giovedì 3 gennaio 2019

Recensione: IN EQUILIBRIO SUI BORDI DELL'ANIMA di Silvia De Lorenzis



Una raccolta di pensieri e riflessioni in cui l'Autrice dona ai suoi lettori frammenti di sè, del proprio cuore, della propria vita, raccontandoci, attraverso parole sentite e con un tratto delicato, il proprio mondo interiore, le speranze, i timori, gli affetti che arricchiscono la sua vita.


IN EQUILIBRIO SUI BORDI DELL'ANIMA
di Silvia De Lorenzis




Kimerik Ed.
100 pp
13.60 euro
Questo piccolo libro edito da Casa Editrice Kimerik e scritto da Silvia De Lorenzis è un vero e proprio viaggio nell'anima dell'Autrice, che tra queste pagine conduce il lettore nel percorso, impegnativo ma necessario, da lei intrapreso e grazie al quale ha imparato, giorno dopo giorno, a guardare la vita con occhi diversi, sempre nuovi, arricchiti delle esperienze fatte - belle e brutte -, delle persone incontrate e che fanno parte del suo mondo.

Silvia ci racconta come ha imparato a riconoscere i propri blocchi emotivi per poterli di volta in volta superare: le insicurezze, la convinzione di non essere all'altezza, di non riuscire a realizzare i propri sogni, la paura di fidarsi del prossimo, di lasciarsi andare all'amore, guardare gli altri senza avere pregiudizi...: sono tante le trappole emotive che il vivere quotidiano ha in serbo per noi..., ma altrettante sono le opportunità di crescita, di miglioramento personale!

Dobbiamo imparare a osservare ciò che ci circonda con gli occhi del cuore, perché solo attraverso uno sguardo profondo saremo in grado di guardare oltre le apparenze e (ri)scoprire l’essenza di ogni cosa, persone comprese. 

"Ho cercato a lungo l'equilibrio sui bordi della mia anima, ma poi ho deciso di scivolare sulla vita per iniziare a viverla davvero. Per non cadere nel vuoto devo continuare a muovermi, accettando che tutto fluisca liberamente e si trasformi. E quando il vento del cambiamento soffierà forte, non chiuderò la porta dl cuore, ma mi trasformerò in un mulino a vento".

Non è facile e non viene automatico scavare dentro se stessi: è qualcosa che richiede coraggio.
Il coraggio di trovarsi faccia a faccia con le proprie mancanze, con quei difetti che forse gli altri ci rinfacciano, facendoci soffrire, con quelle paure che siamo restii ad affrontare per il terrore di fallire nel non riuscire a superarle; ma se non troviamo in noi stessi il coraggio di iniziare questo viaggio interiore, ci toglieremo la possibilità di conoscerci davvero, di apprezzare e fra fruttare il buono che è in noi.

Il primo passo verso ogni cambiamento ed apertura è ascoltarsi ed accettarsi, e soprattutto ad amarsi. 

Abbiamo il dovere (oltre che il diritto) verso noi stessi di rendere prezioso ogni giorno che viviamo, di esserne protagonisti e artisti:

"Voglio essere l'artista della mia vita, (...)pittore dei miei giorni,autore dei miei sogni,scultore dei miei anni.Voglio scrivere la mia storia, (...)Voglio (...) imparare dai miei errori,(...) essere protagonista della mia vita".


Avrete capito come non siamo in presenza di un racconto o di un romanzo nel senso canonico del termine; eppure anche qui, simbolicamente, è presente il racconto, anche se si tratta di quello interiore, relativo a se stessi; il libro è diviso in due parti, uno è dedicato al "viaggio dentro se stessa", in cui l'Autrice si concentra sul proprio vissuto interiore ed emozionale, l'altro è dedicato ai suoi "compagni di viaggio", e quindi alle persone a lei vicine, che le danno quell'Amore che le permette di essere la persona che è.

E' una lettura scorrevole non solo per la sua brevità ma anche per il tema trattato - molto intimistico e sicuramente vicino a chiunque di noi lettori, che possiamo ritrovarci in tante considerazioni, stati d'animo, propositi... - e per lo stile di scrittura, delicato, pieno di sensibilità, che denota una grande capacità introspettiva da parte di chi scrive, che ci svela i pensieri più nascosti del cuore, perchè parlare di emozioni e sentimenti non è da deboli, tutt'altro, è qualcosa che caratterizza chi non ha paura di vivere ma decide di mostrarsi con autenticità, senza sotterfugi, senza maschere.

Ringrazio la C.E. Kimerik per avermi fatto dono di questa copia, che consiglio a quanti hanno voglia di rispecchiarsi negli spunti offerti dall'Autrice, che portano alla riflessione su noi stessi, su chi siamo e vogliamo essere, su cosa è importante per noi e ci fa felice o, al contrario, ci frena, sull'importanza di essere ottimisti, propositivi, di ricercare una vita unica, preziosa, abbondante.

2 commenti:

  1. Ti ho nominato nel mio nuovo post. Sei una gran bella scoperta che va segnalata! Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...