mercoledì 3 febbraio 2016

Romantic Readings. Leggere è d'amore!



San Valentino si avvicina!
Avete voglia di una storia romantica da leggere?

Ecco qualche spunto!
Ma conto di darvene altri nei prossimi giorni :)


LE CONFESSIONI DEL CUORE
di Colleen Hoover

Leggereditore
trad. L. Liucci
280 pp
14.90 euro
Gennaio 2016
 Trama

A soli vent'anni, Auburn Reed ha già dovuto dire troppi addii ed è convinta di aver perduto tutto ciò che conta nella vita. 
Mentre cerca di ricostruire un destino che sembra sfuggirle tra le mani, decide che non potrà permettersi di cedere a errori e debolezze, tantomeno in amore. 
Quando mette piede nello studio d'arte di Owen Gentry, qualcosa d'inatteso scombussola i suoi piani: Auburn viene travolta da un'attrazione profonda che non avrebbe mai immaginato di provare. 
Forse, la vita le sta regalando la possibilità di lasciarsi andare e ascoltare il cuore, e per la prima volta lei decide di correre il rischio, assecondando i propri sentimenti. 
Ma Owen, affascinante ed enigmatico, sta nascondendo qualcosa. 
Ci sono segreti sepolti nel suo passato, segreti che è meglio non escano allo scoperto. 
Nonostante l'uomo sappia che l'unico modo per non perdere Auburn sia condividere con lei ogni aspetto della sua vita, è consapevole che la verità, come l'arte, si presta a interpretazioni contrastanti, e una confessione, talvolta, può ferire più di una bugia...




IL GIARDINO DELLE ROSE
di  Susanna Kearsley


Leggereditore
trad. C. Chioppa
377 pp
14.90 euro
Dal 2 febbraio 2016
Trama

Dopo la morte della sorella Katrina, Eva, giovane stella del cinema, decide di abbandonare la California per fare ritorno in Cornovaglia, nella casa della loro infanzia e delle estati spensierate. 
Nonostante gli anni trascorsi oltreoceano, Eva sa che il legame che la vincola a quei luoghi è indissolubile. 
Ma in quella casa aleggiano anche i fantasmi del suo passato... e non solo.
 Tra le antiche mura Eva avverte delle presenze, gli spiriti di coloro che vi hanno vissuto prima della sua famiglia, fin dal XVIII secolo.
È un dono inaspettato, che le permette di scivolare tra le pieghe del tempo e incontrare uomini e donne di altre epoche, per scoprire esistenze lontanissime dalla sua. 
Esistenze come quella di Daniel Butler, un uomo affascinante e gentile morto molto prima che lei nascesse. In un turbinio di emozioni che mai avrebbe pensato di provare, Eva metterà in discussione il suo posto nel presente: dovrà scegliere tra la vita come lei la conosce e un passato lontano e ignoto, dal quale però si sente irresistibilmente attratta.

CONCERTO DI UNA SERA D'ESTATE SENZA POETA
di Klaus Modick

Ed. Neri Pozza
trad. R. Cravero
16 euro
Novembre 2015
Trama

All’inizio del secolo scorso a Worpswede, nel nord della Germania, si erge una dimora circondata di rose e betulle: Barkenhoff, la casa delle betulle. 
Tutto è stato elaborato o modellato dal suo creatore: Heinrich Vogeler, il «principe azzurro di Worpswede», il re dello Jugendstil, lo stile nuovo che ha elevato ad arte l’ornamento.
Barkenhoff ha attratto presso di sé i maggiori artisti e letterati dell’epoca. 
Tra tutti, il poeta Rainer Maria Rilke, il giovane bohémien che ha dato del filo da torcere a tutti a Worpswede, andandosene in giro con la camicia fuori dai pantaloni e declamando versi nella sua stanza, mentre picchiava sull’assito i suoi stivali rossi a ritmo indolente e irregolare.
Invitato per l’Esposizione d’arte della Germania nordoccidentale, Vogeler è in partenza per Berlino, dove gli consegneranno la Gran medaglia d’oro per l’arte e la scienza per il suo Concerto, un quadro celebrato da un esperto come un inno sonoro alla pace della sera, un momento di festa, di gioia di vivere meditativa.
L’esperto non sa che l’opera rappresenta per Vogeler l’esatto opposto: una tragica assenza e un fallimento. La tragica assenza è quella di Rilke e che sancisce la fine del sodalizio tra un artista e un poeta che non si limitava a poetare.
Il fallimento è quello dell’intera famiglia del Barkenhoff, la comunità di artisti andata in pezzi quando le dolci parole del poeta, per il quale le donne erano amanti o, nella migliore delle ipotesi, muse, sono improvvisamente apparse solo come vuote ideologie, prediche di un ciarlatano.


L'UFFICIALE DEL MATRIMONI
di Anthony Capella


Ed. Neri Pozza
trad. M. Togliani
18 euro
Novembre 2015
Trama

Nel 1943 il capitano James Gould, del Field Security Service, il servizio di spionaggio britannico, arriva a Napoli a bordo di un grosso camion per svolgere il suo compito di «ufficiale dei matrimoni», di soldato, cioè, incaricato di verificare che le «fidanzate» dei suoi commilitoni desiderose di trasformarsi in «mogli» siano «idonee» e di «buon carattere», vale a dire che non siano prostitute.
Gould è un giovanissimo capitano di scarsa esperienza appena lasciato dalla fidanzata.
Un giorno il capitano viene raggiunto dalla telefonata di un suo pari italiano che gli annuncia che dalle parti di Boscotrecase, un paese situato nella campagna attorno alla città, è stato avvistato un carro armato tedesco. 
James Gould, ufficiale dei matrimoni dell’esercito di Re Giorgio, accorre per imbattersi nella più strabiliante delle scoperte: il carro armato è guidato da un’affascinante giovane donna dai lunghi capelli neri, intenzionata a trasformarlo nel trattore che le è stato trafugato dalle truppe d’occupazione.
La ragazza si chiama Livia Pertini, è una vedova di guerra ed è talmente nota nel circondario per la sua avvenenza e le sue capacità culinarie – la trattoria dei Pertini è rinomata persino in città – da attrarre le malsane mire di Alberto Spenza, ex venditore di nastri arricchitosi col mercato nero.

4 commenti:

  1. Oh Angela! Adoro questi consigli e tra l'altro "L'ufficiale dei matrimoni" mi attende per cui credo proprio di iniziarlo la prossima settimana per fare una lettura in tema col periodo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao!! oh bene, allora verrò a leggere la tua opinione!!

      Elimina
  2. I primi due li voglio assolutamente leggere! :D Io non riesco proprio a vivere senza il romance e il fantasy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh ti capisco. o meglio, io e il fantasy non siamo indispensabili l'una all'altro, ma il romance...: tra le mie letture non manca mai! ;)

      ciao!!

      Elimina

Un buon libro lascia al lettore l'impressione di leggere qualcosa della propria esperienza personale. O. Lagercrantz

Si è verificato un errore nel gadget

Adsense

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...