mercoledì 1 febbraio 2017

Bilancio di letture + Reading Challenge (Gennaio 2017)



Monthly Recap del mese di Gennaio ^_^

Partiamo dalla Reading Challenge.





  • Obiettivo n.17 - Un libro ambientato negli anni della prima o della seconda guerra mondialeL'ESTATE PRIMA DELLA GUERRA di Helen Simonson (RECENSIONE): con una scrittura ricca e particolareggiata e un piglio deliziosamente ironico, Helen Simonson tratteggia un vivido e vivace ritratto della società inglese di inizio Novecento, attraverso tanti e "coloriti" personaggi e la descrizione delicata e struggente di un'estate che non è come le altre perchè... è l'estate che ha preceduto il primo conflitto mondiale.
  • Obiettivo n.18 - Un libro di un autore morto suicida: Primo Levi - SE QUESTO E' UN UOMO (RECENSIONE): Se questo è un uomo, a mio modestissimo avviso, fa parte di quei libri che vanno letti, perchè leggerlo vuol dire fare in modo che la voce di queste persone, miracolosamente sopravvissute alla devastante esperienza dei campi di concentramento, continui a rimbombare nelle orecchie di tutti noi e delle generazioni future, affinchè il ricordo di quello che è stato non vada mai dimenticato.
  • Obiettivo n.8 - Un libro che contenga al suo interno un chiaro riferimento ad un altro libroIL GIARDINO DEI FINZI-CONTINI di Giorgio Bassani (RECENSIONE): un amore giovanile struggente e devoto custodito nel cuore di un giovanotto dal carattere particolare, tendente alla solitudine, tratto che i tristi anni in cui è vissuto hanno contribuito ad accentuare; sullo sfondo la bella città di Ferrara e in sottofondola voce nostalgica di chi è consapevole di parlare di fatti e persone che oramai non solo appartengono al passato. Diversi sono i libri citati nel romanzo,  ma il riferimento preferito è circa un piccolo libro che ho letto e recensito, BARTLEBY LO SCRIVANO di Melville.
  • Obiettivo n. 34 Un libro che parli di cucina - LADRA DI CIOCCOLATO di Laura Florand (RECENSIONE): una storia d'amore romantica, sullo sfondo di una Parigi molto chic e suggestiva, arricchita dai sapori speziati e dalla sensualità nascosta in un cioccolatino.



Ed ora passiamo agli altri libri letti e recensiti non rientranti nella RC.


  • IL GATTOPARDO di Giuseppe Tomasi di Lampedusa (RECENSIONE): il nostalgico ritratto di un nobile e burbero dongiovanni che si trova a vivere a cavallo tra l’antico che ancora vuol persistere e il moderno che intanto avanza prepotente; un principe fiero del proprio “sangue blu” che si ritrova spettatore del passaggio dalla monarchia borbonica a quella sabauda e, con esso, del decadimento del proprio casato e, ancor più, di un tipo di società arcaico e similfeudale che, nella “nuova Italia”, sembra non poter trovare alcuna collocazione.
  • "NONNO LUIGI. Poesia e prosa di un pregiato sanseverese" di Attilio de Renzis (a cura di): una raccolta di poesie, preghiere e pensieri appartenenti ad un uomo che ho conosciuto; questa persona si chiamava Luigi e l'ho conosciuta negli ultimi anni della sua vita. Di lui ho un bel ricordo, il ricordo di un signore pieno di fede e di riconoscenza verso Dio.
  • LA TELA RUSSA di Sonia Perin (RECENSIONE): un romanzo poliziesco/di spionaggio ad alta tensione, avvincente, ambientato nei nostri giorni e molto attuale, ed è il primo capitolo di una serie che vedrà come protagonisti l'ex-agente della Cia Asia Colmar e il ricercatissimo terrorista Simon Fjòdor.
  • IL RUBINO INTENSO DEI SEGRETI di V. Picchiarelli (RECENSIONE). In mezzo alle suggestive colline umbre e tra i filari di vigneti stillanti profumi e sapori inconfondibili e inebrianti, si svolge la storia di una famiglia dedita da generazioni alla produzione di vini di qualità, che dietro la facciata di rispettabilità e austerità, cela al suo interno segreti, bugie, tradimenti, amori soffocati e tormentati, invidie e gelosie.
  • NESSUNO COME NOI di Bianchini (RECENSIONE). Tre amici inseparabili e un po' particolari, cui si aggiunge una new entry che sconvolge tutti gli equilibri; un anno scolastico turbolento, durante il quale i nostri amici avranno modo di crescere e conoscere meglio se stessi. Tutto sullo sfondo dei mitici Anni '80.


Se dovessi eleggere la lettura più bella, sicuramente direi SE QUESTO E' UN UOMO di Primo Levi. La testimonianza di un sopravvissuto al Lager che va assolutamente letta.


Attualmente in lettura:

I SIGNORI DELLA CENERE di Tersite Rossi
UNA MASCHERA SU CUORE di S. Busto
LA FABBRICA DI FARFALLE di Fabbrizzi



E VOI? COME SONO STATE LE VOSTRE LETTURE DI GENNAIO?
QUALE LIBRO VI HA COLPITO MAGGIORMENTE?

2 commenti:

  1. Quante belle letture! In comune con te ho L'estate prima della guerra che però non mi ha entusiasmato e Il giardino dei Finzi Contini, un libro che non avevo ancora letto e che mi ha particolarmente colpito, sia per lo stile di scrittura che per la storia che ruota attorno a questa famiglia. Il mio libro di gennaio è stato Gilead di Marilynne Robinson, uno stile particolare, profondo e poetico. Primo di una trilogia che vorrei completare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ida, grazie per il tuo commento :-)
      Non conosco qst trilogia, devo cercarla,quindi grazie x lo spunto 😘

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...