lunedì 20 gennaio 2014

IL DRAMMA DELL'OLOCAUSTO VISTO CON GLI OCCHI DI UN BAMBINO



dal libro al cinema

Buondì..!
Giornata uggiosa e un po'.... "addolorata", a causa di un antipatico mal di schiena...!

Cerchiamo di non pensarci scrivendo, che ne dite?

Libro - testimonianza portato al cinema:

ANNI D'INFANZIA. Un bambino nel lager
di Jona Oberski


Anni d'infanzia
Ed. Giuntina
120 pp
10 euro
Trad. A. Pandolfi
1989
Trama

«La sera la mamma mi domandò che cosa avevo fatto durante il giorno. Le raccontai che ero stato insieme ai ragazzi più grandi. Mi domandò se mi prendevano così senz'altro con loro e io le spiegai che ora sì, mi prendevano con loro, perché avevo superato al prova. Ero stato all'osservatorio. Lei mi domandò che cos'era, un osservatorio. Risposi che lo sapeva benissimo, che lì c'erano i cadaveri e che sapeva anche benissimo che mio padre era stato gettato sopra gli altri cadaveri e che non aveva neppure un lenzuolo e io avevo detto ai bambini che ne aveva sì uno, mentre avevo visto benissimo che non ne aveva. Mi misi a strillare che lei era matta a lasciare che lo buttassero così sugli altri cadaveri senza lenzuolo e che non mi aveva neppure raccontato che era stato portato via dalla baracca dell'infermeria e che io volevo andare almeno a salutarlo un'ultima volta e che lei era stata cattiva e che era colpa sua se era lì così nudo sopra i cadaveri».

Jona è un bambino di Amsterdam che nel 1940, a soli due anni, viene deportato con i genitori, nel campo di concentramento di Westerbork, passando poi a Bergen-Belsen.
,


Il 23 marzo del 1942, dopo 2 anni di prigionia vide morire il padre Max di stenti e denutrizione; a soli 40 anni, quando lui ne aveva quattro, e la madre quasi impazzisce per il dolore . Dopo altri 3 anni di campo di concentramento madre e figlio vengono fatti salire su un treno diretti al campo di sterminio di Auschwitz.

Per loro fortuna, un bombardiere russo, colpendo il vagone dei soldati, fa deragliare il treno che trasportava circa 500 ebrei. A causa del deragliamento furono dirottati verso un piccolo paesino di montagna, Tröbitz, dove Jona visse in una casa con la madre e una ragazza di 13 anni, Simona, che era stata con lui e la madre nel campo di concentramento.
Da Tröbitz Jona viene portato ad Amsterdam ed è accolto dalla famiglia Daniel...
,

L'autore.
Jona Oberski è nato ad Amsterdam nel 1938 e lavora attualmente in un istituto di fisica nucleare. In questa sua prima opera, già pubblicata in numerosi paesi, descrive la sua tragica esperienza di bambino ebreo deportato insieme i genitori in un campo di concentramento.

IL FILM

Jona che visse nella balena (1996) è un film di Roberto Faenza, con Juliet Aubrey e Jean-Hugues Anglade.
.

Ha ottenuto nel 1993 il premio David di Donatello per miglior regia, migliore musica e migliori costumi.
Nel 2007 è uscita una versione rimasterizzata dal titolo Look To The Sky.


COLONNA SONORA 
(E. Morricone)




Nessun commento:

Posta un commento

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...