mercoledì 2 settembre 2015

In lettura: SEI LA MIA VITA di Ferzan Ozpetek



Continua la mia lettura del classico EMMA di Jane Austen e sono in dirittura di arrivo con IRIDIUM.

Ieri sera però la testa mi diceva di non proseguire con queste letture, ma di cercare qualcos'altro da iniziare (la mia è una patologia di cui ancora non si sa molto; io stessa non saprei spiegarvela).

Dopo aver letto e gradito moltissimo il romanzo di Pupi Avati - IL RAGAZZO IN SOFFITTA - la scelta è caduta sul romanzo di un altro regista che mi piace molto, Ferzan Ozpetek.

SEI LA MIA VITA
di Ferzan Ozpetek


Ed. Mondadori
218 pp
17 euro
2015
Trama

Un'auto lascia Roma di primo mattino. Alla guida, c'è un affermato regista. Sul sedile accanto, l'uomo che da molti anni ama di un amore sconfinato. Dove stanno andando? 
Mentre la città si allontana e la strada comincia a inerpicarsi dentro e fuori dai boschi, il regista decide di narrare al compagno silenzioso il suo mondo "prima di lui": "La mia vita è la tua e ora te la racconterò, perché domani sarà solo nostra". 
Inizia così un viaggio avanti e indietro nel tempo: i primi anni in Italia, dove era giunto dalla Turchia non ancora diciottenne con il sogno di studiare e fare cinema, le persone che hanno lasciato il segno, gli amici, gli amori, le speranze, le delusioni, i successi.
Storie che conducono ad altre storie, popolate da figure indimenticabili e bizzarre: una trans egocentrica sul viale del tramonto, un principe cleptomane, un centralinista con il rimpianto della recitazione, una cassiera tradita dalle congiunzioni astrali, una bellissima ragazza dallo spirito inquieto. 
E poi, raffinati intellettuali, inguaribili romantiche, noti cinefili, amanti respinti e madri niente affatto banali. Sullo sfondo, il palazzo di via Ostiense dove tutto accade, crocevia di solitudini diverse, ma anche di intense amicizie e travolgenti passioni. 
Il palazzo che nel tempo si è trasformato, conservando però intatti i suoi più intimi segreti.

L'autore.
Ferzan Ozpetek, regista e sceneggiatore, è nato a Istanbul, ma dal 1976 vive a Roma. Nel 1997 esordisce con Il bagno turco (Hamam), cui seguono Harem Suaré, Le fate ignoranti, La finestra di fronte, Cuore sacro, Saturno contro, Un giorno perfetto, Mine vaganti, Magnifica presenza, Allacciate le cinture. Ha inoltre diretto Aida (2011) e Traviata (2012). Ha vinto i più importanti premi e riconoscimenti cinematografici e nel 2008 il MoMa di New York gli ha dedicato una retrospettiva. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo libro, il bestseller Rosso Istanbul.

Incipit per voi, per catturare la vostra attenzione su uno stile e una scrittura che, a mio avviso, rapiscono dal primo rigo.
«Sei la mia vita.» Così mi avevi scritto, ricordi? Avevo lasciato il cellulare in funzione silenziosa, accanto al letto. All’improvviso, lo schermo si era illuminato nel buio ed erano apparse quelle quattro parole. Semplici, essenziali, ma sconvolgenti.
Era notte fonda. Dovevano essere passate le due. Mi rigiravo nel letto con il cuore pesante, senza riuscire a prendere sonno. Avevamo litigato. Non so più nemmeno la ragione. È sempre così che succede. Sono le cose prive di importanza che possono spezzare i legami più profondi. Una mezza parola buttata lì senza pensarci, uno scatto di nervi, una sfumatura nel tono di voce, un’occhiata che credi non sia per te e che pare mettere in dubbio ciò che solo un attimo prima davi per certo.In quei momenti, sei attraversato da una tristezza così enorme che sembra essere la quintessenza di tutte le sofferenze sperimentate in
passato. Torni bambino e ti struggi dalla nostalgia. Vorresti essere tra le braccia di tua madre, sentire il suo calore, avvertire il tocco leggero delle sue mani, mentre ti accarezzano dolcemente. Vorresti essere di nuovo piccolo, per rifugiarti in quell’abbraccio, l’unico davvero capace di farti sentire al sicuro e immune a qualsiasi dolore del mondo.

5 commenti:

  1. Questo libro mi attira perché ho letto parecchi pareri positivi ma da una parte non mi convince perché la trama non mi 'ispira' al 100% -_-" magari aspetto la tua recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è molto di autobiografico!! ti farò sapere ;)))

      Elimina
  2. Questo libro mi attira perché ho letto parecchi pareri positivi ma da una parte non mi convince perché la trama non mi 'ispira' al 100% -_-" magari aspetto la tua recensione ;)

    RispondiElimina
  3. Bella scelta, cara Angela! Questo romanzo sembra un caleidoscopio di emozioni :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, vero, si prospetta proprio così!

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...