venerdì 20 novembre 2015

Imparare leggendo (#5)



Sul blog, nel tempo, ho aperto diverse rubriche, a cadenza settimanale e non, che ad oggi non sempre condivido con voi in modo costante (per quanto ci pensi e vorrei).
Dico questo perchè non ho intenzione di aprire una nuova rubrica, ma pensavo di dare spazio - senza impegni troppo fiscali - a una cosetta che mi salta in mente spesso, quando, leggendo, mi ritrovo davanti a termini di cui non conosco il significato.

E siccome "la vecchia non voleva morire, perché diceva che aveva altre cose da imparare", e siccome la lingua italiana è ricca, tra le tante cose, di un sacco di vocaboli, ho pensato di condividere con voi quelle paroline o espressione di cui ignoravo il significato o l'etimologi o altre curiosità ad esse legate.


PAREIDOLIA

dal greco eidolon (“immagine”), con il prefisso para- (“simile a, presso, accanto”, ma che può indicare anche “deviazione, alterazione”).
Treccani: Processo psichico consistente nella elaborazione fantastica di percezioni reali incomplete, non spiegabile con sentimenti o processi associativi, che porta a immagini illusorie dotate di una nitidezza materiale (per es., l’illusione che si ha, guardando le nuvole, di vedervi montagne coperte di neve, battaglie, ecc.).
Detto più semplicemente: è la tendenza innata ad utilizzare schemi noti e già in nostro possesso per dare un senso a forme casuali ed indistinte. 
Esempi? Beh, ad esempio guardare le nuvole e pensare di vederci forme particolari, o il fatto stesso di chiamare degli oggetti con determinati nomi: pinza a pappagallo, coda di cavallo..



DERAPATA


Treccani: slittata, sbandata laterale; in partic.: 

a. In aviazione, spostamento laterale dell’aeromobile nel piano alare verso l’esterno di una traiettoria curvilinea, dovuto a virata non corretta o ad altra manovra in volo (contrario di scivolata).

b. Nell’automobilismo, spostamento delle ruote posteriori verso l’esterno, in curva, per diminuzione di aderenza, spec. su fondo bagnato; d. controllata, quella voluta e controllata dal pilota per prendere la curva più velocemente.

c. Nello sci, scivolata eseguita in direzione diversa da quella verso cui puntano gli sci (in genere lateralmente) nel discendere un pendio molto erto; anche, scivolata verso l’esterno in una curva, dovuta a movimento errato.

CONOSCEVATE QUESTE PAROLE? ^_-

2 commenti:

  1. Bella idea, cara Angela. Io non conoscevo queste due parole e non le avevo mai sentito. Ora conosco il loro significato e aspetto con curiosità le altre puntate di questa simpatica iniziativa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao aquila, leggendo si imparano tante cose, anche parole nuove!! ;))

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...