venerdì 17 gennaio 2014

"Ero la prigioniera A/5272..."



Un breve estratto del libro che ho in lettura "Sopravvissuta ad Auschwitz" di Eva Schloss.
Lo stupore addolorato, lo sconcerto e il senso di impotenza di una 15enne che comprende di essere ormai entrata in una fase della propria esistenza tra i più terribili.... Una fase riassunta in un  numero scritto su un braccio con ago e inchiostro.

"Mutti mi mise le braccia attorno alle spalle 
mentre un'altra kapò prendeva un ago
e una bottiglietta d'inchiostro per tatuarmi
il numero sul braccio sinistro.
- Non le faccia troppo male, 
è solo una bambina -,
disse Mutti, e la kapò mi fece il numero
un po' più chiaro che ad altre.
(...)
Ero la prigioniera A/5272
inserita in un processo volto a privarmi dell'orgoglio dell'identità.
Allontanandomi dalla stazione di Auschwitz,
mi ero lasciata alle spalle la piccola Eva Geiringer
e i suoi sogni.
Avevo trascorso gli ultimi momenti insieme alla mia famiglia
al completo e non avrei mai più rivisto mio fratello."

,

Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...