mercoledì 2 agosto 2017

Frammenti di letture



Breve passaggio tratto dal noir "Anna con tutti" di Alioto-Repaci (Frilli Editore; la recensione è sul blog), in cui si parla dei nostri amati libri e di un aspetto del "rapporto" speciale che si crea tra il lettore e il "suo" libro:


"Quando si arriva alla fine di un libro, al lettore assiduo possono accadere fondamentalmente due cose: se la lettura è stata appassionante si prova una profonda sensazione di perdita, come se i personaggi tanto cari fossero nel nulla e la vita dovesse continuare malgrado la loro assenza. Nessun'altra lettura può colmare quel vuoto lasciato dall'ultima riga letta e dalla parola fine stampata in calce alla pagina.Se la storia, invece, non è stata abbastanza coinvolgente, nasce la speranza di trovarne un'altra degna di interesse e si va alla ricerca di un nuovo autore o di un genere diverso".



CHE NE PENSATE? 
SIETE D'ACCORDO CON QUESTE AFFERMAZIONI?

VI E' CAPITATO CHE UN DETERMINATO LIBRO FOSSE COSI' BELLO DA SENTIRNE LA MANCANZA DOPO AVERLO TERMINATO?

O CHE FOSSE TALMENTE "BRUTTO" DA DESIDERARE DI CERCARE IMMEDIATAMENTE UNA LETTURA DECISAMENTE MIGLIORE?

2 commenti:

  1. Ciao Angela, sono d'accordo con entrambe le affermazioni, capita anche a me di provare un profondo dispiacere quando arrivo all'ultima pagina di un libro che mi ha appassionata, mi consolo pensando che posso sempre rileggerlo in un secondo tempo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, ci sono libri con cui entriamo molto in empatia e lasciarli è quasi un trauma :-D

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...