili e poco chiari.
Ricordo che anche de "La gemella silenziosa" era stato il finale l'elemento (l'unico) meno convincente, e anche qui è la stessa cosa; ma a parte questo, mi piace come scrive Tremayne, mi piacciono le storie che costruisce, la trepidazione che percepisco quando lo leggo, la voglia di scoprire cosa accadrà nel capitolo successivo e soprattutto come risolverà tutto il mega nodo ingarbugliato che ha prodotto.

Se vi piace il thriller psicologico, attraversato da una bella tensione narrativa, ve lo consiglio!!


READING CHALLENGE
Obiettivo n.19 - Un libro che parli di fragilità





4 commenti:

  1. Ciao Angela, ho questo romanzo in wl, perchè La gemella silenziosa mi era piaciuto molto! La tua recensione mi ha confermato che potrebbe essere un libro che potrebbe piacermi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si, non delude...! Poi magari qualche appunto da fare c'è ma direi che è un buon thriller ;-)

      Elimina
  2. Ottima recensione cara mi hai incuriosita molto credo che lo leggerò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. GRAZIE, rosaria, se lo leggerai, spero sia di tuo gradimento ;)

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...